Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione | I Think We’re Alone Now di Reed Morano

6/10 su 59 voti. Titolo originale: I Think We're Alone Now, uscita: 14-09-2018. Regista: Reed Morano.

Recensione | I Think We’re Alone Now di Reed Morano

23/09/2018 di William Maga

Peter Dinklage ed Elle Fanning si aggirano solitari in un mondo apparentemente deserto in dramma post-apocalittico dove ordine e caos collidono

Per quelli che non avessero particolare dimestichezza con i più fini concetti della termodinamica, l’entropia può essere intesa come la mancanza di ordine o di prevedibilità, oppure come l’espressione della casualità o della mancanza di informazioni all’interno di un sistema. In un universo qualsiasi in cui l’entropia è in aumento, il peso dell’apparente assenza di significato quindi può far sì che una persona si atrofizzi. A volte, il miglior rimedio consiste nel muoversi per il semplice motivo di doverlo fare. Dal suo punto di vista, è un tentativo di combattere proprio l’entropia a spingere in I Think We’re Alone Now Del (Peter Dinklage) a (ri)pulire le case del suo tranquillo quartiere di New York, visto che i loro ex residenti non sono più in grado di farlo a causa di un’insolita e nebulosa pestilenza che ha apparentemente spazzato via la vita umana dal mondo, a eccezione di Del.

Del, solo e soddisfatto della situazione, ha riorganizzato il suo universo casuale e privo di senso in uno ordinato e routinario. Ogni giorno guida un pick-up giù per le strade vuote della periferia, ripulendo i cadaveri decomposti e i frigoriferi dal cibo andato a male, spolverando i ripiani non più utilizzati e rifacendo i letti prima di tracciare con lo spray una X bianca sulla strada per segnalare che quella casa è stata bonificata. A ogni X sull’asfalto corrisponde una croce su una mappa della cittadina che l’uomo conserva in quella che ora è la sua casa, ovvero il seminterrato della locale biblioteca universitaria. Lì, tiene anche alcune fotografie raccolte nelle abitazioni dei defunti, catalogate in modo preciso e archiviate con ordine. Non c’è motivo per Del di fare nulla di tutto ciò, ma farlo gli dà una ragione per continuare.

Del è da solo nel suo universo, ma non si sente solo. Piuttosto, ha lui il controllo; è in una posizione di equilibrio stabile. La telecamera della regista / direttrice della fotografia Reed Morano (Meadowland – Scomparso) ci fa ben capire che questa realtà esiste simultaneamente grazie a e per colpa di Del stesso, ponendolo sempre al centro di obiettivi grandangolari che rasentano l’esagerazione. Questa estetica trasmette una mancanza di preoccupazioni per qualsiasi cosa si trovi al di fuori dei confini geografici e metafisici in cui il protagonista esiste. Non è un caso che la prima volta in cui Del si vede leggermente decentrato accada dopo l’entrata in scena della giovane Grace (Elle Fanning). Se Del è l’Ordine, Grace è il Caos. Non una classica strana coppia, i due si avvicinano al loro mondo post-apocalittico con atteggiamenti diversi: Del è contento di rimanere dove è, ma Grace sta scappando da qualcosa; Del ha i suoi riti quotidiani, ma Grace gli chiede perché se ne preoccupa; Del vuole essere lasciato solo, ma Grace vuole che lui si apra. Letteralmente nel bel mezzo della notte, è introdotta nell’universo di Del la mancanza di prevedibilità. “Non ti senti solo qui?” gli chiede lei durante una cena altrimenti silenziosa. “Ero solo quando c’erano altre 1.600 persone che vivevano in questa fottuta città”, risponde lui in modo perentorio. Grace sfida Del ad aprirsi, ma l’apertura richiede l’essere vulnerabili. E Del non ha dovuto essere vulnerabile da diverso tempo. Anzi, sembra probabile che non abbia voluto essere vulnerabile per ancora più a lungo.

Come sappiamo fin troppo bene, di film post-apocalittici ce ne sono disponibili di ogni forma e dimensione (The Road, Delicatessen, L’esercito delle 12 scimmie), ma a prescindere dal genere o dal regista, i più riusciti tengono sempre la domanda “Cosa ha causato la catastrofe?” in sottofondo piuttosto offrire una risposta precisa ed esaustiva in merito. I Think We’re Alone Now rientra nella cerchia di questo tipo di pellicole, perché il suo focus, sia in senso figurato che letterale, è orientato sul raccontare una storia emotivamente risonante. Questo obiettivo comincia, prima di tutto, con la sceneggiatura scritta da Mike Makowsky. Comprensibilmente minimalista nei dialoghi, lo script è comunque ammirevole per come costruisce efficacemente personaggi definiti e che si completano a vicenda. Altri sceneggiatori avrebbero potuto essere tentati dal renderli eccessivamente ridonanti nella loro opposizione spirituale l’una all’altro, ma Makowsky evita tale strada, scegliendo di dar forma a due figure che sono piuttosto diverse in ​​superficie ma abbastanza simili nei loro cuori che è facilissimo capire subito come questa loro opposizione di facciata potrebbe gradualmente lasciare il posto a una forte connessione. In particolare, Peter Dinklage è eccezionale nella sua performance, la mancanza di battute richiede che egli debba riuscire a trasmettere agli spettatori i suoi dilemmi filosofici per la gran parte attraverso il linguaggio del corpo e lo sguardo.

Naturalmente, nonostante tutto, ciò che rende I Think We’re Alone Now interessante è la regia di Reed Morano, la cui esperienza come direttore della fotografia le consente di creare quel tipo di immagini che consentono al suo film di raccontare una storia come nessun altro medium potrebbe. Usando soprattutto la luce naturale a disposizione – sobria e parte integrante della messa in scena -, e obiettivi ampi per i primi piani, sono le tecniche che la regista americana utilizza per rendere l’universo che stiamo osservando un riflesso perfetto della realtà emotiva in cui vivono Del e Grace. A volte volutamente spettacolare – si pensi alla sequenza notturna illuminata quasi interamente dall’esplosione di fuochi d’artificio in lontananza -, lo stile di ripresa di Reed Morano è spesso un mix di bella simmetrie e ammaliante delicatezza. Per quanto ci è dato sapere, i colori leggermente smorzati che si diffondono nel cielo mentre il sole si posa sull’orizzonte potrebbero significare la fine di ogni cosa oppure l’avvento di una nuova possibilità. L’ambiguità è ulteriormente accentuata dai vivaci colori che emergono con un contrasto aggressivo durante l’atto finale del film.

Un ultimo atto che, tuttavia, si distingue come la parte evidentemente più debole di I Think We’re Alone Now. Gli ultimi 20′ gettano infatti nella mischia gli altri due grandi attori accreditati, Paul Giamatti e Charlotte Gainsbourg, per contribuire a guidare il viaggio emotivo dell’opera fino a una conclusione che sapevamo sarebbe quasi sicuramente arrivata, ma in un modo che sembra appartenere a una pellicola di un altro genere. La sterzata che i loro personaggi fanno intraprendere a I Think We’re Alone Now sarebbe apparsa ben meno confusa e affrettata se in precedenza fosse stata fatta un po’ più di chiarezza sui non secondari fini – e importanti rivelazioni – che i due portano con sé. In ogni caso, pur zoppicando sul traguardo, le immagini di Reed Morano riescono a illuminare (letteralmente) l’epilogo e a garantire degna chiusura all’arco narrativo di Del e Grace. Sia per i protagonisti che per il pubblico, la prevedibilità viene ripristinata, ma in modo imprevedibile.

Di seguito il full trailer originale di I Think We’re Alone Now, uscito in VOD il 21 settembre:

Peter Dinklage
Elle Fanning
Paul Giamatti
Charlotte Gainsbourg
picnic ad hanging rock film serie blu-ray
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Picnic ad Hanging Rock, il film e la miniserie TV

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni italiane del primo adattamento del romanzo di Joan Lindsay diretto nel 1975 per il cinema da Peter Weir e della trasposizione del 2018 per la TV con Natalie Dormer

Leggi
Horror & Thriller

Il trailer di Starfish immerge Virginia Gardner nell’orrore cosmico della fine del mondo

di Redazione Il Cineocchio

Il regista A.T. White torna dietro alla mdp dopo 6 anni per un fanta-horror imbevuto di misteri, mostri ed elaborazione del lutto

Leggi
auguri per la tua morte killer maschera
Horror & Thriller

Christopher Landon su Auguri per la tua Morte: “Pensai a una maschera diversa per il killer”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista dello slasher del 2017 ha rivelato l'iniziale 'ballottaggio', spiegando perché poi ha optato per il bebè

Leggi
The Field Guide to Evil film
Horror & Thriller

Trailer per The Field Guide to Evil: 8 storie del folclore dark per 8 registi horror

di Redazione Il Cineocchio

Tra i nomi coinvolti ci sono Veronika Franz e Severin Fiala, Peter Strickland, Agnieszka Smoczynska e Can Evrenol

Leggi
octavia spencer ma film 2019 horror
Horror & Thriller

Nel trailer di Ma, Octavia Spencer organizza feste a base di musica, alcol e omicidi

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Juliette Lewis e Luke Evans nell'horror 'sbucato dal nulla' diretto da Tate Taylor e prodotto dalla Blumhouse

Leggi
glenn close attrazione fatale film
Horror & Thriller

Glenn Close su Attrazione Fatale: “Ho in mente il remake; approccio diverso ad Alex”

di Redazione Il Cineocchio

L'attrice ha rivelato il suo progetto, che mirerebbe a raccontare in modo completamente differente il ben più problematico e sfaccettato personaggio da lei interpretato nel 1987

Leggi
Horror & Thriller

Nick Antosca sulla serie TV di Chucky: “Storia nuova, ma nel canone della saga de La Bambola Assassina”

di Redazione Il Cineocchio

Lo showrunner ha svelato qualche dettaglio sulla versione televisiva dello storico franchise horror, parlando del tono che verrà adottato e del coinvolgimento di alcuni volti noti

Leggi
allucinazione perversa 1990
Horror & Thriller

Jeff Buhler sul remake di Allucinazione Perversa: “Ho cambiato il colpo di scena”

di Redazione Il Cineocchio

Lo sceneggiatore ha parlato dell'approccio adottato da lui e dal regista David M. Rosenthalal nei confronti del classico del 1990, teso a mantenerne lo spirito originale

Leggi
zombi cina censura
Horror & Thriller

Dossier | Perché la Cina vieta i film con gli zombi (e altri mostri) al cinema

di Redazione Il Cineocchio

Cerchiamo di capire come mai nel popoloso paese asiatico non possono essere distribuiti nelle sale i titoli coi non morti o con altre creature tipiche del folclore horror occidentale

Leggi
pingu la cosa thingu
Horror & Thriller

Pingu incontra La Cosa per il corto Thingu, quando la claymation si fa horror

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono le mani di Lee Hardcastle dietro l'improbabile mash-up tra le vicende del simpatico pinguino e le atmosfere tese del film di John Carpenter

Leggi
Pet Graveyard film 2019
Horror & Thriller

Nel trailer di Pet Graveyard, la Morte miete vittime aiutata da un gatto ‘ritornato’

di Redazione Il Cineocchio

La regista Rebecca J. Matthews esordisce dietro alla mdp con un mockbuster che prova a sfruttare il clamore mediatico suscitato dal nuovo adattamento di Pet Sematary

Leggi
La Llorona - Le lacrime del male film
Horror & Thriller

Nel full trailer di La Llorona – Le lacrime del male, la ‘donna che piange’ cerca bambini da portar via

di Redazione Il Cineocchio

Il film di debutto del regista Michael Chaves - prodotto da James Wan - intende lanciare una nuova icona horror, con la quale dovrà vedersela Linda Cardellini

Leggi
the hole in the ground film 2019
Horror & Thriller

The Hole in the Ground | La recensione del film di Lee Cronin

di Sabrina Crivelli

Il regista debutta con un horror angosciante ma irrisolto, sospeso tra le atmosfere di Babadook, Goodnight Mommy e The Tommyknockers

Leggi
Gabriele Lavia in Zeder (1983) film
Horror & Thriller

Tra le pieghe del tempo | Pupi Avati nel 1984 su Zeder: “La paura di Dario Argento è standard; non guardate da soli il mio film!”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista e sceneggiatore raccontava come i suoi film mirassero a colpire in modo diverso gli spettatori rispetto al più 'classico' collega, suggerendo comunque di approcciarsi con cautela alla sua ultima fatica

Leggi
NOS4A2 zachary quinto amc serie
Horror & Thriller

Primo teaser per NOS4A2, serie horror AMC con Zachary Quinto

di Redazione Il Cineocchio

L'attore è un vampiro che si nutre della vitalità dei ragazzini nell'adattamento per la TV del best seller di Joe Hill

Leggi
The Front Runner - Il vizio del potere

The Front Runner - Il vizio del potere

T. originale: The Front Runner

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 5 su 42 voti
Parlami di te

Parlami di te

T. originale: Un Homme Pressé

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 7 su 41 voti
Un uomo tranquillo

Un uomo tranquillo

T. originale: Cold Pursuit

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 5 su 41 voti

RECENSIONE

Copia originale

Copia originale

T. originale: Can You Ever Forgive Me?

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 7 su 133 voti
Quello che veramente importa

Quello che veramente importa

T. originale: The Healer

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 6 su 99 voti
The Lego Movie 2: Una nuova avventura

The Lego Movie 2: Una nuova avventura

T. originale: The Lego Movie 2: The Second Part

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 6 su 103 voti
Westwood. Punk, Icona, Attivista

Westwood. Punk, Icona, Attivista

T. originale: Westwood: Punk, Icon, Activist

Data di uscita: 20-02-2019

Voto medio: 6 su 5 voti
Ex-Otago - Siamo come Genova

Ex-Otago - Siamo come Genova

T. originale: Ex-Otago. Siamo come Genova

Data di uscita: 18-02-2019

Voto medio: 0 su 0 voti
Mamma + Mamma

Mamma + Mamma

T. originale: Mamma + Mamma

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 0 su 0 voti
Un'avventura

Un'avventura

T. originale: Un'avventura

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 6 su 1 voti
La paranza dei bambini

La paranza dei bambini

T. originale: La paranza dei bambini

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 7 su 10 voti
Rex - Un Cucciolo a Palazzo

Rex - Un Cucciolo a Palazzo

T. originale: The Queen's Corgi

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 8 su 3 voti
Ognuno ha diritto ad amare - Touch Me Not

Ognuno ha diritto ad amare - Touch Me Not

T. originale: Touch Me Not

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 6 su 5 voti
Un valzer tra gli scaffali

Un valzer tra gli scaffali

T. originale: In den Gängen

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 7 su 28 voti
La vita in un attimo

La vita in un attimo

T. originale: Life Itself

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 6 su 65 voti
Holmes & Watson

Holmes & Watson

T. originale: Holmes & Watson

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 4 su 55 voti
Alita - Angelo della battaglia

Alita - Angelo della battaglia

T. originale: Alita: Battle Angel

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 6 su 427 voti

RECENSIONE

Crucifixion

Crucifixion

T. originale: The Crucifixion

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 5 su 154 voti

RECENSIONE