Home » Cinema » Azione & Avventura » Recensione | Ore 15:17 – Attacco al treno di Clint Eastwood

5/10 su 802 voti. Titolo originale: The 15:17 to Paris, uscita: 02-02-2018. Budget: $30,000,000. Regista: Clint Eastwood.

Recensione | Ore 15:17 – Attacco al treno di Clint Eastwood

09/02/2018 recensione di Giovanni Mottola

In nome del cinema verità, tre eroi vengono chiamati a rifare sé stessi; funziona tutto, anche quegli aspetti che non funzionano

Fino ad oggi il regista Eastwood aveva rispecchiato appieno il personaggio incarnato dal Clint attore. Le poche parole e la continenza delle espressioni di quest’ultimo si erano sempre tradotte in film senza fronzoli e pieni di mestiere, atti a suscitare il sorriso e non la risata quando vogliono divertire o una commozione a ciglio asciutto quando virano al sentimentale. Tale ricerca della misura, unita al rigore del metodo di lavoro, hanno fatto la forza di Clint Eastwood e lo hanno reso un grande artigiano del cinema e delle emozioni che esso sa scatenare. Questa volta però, prima d’indossare il consueto grembiule da lavoro, egli si presenta in abito da Artista, del quale non siamo abituati a vederlo vestito. Non gli conoscevamo infatti quella genialità che lo ha indotto a raccontare la storia dell’attentato sventato il 21 agosto 2015 sul treno Amsterdam-Parigi servendosi come attori dei tre veri eroici protagonisti della vicenda. Questo esperimento va molto oltre quello tentato da Richard Linklater girando Boyhood nel corso di dodici anni per raccontare la crescita di un ragazzino in modo realistico. In questo caso il cinema sposa attualità e verità dei fatti perché Eastwood, più neorealista dei Re (cioè di Vittorio De Sica e Roberto Rossellini), non si limita a ricorrere ad attori non professionisti, ma li porta a interpretare esattamente sé stessi in alcuni momenti significativi per loro e per il mondo intero.

In questo modo Eastwood “make cinema great again“, adattando sì il mezzo al racconto della quotidianità delle vite vere di persone comuni, ma al tempo stesso marcando l’ovvia distanza da ogni operazione fai-da-te propria dell’epoca dei social network, non soltanto per la maestria del manico, ma anche per la grandezza del tema. Da un lato, per i tre ragazzi (Spencer Stone, Alek Skarlatos e Anthony Sadler) è stato difficile mostrare il proprio essere al mondo intero, rinunciando alla tipica maschera dell’attore, e rivivere catarticamente le sensazioni provate in un momento così delicato. Dall’altro lato, però, è stato facile perché hanno trovato la guida di un regista ormai molto pratico, dopo American Sniper (2014) e Sully (2016), nel raccontare storie di persone comuni che diventano eroi, e perché era per essi un idolo, grazie ai loro tanto amati Lo straniero senza nome e Impiccalo più in alto. La passione per la Storia, compresa quella militare, deve averli fatto familiarizzare subito con Eastwood il quale, dopo aver letto il libro autobiografico in cui hanno raccontato la vicenda (The 15:17 to Paris: The True Story of a Terrorist, a Train, and Three American Heroes) e aver deciso di farne un film, insoddisfatto dei primi casting ha avuto il guizzo di proporre a loro stessi il ruolo dei protagonisti. Per metterli a proprio agio li ha ripresi nelle loro chiacchierate, spesso senza copione, sfruttando l’inevitabile alchimia esistente tra persone che si conoscono fin dai tempi della scuola. Poi la vita li aveva allontanati: Stone all’Aeronautica Militare, Skarlatos nella Guardia Nazionale dell’Oregon e Sadler a studiare alla California State University di Sacramento. Si erano però sempre tenuti in contatto, fino a ritrovarsi fisicamente per un viaggio zaino in spalla in giro per l’Europa, con Parigi come ultima tappa. Che fino all’ultimo ha rischiato di essere annullata per i dubbi dei tre. Di tanto in tanto, Eastwood inserisce una sequenza flash di quello che accadrà alla fine perché, come da titolo, l’attacco al treno è il culmine di Ore 15:17 – Attacco al treno; esso parte però da lontano, raccontando l’adolescenza dei ragazzi, i loro problemi e la loro difficoltà di trovare un posto nel mondo. Poi vengono seguiti durante le tappe della loro vacanza in Europa, con scene che potrebbero apparire molto banali, ma devono essere lette secondo la chiave del realismo ricercato da Eastwood, che lo obbliga a mostrare tre ragazzi alle prese con le più ordinarie mete turistiche, come è capitato davvero.

Quello stesso realismo che lo ha poi indotto a ricostruire la lunghissima scena finale del treno utilizzando come attori di contorno il vero ferito, sua moglie e il loro compagno di viaggio, tutti entusiasti di far parte di Ore 15:17 – Attacco al treno. “Solo per la parte del terrorista abbiamo fatto ricorso a un attore, ma penso che anche lui avrebbe partecipato volentieri al film” ha scherzato Eastwood. Anche il treno non è ricostruito in un teatro di posa, come avrebbe fatto qualunque altro regista, ma è un vero treno Thalys che collega Amsterdam con Parigi (solamente preso a tratta invertita) che viaggia a trecento chilometri l’ora! Si può immaginare la difficoltà del regista, che torna qui a essere il grande artigiano che conosciamo, e del suo direttore della fotografia Tom Sterne nel girare le scene più importanti della pellicola in spazi angusti come i corridoi a quella velocità; di certo avranno fatto tesoro dell’esperienza accumulata con le riprese effettuate sull’aereo in Sully. Quel che si vede a partire da questo momento del film è in parte noto al pubblico, ma bisogna sottolineare anche la componente giocata dal Destino, che i ragazzi hanno saputo cogliere facendo la cosa giusta al momento giusto. Agevolati, certo, dalla loro esperienza in campo militare e di pronto soccorso; ma di sicuro non preparati a quel che sarebbe accaduto. Hanno agito d’impulso, come avrebbe potuto fare qualsiasi persona dotata di coraggio e senso di responsabilità.

La retorica che per una volta Eastwood non può fare a meno d’inserire con la vera scena finale della consegna della Legion d’Onore da parte del Presidente François Hollande non stona al cospetto di eroi capaci di mettersi in gioco una seconda volta come attori e i difetti che si possono trovare nella loro interpretazione o in altri aspetti del film (come per esempio la sceneggiatura) sono in realtà tutti voluti in nome della verità che Eastwood ha cercato e trovato, segnando un momento forse fondamentale per la storia del cinema. Anche se, a dirla tutta, c’è una pecca. Di non realistico infatti, c’è che degli squattrinati ragazzi che alloggiano in ostello vadano a pranzo al ristorante Gritti di Venezia e, per giunta, ordinino la pizza.

Di seguito il trailer italiano di Ore 15:17 – Attacco al treno, nei nostri cinema da oggi, 8 febbraio:

the boys serie amazon 2019
Azione & Avventura

Full trailer per The Boys: imprecazioni, splatter e dark humor per i ‘supereroi’ della serie Amazon

di Redazione Il Cineocchio

Simon Pegg e Karl Urban tra i protagonisti dello show originale che porta sul piccolo schermo in tutto il suo dissacrante splendore il fumetto di Garth Ennis e Darick Robertson

Leggi
Date Masamune statua
Azione & Avventura

Netflix prepara Age of Samurai: Battle for Japan, docu-serie sul daimyō Date Masamune

di Redazione Il Cineocchio

Presto gli abbonati conosceranno la vera storia del temibile e illuminato 'drago con un occhio solo'

Leggi
Rambo II - La vendetta (1985) film
Azione & Avventura

Recensione Story | Rambo 2 – La vendetta di George Pan Cosmatos

di William Maga

A tre anni dal primo capitolo, Sylvester Stallone veniva catapultato in Vietnam in un film che - con un attacco frontale - illustrava sul grande schermo la teoria della 'coltellata alla schiena' ai soldati americani

Leggi
comicsfest oliver onions movieland 2019
Azione & Avventura

Reportage ComicsFest 2019 | Due giorni tra fumetti, Oliver Onions e Movieland

di Sabrina Crivelli

Il resoconto della nostra visita alla rinnovata manifestazione tenutasi nel castello di Villafranca di Verona, del concerto dello storico duo e dell'avventurosa visita al parco dove le attrazioni si ispirano al mondo del cinema

Leggi
Forest Whitaker in Ghost Dog
Azione & Avventura

Jim Jarmusch: “Lavoro con RZA sulla serie TV di Ghost Dog”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista del film del 1999 ha rivelato il suo coinvolgimento nel progetto, parlando anche della possibilità di occuparsi della regia

Leggi
Russell Crowe e Sven-Ole Thorsen in Il Gladiatore (2000)
Azione & Avventura

Il Gladiatore 2: il film procede con Ridley Scott; dettagli sull’ambientazione

di Redazione Il Cineocchio

I produttori Walter F. Parkes e Laurie MacDonald hanno anche rivelato il nome dello sceneggiatore chiamato a scrivere il seguito del fortunatissimo lungometraggio del 2000 con Russell Crowe

Leggi
Emmett J. Scanlan lobo tv
Azione & Avventura

Lobo: si fa la serie TV dedicata al mercenario DC; sarà lo spin-off di Krypton

di Redazione Il Cineocchio

Mentre il film della Warner Bros. è ancora nel limbo, SyFy annuncia i dettagli del prossimo show, dedicato interamente allo sboccato cacciatore di taglie intergalattico

Leggi
Stellone Escape Plan The Extractors (2019)
Azione & Avventura

Trailer red band per Escape Plan 3: L’ultima sfida, l’evasione è una questione personale per Sylvester Stallone

di Redazione Il Cineocchio

Nel terzo capitolo della saga action, diretto da John Herzfeld, la star imbastirà una nuova evasione impossibile con Dave Bautista, per salvare l'amata Jaimie King

Leggi
oliver onions villafranca verona 2019
Azione & Avventura

Intervista | Maurizio De Angelis (Oliver Onions): “Oggi non è più divertente fare le colonne sonore”

di Alessandro Gamma

Il musicista, nuovamente in tour per l'Europa col fratello Guido, ci ha parlato di come siano cambiati i tempi, del perché non ha mai scritto nessun pezzo per un film horror e quali sono i tre temi musicali recenti che ha adorato

Leggi
Arnold Schwarzenegger e John Milius in Conan il barbaro (1982)
Azione & Avventura

Tra le pieghe del tempo | John Milius nel 1982 su Conan: “Ispirato da Akira Kurosawa, Miyamoto Musashi e Gengis Khan”

di Redazione Il Cineocchio

Promuovendo il film, il regista e il protagonista Arnold Schwarzenegger parlavano del loro approccio al personaggio, decisamente meno superficiale di quanto sembrasse

Leggi
Azione & Avventura

The Kid | La recensione del western con Chris Pratt e Ethan Hawke

di William Maga

Vincent D'Onofrio torna alla regia per un western che racconta malinconicamente la due facce di una leggenda

Leggi
Scott Adkins e Nick Moran in Avengement (2019)
Azione & Avventura

Avengement | La recensione dell’action crime con Scott Adkins

di Francesco Chello

L'attore britannico picchia come un dannato nel film di Jesse V. Johnson, dimostrando ancora una volta di meritarsi un posto tra i big del genere

Leggi
Domino brian de palma film
Azione & Avventura

Trailer italiano e data di uscita per Domino di Brian De Palma

di Redazione Il Cineocchio

Nel crime thriller del regista 78enne girato in Europa ci sono Nikolaj Coster-Waldau, Guy Pearce e Carice van Houten

Leggi
Jodie Foster e Dave Bautista in Hotel Artemis (2018)
Azione & Avventura

Hotel Artemis | La recensione dell’action di Drew Pearce con Jodie Foster

di William Maga

Il regista esordisce dietro alla mdp con un divertissement visivamente accattivante che strizza l'occhio a John Wick, ma si scorda di dare adeguato spessore ai suoi troppi personaggi

Leggi
Cold Blood Legacy film jean reno
Azione & Avventura

Trailer per Cold Blood: Jean Reno è un ex sicario che deve tornare in azione

di Redazione Il Cineocchio

C'è anche Sarah Lind nel thriller francese diretto dall'esordiente Frédéric Petitjean girato tra le nevi dei Carpazi

Leggi
Ma

Ma

27-06-2019

Lucania - Terra Sangue e Magia

Lucania - Terra Sangue e Magia

20-06-2019

Sir - Cenerentola a Mumbai

Sir - Cenerentola a Mumbai

20-06-2019

La prima vacanza non si scorda mai

La prima vacanza non si scorda mai

20-06-2019

Anna

Anna

20-06-2019

Arrivederci professore

Arrivederci professore

20-06-2019

Rapina a Stoccolma

Rapina a Stoccolma

20-06-2019

RECENSIONE

The Elevator

The Elevator

20-06-2019

La bambola assassina

La bambola assassina

19-06-2019

Christo - Walking on water

Christo - Walking on water

16-06-2019

Shelter: Addio all'Eden

Shelter: Addio all'Eden

14-06-2019

Il grande salto

Il grande salto

13-06-2019

Soledad

Soledad

13-06-2019

I morti non muoiono

I morti non muoiono

13-06-2019

RECENSIONE

Climax

Climax

13-06-2019

RECENSIONE

Blue My Mind - Il segreto dei miei anni

Blue My Mind - Il segreto dei miei anni

13-06-2019

Beautiful Boy

Beautiful Boy

13-06-2019

Dicktatorship - Fallo e basta!

Dicktatorship - Fallo e basta!

10-06-2019