Home » Cinema » Azione & Avventura » Recensione Sitges 51 | La notte su di noi di Timo Tjahjanto

7/10 su 206 voti. Titolo originale: The Night Comes for Us, uscita: 05-10-2018. Regista: Timo Tjahjanto.

Recensione Sitges 51 | La notte su di noi di Timo Tjahjanto

17/10/2018 recensione di William Maga

Iko Uwais e Joe Taslim sono al centro di un action viscerale e sfrenato, che riscrive i canoni degli scontri corpo a corpo e della violenza grafica alzando l'asticella a un livello impensabile

Quando si partecipa a un festival di settore, bisogna sempre ricordarsi di rimanere cauti nel distribuire giudizi esaltati o distruttivi nei riguardi del film che si è appena finito di vedere, in quanto tale ambiente finisce spesso per favorire – e amplificare – l’esperienza, rendendoci inclini ad affermazioni radicali in un senso o l’altro. Questo particolare ‘problema’ non è applicabile però a La notte su di noi (The Night Comes For Us), rappresentante più recente del genere azione / arti marziali proveniente dalla lontana Indonesia. Non si tratta semplicemente del lungometraggio più violento e gore presentato in anteprima al Festival di Sitges (o dell’intero 2018 …), ma dell’action più cruento e scatenato forse mai realizzato fino ad oggi, con largo distacco. Il prolifico sceneggiatore e regista Timo Tjahjanto (che qui ha presentato anche l’horror di possessione May the Devil Take You, la nostra recensione) ha realizzato qualcosa di stupefacente ed esaltante, capace di andare a posizionarsi vicino (più in alto??) ai due The Raid.

Tranquillamente l’opera più riuscita di Timo Tjahjanto, La notte su di noi è, proprio come i precedenti lavori, un po’ più cattivo rispetto alla produzioni di Gareth Evans (col quale ha collaborato direttamente nel segmento Safe Haven di V / H / S 2). Nei film del regista gallese (tornato da pochissimo sulle scene con Apostolo, la nostra recensione), era un bravo ragazzo a fronteggiare orde di cattivi inferociti. Tjahjanto ci offre invece alcuni anti-eroi nella migliore delle ipotesi, e poi fa in modo che – virtualmente – tutti quanti subiscano ferite e lesioni gravi per i loro crimini. Joe Taslim (Fast & Furious 6) è Ito, membro d’elite e venerato killer della leggendaria e sfuggente squadra chiamata Six Seas, incaricata di tenere sotto controllo l’equilibrio in tutto l’impero criminale gestito in Asia dalle Triadi cinesi commettendo massacri indicibili.

Dopo anni passati a eseguire gli ordini più truci, Ito intravede una possibilità di redenzione negli occhi di una bambina, ultima sopravvissuta a uno di questi genocidi, e decide perciò di prenderla con sé e fuggire. Naturalmente, i vertici dell’organizzazione criminale si mettono presto sulle sue tracce, esigendone la testa. Fuggito nella sua città natale, l’uomo deve così affidarsi a malincuore ai suoi ex amici per tenere in vita la piccola e per respingere gli assalti delle infinite ondate di soldati e mercenari di strada che si presentano alla sua porta. Tuttavia, anche un suo vecchio conoscente, Arian (Iko Uwais), si ritrova tra i candidati per rimpiazzare Ito nei Six Seas e dovrà ucciderlo se intende ottenere l’ambito posto. Altri misteriosi personaggi entrano nella mischia, tra i quali la pericolosa motociclista interpretata da Julie Estelle (Kuntilanak), dalla lealtà ambigua, ma dalle letali abilità fuori discussione.

Detto questo, passiamo subito all’azione. Se è vero che la sceneggiatura fa davvero un buon lavoro nel garantire quel tono da melodramma nello stile di John Woo capace di tenere il pubblico legato ai personaggi principali, che prima erano fratelli (per nascita o per profondo legame) e che ora devono combattere – e morire – fianco a fianco, il biglietto (o l’abbonamento, visto che verrà distribuito in esclusiva da Netflix) è stato probabilmente pagato dai più per poter godere delle sequenze d’azione ai limiti dell’impossibile che Timo Tjahjanto si propone di darci in pasto. In primo luogo, i set scelti, un altro punto forte dello script.

Veniamo trasportati in una sfaccettata sequela di ambienti diversi, dove i protagonisti combattono con le armi più disparate, dalle pistole agli AK-47 alle granate, dalle ossa di bovini macellati (già!) ai ganci per manzi, dalle palle da biliardo fino ai pugnali ricurvi e i lacci in ferro per strangolare (e tagliare) branditi dalle sadiche Hannah Al Rashid e Shareefa Daanish. Una critica che spesso viene sollevata nei confronti dei film d’azione o di arti marziali ultraviolenti è la ripetitività di certe scelte artistiche. Beh, qui queste obiezioni non possono certo essere fatte, visto che La notte su di noi ha un ritmo e una varietà di duelli e pestaggi molto oltre lo standard. Tuttavia, sono la regia e il cast ad accendere davvero la miccia. E’ di gran lunga il lavoro dietro alla mdp più ambizioso e riuscito del regista indonesiano, che si assicura di farci vedere veramente ogni momento dell’azione. A volte la telecamera è frenetica, montata direttamente su armi da fuoco o attori, ma questo dinamismo non va mai a scapito della chiarezza della scena. Tutti quanti sono impegnati nella lotta e negli stunt, che sono progettati per rendere ogni sforzo limpido e rendere giustizia alla loro preparazione.

C’è l’esperto Iko Uwais dietro alla progettazione delle coreografie dei combattimenti, e il risultato è assolutamente spettacolare, oltre ogni immaginazione. Gli scontri hanno carattere, ritmo ed elementi distintivi che permettono a ciascuno di emergere, portarne avanti i tratti caratteriali precisi e distinguere i vari personaggi dalla massa. Infine, la squadra addetta agli effetti speciali pratici merita un ulteriore elogio. Quasi certamente in La notte su di noi è stata usata la CGI, ma la stragrande maggioranza delle coltellate, dei colpi di proiettile esplosi in faccia (con relative devastanti ferite), delle dita tagliate che volano, gli impalamenti, delle tibie e dei gomiti spezzati, dei gorgoglii e degli zampilli di sangue, degli arti tranciati, dei tavoli e dei muri sfondati e delle esplosioni sono state eseguite con effetti in-camera o con protesi e strumenti artigianali.

E lasciatevelo dire, questo film è davvero inondato di viscere, qualcosa che riscrive la dicitura R-Rated. Ogni azione violenta ha una conseguenza fisica ben percepibile. Nessuna parte del corpo umano viene risparmiata. Sconfina a tratti nel body horror e nello splatter puro (o nel cartoonesco), quindi i più sensibili è meglio che cerchino qualcos’altro per passare la serata. È un baccanale del sangue. In più, presto capiamo che un confronto finale diretto tra Ito e Arian sia purtroppo inevitabile, ma prima di arrivarci veniamo investiti da una così vasta gamma di duelli, assalti e risse che quasi si stenta a credere che sia rimasta benzina nel serbatoio per l’ultimo imprevedibile combattimento. Fatto sta che poi arriva, ed è una lotta di 15 minuti destinata a fare scuola. Il team di produzione ha confermato che ci sono volute due settimane per girarla, e si vede.

I due film di The Raid sono diventati in qualche modo un punto di riferimento per ciò che il cinema d’azione moderno può raggiungere quando si impegna, senza contare che hanno (ri)lanciato un’intera industria in Indonesia e hanno permesso di far conoscere al mondo molteplici talenti che sono stati chiamati negli ultimi tempi a Hollywood. La notte su di noi è lo straordinario livello successivo per quel gruppo di artisti marziali, un’opera che rimescola le carte, raddoppia la sua dose di indonesianità ed eredita il titolo di ultimo contendente internazionale in grado di mostrare al mondo cosa può essere il cinema d’azione nel 2018. Difficile dire dove andrà a collocarsi questo film nel pantheon dei titoli action, ma è certo un nuovo – altissimo – punto di riferimento per la quota di violenza e di inventiva nella messa in scena dei corpo a corpo sullo schermo.

Di seguito il trailer internazionale e uno sneak peek originale di La notte su di noi, che verrà messo direttamente a catalogo da Netflix il prossimo 19 ottobre:

Azione & Avventura

Trailer per Point Blank, violento buddy movie di Netflix con Anthony Mackie e Frank Grillo

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono Joe Lynch alla regia e Joe Carnahan alla produzione nel remake dell'action thriller francese del 2010 di Fred Cavayé

Leggi
jerry calà chicken park film
Azione & Avventura

Dossier | Chicken Park, la parodia ‘maledetta’ di Jerry Calà

di Redazione Il Cineocchio

Il film del 1994 nasceva con ambizioni alte, ma non arrivò mai nei cinema italiani ed è stato in seguito praticamente condannato all'oblio. Riscopriamolo attraverso le parole amare del comico, debuttante alla regia proprio con questo titolo.

Leggi
Toy Story 4 (2019) film
Azione & Avventura

Toy Story 4 | La recensione del quarto film della saga, diretto da Josh Cooley

di William Maga

Il regista firma un nuovo capitolo maturo eppure familiare, un sequel di cui non ci eravamo resi conto di avere bisogno

Leggi
Richard Attenborough in Jurassic Park (1993)
Azione & Avventura

Jurassic Park (1993): uno storyboard rivela la cruda fine di John Hammond scartata

di Redazione Il Cineocchio

I piani originari per il personaggio interpretato da Richard Attenborough nel classico di Steven Spielberg erano ben diversi

Leggi
the boys serie amazon 2019
Azione & Avventura

Full trailer per The Boys: imprecazioni, splatter e dark humor per i ‘supereroi’ della serie Amazon

di Redazione Il Cineocchio

Simon Pegg e Karl Urban tra i protagonisti dello show originale che porta sul piccolo schermo in tutto il suo dissacrante splendore il fumetto di Garth Ennis e Darick Robertson

Leggi
Date Masamune statua
Azione & Avventura

Netflix prepara Age of Samurai: Battle for Japan, docu-serie sul daimyō Date Masamune

di Redazione Il Cineocchio

Presto gli abbonati conosceranno la vera storia del temibile e illuminato 'drago con un occhio solo'

Leggi
Rambo II - La vendetta (1985) film
Azione & Avventura

Recensione Story | Rambo 2 – La vendetta di George Pan Cosmatos

di William Maga

A tre anni dal primo capitolo, Sylvester Stallone veniva catapultato in Vietnam in un film che - con un attacco frontale - illustrava sul grande schermo la teoria della 'coltellata alla schiena' ai soldati americani

Leggi
comicsfest oliver onions movieland 2019
Azione & Avventura

Reportage ComicsFest 2019 | Due giorni tra fumetti, Oliver Onions e Movieland

di Sabrina Crivelli

Il resoconto della nostra visita alla rinnovata manifestazione tenutasi nel castello di Villafranca di Verona, del concerto dello storico duo e dell'avventurosa visita al parco dove le attrazioni si ispirano al mondo del cinema

Leggi
Forest Whitaker in Ghost Dog
Azione & Avventura

Jim Jarmusch: “Lavoro con RZA sulla serie TV di Ghost Dog”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista del film del 1999 ha rivelato il suo coinvolgimento nel progetto, parlando anche della possibilità di occuparsi della regia

Leggi
Russell Crowe e Sven-Ole Thorsen in Il Gladiatore (2000)
Azione & Avventura

Il Gladiatore 2: il film procede con Ridley Scott; dettagli sull’ambientazione

di Redazione Il Cineocchio

I produttori Walter F. Parkes e Laurie MacDonald hanno anche rivelato il nome dello sceneggiatore chiamato a scrivere il seguito del fortunatissimo lungometraggio del 2000 con Russell Crowe

Leggi
Emmett J. Scanlan lobo tv
Azione & Avventura

Lobo: si fa la serie TV dedicata al mercenario DC; sarà lo spin-off di Krypton

di Redazione Il Cineocchio

Mentre il film della Warner Bros. è ancora nel limbo, SyFy annuncia i dettagli del prossimo show, dedicato interamente allo sboccato cacciatore di taglie intergalattico

Leggi
Stellone Escape Plan The Extractors (2019)
Azione & Avventura

Trailer red band per Escape Plan 3: L’ultima sfida, l’evasione è una questione personale per Sylvester Stallone

di Redazione Il Cineocchio

Nel terzo capitolo della saga action, diretto da John Herzfeld, la star imbastirà una nuova evasione impossibile con Dave Bautista, per salvare l'amata Jaimie King

Leggi
oliver onions villafranca verona 2019
Azione & Avventura

Intervista | Maurizio De Angelis (Oliver Onions): “Oggi non è più divertente fare le colonne sonore”

di Alessandro Gamma

Il musicista, nuovamente in tour per l'Europa col fratello Guido, ci ha parlato di come siano cambiati i tempi, del perché non ha mai scritto nessun pezzo per un film horror e quali sono i tre temi musicali recenti che ha adorato

Leggi
Arnold Schwarzenegger e John Milius in Conan il barbaro (1982)
Azione & Avventura

Tra le pieghe del tempo | John Milius nel 1982 su Conan: “Ispirato da Akira Kurosawa, Miyamoto Musashi e Gengis Khan”

di Redazione Il Cineocchio

Promuovendo il film, il regista e il protagonista Arnold Schwarzenegger parlavano del loro approccio al personaggio, decisamente meno superficiale di quanto sembrasse

Leggi
Azione & Avventura

The Kid | La recensione del western con Chris Pratt e Ethan Hawke

di William Maga

Vincent D'Onofrio torna alla regia per un western che racconta malinconicamente la due facce di una leggenda

Leggi
Ma

Ma

27-06-2019

Lucania - Terra Sangue e Magia

Lucania - Terra Sangue e Magia

20-06-2019

Sir - Cenerentola a Mumbai

Sir - Cenerentola a Mumbai

20-06-2019

La prima vacanza non si scorda mai

La prima vacanza non si scorda mai

20-06-2019

Anna

Anna

20-06-2019

Arrivederci professore

Arrivederci professore

20-06-2019

Rapina a Stoccolma

Rapina a Stoccolma

20-06-2019

RECENSIONE

The Elevator

The Elevator

20-06-2019

La bambola assassina

La bambola assassina

19-06-2019

RECENSIONE

Christo - Walking on water

Christo - Walking on water

16-06-2019

Shelter: Addio all'Eden

Shelter: Addio all'Eden

14-06-2019

Il grande salto

Il grande salto

13-06-2019

Soledad

Soledad

13-06-2019

I morti non muoiono

I morti non muoiono

13-06-2019

RECENSIONE

Climax

Climax

13-06-2019

RECENSIONE

Blue My Mind - Il segreto dei miei anni

Blue My Mind - Il segreto dei miei anni

13-06-2019

Beautiful Boy

Beautiful Boy

13-06-2019

Dicktatorship - Fallo e basta!

Dicktatorship - Fallo e basta!

10-06-2019