Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione Sitges 51 | Lords of Chaos di Jonas Åkerlund

6/10 su 51 voti. Titolo originale: Lords of Chaos, uscita: 08-02-2019. Regista: Jonas Åkerlund.

Recensione Sitges 51 | Lords of Chaos di Jonas Åkerlund

25/10/2018 di William Maga

Il regista ricostruisce i tragici e disperati albori della scena musicale black metal norvegese, con Rory Culkin e Jack Kilmer devoti interpreti degli esponenti di spicco del movimento

Rory Culkin in Lords of Chaos (2018) film

Non è necessario essere metallari per godersi questa straziante storia vera (e falsa … come recita un cartello prima dei titoli di testa) di come i membri di una band di musica black metal siano andati troppo oltre per dimostrare di non essere dei semplici poser che stavano seguendo soltanto l’ultima tendenza musicale. Ispirato al controverso libro Lords of Chaos: The Bloody Rise of the Satanic Metal Underground di Michael Moynihan and Didrik Søderlind del 2003, lo svedese Jonas Åkerlund (Spun, The Horsemen) concretizza in immagini all’eredità della band dei Mayhem e al suo contributo fondamentale alla scena black metal norvegese nei primi anni Novanta. Al di là della sua musica piuttosto influente, il gruppo divenne noto soprattutto per il suo coinvolgimento in una serie di crimini di varia gravità, che spaziarono dall’incendio doloso di chiese ed edifici sacri fino all’omicidio. Grazie a una regia viscerale e a performance coinvolgenti, Lords of Chaos riesce a fondere dark humor, tragedia e un pizzico di orrore psicologico per scavare sia nell’oscurità che ha alimentato quella musica che nella musica che ha alimentato quell’oscurità per una generazione di giovani problematici.

Il film è narrato dal fondatore e chitarrista dei Mayhem, Oystein Aarseth (Rory Culkin), anche conosciuto come “Euronymous”, mentre guida il pubblico attraverso la storia della sua band, il suo astio per quello che lui considera “life metal” e la ricerca di un nuovo cantante. Scopre Per “Dead” Ohlin (Jack Kilmer), un malinconico ragazzo svedese che odia i gatti – e sé stesso – e che possiede una malsana ossessione per la morte. Dopo il raccapricciante – e disturbante – suicidio di Dead, Euronymous vede però la sua morte come un’opportunità clamorosa per promuovere l’immagine e l’autenticità del gruppo piuttosto che piangere la tragica perdita di un amico. Ben presto, un ammiratore dal fare timido e la voce flebile che si fa chiamare “Varg” (Emory Cohen) si avvicina a Euronymous, desideroso di compiacerlo.

Nonostante Euronymous non sia minimamente impressionato all’inizio da Varg (criticandolo perché ha sulla giacca una toppa dei rammolliti Scorpions), ascolta il demo tape che gli ha portato, e subito viene sconvolto dal suono innovativo e dalla sua voce. Non passa quindi molto tempo prima che il disperato bisogno di approvazione di Varg diventi distruttivo, col giovane che inizia a manifestare comportamenti inquietanti e una fame insana per crimini seri. Presto, anche i membri iniziati dell’esclusivo ‘Black Circle’, sorta di setta di cui Euronymous è il leader, cominciano a pensare che anche loro debbano mettersi alla prova per garantirsi il rispetto nella comunità metal (non sono dei ‘poser’) e così la situazione degenera, fino alle estreme conseguenze.

Al di là della lezione di storia della musica, il vero nucleo di Lords of Chaos si focalizza sull’ossessione della ‘percezione personale rispetto alla realtà effettiva’ quando c’è in ballo la propria immagine pubblica. Così come accade per ogni sottocultura, i metallari si sforzano di dimostrare – soprattutto a sé stessi – di non essere solamente un mucchio di ragazzetti annoiati che seguono ciecamente come pecore una moda passeggera, ma devono soprattutto rendersi conto che in realtà credono davvero in quello che dicono e in come si comportano e acconciano. Durante tutto il film, ci viene mostrato che i membri dei Mayhem – poco più che adolescenti – vivono ancora tutti in casa con i loro amorevoli genitori borghesi, che sostengono finanziariamente i loro capricci e la ricerca di appartenenza a qualcosa senza fare troppe storie.

È, senza che lo si provi a nascondere in alcun modo, uno dei tanti spietati esempi di come ragazzini privilegiati e non certo disagiati cerchino disperatamente di trovare una propria identità, autenticità e una comunità che li accolga che a un certo punto decidono di adottare misure estreme per acquisirli. Ma se Euronymous – architetto di quello che ripetutamente, orgogliosamente e pomposamente definisce “True Norwegian Black Metal” – predica di essere un morboso servitore di Satana, sotto la facciata di circostanza da duro cela invece un uomo d’affari senza scrupoli molto consapevole di ciò che vende (nel suo negozio di dischi, nello studio di registrazione con la sua etichetta discografica indipendente …) e del valore ‘pubblicitario’ che hanno certe sparate atte a scandalizzare il perbenismo del paese scandinavo.

Curiosamente, per un’opera che si concentra sull’orgoglio norvegese dei Mayhem e sul desiderio di dare alla Norvegia un posto ben preciso e distinto all’interno della scena metal mondiale, la scelta di Jonas Åkerlund di appoggiarsi a un cast di attori americani suona quanto meno bizzarra. Indipendentemente da ciò, Rory Culkin offre una  prova sorprendente, simpatetica e stratificata, mentre Emory Cohen riesce dal canto suo a catturare l’oscurità frutto del plagio sotto la sua innocenza infantile.

Lords of Chaos ha un modo decisamente inquietante di trasmettere le emozioni interiori di Euronymous e Varg mentre spingono la loro amicizia / rivalità al livello successivo, in un’escalation di folle e incosciente autodistruzione. Ci sono momenti in cui l’esitazione e il dubbio lampeggiano negli occhi dei due mentre assistono ai vicendevoli atti criminali, dimostrando che entrambi, in vari punti della pellicola, realizzano la profondità e la portata delle azioni compiute, eppure proseguono ugualmente con la stessa intensità di un esaltato fedele alla sua causa, anche quando sa che lo porterà all’inevitabile rovina. Viene anche suggerito che molti dei loro seguaci fossero spaventati dal loro modo di fare, ma che il bisogno di accettazione, unito alla sete di fama, li abbia spinti a spingersi ulteriormente oltre nella loro distruzione sociopatica.

Per chi fosse già a conoscenza di come si svolsero i fatti, morte e autolesionismo sono trattati in modo viscerale dal regista svedese. Oltre a un omicidio a sfondo omofobo e alla costruzione freddissima del tremendo suicidio di Dead, scaturita da evidenti segnali molto reali e ben identificabili di depressione, vediamo più volte sequenze in cui i membri del Black Circle guardano horror di serie C, metafora della disconnessione del loro modo di guardare alla morte, anche quando si ritrovano a provarla in prima persona. Tutto questo porta a chiedersi dove finisca la linea del Black Metal come forza creativa e inizi l’istigazione alla violenza, all’odio e alla negatività. Nonostante quello che dicono o fanno, i protagonisti sembrano soltanto dei ragazzini come tanti, che passano le giornate a parlare negli scantinati, bevendo birra e parlando di musica. Per potersi concentrare sul rapporto tra Euronymous e Varg, si ha invece la sensazione che alcune parti interessanti della storia, come gli inizi dei Mayhem con Dead come cantante, siano state troppo trascurate. Inoltre, possiamo godere di un unico show – quello con le teste di maiale mozzate – prima della dipartita del cantante, così come pochissimo spazio viene dato alle sessioni di registrazione.

Jonas Åkerlund descrive con il giusto distacco la cattiveria che circonda la tragica storia dei Mayhem, senza istrionismi e riuscendo a mantenere lungo la narrazione una certa autoironia che alleggerisce la pesante aria che tira. In definitiva quindi, che conosciate o meno la storia del black metal norvegese, questo non vi impedirà di celebrare con un headbanging Lords of Chaos.

Di seguito il full trailer originale di Lords of Chaos, che arriverà nei cinema americani l’8 febbraio e poi in VOD dal 22 febbraio (ancora nessuna data per l’Italia):

Emory Cohen
Rory Culkin
Jack Kilmer
Sky Ferreira
Valter Skarsgård
Sam Coleman
Anthony De La Torre
Jonathan Barnwell
Wilson Gonzalez Ochsenknecht
Lucian Charles Collier
Anette Martinsen
Adrian Mills
James Edwin
Andrew Lavelle
horror di pasqua film
Horror & Thriller

Horror di Pasqua: top 10 dei film a tema con conigli assassini

di Sabrina Crivelli

Storicamente, il sottogenere non ha generato titoli memorabili, ma qualcosa di simpatico - se si hanno ben poche pretese - si trova

Leggi
pet sematary cimitero vivente 1989 blu-ray ita
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Pet Sematary – Cimitero Vivente (ed. 30° anniversario)

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino l'edizione italiana dell'horror diretto da Mary Lambert nel 1989 tratto dall'omonimo romanzo di Stephen King

Leggi
Cube - Il cubo 7
Horror & Thriller

Recensione Story | Cube – Il Cubo di Vincenzo Natali

di Sabrina Crivelli

"Vi porto con me solo perché mi servono altri scarponi. Io a tagliare la corda ci metto meno di così. Niente chiacchiere, né discorsi a vanvera. Meglio che pensiate a quello che avete davanti agli occhi, ecco qual è la sfida. Il vostro vero nemico è dentro di voi."

Leggi
Critters 4 (1992) film
Horror & Thriller

Confermato Critters Attack!, quinto film R-Rated della saga sugli extraroditori

di Redazione Il Cineocchio

Dopo mesi di silenzio, la Warner Bros. ha fatto trapelare alcune indiscrezioni sul progetto

Leggi
the lodge film severin fiala 2019
Horror & Thriller

The Lodge: snervante trailer per l’horror innevato con Richard Armitage e Riley Keough

di Redazione Il Cineocchio

I registi Severin Fiala e Veronika Franz (Goodnight Mommy) tornano sulle scene con un film acclamato al Sundance, tra i cui protagonisti c'è anche Alicia Silverstone

Leggi
jinn serie netflix
Horror & Thriller

Jinn: teaser per la serie Netflix ispirata al folklore arabo

di Redazione Il Cineocchio

C'è il giovane regista libanese Mir-Jean Bou Chaaya dietro alla prima produzione originale mediorientale

Leggi
buddi la bambola assassina 2019
Horror & Thriller

Nel full trailer di La Bambola Assassina, Buddi afferra il coltello e inizia la mattanza

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Lars Klevberg torna alle origini nella sua reinvenzione della saga slasher che vede protagoniste Aubrey Plaza e Brian Tyree Henry

Leggi
Flying Lotus - Fire Is Coming con David Lynch
Horror & Thriller

C’è David Lynch lupo con gli occhi in fiamme nel video Fire Is Coming di Flying Lotus

di Redazione Il Cineocchio

Il musicista di Los Angeles torna sulle scene con un bizzarro cortometraggio che vede ospite il regista in una veste piuttosto inedita

Leggi
swamp thing serie dc universe 2019
Horror & Thriller

Swamp Thing: teaser trailer per la serie live action DC; tagliati 3 episodi

di Redazione Il Cineocchio

Scampato il pericolo di non vedere mai la luce per divergenze artistiche, lo studio conferma la data di uscita dello show originale con Virginia Madsen, ma anche la stagione 'ridotta'

Leggi
brimstone piercing kill switch blu-ray ita
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Brimstone + Piercing + Kill Switch

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni italiane del glaciale western con Guy Pearce e Dakota Fanning, del thriller con Mia Wasikowska e dell'action sci-fi con Dan Stevens

Leggi
Horror & Thriller

Ted Bundy – Fascino criminale | La recensione del biopic con Zac Efron

di Sabrina Crivelli

Joe Berlinger prende una storia nota e portata al cinema già in tutte le salse provando a darne un'inedita - e improbabile - chiave di lettura fallendo su tutta la linea, non aiutato dagli interpreti (tra cui Lily Collins e John Malkovich)

Leggi
john travolta the fanatic film
Horror & Thriller

The Fanatic: prime immagini di John Travolta stalker nel thriller di Fred Durst

di Redazione Il Cineocchio

Fred Durst, il frontman dei Limp Bizkit, torna dietro alla mdp dopo 10 anni per un thriller che si ispira a una storia vera che lo ha riguardato da vicino

Leggi
Alex-Aja-film-Crawl
Horror & Thriller

Crawl: immagini per l’horror con alligatore killer di Alexandre Aja prodotto da Sam Raimi

di Redazione Il Cineocchio

C'è Kaya Scodelario nel film low budget con cui la Paramount spera di replicare il grande e inaspettato successo al botteghino di A Quiet Place - Un posto tranquillo

Leggi
The Informer

The Informer

25-04-2019

La caduta dell'impero americano

La caduta dell'impero americano

24-04-2019

Mug - Un'Altra Vita

Mug - Un'Altra Vita

24-04-2019

Dilili a Parigi

Dilili a Parigi

24-04-2019

Ancora un giorno

Ancora un giorno

24-04-2019

Avengers: Endgame

Avengers: Endgame

24-04-2019

Ma cosa ci dice il cervello

Ma cosa ci dice il cervello

18-04-2019

Il campione

Il campione

18-04-2019

A spasso con Willy

A spasso con Willy

18-04-2019

Cyrano mon amour

Cyrano mon amour

18-04-2019

Torna a casa, Jimi!

Torna a casa, Jimi!

18-04-2019

Le invisibili

Le invisibili

18-04-2019

Gordon & Paddy

Gordon & Paddy

18-04-2019

La Llorona - Le lacrime del male

La Llorona - Le lacrime del male

18-04-2019

RECENSIONE

Il ragazzo che diventerà re

Il ragazzo che diventerà re

18-04-2019

Go Home - A Casa Loro

Go Home - A Casa Loro

15-04-2019

Quello che i social non dicono - The Cleaners

Quello che i social non dicono - The Cleaners

14-04-2019

Tutto liscio

Tutto liscio

11-04-2019

Dagli occhi dell'amore

Dagli occhi dell'amore

11-04-2019

After

After

11-04-2019

L'uomo fedele

L'uomo fedele

11-04-2019

Cafarnao - Caos e miracoli

Cafarnao - Caos e miracoli

11-04-2019

Hellboy

Hellboy

11-04-2019

RECENSIONE

Oro verde - C'era una volta in Colombia

Oro verde - C'era una volta in Colombia

11-04-2019

Kursk

Kursk

11-04-2019

Wonder Park

Wonder Park

11-04-2019