Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione | Prodigy di Alex Haughey e Brian Vidal

6/10 su 36 voti. Titolo originale: Prodigy, uscita: 04-03-2017. Regista: Brian Vidal.

Recensione | Prodigy di Alex Haughey e Brian Vidal

14/03/2018 di Sabrina Crivelli

Savannah Liles è una giovane paziente con abilità straordinarie nel thriller che introduce un nuovo e più introspettivo sguardo sui superpoteri e su chi li possiede

Molte sono le prospettive con cui può essere affrontato il tema supereroistico, o quantomeno il discorso della delicata convivenza tra individui dotati di superpoteri e uomini normali. Già in X-Men la coesistenza dei mutanti con tutti gli altri esseri umani era una problematica centrale, con tanto di emarginazione, esperimenti su coloro che erano diversi e comprensibili reazioni di questi ultimi. Il tutto, però, nelle pagine del fumetto come nei capitoli dei cinecomic, era inserito in un vortice d’azione e di pirotecnici effetti speciali. Eppure ci sono approcci diversi, più intimistici, come la declinazione decisamente indie che ne danno Alex Haughey e Brian Vidal in Prodigy. Il duo, che oltre ad aver diretto il thriller con derive paranormali ne ha anche steso la sceneggiatura, mostra infatti il duplice volto di un soggetto che ha facoltà straordinarie, quello umano e quello terrificante, e soprattutto sceglie per mettere in scena tale dicotomia quella che sembra un’innocua ragazzina dai capelli rossi.

La trama è piuttosto elementare (d’altro canto la complessità dell’intreccio non è certo un elemento essenziale di Prodigy): uno psicologo, James Fonda (Richard Neil), con un tragico passato alle spalle è contattato da una collega ed ex compagna di studi, Olivia (Jolene Andersen), per dare un proprio parere su un caso top secret ed è condotto in una misteriosa struttura governativa. Qui una variegata equipe di scienziati è in procinto di decidere della morte di un pericoloso prigioniero: Ellie (Savannah Liles), una bambina in età scolare dall’intelligenza decisamente sopra la media e dagli atteggiamenti piuttosto antisociali. Inizialmente James, che non ha letto la cartella medica volendo evitare di essere influenzato dall’altrui opinione, è assai perplesso quando vede la paziente seduta davanti a lui, con tanto di camicia di forza, maschera alla Hannibal Lecter e polsi legati. Tuttavia l’aspetto è ingannevole e la giovane, oltre a mostrare un atteggiamento spavaldo e a tratti molto ostile, cela un terrificante e sorprendente potere, motivo per cui è stata rinchiusa in quella sorta di fredda e solitaria prigione. Lo psichiatra sarà dunque in grado di far emergere l’umanità della piccola e dimostrare ai colleghi le sue fragilità, o la protagonista verrà percepita come del tutto inumana, quindi un rischio troppo grande per essere lasciata in libertà, o solo in vita?

Se quindi affine è al nucleo centrale di X-Men la riflessione sul diverso, sulla paura che può suscitare ciò che non è controllabile e percepito perciò come minaccia, assai differente è il modo con cui viene sviluppata. Film dal budget palesemente inferiore alla serie di blockbuster tratti dalle strisce Marvel, Prodigy evita del tutto la spettacolarità e, a parte qualche limitata parentesi, limita al minimo gli effetti speciali, che sono comunque strettamente funzionali alla narrazione. Lo scenario è perciò minimale, tutto è collocato in un paio di grigie e vuote stanze di un anonimo edificio governativo (che perfettamente rispecchia l’immaginario collettivo a riguardo). Il luogo trasmette subito però un senso di angoscia e di claustrofobia; non stupisce la rabbia covata dalla prigioniera, il suo distacco verso gli altri, che perlopiù sono in ultimo degli ostili carcerieri ai suoi occhi. L’azione è altrettanto ridotta, a parte pochi apici posti nei giusti momenti di pathos, l’intero sviluppo potrebbe essere descritto come un lungo e teso scambio di battute, inframezzato da limitati intervalli di frenesia a cui si arriva in un crescendo preparato sempre dalle parole. Di tanto in tanto, un’improvvisa esplosione rompe il ritmo dato solamente dal dialogo serrato, e in tal caso vengono realizzati discreti effetti speciali, limitati però a movimenti di oggetti – ma non solo – più o meno violenti. Chi è alla ricerca di un film dalla CGI o dai combattimenti scenografici e sorprendenti rimarrà certo deluso dal minimalismo che invece qui vige. Similmente non vi sono particolari colpi di scena, lo sviluppo è lineare e può portare, inevitabilmente, solo a due possibili epiloghi, antitetici tra loro.

Si tratta invece di una lunga seduta psicanalitica tra un terapista specializzato in psichiatria infantile e una bambina problematica, in cui si sospetta una grave forma di sociopatia. Siamo di fronte infatti a sessione un po’ alla In Treatment, che non è somministrata però in un ambiente convenzionale e in cui la paziente è indiscutibilmente fuori dal comune, un sorta di versione telecinetica della kinghiana “Charlie” McGee di L’incendiaria. Il lato quindi qui più riuscito, nonché quello su cui si sono palesemente concentrati Alex Haughey e Brian Vidal, non è quello paranormale, ma è l’indagine interiore. In un percorso raffinato viene allora rivelata lentamente la psicologia dei personaggi, i loro dolorosi regressi, i sensi di colpa e la reale origine delle loro azioni. E’ un flusso scambievole, che coinvolge James e Ellie, che li accomuna profondamente e che incanta lo spettatore con dialoghi dal livello decisamente alto. Essenziale è perciò in Prodigy la performance dei due protagonisti Richard Neil e Savannah Liles, che riescono a far pendere letteralmente il pubblico dalle loro labbra. Notevole è, soprattutto vista l’età, la recitazione dell’attrice, che riesce facilmente a passare dal tono aggressivo e derisorio, a quello spaesato e spaventato, o profondamente triste, dando concretezza all’articolata e ambivalente personalità del personaggio che interpreta. 

Decisamente affascinante per il suo fosco intimismo, Prodigy fornisce quindi un punto di vista inedito e più intellettualistico al superomistico, accostandosi così a pellicole come Morgan di Luke Scott o come l’ottimo Ex Machina di Alex Garland (seppur con le debite differenze), non eguagliando purtroppo però quest’ultimo nel finale, che nel film di Alex Haughey e Brian Vidal è un po’ troppo semplicistico viste le argute premesse.

Di seguito trovate il trailer ufficiale:

Richard Neill
Savannah Liles
Jolene Anderson
Emilio Palame
David Linski
Harvey Q. Johnson
Penelope Figueroa
Alex Matthew
Aral Gribble
Avery Barkdull
Trevor Castillo
Markus Haskins
Christina Holder
Horror & Thriller

Nel trailer di Dead Trigger, Dolph Lundgren affetta un’orda di zombi

di Redazione Il Cineocchio

Il biondo attore se la dovrà vedere con una città infestata da non morti nell'adattamento dell'omonimo videogioco survival horror

Leggi
joe pilato dal tramonto all'alba 1991
Horror & Thriller

Joseph ‘Joe’ Pilato: quando fu Seth Gecko nel concept trailer di Dal Tramonto all’Alba

di Redazione Il Cineocchio

L'attore 'feticcio' di George A. Romero, scomparso ieri a 70 anni, interpretò per primo già nel 1991 il ruolo poi finito a George Clooney, sotto la regia di Robert Kurtzman

Leggi
Lauryn Canny darlin' film
Horror & Thriller

Darlin’ | La recensione dell’horror di Pollyanna McIntosh (SXSW 2019)

di William Maga

La protagonista di Offspring e The Woman esordisce dietro alla mdp per un terzo film molto ambizioso e pregno di contenuti, ma tonalmente altalenante e irrisolto

Leggi
bruce lee e sharon tate set
Horror & Thriller

Dossier | Bruce Lee e il suo coinvolgimento nell’omicidio di Sharon Tate

di Redazione Il Cineocchio

Ripercorriamo l'incredibile vicenda che portò il 'piccolo drago' ad essere sospettato per qualche tempo da Roman Polanski dell'assassinio della moglie e dei suoi amici

Leggi
THREE IDENTICAL STRANGERS documentario
Horror & Thriller

Three Identical Strangers | Recensione del documentario shock di Tim Wardle

di William Maga

Il regista ripercorre uno dei casi di cronaca USA più clamorosi degli anni '80, che dietro alla patina da 'favola Disney' celava inimmaginabili segreti con ripercussioni tragiche per gli interessati

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Cut Off, thriller tedesco tra autopsie, serial killer e messaggi cifrati

di Redazione Il Cineocchio

Il regista tedesco Christian Alvart torna sulle scene con l'adattamento dell'omonimo bestseller di Sebastian Fitzek e Michael Tsokos

Leggi
Slaughterhouse Rulez (2018) - 2
Horror & Thriller

Slaughterhouse Rulez | Recensione della horror comedy con Simon Pegg e Nick Frost

di Sabrina Crivelli

A 6 anni dall'esordio, il londinese Crispian Mills torna dietro alla mdp per un film grottesco e dal cast eccezionale (ci sono anche Margot Robbie e Michael Sheen), che abilmente unisce satira, mostri e gore

Leggi
helen hunt i see you film
Horror & Thriller

I See You | La recensione del thriller con Helen Hunt (SXSW 2019)

di Sabrina Crivelli

Il regista inglese Adam Randall torna sulle scene con un thriller psicologico dai molteplici colpi di scena e dalla sceneggiatura a incastro, che ribalta costantemente le aspettative del pubblico

Leggi
Kyra Sedgwick, Jeffrey Donovan, Bill Skarsgård, e Maika Monroe in Villains (2019)
Horror & Thriller

Villains | La recensione del film con Bill Skarsgård e Maika Monroe (SXSW 2019)

di Sabrina Crivelli

I registi - e sceneggiatori - Dan Berk e Robert Olsen tornano sulle scene con una dark comedy bizzarra dal registro incerto, che diverte ma non spaventa

Leggi
limbo film Soi Cheang
Horror & Thriller

Trailer per Limbo di Soi Cheang: c’è un serial killer a piede libero a Hong Kong

di Redazione Il Cineocchio

A oltre 10 anni da Dog Bite Dog, il regista torna al thriller più cupo affidandosi all'esperienza e al carisma di Gordon Lam

Leggi
pet e antisocial blu-ray
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Pet + Antisocial 1 e 2

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni italiane del thriller con Dominic Monaghan e dei due horror epidemici diretti da Cody Calahan

Leggi
c'era una volta a hollywood tarantino film
Horror & Thriller

Trailer per C’era una volta a Hollywood: interviste, Charles Manson e Bruce Lee!

di Redazione Il Cineocchio

Leonardo DiCaprio, Brad Pitt e Margot Robbie tra i protagonisti del crime thriller di Quentin Tarantino, che ricostruisce gli ultimi momenti dell'età dell'oro della Los Angeles di fine anni '60

Leggi
red 11 film robert rodriguez
Horror & Thriller

Red 11 | La recensione del film horror di Robert Rodriguez (SXSW 2019)

di Alessandro Gamma

Dopo i fasti di Alita, il regista texano torna alle origini con un mini-film costato solo 7.000 dollari e girato in 14 giorni, bigino di cinema indipendente creativo che si rivolge ai giovani filmmaker

Leggi
una preghiera prima dell'alba + red blu-ray
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Una preghiera prima dell’alba + Red (2008)

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni italiane del biopic drammatico carcerario di Jean-Stéphane Sauvaire e del revenge thriller che adatta l'omonimo romanzo di Jack Ketchum

Leggi
Body At Brighton Rock film
Horror & Thriller

Il trailer di Body at Brighton Rock ci fa perdere nei boschi, tra cadaveri e orsi

di Redazione Il Cineocchio

La regista Roxanne Benjamin torna sulle scene con un survival thriller boschivo che vede protagonista Karina Fontes

Leggi
Likemeback

Likemeback

T. originale: Likemeback

Data di uscita: 28-03-2019

Voto medio: 0 su 0 voti
Border - Creature di confine

Border - Creature di confine

T. originale: Gräns

Data di uscita: 28-03-2019

Voto medio: 6 su 79 voti
Fratelli nemici

Fratelli nemici

T. originale: Frères Ennemis

Data di uscita: 28-03-2019

Voto medio: 6 su 28 voti
Una Giusta Causa

Una Giusta Causa

T. originale: On the Basis of Sex

Data di uscita: 28-03-2019

Voto medio: 7 su 82 voti
Dumbo

Dumbo

T. originale: Dumbo

Data di uscita: 28-03-2019

Voto medio: 4 su 10 voti
My Hero Academia the Movie: The Two Heroes

My Hero Academia the Movie: The Two Heroes

T. originale: 僕のヒーローアカデミア THE MOVIE ~2人の英雄

Data di uscita: 23-03-2019

Voto medio: 8 su 89 voti
Captive State

Captive State

T. originale: Captive State

Data di uscita: 23-03-2019

Voto medio: 4 su 31 voti

RECENSIONE

La notte è piccola per noi

La notte è piccola per noi

T. originale: La notte è piccola per noi

Data di uscita: 21-03-2019

Voto medio: 0 su 0 voti
Ed è subito sera

Ed è subito sera

T. originale: Ed è subito sera

Data di uscita: 21-03-2019

Voto medio: 0 su 0 voti
Scappo a casa

Scappo a casa

T. originale: Scappo a casa

Data di uscita: 21-03-2019

Voto medio: 4 su 10 voti
L'Eroe

L'Eroe

T. originale: L'eroe

Data di uscita: 21-03-2019

Voto medio: 8 su 1 voti
Dafne

Dafne

T. originale: Dafne

Data di uscita: 21-03-2019

Voto medio: 7 su 1 voti
Ricordi?

Ricordi?

T. originale: Ricordi?

Data di uscita: 21-03-2019

Voto medio: 9 su 7 voti
The Prodigy - Il figlio del male

The Prodigy - Il figlio del male

T. originale: The Prodigy

Data di uscita: 21-03-2019

Voto medio: 6 su 42 voti
A un metro da te

A un metro da te

T. originale: Five Feet Apart

Data di uscita: 21-03-2019

Voto medio: 8 su 78 voti
Instant Family

Instant Family

T. originale: Instant Family

Data di uscita: 21-03-2019

Voto medio: 7 su 474 voti
Peppermint - L'angelo della vendetta

Peppermint - L'angelo della vendetta

T. originale: Peppermint

Data di uscita: 21-03-2019

Voto medio: 6 su 567 voti

RECENSIONE

Il venerabile W.

Il venerabile W.

T. originale: Le vénérable W.

Data di uscita: 21-03-2019

Voto medio: 5 su 15 voti
Un viaggio indimenticabile

Un viaggio indimenticabile

T. originale: Head Full of Honey

Data di uscita: 21-03-2019

Voto medio: 6 su 6 voti
La conseguenza

La conseguenza

T. originale: The Aftermath

Data di uscita: 21-03-2019

Voto medio: 5 su 10 voti
Il professore e il pazzo

Il professore e il pazzo

T. originale: The Professor and the Madman

Data di uscita: 21-03-2019

Voto medio: 7 su 24 voti
Peterloo

Peterloo

T. originale: Peterloo

Data di uscita: 21-03-2019

Voto medio: 7 su 10 voti