Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione Story | Picnic ad Hanging Rock di Peter Weir

7/10 su 253 voti. Titolo originale: Picnic at Hanging Rock, uscita: 02-09-1975. Regista: Peter Weir.

Recensione Story | Picnic ad Hanging Rock di Peter Weir

11/06/2018 di Sabrina Crivelli

La visionaria pietra miliare del cinema australiano del 1975 ci proietta in una natura sublime e spaventosa, scenario di un insolubile mistero

Dopo il folle e grottesco Le macchine che distrussero Parigi (The Cars That Ate Paris), nel 1975  il visionario Peter Weir confezionò un altrettanto surreale film, Picnic ad Hanging Rock (Picnic at Hanging Rock), tratto piuttosto liberamente dal romanzo omonimo della scrittrice australiana Joan Lindsay pubblicato nel 1967. Dramma dai risvolti thriller e misteriosi, costituisce uno dei più noti e significativi esempi di cinema anni ’70 australiano, nonché uno dei primissimi a permettere di conoscere fuori dal continente la produzione autoctona e perciò particolarmente rilevante.

La storia ha inizio il 14 febbraio 1900, il giorno di San Valentino, quando un gruppo di studentesse del’aristocratico collegio Appleyard si recano in gita con le loro insegnanti nei pressi del suggestivo gruppo roccioso dell’Hanging Rock, vicino a Melbourne in Australia. Sara, invece, piccola orfana e ospite della medesima struttura, viene esclusa per punizione. Miranda (Anne Lambert), si allontana dal gruppo per una breve esplorazione seguita dalle amiche Marion (Jane Vallis) e Irma (Karen Robson), ricca ereditiera, e dalla più giovane e rubiconda Edith (Christine Schuler). Mentre le altre cadono tutte misteriosamente in un sonno profondo, le tre avventurose fanciulle si inerpicano e d’un tratto speriscono nel nulla; solo l’impacciata Edith, che le seguiva a una certa distanza, torna indietro urlando e in preda al terrore. Oltre alle giovani si perdono le tracce anche di un’insegnante, Greta McCraw (Vivean Gray). Trascorrono i giorni e delle disperse non v’è traccia, tanto che ormai si abbandonano le speranze. Unico a insistere è Michael Fitzhubert (Dominic Guard) che, dopo aver scorto a distanza Miranda e le compagne, è ossessionato dalla bellezza di lei e scortato dal servitore Albert (John Jarrett) torna tra quelle montagne per proseguire da solo le ricerche. E’ proprio in tale frangente che i due s’imbattono in Irma, che a parte qualche lieve graffio pare in ottima salute e viene soccorsa. Il mistero così s’infittisce ulteriormente, lasciando le collegiali, la severa istitutrice Mrs. Appleyard (Rachel Roberts) e gli altri membri del corpo docenti, profondamente scossi.

Cosa sarà davvero successo a Miranda e alle altre? L’interrogativo al centro di Picnic ad Hanging Rock è in fondo un pretesto per esplorare le dinamiche e i dettami sociali della rigida società vittoriana in Australia, calandoli in un’atmosfera tesa e misterica. Tuttavia molto differente è la maniera in cui il discorso viene affrontato nell’originale cartaceo e nella versione filmica. Da una parte, quello che si potrebbe definire un romanzo “gotico – naturalista” cela tra le righe il senso di oppressione soprattutto femminile che vigeva a cavallo tra XIX e XX secolo ed è ammantato della Lindsay da un’aura di verisimiglianza: il testo è infatti comprensivo di un prologo e un’epilogo che indurrebbero a pensare a una storia vera. Non si tratta però di un fatto di cronaca, ma solo di finzione letteraria, sebbene la scrittrice poco abbia fatto per smentire le voci che sostenevano il contrario. Anni dopo, però,  l’autrice stessa ha raccontato che l’idea per il libro gli venne da un sogno molto vivido, dopo il quale ne iniziò la sua stesura e lo portò a compimento in un paio di settimane.

Nel film di Peter Weir, invece, assai meno immediato è il contrasto tra la natura australiana, libera e selvaggia, e la soffocante etichetta dei colonizzatori britannici, ma ciò non significa che sia assente; è semplicemente espresso in altro modo. Il materiale originario viene del tutto reimmaginato nel copione scritto da Beatrix Christian, privato pressoché di tutti gli elementi di sotteso attrito che erano disseminati nel libro. La narrazione si nutre invece di molteplici suggestioni, immateriali quanto fascinose, in uno sviluppo assai affine ad altri titoli della filmografia anni ’70. Non è un percorso logico, razionale, che viene portato sullo schermo, ma onirico e in molte parti oscuro, fatto di segnali e presagi. L’epicentro, il contrasto tra la natura e la civiltà è espresso allora in un percorso simbolico, in cui le protagoniste assumono loro stesse quasi i contorni di creature ultraterrene, di ninfe o angeli, Miranda è addirittura definita da Mlle. de Poitiers (Helen Morse), un “angelo del Botticelli”. Allo stesso modo i luoghi circostanti si fanno irreali, trascendenti, meravigliosi e agghiaccianti, le pareti rocciose paiono attirare al loro interno le fanciulle per poi fagocitarle. La sequenza della scomparsa delle ragazze, d’altra parte, è catturata dall’occhio della macchina da presa in maniera alienante, i movimenti di macchina labirintici, la messa a fuoco e la fotografia stranianti sembrano proiettarci in uno stato di tranche bacchico, in cui un gruppo di adepte si votano a una entità panica e antica, quella che soggiace nella montagna stessa, sublimando. L’arcano lascia pietrificati coloro che rimangono, terrorizzati dalla sturmeriana incombenza naturale, contro cui l’uomo, piccolo e misero, nulla può se non sentirsi impotente.

E la forma traduce perfettamente la sostanza. In Picnic ad Hanging Rock Peter Weir mostra tutta la propria originalità, sfidando le convenzioni stilistiche come diegetiche del cinema in costume e mettendo invece in scena una vera e propria visione, dilatata per quasi due ore. Viene abbandonata la pretesa di realismo nel catturare le studentesse del collegio Appleyard, che grazie alla fotografia di Russell Boyd paiono più delle apparizioni nei loro abbaglianti vestiti bianchi, quasi teorie di figure allegoriche preraffaellite o simboliste, la cui vera essenza è però indefinibile e ineffabile, sfugge alla telecamera il vero segreto della loro bellezza. I dialoghi, allo stesso tempo, sono lirici, altamente evocativi, ma nulla spiegano, frasi sibilline che lasciano lo spettatore ancora più stranito e confuso, gli trasmettono tutta l’inquietudine di cui sono intrisi la storia e i luoghi in cui è ambientata. L’idea romantica di natura selvaggia assume quindi connotati mostruosi e affascinanti, quando inquadrata dal basso, la Hanging Rock (le riprese sono realizzate proprio nel promontorio del titolo, oltre che a a Martindale Hall, nell’Australia Meridionale, per le scene nel collegio) sembra ancora più imponente e i suoi contorni sfarfallano alla luce del sole, concrezione geologica che combina tratti naturali e ultraterreni. D’altronde, la sospensione tra realtà e sovrannaturale caratterizza il film per intero e il finale, marcatamente ambiguo, rafforza in chi guarda il senso di smarrimento profondo.

In realtà, l’epilogo fu inizialmente rimosso anche dal volume della Lindsay per volontà del suo editore, così da mantenere il dubbio su cosa realmente fosse accaduto e migliorare così auspicabilmente le vendite suscitando l’interesse del pubblico. Dopo la propria morte, avvenuta nel 1984, la scrittrice aveva previsto nelle proprie volontà che il capitolo venisse in ultimo pubblicato, fatto che avvenne effettivamente nel 1987, con il titolo The Secret of Hanging Rock. Non sarà in questa sede specificata la suggestiva soluzione del mistero, che rimanda a una antica dimensione alternativa, ma la lettura del diciottesimo capitolo mancante non aggiunge nulla di particolarmente esaltante all’insieme e, anzi, la sua assenza è forse più auspicabile …

Pietra miliare della cinematografia australiana che sa tradurre per immagini un testo ermetico e affascinante, Picnic ad Hanging Rock di Peter Weir risce quindi a cristallizzare in una successione di fotogrammi la disarmante bellezza della natura australiana e il suo insoluto e primitivo enigma, che si staglia contro la soffocante civilizzazione.

Di seguito trovate il trailer ufficiale:

Vivean Gray
Helen Morse
Kirsty Child
Jacki Weaver
Rachel Roberts
Tony Llewellyn-Jones
Karen Robson
Jane Vallis
Christine Schuler
Margaret Nelson
Ingrid Mason
Jenny Lovell
Janet Murray
Wyn Roberts
Dominic Guard
John Jarratt
Olga Dickie
Anne-Louise Lambert
Peter Collingwood
Horror & Thriller

Nel trailer di The Final Wish, un Jinn avvera desideri a caro prezzo

di Redazione Il Cineocchio

Nell'horror diretto da Timothy Woodard Jr. ci sono Tony Todd, Lin Shaye e Spencer Locke

Leggi
cold skin la casa 2 detective dee re celesti blu-ray
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Cold Skin + La Casa 2 + Detective Dee e i quattro re celesti

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni italiane della favola dark di Xavier Gens, del classico di Sam Raimi restaurato e della terza fanta-indagine dell'investigatore più famoso di Cina diretta da Tsui Hark

Leggi
St. Agatha film bousman
Horror & Thriller

Nel trailer di St. Agatha, un convento è luogo di peccato e tremende pratiche

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Darren Lynn Bousman torna sulle scene con un horror che intende reinventare il sottogenere nunsploitation

Leggi
One Must Fall film Antonio Pantoja
Horror & Thriller

Nel trailer di One Must Fall, un macellaio maniaco tortura le sue prede

di Redazione Il Cineocchio

Allo slasher che segna il debutto del regista e sceneggiatore Antonio Pantoja ha partecipato anche Lloyd Kaufman della Troma

Leggi
the void il vuoto film poster
Horror & Thriller

Steven Kostanski su The Void: “Molte idee per un sequel, ma dipende dai produttori”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha parlato del possibile secondo capitolo - richiesto a gran voce dai fan - del suo horror del 2016, tra speranze e incertezze

Leggi
voorhees Cody Faulk fan film
Horror & Thriller

Full trailer per Voorhees, ambizioso fan film di Venerdì 13

di Redazione Il Cineocchio

Finalmente pronto dopo due anni il progetto diretto da Cody Faulk, che ha promesso il capitolo più dark e violento della saga slasher

Leggi
peter jackson set splattes 1992
Horror & Thriller

Peter Jackson: “Pronto a disgustare il pubblico in modi nuovi, come agli inizi”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista neozelandese ha ammesso che non sarebbe contrario a scioccare ancora gli spettatori, come già fatto ai tempi con Fuori di testa e Splatters

Leggi
Horror & Thriller

Teaser, trama e cast per 47 Meters Down: Uncaged, tra gli squali bianchi in Brasile

di Redazione Il Cineocchio

Dopo l'inaspettato successo del primo film, Johannes Roberts torna in regia per un sequel che intende scavare ancora più a fondo nelle paure ancestrali dei suoi protagonisti

Leggi
glass shyamalan film
Horror & Thriller

Nel terzo trailer di Glass, i cattivi fanno squadra per fuggire dalla prigionia

di Redazione Il Cineocchio

Toccherà a Bruce Willis fermare Samuel L. Jackson e 'la Bestia' James McAvoy nel terzo film della trilogia fanta-horror di M. Night Shyamalan che reinventa il genere dei supereroi

Leggi
Dreadout Tower Of Hell film
Horror & Thriller

Il trailer di Dreadout: Tower of Hell ci trasporta in un mondo di demoni e mostri

di Redazione Il Cineocchio

L'indonesiano Kimo Stamboel torna alla regia con l'adattamento per il cinema di un noto videogioco horror locale

Leggi
Horror & Thriller

Trama ufficiale, poster, data di uscita e cast per Us, horror di Jordan Peele

di Redazione Il Cineocchio

Dopo l'incredibile e inaspettato successo di Scappa - Get Out, il regista, sceneggiatore e produttore è pronto a tornare sulle scene con un nuovo film del terrore impegnato socialmente

Leggi
casa delle bambole ghostland
Horror & Thriller

La casa delle bambole – Ghostland: interpretazione del film di Pascal Laugier

di Redazione Il Cineocchio

Proviamo a fare chiarezza nell'horror scabroso e allucinato diretto dal regista francese, che getta le sue protagoniste in un incubo perverso dove realtà e immaginazione scarsamente scindibili

Leggi
ed gein arresto
Horror & Thriller

Dossier | Ed Gein: quando il cinema attinge dalla cronaca nera più raccapricciante

di Sabrina Crivelli

Ripercorriamo le vicende del 'macellaio di Plainfield', che con le sue raccapriccianti usanze ha ispirato film come Psyco, Il silenzio degli innocenti e Non aprite quella porta

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di BrightBurn, l’angelo del male si schianta sulla Terra (produce James Gunn)

di Redazione Il Cineocchio

Svelato il misterioso progetto annunciato nei mesi scorsi che fonde supereroi e horror alla maniera atipica del regista di Guardiani della Galassia; dirige David Yarovesky, guida il cast Elizabeth Banks

Leggi
Chloë Sevigny e Kristen Stewart in Lizzie (2018)
Horror & Thriller

Recensione | Lizzie di Craig William Macneill

di William Maga

Kristen Stewart e Chloë Sevigny sono al centro di un biopic troppo libero e sciatto che prova a spruzzare di thriller una vicenda che ormai da tempo non ha più nulla di nuovo da dire

Leggi
ഒടിയന്‍

ഒടിയന്‍

T. originale: ഒടിയന്‍

Data di uscita: 14-12-2018

Voto medio: 8 su 2 voti
Il testimone invisibile

Il testimone invisibile

T. originale: Il testimone invisibile

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 9 su 1 voti
Capri-Revolution

Capri-Revolution

T. originale: Capri-Revolution

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 7 su 3 voti
Lontano da qui

Lontano da qui

T. originale: The Kindergarten Teacher

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 6 su 42 voti
Un piccolo favore

Un piccolo favore

T. originale: A Simple Favor

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 6 su 453 voti
Macchine mortali

Macchine mortali

T. originale: Mortal Engines

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 6 su 85 voti

RECENSIONE

La donna elettrica

La donna elettrica

T. originale: Kona fer í stríð

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 7 su 33 voti
Dinosaurs

Dinosaurs

T. originale: Dinosaurs

Data di uscita: 10-12-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Calcutta - Tutti in Piedi

Calcutta - Tutti in Piedi

T. originale: Calcutta - Tutti in piedi

Data di uscita: 10-12-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Natale a 5 stelle

Natale a 5 stelle

T. originale: Natale a cinque stelle

Data di uscita: 07-12-2018

Voto medio: 4 su 27 voti
Santiago, Italia

Santiago, Italia

T. originale: Santiago, Italia

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 7 su 2 voti
La prima pietra

La prima pietra

T. originale: La prima pietra

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 6 su 1 voti
Sulle sue spalle

Sulle sue spalle

T. originale: On Her Shoulders

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 0 su 1 voti
La casa delle bambole - Ghostland

La casa delle bambole - Ghostland

T. originale: Ghostland

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 7 su 415 voti

RECENSIONE

Non ci resta che vincere

Non ci resta che vincere

T. originale: Campeones

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 7 su 140 voti
Colette

Colette

T. originale: Colette

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 7 su 39 voti
Alpha - Un'amicizia forte come la vita

Alpha - Un'amicizia forte come la vita

T. originale: Alpha

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 5 su 704 voti
Il castello di vetro

Il castello di vetro

T. originale: The Glass Castle

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 7 su 271 voti