Home » Cinema » Horror & Thriller » [recensione da Sitges 49] The Eyes of My Mother di Nicolas Pesce

6/10 su 153 voti. Titolo originale: The Eyes of My Mother, uscita: 02-12-2016. Regista: Nicolas Pesce.

[recensione da Sitges 49] The Eyes of My Mother di Nicolas Pesce

09/10/2016 di Alessandro Gamma

Il regista esordisce con un'opera in bianco e nero disturbante, capace di colpire gli spettatori con alcune delle sequenze più raggelanti mai viste sullo schermo

“Mai andare nella stalla,” avverte solennemente una donna il suo bambino a un certo punto del film. E’ una frase apparentemente estrapolata da una fiaba, e per tutto il suo intreccio molto adulto di sadismo e sensualità, The Eyes of My Mother mantiene una visione fanciullesca del pericolo mentre la protagonista diventa maggiorenne. La visione gotica del regista Nicolas Pesce evoca d’impronta La morte corre sul fiume di Charles Laughton. Nelle prime scene, intanto, la protagonista Francisca viene presentata nella sua forma adolescenziale con le fattezze della giovanissima Olivia Bond, che ricorda la Ana Torrent di Lo spirito dell’alveare; entrambi i film sondano la fascinazione dei bambini verso il mostruoso, anche se “Eyes” letteralizza il terrore nella stalla con molta più enfasi rispetto al classico del 1973 di Victor Erice.

Pesce utilizza un trucco strutturale che rimane vago all’inizio del film, aprendolo con un frammento isolato da un punto di gran lunga più avanti nell’azione – anche se il flash-forward funziona in modo efficace come ulteriore sfocatura di un racconto sospeso nel tempo e nell’identità. Sebbene l’opera sia divisa nettamente in tre capitoli – cripticamente intitolati “Mother”, “Father” e “Family” – essa è frapposta a un prologo fuori sincrono e disorienta con salti cronologici che non solo avvengono tra uno e l’altro capitolo, ma anche all’interno di ciascuno di essi, lasciando gli spettatori ad assemblare quello che è avvenuto nei passaggi non visti. La sceneggiatura scarna di Pesce non cerca di oscurare nulla, ma il suo modo tranquillo e ‘necessario’ di gestire alcuni drastici eventi drammatici potrebbe prendere qualcuno alla sprovvista.

the-eyes-of-my-mother-locandinaFrancisca è introdotta come una ragazzina naif con gli occhioni sgranati, in balia della madre portoghese (Diana Agostini), mentre le viene insegnata la leggenda di San Francesco d’Assisi – assorbendo un messaggio di dolce bontà verso tutte le creature che viene piuttosto bruscamente violato allorché la donna poco dopo, e con notevole sangue freddo, mostra alla figlia come sezionare un occhio di mucca sul tavolo della cucina (citazione palese di Un chien andalou). Veniamo a sapere, in quello che si rivela essere un dettaglio saliente, che la madre di Francisca era un chirurgo nella sua terra d’origine prima di dedicarsi alla vita agreste del Midwest degli Stati Uniti. Questa impressione già stranamente contaminata di infanzia bucolica prende una svolta significativa verso il peggio quando un allucinato sconosciuto (Will Brill) si palesa alla fattoria e, senza troppe cerimonie, compie un atto vizioso di violenza davanti all’impressionabile ragazzina.

E’ meglio non addentrarsi troppo nella conseguente escalation di torture e traumi – apparentemente derivante da questo incidente, oppure forse incorporati più profondamente nella storia personale della protagonista – per evitare spoiler, ma molto di quello che si vede è quanto di più disturbante visto su un grande schermo negli ultimi anni. Tuttavia, è giusto dire che Francisca cresce fino a diventare una giovane donna (l’attrice esordiente portoghese Kika Magalhaes), che possiede un’ingenua curiosità per tutto quello che riguarda il corpo e il desiderio pansessuale e una venatura brutale che corrompe la sua innocenza esteriore. Pesce si avventura negli sconvolgenti estremi della violazione e della sofferenza umana, pur mantenendo sempre presente un discorso psicologico abbastanza complesso, anche nei momenti più raggelanti del film, per respingere del tutto le accuse di exploitation o di torture porn. Portata in scena con una grazia sofferta dalla Magalhaes (che è una ex ballerina, fatto che le consente di impregnare il ruolo con una fisicità non comune), Francisca rimane perversamente simpatica, anche quando compie azioni tanto agghiacciantemente imperscrutabili.

In un film che spesso pone l’accento su ciò che si trova appena fuori dalla nostra sfera di conoscenza o dal campo visivo, Pesce con il suo stile rende sicuramente degna di essere vista ogni immagine che viene presentata sullo schermo. Taluni singoli fotogrammi, quali i cadaveri immersi in una vasca da bagno dall’acqua lattea o le impronte insanguinate spalmate sulla porta del frigorifero, si librano su un territorio da sogno (o da incubo) e si adagiano su un reame molto oltre la visione. Più che una mossa estetica ‘artistoide’, i contrasti profondi del bianco e nero, scelto per le riprese, servono a sospendere la narrazione di Pesce in una realtà che non sembra mai completamente definita.

A lavorare per lo stesso obiettivo sono poi le scenografie di Sam Hensen e una colonna sonora costruita su radicali inversioni soniche: i synth vivaci e i rumori del vento della partitura elettro-aliena di Ariel Loh spaziano disarmanti tra una selezione di lussureggianti ballate di fado portoghese, portando gli spettatori dentro e fuori la prospettiva distorta della nostra anti-eroina sull’orrore che si staglia di fronte a lei.

Di seguito il trailer originale di The Eyes of my mother:

Kika Magalhaes
Diana Agostini
Will Brill
Olivia Bond
Joey Curtis-Green
Flora Diaz
Paul Nazak
Clara Wong
We Have Always Lived in the Castle film Alexandra Daddario e Taissa Farmiga
Horror & Thriller

We Have Always Lived in the Castle | La recensione del film con Alexandra Daddario e Taissa Farmiga

di Sabrina Crivelli

C'è anche Sebastian Stan nell'adattamento cinematografico del romanzo di Shirley Jackson, un dramma claustrofobico in cui il vero orrore risiede nel passato e nella psiche

Leggi
Horror & Thriller

The Nightingale: trailer per il rape & revenge in costume di Jennifer Kent

di Redazione Il Cineocchio

Dopo il passaggio al Festival di Venezia, il secondo film della regista australiana è finalmente pronto ad arrivare nelle sale

Leggi
Randall Archer e Erin Way in The Collection (2012)
Horror & Thriller

The Collected: poster per il terzo film della saga slasher del ‘Collezionista’

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 7 anni di silenzio, il protagonista Josh Stewart conferma l'arrivo dell'atteso sequel, scritto e diretto ancora una volta da Marcus Dunstan

Leggi
jinn serie netflix
Horror & Thriller

Jinn: full trailer per la serie Netflix ispirata al folklore arabo

di Redazione Il Cineocchio

C'è il giovane regista libanese Mir-Jean Bou Chaaya dietro alla prima produzione originale mediorientale

Leggi
Horror & Thriller

C’era una volta a Hollywood: full trailer metacinematografico e data di uscita in Italia

di Redazione Il Cineocchio

Leonardo DiCaprio, Brad Pitt e Margot Robbie sono tra i protagonisti del crime thriller di Quentin Tarantino, che ricostruisce gli ultimi momenti dell'età dell'oro della Los Angeles di fine anni '60, con l'ombra di Charles Manson sullo sfondo

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di True Fiction, un esperimento usa il terrore come fonte per un romanzo horror

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Braden Croft torna sulle scene con un horror thriller che capovolge le dinamiche di Misery non deve morire

Leggi
Horror & Thriller

Recensione story | Cannibal Love – Mangiata Viva di Claire Denis

di Sabrina Crivelli

Ripercorriamo lo scioccante film del 2001 della regista francese con protagonista Vincent Gallo, in cui sesso e cannibalismo si compenetrano indissolubilmente

Leggi
Vincent Price il grande inquisitore
Horror & Thriller

John Hillcoat: “Dirigo il remake di Il Grande Inquisitore, Nicolas W. Refn produce”

di Redazione Il Cineocchio

Dopo quattro anni di silenzio, riparte di slancio il progetto che porterà al cinema un nuovo adattamento del controverso romanzo di Ronald Bassett già trasposto da Michael Reeves nel 1968

Leggi
brightburn l'angelo del male film
Horror & Thriller

13 cose da sapere su L’Angelo del Male – Brightburn di David Yarovesky

di Redazione Il Cineocchio

Curiosità e aneddoti sulla lavorazione dell'horror coi supereroi prodotto da James Gunn e interpretato da Elizabeth Banks

Leggi
L'Angelo del Male - Brightburn film
Horror & Thriller

L’Angelo del Male – Brightburn | La recensione del mash-up tra horror e cinecomic

di Sabrina Crivelli

Ci sono David Yarovesky alla regia e James Gunn in produzione dietro al film che mescola splatter e superpoteri pescando a piene mani da Il presagio e da Superman, ma il risultato soddisfa meno di quanto si vorrebbe

Leggi
climax Gaspar Noé film
Horror & Thriller

Poster e trailer italiani per Climax, thriller ‘in acido’ di Gaspar Noé

di Redazione Il Cineocchio

A un anno dalla presentazione in anteprima al Festival di Cannes, l'ultima fatica del controverso regista franco-argentino con Sofia Boutella arriva finalmente nei nostri cinema

Leggi
Désirée Giorgetti Sky Sharks (2)
Horror & Thriller

Intervista esclusiva | Désirée Giorgetti ci parla di Sky Sharks

di Alessandro Gamma

L'attrice italiana ci racconta la sua esperienza sul set del folle fanta-horror diretto da Mark Fehs, in cui ci sono anche Tony Todd, Cary-Hiroyuki Tagawa e Robert LaSardo

Leggi
nancy drew serie the cw Kennedy McMann
Horror & Thriller

Trailer per Nancy Drew, serie che rilancia in TV le indagini soprannaturali della giovane detective

di Redazione Il Cineocchio

Ha il volto dell'esordiente Kennedy McMann la protagonista delle nuove storie del personaggio creato dalla scrittrice Mildred Augustine Wirt Benson

Leggi
brightburn film 2019
Horror & Thriller

UPDATE | L’Angelo del Male – Brightburn censurato in Italia: le 2 scene tagliate

di Redazione Il Cineocchio

Nell'horror coi superpoteri prodotto da James Gunn e diretto da David Yarovesky manca circa 1 minuto di momenti splatter

Leggi
Wrong Turn 6 Last Resort (2014)
Horror & Thriller

Wrong Turn 7: trama ufficiale e protagonista del nuovo sequel

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 5 anni di pausa, la saga slasher riparte sotto la guida del regista Mike P. Nelson

Leggi
Rocketman

Rocketman

29-05-2019

Una vita violenta

Una vita violenta

25-05-2019

L'angelo del male - Brightburn

L'angelo del male - Brightburn

23-05-2019

RECENSIONE

Takara - La notte che ho nuotato

Takara - La notte che ho nuotato

23-05-2019

Polaroid

Polaroid

23-05-2019

RECENSIONE

Aladdin

Aladdin

22-05-2019

RECENSIONE

Alive in France

Alive in France

19-05-2019

Dolor y gloria

Dolor y gloria

17-05-2019

Mò vi mento - Lira di Achille

Mò vi mento - Lira di Achille

16-05-2019

Bangla

Bangla

16-05-2019

Unfriended: Dark Web

Unfriended: Dark Web

16-05-2019

RECENSIONE

Quando eravamo fratelli

Quando eravamo fratelli

16-05-2019

John Wick 3 – Parabellum

John Wick 3 – Parabellum

16-05-2019

RECENSIONE

Attenti a quelle due

Attenti a quelle due

16-05-2019