Home » Cinema » Horror & Thriller » Sweet Virginia | La recensione del film di Jamie M. Dagg

5/10 su 177 voti. Titolo originale: Sweet Virginia , uscita: 17-11-2017. Regista: Jamie M. Dagg.

Sweet Virginia | La recensione del film di Jamie M. Dagg

24/11/2017 recensione film di Sabrina Crivelli

Nonostante la buona prova di Jon Bernthal in un ruolo più impegnato, il regista realizza un thriller troppo ambizioso, che non riesce del tutto ad avvicinarsi ai modelli a cui guarda

Come sospeso in un troppo dilatato divenire, Sweet Virginia di Jamie M. Dagg rielabora in chiave calcatamente intellettuale, quasi esistenzialista, alcuni dei cliché del noir, eliminando però così la suspense e confezionando qualcosa di smaccatamente indie.

La storia procede anzitutto per frammenti diegetici, incentrati su un pugno di personaggi che si alternano sulla scena dando vita a sprazzi di dialogo e, ancor più, lunghi silenzi. Siamo in una piccola cittadina, dove d’improvviso la vita degli abitanti è sconvolta da un plurimo omicidio; veniamo a sapere poi che una delle vittime è il marito di Lila (Imogen Poots), traditore e forse peggio, che la donna odiava e che è stata lei stessa ad assoldare un killer per eliminarlo. Si tratta di un omicidio su commissione voluto da uno coniuge, meccanismo diegetico già sovente usato in passato e su cui s’incentra una delle pellicole più celebri del geniale Alfred Hitchcock, Il delitto perfetto (Dial M for Murder, 1954), ma che quivi viene sfruttato in maniera peculiare e del tutto differente.

Elemento narrativo che tuttavia nel complesso ha rilevanza solo marginale, è utilizzato solo per approdare ad altri, più sentimentali lidi, in cui la costruzione della tensione non è per nulla una priorità, anzi, ove è privilegiato senza dubbio il lato drammatico. Il sicario, Elwood (Christopher Abbott), diviene infatti uno dei due poli antitetici di un racconto denso di palpabile costernazione e amarezza, a cui si contrappone Sam (Jon Bernthal), uomo onesto e dedito al lavoro che incontra per volere del destino nel motel da questi gestito, il Sweet Virginia che conferisce il nome al film, e con cui per un motivo non del tutto chiaro si stabilisce un qualche legame. A  dare un ulteriore nota di pathos e di fatalità si aggiunge inoltre la morte del marito dell’amante di Sam, Bernadette (Rosemarie DeWitt), d’improvviso resa vedova dacché il killer a pagamento decide di eliminare anche un paio di vittime a caso, giusto per per sviare i sospetti e confondere le acque.

Ibrido lacunoso, i fratelli Paul e Benjamin China (Crawl), che hanno scritto la sceneggiatura, sembrano non essere capaci di portare a un degno compimento il machiavellico insieme, che dà invece la sensazione di essere solo abbozzato, senza l’opportuna rifinitura dei dettagli di cui il copione è disseminato. L’obiettivo, palese, è di conseguire quella percezione di non-finito, di inquietante e melanconica sospensione che comunichi allo spettatore il vuoto delle squallide esistenze dei personaggi, aspetto che viene ribadito dalle battute scarne. La raffigurazione della ordinaria vita di provincia, che sotto la superficie cela un’anima nera, non è però tradotta con quel cinico piglio ironico alla Coen di Fargo, né si riesce a tessere quel drammatico groviglio, quel senso di fatale e incomprensibile tragedia che lega mille disperati individui, alla 21 grammi di Alejandro González Iñárritu. Ne nasce invece un thriller in parte monco, con inserti superflui e immotivati, come il reiterato mostrare scene di rodeo in slow motion poiché Sam era un ex campione, ma per riuscire a comunicare davvero l’horror vacui che dovrebbe annichilire il pubblico, manca qualcosa ai dialoghi, alle azioni, ai personaggi stessi, forse quella costernazione e quella profondità che sono estremamente difficile da rendere, soprattutto in un minimalismo ricercato come quello che vige in Sweet Virginia e che necessitano di ben superiori risorse …

Non assistiamo tuttavia a qualcosa di completamente esecrabile, si percepiscono come gli alti traguardi che lo script si pone. Inoltre, il ruvido realismo, seppur non del tutto riuscito forse nelle ambientazioni e nelle psicologie, è realizzato in toto nelle fredda violenza di alcune sequenze, memorabile è un’invasione domestica in cui una donna viene addirittura scagliata contro a una parete di schiena. A ciò si somma una buona performance soprattutto di uno degli interpreti principali, Jon Bernthal, che dimostra di essere capace di passare tranquillamente da un ruolo action, quello del giustiziere inarrestabile di Il Punitore (The Punisher), ad uno decisamente più drammatico. Un po’ meno entusiasmante è la recitazione di Abbott, che risulta fin troppo costruito e innaturale nella parlata, come nella mimica, volendo dare l’idea di un folle e spietato assassino, in una caratterizzazione manierista alla Non è un paese per vecchi (No Country for Old Men), ma che non riesce nel tentativo, d’altra parte niente affatto semplice, e in più frangenti risulta più che altro inopportunamente calcata e quasi grottesca.

Tentativo dunque non proprio esaltante, ma nemmeno completamente biasimevole, di connotare il convenzionale thriller con tratti più cerebrali, Jamie M. Dagg conferma l’approccio impegnato già palesato nel precedente e suo primo lungometraggio River (2015), non riuscendo però in Sweet Virginia a dare la giusta sostanza a tale ostico intellettualismo e confezionando invece un pastiche, con alcuni buoni spunti, ma ancora molto labor limae da compiere.

Di seguito il trailer internazionale:

The toll main
Horror & Thriller

The Toll | La recensione del film horror di Michael Nader (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Jordan Hayes e Max Topplin sono i protagonisti di un'opera che gioca con gli stereotipi del genere, divertendosi a spiazzare con le aspettative del pubblico

Leggi
Post Mortem-3
Horror & Thriller

Post Mortem | La recensione del film horror di Péter Bergendy (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Un'ambientazione ungherese primo novecentesca molto suggestiva viene sprecata da una regia che opta per effetti speciali bizzarri e da una sceneggiatura troppo vaga

Leggi
lockdown all'italiana film ezio greggio 2020
Azione & Avventura

Lockdown all’italiana | La recensione del film (poco comico) di Enrico Vanzina

di Giovanni Mottola

Il regista, qui all'esordio dietro alla mdp, rivendica giustamente il diritto alla commedia, ma non ne assolve al dovere, realizzando un'opera che non fa ridere mai

Leggi
the haunting of bly manor serie 2020 fantasma
Horror & Thriller

The Haunting of Bly Manor: un video svela tutti i fantasmi nascosti negli episodi

di Redazione Il Cineocchio

Anche per la seconda stagione dello show di Netflix, Mike Flanagan ha celato in bella vista molti spettri

Leggi
the banishing film 2020 horror
Horror & Thriller

The Banishing | La recensione del film horror di Christopher Smith (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Il regista inglese si cimenta con la ghost story con diligenza, ma seguendo un po' troppo strade già battute

Leggi