Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione story | Misery non deve morire di Rob Reiner

7/10 su 2434 voti. Titolo originale: Misery, uscita: 30-11-1990. Budget: $20,000,000. Regista: Rob Reiner.

Recensione story | Misery non deve morire di Rob Reiner

15/12/2019 recensione film di William Maga

Nel 1990 arrivava sul grande schermo il film con James Caan e Kathy Bates (poi premio Oscar per l'interpretazione), adattamento teso e perversamente ironico dell'omonimo romanzo di Stephen King

bates misery non deve morire 1990 film

Stare alla larga dalle ammiratrici sfegatate. Di questa regola ne sapeva già qualcosa Clint Eastwood, che nel suo primo film da regista, Brivido nella notte del 1971, raccontava il paranoico rapporto tra un DJ radiofonico e una fan piuttosto opprimente. Figuratevi che cosa poteva uscirne se un soggetto del genere fosse finito nelle mani, con accenti vagamente autobiografici, di un tipo come Stephen King, non a caso soprannominato il ‘re del brivido’ e frequentatore dell’orrore quotidiano di vecchia data, che nel 1987 pubblicò appunto la sua personale rivisitazione del tema con Misery.

misery non deve morire film posterAffidandosi per la seconda volta al talento del cineasta Rob Reiner dopo il successo di Stand by Me – Ricordo di un’estate del 1986, lo scrittore del Maine nel 1990 portava quindi nei cinema Misery non deve morire, proseguendo nel suo viaggio dentro alle insidie del mestiere narrando l’allucinante avventura di Paul Sheldon (James Caan), romanziere affermato spiritosamente ricalcato sulla figura di Sidney Sheldon (L’altra faccia di mezzanotte).

Ricco ma stanco di scrivere dei romanzetti stile Harmony che hanno per protagonista un’eroina ottocentesca di nome Misery, Sheldon ha appena finito di scrivere il libro della sua vita, quello che dovrebbe dargli finalmente la dignità d’autore che la critica non gli ha ancora riconosciuto, ma sulla strada che lo porta dalle montagne del Colorado a New York incappa in una violenta tempesta di neve e finisce fuori strada con la sua macchina. Morirebbe se una donna del luogo non lo portasse a casa e lo curasse amorevolmente. Bella fortuna, direte voi. Non nel caso di Annie Wilkes (Kathy Bates) un’infermiera professionista con la passione sfrenata per Misery alla quale non va tanto giù che il personaggio dei suoi sogni stia per essere ucciso sulla carta dallo scrittore.

Tesissimo thriller da camera costato 20 milioni di dollari (ne incasserà 60 nel mondo), quasi interamente ambientato nella fattoria isolata dove la convalescenza si trasforma in prigionia, Misery non deve morire porta alle estreme conseguenze, in una coloritura cupamente metaforica, il legame di dipendenza psicologica che connota talvolta la letteratura popolare di consumo. Nevrotica e diabolica, dietro l’aspetto rassicurante da brava massaia, Annie inchioda – letteralmente – il povero Sheldon al letto. Lo riempie di barbiturici, gli spacca le gambe con una mazza per non farlo fuggire e lo obbliga a partorire una nuova avventura più felice per la sua Misery.

“Non ti illudere che ti venga a cercare qualcuno”, lo minaccia la psicotica donna, in un’alternanza di soavità e crudeltà. Niente la può fermare, neanche la grinta di uno sceriffo locale (Richard Farnsworth) che ha capito tutto sfogliando vecchie annate di giornale, o forse solo la paura che quel prezioso manoscritto vada perduto.

misery non deve morire film caanLa solidissima sceneggiatura firmata dal veterano William Goldman (Il maratoneta) esalta i dialoghi, che suonano come paradossali lezioni sulla letteratura fra impegno e disimpegno, ma escogita un lieto fine che Stephen King aveva accuratamente evitato nel romanzo originale, forse per rendere più angosciante la condanna alla ripetitività che anch’egli aveva patito (si fa per dire …) ma che gli aveva garantito fama e successo; ma si può capire l’ansia dei produttori di Hollywood di far tirare al pubblico un respiro di sollievo dopo 100 minuti di terrore claustrofobico.

Senza ricorrere a particolari effettacci truculenti e ricorrendo a un’orchestrazione della suspense incisa completamente sui volti dei due protagonisti (mai visto prima di allora un James Caan tanto bravo e sornione come in questo personaggio, che non rinuncia a difendersi e a lottare per la sopravvivenza, mentre Kathy Bates, che vinse giustamente per il ruolo Golden Globe e Oscar, mescola alla perfezione normalità e furore, patetismo e parossismo aggressivo), Rob Reiner fa di Misery non deve morire un piccolo esercizio di stile che non sarebbe dispiaciuto al vecchio Alfred Hitchcock, dimostrando a se stesso e al pubblico di essere perfettamente in grado di passare dal fantasy (La storia fantastica), alla commedia sentimentale (Harry, ti presento Sally) al quasi horror perversamente ironico (senza contare i dischi di Liberace, grondanti sentimentalismo, che forniscono un malizioso contrappunto all’azione).

Di  seguito la clip originale in cui Annie compra il giornale sbagliato di Misery non deve morire:

James Caan
Kathy Bates
Richard Farnsworth
Frances Sternhagen
Lauren Bacall
Graham Jarvis
Rob Reiner
J.T. Walsh
Jerry Potter
Archie Hahn
memorie di un assassino film Kang-ho Song
Horror & Thriller

Memorie di un Assassino: poster e data di uscita per il thriller di Bong Joon-ho del 2003

di Redazione Il Cineocchio

Dopo oltre 15 anni, il celebrato film con Kang-ho Song arriva finalmente nelle sale italiane, sull'onda del successo di Parasite

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Ouija Shark: il terribile fantasma di uno squalo killer viene evocato per errore

di Redazione Il Cineocchio

Quando si pensava che il sottogenere fosse stato ormai ampiamente esplorato, ci pensa il regista Scott Patrick a un nuovo improbabile crossover

Leggi
BEAU cortometraggio ari aster
Horror & Thriller

Dossier | Ari Aster e i 6 angoscianti cortometraggi ‘di formazione’ che hanno plasmato la sua regia

di Sabrina Crivelli

Andiamo alle origini della poetica registica del 33enne autore di Hereditary e Misdommar, un'esplorazione dei lati più oscuri dell'animo umano, dove risiede il vero orrore

Leggi
Horror & Thriller

Richard Stanley: “Giro L’Orrore di Dunwich e ci metto il Necronomicon e la Miskatonic University”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista presto di nuovo dietro alla mdp per il secondo film riconducibile all'universo cinematografico condiviso di H.P. Lovecraft

Leggi
caleb film roberto d'antona 2020
Horror & Thriller

Teaser trailer per Caleb: Roberto D’Antona beve il sangue degli innocenti

di Redazione Il Cineocchio

A qualche mese da The Last Heroes, il regista e attore pugliese è già pronto a tornare sulle scene con un horror che guarda al mito dei vampiri

Leggi
May the Devil Take You 2 film 2020
Horror & Thriller

Trailer per May the Devil Take You 2, horror di Timo Tjahjanto che guarda a La Casa

di Redazione Il Cineocchio

La giovane Chelsea Islan è ancora la sventurata protagonista nel sequel del film indonesiano del 2018

Leggi
underwater film 2020
Horror & Thriller

10 cose da sapere su Underwater di William Eubank

di Redazione Il Cineocchio

Una manciata di curiosità e aneddoti sulla lavorazione del fanta-horror con Kristen Stewart e Vincent Cassel ambientato sul pericoloso fondale oceanico

Leggi
noi jordan peele film 2019 Tethered
Horror & Thriller

Jordan Peele sui Tethered di Noi: “Vi dico chi sono e cosa gli è successo dopo la fine del film”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista e sceneggiatore è tornato sul suo horror del 2019, svelando qualcosa in più sui misteriosi doppelgänger

Leggi
Horror & Thriller

Il Mostro di St. Pauli | La recensione del film di Fatih Akin sul serial killer Fritz Honka

di William Maga

Jonas Dassler è lo straordinario protagonista della raggelante ricostruzione degli omicidi che sconvolsero Amburgo negli anni '70, un'opera disperata che colpisce duro lo spettatore dal primo all'ultimo minuto

Leggi
stephen lang man in the dark film
Horror & Thriller

Man in the Dark 2: Rodo Sayagues in regia; c’è la trama (e Stephen Lang)

di Redazione Il Cineocchio

Fede Alvarez fa un passo indietro per il sequel, affidando la mdp al fido co-sceneggiatore

Leggi
Horror & Thriller

Color Out of Space | Recensione del film di Richard Stanley con Nicolas Cage (Sitges 52)

di William Maga

Dopo oltre 20 anni, il regista sudafricano torna dietro alla mdp per adattare il racconto di H. P. Lovecraft, riuscendo nell'intento di sprofondarci nell'impossibile, complice un lavoro sulle immagini e sul sonoro efficacissimo

Leggi
Le terrificanti avventure di Sabrina - Parte 3 serie netflix
Horror & Thriller

Trailer per Le terrificanti avventure di Sabrina – Parte 3: si scende all’Inferno

di Redazione Il Cineocchio

Nella terza stagione della serie teen horror di Netflix, la protagonista Kiernan Shipka dovrà intraprendere un viaggio agli inferi e reclamarne il trono

Leggi