Home » Cinema » Azione & Avventura » Rendel – Il Vigilante | La recensione del film sull’oscuro supereroe finlandese

4/10 su 87 voti. Titolo originale: Rendel, uscita: 22-09-2017. Budget: $1,686,858. Regista: Jesse Haaja.

Rendel – Il Vigilante | La recensione del film sull’oscuro supereroe finlandese

24/01/2019 recensione film di Raffaele Picchio

Viene dal Nord Europa la risposta violenta e oscura al cinecomic americano. Una classicissima storia di feroce vendetta - anche piuttosto ingenua e sempliciotta - che risulta però una boccata d'aria fresca rispetto al buonismo imperante delle mega produzioni made in USA

Kristofer Gummerus in Rendel (2017)

Al di là di ogni considerazione o giudizio personali è innegabile l’ascesa e l’importanza dei ‘cinefumetti’ (o cinecomic) all’interno del contemporaneo panorama cinematografico. La Marvel / Disney un tassello per volta è riuscita a stabilire un format che ha fatto breccia nel pubblico che puntualmente ripaga in massa, tanto che anche la casa “rivale” – la DC / Warner – ha dovuto fare retromarcia sull’impronta oscura e seriosa che aveva iniziato a imprimere con le trasposizioni dei suoi Batman e Superman (e relativo crossover), cercando in qualche modo di plasmare quell’immaginario pop coloratissimo che sembra essere ormai diventato l’unico possibile: battute su battute alternate a scene d’azione catastrofiche, mega effetti speciali, star system incontrollato e una complessità narrativa di intrecci elaboratissima che più ad assomigliare a “sequel” sembra creare una immensa serie TV con puntate da 140 minuti l’una. Si può quindi parlare tranquillamente della vittoria di un “buonismo” (giustissimo per carità) e di un’accomodante “sicurezza” che sembra però escludere, almeno in sala, ogni altro tentativo di proporre qualcosa per un pubblico magari over 13.

rendel film posterPer fortuna all’ombra del grande colosso con le orecchie tonde qualcosa esiste, e a ogni grande fenomeno di massa corrisponde sempre una risposta più “piccola”. In questo caso dalla Finlandia. Ecco che arriva allora come un UFO la risposta al “supereroismo” a stelle e strisce con Rendel – Il Vigilante (Rendel: Dark Vengeance), che in patria è andato anche benissimo al botteghino nonostante il suo “piccolo” budget (si parla di circa un milione e mezzo di euro complessivi) e che si impone in questo mondo andando totalmente contro corrente alle logiche che si descrivevano prima. Nato da una serie di disegni e sketch dello stesso regista, Jesse Haaja, il film, a differenza dei suoi ‘concorrenti’, è una storia di origini oscura e violentissima, totalmente lontana da ogni compromesso a cui oggi abbiamo fatto la tara e che ricorda in un certo senso i tentativi “adulti” della Marvel di proporre al cinema qualcosa per i più grandicelli (Punisher – Zona di Guerra uscì sotto il logo Marvel Knights, ma, nonostante l’assoluta bontà del film, il suo inspiegabile insuccesso commerciale fece naufragare il progetto).

Il mondo di Rendel è una Finlandia oscura e notturna, dove il divario tra poveri e ricchi ha raggiunto vette insostenibili. Potentissime compagnie mondiali investono su sperimentazioni mediche atte a disintegrare il terzo mondo partendo proprio dai bambini, ai quali vengono somministrati “vaccini” che invece di curare portano all’annientamento dei deboli a favore di una classe cannibale di corporazioni deviate. Un bravo padre di famiglia licenziato dai suoi superiori (Kristofer Gummerus) finirà a lavorare come “contabile” per queste società potentissime e, come prassi insegna, la sua curiosità verrà ripagata amaramente: verrà barbaramente giustiziato insieme a sua moglie e alla sua piccola figlia. Ma qualcosa accade. Una misteriosa donna lo risveglia e così l’uomo risorge come un oscuro vendicatore muto e spinto da un’irrefrenabile voglia di uccidere e vendicarsi di tutti quanti.

Renne Korppila in Rendel (2017)Tutto qui, semplicissimo. Già questa ricerca di linearità va contro le intricate trame di supereroi più blasonati, ma quello che sorprende maggiormente è l’assoluta durezza dell’insieme: bambini uccisi o usati come cavie di tremendi esperimenti, donne strangolate, criminali giustiziati e appesi come monito. Il modus operandi di Rendel (che in ungherese significa “Ordine”, tutto un programma …) farebbe felice Frank Castle: botte spezzaossa come se non ci fosse un domani, accettate, crudeltà, personaggi sgradevoli e zero spazio per sentimentalismi: solo una furia cieca, implacabile e indistruttibile. Un po’ Punitore, un po’ Corvo e un po’ Spawn, questo “supereroe” ha veramente ben poco di “eroico” ed è proprio in queste caratteristiche che il film si ritaglia un suo piccolo e curioso spazio. Inoltre, nonostante sia privo di grosse scene spettacolari e chissà quali pittoreschi villain da affrontare, anche visivamente Rendel – Il Vigilante se la cava più che egregiamente, utilizzando una fotografia tanto patinata quanto attenta a valorizzare l’atmosfera fredda e notturna che impregna tutto il film.

Sia chiaro che Rendel – Il Vigilante rimane un filmetto con tante cose gettate un po’ a caso e non sviluppate, non aggiunge e inventa niente, non ha certo negli attori il suo punto di forza e a fine visione non rimarrà impresso nella memoria per chissà quanto tempo, ma resta una visione onesta e piacevole che aiuta tutti gli amanti dei cinefumetti a disintossicarsi da tanta “bontà” standardizzata e che merita di essere recuperata. In attesa del sequel annunciato, che chissà verso quali lidi potrebbe traghettare questo oscuro e violento vigilante.

Di seguito il trailer originale di Rendel – Il Vigilante, uscito dalle nostre parti direttamente in home video (la recensione del blu-ray):

dunkirk film 2017 nolan
Azione & Avventura

Dunkirk | La recensione del film di guerra di Christopher Nolan

di Alessandro Gamma

Un assalto frontale ai sensi dello spettatore, un film di guerra che cerca l'ordine in mezzo al caos capace di issarsi tra le pietre miliari del genere

Leggi
Zachary Levi in Shazam! (2019)
Azione & Avventura

Shazam! | Recensione del film di David F. Sandberg col supereroe Zachary Levi

di William Maga

Il regista abbandona le atmosfere cupe dei suoi horror precedenti per raccontare con (troppa) leggerezza la storia delle origini dell'eroe alter ego di un adolescente, con risultati alterni

Leggi
Pomi d'ottone e manici di scopa (1971) lansbury film
Azione & Avventura

Dossier | Pomi d’ottone e manici di scopa di Robert Stevenson: la fine dell’epoca d’oro dei musical

di William Maga

Nel 1971, Angela Lansbury e David Tomlinson erano i protagonisti di un film Disney a tecnica mista 'gemello diverso' di Mary Poppins, arrivato a chiusura di un ciclo irripetibile

Leggi
regine disney alice malefica
Azione & Avventura

Riflessione | La sete di sangue delle regine dei classici Disney (parte II): Alice e la Bella Addormentata

di Sabrina Crivelli

Esaminiamo le motivazioni e le figure della Sovrana del paese delle meraviglie e di Malefica dei film animati 1951 e 1959, approfondendone gli aspetti più dark

Leggi
fury film 2014
Azione & Avventura

Fury | La recensione del film di guerra di David Ayer

di William Maga

Nel 2014, Brad Pitt e Shia LaBeouf erano i protagonisti di un war movie senza fronzoli, che ci immerge fino ai gomiti nel fango degli ultimi duri giorni della Seconda Guerra Mondiale

Leggi