Home » Cinema » Azione & Avventura » On The Milky Road – Sulla Via Lattea | La recensione del film di Emir Kusturica

7/10 su 54 voti. Titolo originale: Na mlečnom putu , uscita: 03-02-2016. Regista: Emir Kusturica.

On The Milky Road – Sulla Via Lattea | La recensione del film di Emir Kusturica

19/05/2017 recensione film di Teresa Scarale

Sotto la guida del regista serbo, Monica Bellucci diventa Monica Bellucci, e ci riesce meravigliosamente

On the MIlky Road

La Via Lattea è il velo della Sposa. On The Milky Road – Sulla Via Lattea. C’è sempre qualcosa di evocativo nell’uso letterario del latte. Un elemento vitale, primario, spontaneo e necessario. E animale. Che sia quello che ci ostiniamo a vedere in cielo, un essudato vegetale, oppure una secrezione corporea, il latte è sempre indice di un palpito.

On the MIlky Road posterNell’ultimo film del regista balcanico Emir Kusturica, lattea è la via che percorre il fanciullo sessantenne Kosta (Kusturica stesso) per portare tutti i giorni dalla stalla il latte fresco ai soldati dell’esercito jugoslavo. Siamo infatti negli anni della Guerra, in un imprecisato lembo terrestre dei Balcani, accecante nella sua bellezza aspra e sensuale. Fuochi maligni solcano il cielo e il sentiero che Kosta percorre col suo fidato falco, incurante del pericolo. Il coprifuoco cadenza la vita sfrenata degli abitanti del luogo, famelici di musica trascinante, balli e passioni.

Uno di loro, un eroe di guerra, decide di prender moglie. Si tratta del bellicoso fratello della donna ossessivamente innamorata di Kosta. La prescelta, la “Sposa” (Monica Bellucci), è una donna italo-serba al suo secondo matrimonio. Prigioniera “liberata” all’uopo da un centro profughi, è soprattutto una donna che fugge dal passato. Bellissima e quietamente disillusa, la Sposa parla poco con le parole ma molto con l’armonioso biancore del suo corpo, e ancor di più con gli occhi profondi e scuri di mistero. Gli stessi occhi che si poseranno severi e indagatori su quelli guizzanti e cerulei di un Kosta brunito dal sole. Il contatto fra i due sarà Irréversible.

Presentato in anteprima mondiale allo scorso Festival Internazionale dell’arte Cinematografica di Venezia, Venezia 73, On the Milky Road per molti mesi non ha avuto incredibilmente distribuzione, e quasi a metà maggio è sbocciato nelle sale praticamente a sorpresa, senza il dovuto battage pubblicitario. In Italia soprattutto si è fatto un gran disquisire sulla presenza della Bellucci e sulle sue discusse capacità recitative. Ma Monica in questo lavoro non è che se stessa, una bellissima donna dal sapore maturo che si dona senza riserve al genio di Emir, il quale dal canto suo la ama moltissimo rispettandola, valorizzandola come attrice e come donna. Per citar Guccini, i critici e i personaggi austeri farebbero inoltre bene a valutare che la Bellucci per questo film ha imparato il serbo tanto da recitarci, è stata ammollo ore senza controfigure in pozzi e stagni variamente arricchiti di flora e fauna.

Ciò detto, On The Milky Road resta un film la cui potenza a tratti trasfigura nell’assoluto, al di là di ogni snobismo. Kusturica canta l’eternità dell’amore universale con levità, giocosamente. Dà vita senza reticenze ad una pellicola intrisa di francescanesimo, sensualità, fantasia. Nessuno dei protagonisti di quest’opera è “giovane”, ma non c’è traccia di vecchiezza alcuna nel film. Tutto ha un sapore fresco e incalzante, niente sa di sedimento. I sedimenti, quelli della vita, sono solo nel magnetismo reciproco delle anime di Kosta e della Sposa. Le “storie vere e le molte fantasie” che hanno partorito questo caleidoscopio terracqueo che è On The Milky Road sono i fili di un tessuto leggero come il velo della Sposa, che fluttua inafferrabile lungo tutto l’arco azzurro del film, perché azzurra è l’acqua che sempre offre riparo ai fuggitivi, azzurro è il cielo che unico mostra loro una libertà forse solo immaginabile.

L’orrore della guerra e la spietata bellezza della vita si rincorrono a perdifiato senza mai contaminarsi, quasi indifferenti l’una all’altro in un film che tiene lo spettatore avvinto allo schermo e lo lascia infine pervaso di un senso salvifico di gioia e poesia.

Di seguito il trailer ufficiale di On The Milky Road – Sulla Via Lattea, nelle sale dall’11 maggio:

alan moore
Azione & Avventura

Alan Moore: “Cinecomic grotteschi e pericolosi; Adam West il miglior Batman”

di Redazione Il Cineocchio

Lo scrittore e sceneggiatore inglese torna a criticare l'industria hollywoodiana e il concetto di supereroi pensati per un pubblico di maggiorenni; poi dice la sua sul Joker di Todd Phillips

Leggi
Azione & Avventura

Full trailer per Suburra, stagione 3: si prospetta un finale sanguinoso per la serie Netflix

di Redazione Il Cineocchio

La guerra per il potere a Roma raggiunge il suo apice violento per Aureliano, Spadino e Amedeo Cinaglia

Leggi
Hello world - Haro Warudo 3
Azione & Avventura

Hello World | La recensione del film animato di Tomohiko Ito (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Il regista della serie Erased dirige una teen romance standard e derivativa, che pur vanta alcuni buoni guizzi sci-fi

Leggi
Azione & Avventura

Mandibules | La recensione del film di Quentin Dupieux (Sitges 53)

di William Maga

Gregoire Ludig, David Marsais e Adèle Exarchopoulos sono gli stralunati protagonisti di una commedia on the road che vede al centro di tutto una mosca gigante

Leggi