Home » Cinema » Horror & Thriller » [recensione Sitges 50] La Settima Musa di Jaume Balagueró

6/10 su 80 voti. Titolo originale: Muse, uscita: 29-11-2017. Regista: Jaume Balagueró.

[recensione Sitges 50] La Settima Musa di Jaume Balagueró

di William Maga

Il regista spagnolo adatta in maniera confusa e poco immaginifica un romanzo di José Carlos Somoza, sfruttando male l'affascinante materiale di partenza

Proiettato nella Sezione Ufficiale Ufficiale fuori concorso al recente Sitges Film Festival, La Settima Musa (Musa) è il film con cui Jaume Balagueró torna a esplorare i territori dell’horror e della suspense meno truculenta a tre anni da [REC] 4: Apocalipsis. Ambientato nella grigia Irlanda, la premessa è di quelle decisamente interessanti: scoprire come le Muse, che da sempre incoraggiano e ispirano i grandi scrittori della storia, decidano poi allo stesso modo di tormentarli senza sosta.

musa balaguero film posterNono lungometraggio del regista spagnolo, tra i maestri del genere in Europa, ne ha curato personalmente la sceneggiatura insieme a Fernando Navarro, adattando il romanzo Lady n° 13 (La Dama Numero Trece) dello scrittore cubano José Carlos Somoza e optando per un cast di volti noti del panorama locale e internazionale come Elliot Cowan (Da Vinci’s Demons), Franka Potente (Lola corre), Ana Ularu (Emerald City), Manuela Vellés (Secuestrados), Leonor Watling (Parla con lei), Joanne Whalley (Willow) e Christopher Lloyd (Ritorno al futuro).

La vita del professore di letteratura e scrittore Samuel Salomon (Cowan) cambia drasticamente dopo una tragedia personale che lo devasta e lo spinge a lasciare l’università. Comincia a soffrire di un incubo ricorrente, in cui una donna muore di morte violenta durante quello che sembra essere un sacrificio rituale. Dopo alcune settimane in cui tale episodio si reitera ogni notte, la stampa un mattina racconta un fatto di cronaca che sembrerebbe la replica esatta dell’evento sognato in modo premonitorio. Determinato a scoprire la verità sulla vicenda, Samuel scivola nella scena del crimine e vi incontra Rachel (Ularu), una ragazza che afferma di aver avuto i suoi stessi incubi. Insieme iniziano così a indagare sulla vita della donna uccisa – curiosamente di origine italiana – e sul “cerchio bianco”, uno strano gruppo di scrittori morti tragicamente ossessionati dalle Muse, le creature divine fonte dell’ispirazione di innumerevoli poeti nel corso dei tempi.

Grazie alla suggestiva colonna sonora e all’atmosfera tetra che le location stesse sono in grado di garantire senza grossi sforzi, l’inizio di La Settima Musa si presenta molto promettente. Se vi è capitato di visitare Dublino o Cork e in particolare grandi edifici disabitati, capirete facilmente cosa si intenda … Balagueró – che per anni ha provato a realizzare questo progetto, rimandandolo sempre – ha al suo arco delle armi potenti proprio negli ambienti che fanno da sfondo alla sua storia e nell’esplorazione di luoghi come questi. In altre parole, all’inizio della pellicola, si respira davvero un’aria di mistero. Purtroppo, ben presto ci si rende però conto che sono troppe le spiegazioni necessarie per mettere in moto la narrazione, che si dipana esitante infilando incoerenze, imprecisioni e soprattutto una marea di situazioni improbabili: non è infatti mai chiaro da dove provengano queste Muse – che non sono certo quelle della tradizione greca -, cosa le spinga realmente ad agire in un certo modo o quale sia il loro fine ultimo. Non viene nemmeno chiarito mai il perché in alcuni casi possano apparire dal nulla, mentre in altre possano essere “ingannate”, rimanendo ai margini del piano del protagonista senza intervenire in alcun modo. E proprio perchè non c’è coerenza, non sappiamo nemmeno quante effettivamente esse siano (rispetto al racconto alla base, sono state ridotte da tredici a sette per comodità) o di quali ‘grandi’ poteri siano dotate. La costruzione dei personaggi sembra così assolutamente arbitraria, quasi come se la narrazione fosse stata costruita in divenire, senza curarsi troppo delle conseguenze logiche della scelta. Tra sottotrame buttate lì e poi abbandonate, giusto per allungare – nel modo sbagliato – il minutaggio, la vicenda potrebbe a un primo superficiale sguardo ricordare i gialli di Dario Argento, con i due protagonisti che indagano su un omicidio dai toni soprannaturali, tra passaggi segreti e misteriosi manufatti (e le Muse rimandano non poco alle Madri …), ma poi ci si rende conto che il vero modello potrebbe essere più quello ispirato dalla penna di Dan Brown, tra scritte latine e riferimenti aulici a Dante Alighieri e William Shakespeare. In ogni caso, il cast funziona piuttosto bene in generale, ognuno porta a casa il risultato senza grossi problemi (anche Lloyd, ormai abbonato alle comparsate da 10 minuti), anche se Cowan manca sicuramente del carisma necessario per reggere praticamente da solo il peso del film sulle sue spalle.

muse balaguero filmNel complesso quindi, La Settima Musa lascia molto a desiderare. Non solo le apparizioni delle malefiche dame non sono affatto immaginifiche, ma il il film non riesce a generare il minimo terrore, provando ad appellarsi più al disgusto piuttosto che alla paura (con le ormai classiche truculenze condite di scarafaggi e volti invecchiati) e infilando qualche scena gore – molto parca – e qualche nudo integrale in quello che sembra un disperato tentativo di riprendere per i capelli lo spettatore spaesato. Soprattutto, manca di profondità nella sua parte più interessante: il grande complotto letterario che unirebbe tutti i grandi poeti/scrittori della storia sotto il giogo di alcune sirene ed entità fantasmagoriche (streghe, se si vuole), capaci di affascinare e ispirare ma anche di mostrare il loro lato malvagio e spietato. Insomma, il potere della parola, che per farla breve dovrebbe essere il leitmotiv del lungometraggio, è ampiamente sotto-sviluppato. Si può dire senza paura di essere smentiti, che questa volta le Muse non abbiano affatto pagato visita a Balagueró.

Di seguito il trailer italiano di La Settima Musa, la cui uscita nei cinema spagnoli è prevista per l’1 dicembre (da noi nell’estate 2018):

Horror & Thriller

Recensione | I Think We’re Alone Now di Reed Morano

di
William Maga

Peter Dinklage ed Elle Fanning si aggirano solitari in un mondo apparentemente deserto in dramma post-apocalittico dove ordine e caos collidono

Leggi
Horror & Thriller

Recensione Venezia 75 | Suspiria di Luca Guadagnino

di
William Maga

Il regista siciliano fa proprio il classico di Dario Argento del 1977, immergendolo in un contesto storico estremamente significativo e rielaborandone l'estetica e i temi, per un risultato complesso e ambizioso

Leggi
Horror & Thriller

Ne trailer di CarousHELL, l’unicorno di una giostra si anima e inizia una strage

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista Steve Rudzinski gioca la carta dell'horror demenziale per il suo ritorno sulle scene

Leggi
Horror & Thriller

Il full trailer della stagione 2 di Lore va alle origini di sei nuove leggende da brividi

di
Redazione Il Cineocchio

Anche Doug Bradley e Jürgen Prochnow tra i protagonisti dei racconti pensati dallo showrunner Sean Crouch, ispirati anche alle gesta di Elizabeth Bathory e Burke e Hare 

Leggi
Horror & Thriller

Il trailer di The Oath ricorda che parlare di politica al Ringraziamento è molto pericoloso

di
Redazione Il Cineocchio

Ike Barinholtz esordisce dietro alla mdp con una dark comedy che intende riflettere sulla situazione americana attuale, a un passo dalla rovina

Leggi
Horror & Thriller

Il trailer di Thriller rivela lo slasher intriso di blaxploitation della Blumhouse

di
Redazione Il Cineocchio

Dallas Jackson esordisce in regia provando a dare una rinfrescata al sottogenere, affidandosi - tra gli altri - a RZA

Leggi
Horror & Thriller

Recensione | The Nun – La Vocazione del Male di Corin Hardy

di
Sabrina Crivelli

Lo spin-off di The Conjuring incentrato sul malvagio Valak con Demian Bichir e Taissa Farmiga spreca nella seconda parte le buone intuizioni e le atmosfere azzeccate, passando gradualmente dallo spaventoso al posticcio

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di The Dark, l’amicizia di un ghoul è l’unico modo per trovare la pace

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista Justin P. Lange esordisce al lungometraggio con la trasposizione di un corto del 2013, un coming-of-age horror con Nadia Alexander e Toby Nichols

Leggi
Titolo Data Regista

Ghost Stories - (Limited Edition) (Blu-Ray+Booklet)

07/09

Jeremy Dyson, Andy Nyman

L'Isola Dei Cani (Blu-Ray)

13/09

Wes Anderson

The Strangers - Prey At Night (Blu-Ray)

13/09

Johannes Roberts

Ready Player One (Blu-Ray)

13/09

Steven Spielberg

La Truffa Dei Logan (Blu-Ray)

13/09

Steven Soderbergh

Manhunt (Blu-Ray)

20/09

John Woo

The Carpenter'S House (Dvd)

21/09

Brace Beltempo

Creepy Tales Of Pizza And Gore (Dvd)

21/09

Lorenzo Fassina

Mad In Italy (Dvd)

21/09

Paolo Fazzini

Milza Man (Dvd)

21/09

Vincenzo Campisi, Antonio Vezzari, Arturo Volpes