Home » Cinema » Horror & Thriller » Framed | La recensione del film horror di Marc Martínez Jordán

4/10 su 6 voti. Titolo originale: Framed , uscita: 10-11-2017. Regista: Marc Martínez.

Framed | La recensione del film horror di Marc Martínez Jordán

23/04/2018 recensione film di Sabrina Crivelli

Il regista spagnolo esplora gli estremi limiti del sottogenere della home invasion e della spettacolarizzazione mediatica della violenza in un'apoteosi insostenibile di sangue e morte

Framed BIFFF 2018 - 3

Se di questi tempi lo slasher, soprattutto d’Oltreoceano, sembri serbare ben poche sorprese, di tanto in tanto spuntano nel sottobosco ultra-indie da festival di genere titoli decisamente scioccanti, e di conseguenza esaltanti, almeno per i cultori. Tra questi film, trascurati dalla critica benpensante e per lo più evitati dalla distribuzione perché troppo estremi, brilla dal recente Brussels International Fantastic Film Festival Framed dello spagnolo Marc Martínez Jordán (Los inocentes).

Il cuore del racconto è piuttosto convenzionale: Álex (Joe Manjón) è invitato a una festa in una villa isolata nel mezzo delle campagne da un gruppo di amici e porta con sé la sorella minore, Clàudia (Clàudia Pons), che insiste per andare con lui. Inizialmente tutto sembra normale, fino a che un gruppo di inquietanti individui riesce a irrompere in casa, dando il via a un crescendo di atrocità e di follia. Gli invasori, inoltre, riprendono ogni loro efferato gesto con il cellulare, in modo da diffonderlo in diretta sul proprio canale streaming, ad uso e consumo di un nutrito pubblico di spettatori, che vanno intrattenuti con una costante profusione di sangue e omicidi.

Il concept al centro di Framed non è quindi di certo inedito. Già Nerve (la nostra recensione) di Henry Joost e Ariel Schulman esplorava le infauste derive dello spasmodico desiderio di fama e della spettacolarizzazione della violenza, ma lo faceva con ben poco coraggio, risultando nel complesso un teen movie con lieto fine e qualche vacuo momento di tensione qua e là. Del tutto differente è il film di Marc Martínez Jordán, che è di certo meno patinato, ma più efficacie. Si tratta infatti di una pirotecnica home invasion, con una successione senza fine di torture e oscenità d’ogni genere, in cui ogni passaggio è presentato da un eccentrico e psicotico frontman dai capelli arancioni e dagli occhi fuori dalle orbite, alla costante ricerca di “intense emozioni” per il proprio audience. D’altra parte è una regola d’oro, soprattutto nei reality ancora tanto di moda di questi tempi, quella di tenere sempre alta l’attenzione degli spettatori o si annoieranno e cambieranno canale.

In che modo è possibile conseguire tale obiettivo? Ovviamente è necessario essere inventivi e ne è consapevole non solo il misterioso killer, una versione più verace e moderna del Joker incarnata da un ottimo Àlex Maruny, ma anche Marc Martínez Jordán, a cui si deve il soggetto originale e la sceneggiatura, scritta a quattro mani con Jaume Cuspinera. Consci, infatti, che ormai sia stato detto pressoché tutto nell’horror e dintorni, i due optano – per tenere legato alla poltrona chi guarda – di lasciare in secondo piano cliché vari e dialoghi tendenzialmente tediosi e di puntare tutto sull’effetto sorpresa e traumatico! Così, senza preoccuparsi della censura, Framed mette in scena immagini che riuscirebbero a lasciare stranito e disturbato anche il più assiduo frequentatore della cinematografia estrema.

Framed BIFFF 2018Si susseguono amputazioni di arti, lame impiantate nel cranio di sventurati, che peraltro rimangono in vita seppur menomati e seduti davanti a un televisore a godersi il programma, momenti di cannibalismo e auto-cannibalismo, il cui apice massimo è l’obbligare una delle vittime a un amplesso con un amico, per poi drogarla con una polvere non ben definita che la induce a squartarlo letteralmente durante l’atto … Il tutto è reso con ottimi effetti pratici che danno ancora maggior vividezza alle sequenze già di per sé agghiaccianti. La critica dei Social Media e della degenerazione dei mezzi di comunicazione di massa diviene quindi lo spunto per un raccapricciante viaggio, dal ritmo frenetico e dalla sanguinaria visionarietà. Tuttavia, non c’è spazio per lunghe parentesi meditative, né per eccessi di serietà, anzi, il tono propende allo scabrosamente grottesco, in cui le morti e le sevizie divengono tutte parte di un circo dell’orrore, che pur non avendo nulla di paranormale è del tutto surreale, quasi un universo parallelo e infernale.

Felice incrocio tra The Strangers di Bryan Bertino e A Serbian Film (Srpski Film) di Srđan Spasojević, Framed è allora indubbiamente destinato a un pubblico assai selezionato e inadatto a coloro che – nemmeno troppo – facilmente  si impressionano. Al contrario gli appassionati del gore e gli abitué delle maratone notturne non potranno che apprezzarlo!

Di seguito trovate il trailer ufficiale:

The toll main
Horror & Thriller

The Toll | La recensione del film horror di Michael Nader (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Jordan Hayes e Max Topplin sono i protagonisti di un'opera che gioca con gli stereotipi del genere, divertendosi a spiazzare con le aspettative del pubblico

Leggi
Post Mortem-3
Horror & Thriller

Post Mortem | La recensione del film horror di Péter Bergendy (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Un'ambientazione ungherese primo novecentesca molto suggestiva viene sprecata da una regia che opta per effetti speciali bizzarri e da una sceneggiatura troppo vaga

Leggi
lockdown all'italiana film ezio greggio 2020
Azione & Avventura

Lockdown all’italiana | La recensione del film (poco comico) di Enrico Vanzina

di Giovanni Mottola

Il regista, qui all'esordio dietro alla mdp, rivendica giustamente il diritto alla commedia, ma non ne assolve al dovere, realizzando un'opera che non fa ridere mai

Leggi
the haunting of bly manor serie 2020 fantasma
Horror & Thriller

The Haunting of Bly Manor: un video svela tutti i fantasmi nascosti negli episodi

di Redazione Il Cineocchio

Anche per la seconda stagione dello show di Netflix, Mike Flanagan ha celato in bella vista molti spettri

Leggi
the banishing film 2020 horror
Horror & Thriller

The Banishing | La recensione del film horror di Christopher Smith (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Il regista inglese si cimenta con la ghost story con diligenza, ma seguendo un po' troppo strade già battute

Leggi