Home » Cinema » Horror & Thriller » Riflessione | Come Sonatine di Takeshi Kitano ha anticipato Pulp Fiction

7/10 su 216 voti. Titolo originale: Sonatine, uscita: 10-04-1993. Regista: Takeshi Kitano.

Riflessione | Come Sonatine di Takeshi Kitano ha anticipato Pulp Fiction

08/07/2019 recensione film di William Maga

Vediamo come, nel 1993, il film giapponese contenesse già tutti gli elementi sdoganati l'anno dopo a Hollywood - e al pubblico occidentale - dal cult di Quentin Tarantino

Takeshi Kitano in Sonatine (1993)

Ritratto dello «yakuza» da giovane. Oggi che Takeshi Kitano è considerato tra i cineasti più popolari del Giappone, nonché un vero ‘mito’ per tutti i cinefili occidentali che abbiano incrociato le sue opere, è interessante risalire alle sue origini. Forse non tutti ricordano che – esattamente 20 anni fa – fu la Lucky Red a distribuire nei cinema italiani Sonatine (la nostra recensione), con ben sette anni di ritardo rispetto alla presentazione del film al Festival di Cannes.

sonatine posterSi trattava già del quarto lungometraggio del nostro (fra i precedenti il più leggendario, per quanto visto da pochissimi, era stato Violent Cop del 1989) ed era circolato solamente in qualche rassegna e in uno storico passaggio ipernotturno sul sempre avanguardistico «Fuori orario». Si tratta di un film abbastanza straordinario: più secco e originale, anche se formalmente meno raffinato di Hana-bi – Fiori di fuoco; enormemente più violento e feroce di L’Estate di Kikujiro, tanto per citare i due lavori successivi di Takeshi Kitano usciti regolarmente nelle nostre sale (rispettivamente nel 1997 e 1999).

L’interesse di Sonatine va al di là del suo regista. Vederlo (o rivederlo) a distanza di così tanto tempo rimette in gioco molte convinzioni consolidate sul cinema degli anni ‘90. Occhio infatti alle date: Sonatine è del 1993, l’anno successivo esplode in tutto il mondo il fenomeno Pulp Fiction. È doveroso ricordare che Quentin Tarantino aveva già diretto Le iene nel 1992, ispirandosi al cinema di Hong Kong (a Ringo Lam in particolare) e al primo poliziottesco-splatter italiano, La belva col mitra di Sergio Grieco del 1977. Non si vogliono, qui, stabilire ordini d’arrivo, togliere la ‘maglia rosa’ dalle spalle del filmmaker americano e consegnarla a Takeshi Kitano.

È invece importante ricostruire un percorso culturale: all’inizio degli anni ‘90, il cinema entrava in una fase «barocca» della propria storia, in cui generi e suggestioni cinefile si mescolano, si ibridano in forme nuove, spesso mostruose, talvolta affascinanti. Il cinema di Hong Kong è su questa strada già dalla metà del decennio precedente. Ma il giapponese Takeshi Kitano è il primo che confeziona un simile frullato con una coscienza d’autore totale. Può farlo perché in Giappone è uno showman (in TV e alla radio) conosciuto e onnipotente; e perché ha alle spalle una tradizione cinematografica in cui da un lato c’è l’industria, con Godzilla e tokusatsu vari (il nostro lungo dossier a riguardo), dall’altro gli autori, magari ‘maledetti’ ma orgogliosi e riveriti come vecchi samurai. Il più monumentale di tutti è certamente Akira Kurosawa, scomparso nel 1998.

sonatine film 1993E Takeshi Kitano è a tutti gli effetti un erede di quest’ultimo. Partendo dal maestro de I Sette samurai, si arriva a Sonatine. Proprio come Kurosawa, Kitano parla di una casta: non dei samurai, bensì degli yakuza, i mafiosi giapponesi. Il Murakawa che egli stesso interpreta in Sonatine è uno yakuza disincantato che vorrebbe uscire dal giro. Ma il suo capo Kitajima (Tonbo Zushi) lo spedisce per un’ultima missione (la riappacificazione fra due cosche in guerra) nella remota isola di Okinawa, dove Murakawa capisce ben presto di essere stato incastrato.

L’inizio e la fine del film sono altrettanti bagni di sangue, ma la parte sorprendente di Sonatine è quella centrale: Murakawa e i suoi uomini – i pochi rimasti in vita – si nascondono in un capanno sul mare e, per alcuni giorni, fanno i bagnanti, manco fossero a Rimini in agosto. I loro assurdi giochi sulla spiaggia (fra i quali figura anche la roulette russa: citazione da Il Cacciatore di Michael Cimino del 1978, ma anche dal fenomenale Bullet in the Head di John Woo del 1990) sono una parentesi tenera e inquietante, perché basta guardare la faccia accidentata di Takeshi Kitano per capire che la violenza riesploderà quanto prima. Ed è esattamente la stessa logica – il riposo forzato, quindi doloroso, del guerriero – sulla quale Akira Kurosawa aveva costruito I sette samurai nel 1954.

Eiji Minakata in Sonatine (1993)Naturalmente Akira Kurosawa ne dava una lettura per metà romantica, per metà quasi marxista (il rapporto samurai / agricoltori, guerrieri decaduti / proletari…). Takeshi Kitano, invece, sceglie una chiave postmoderna: gelida, iperrealistica, ironica. La sua messinscena della violenza è cruda, con tanto di schizzi di sangue, ma talmente paradossale da risultare fumettistica: Sam Peckinpah riscritto come un manga.

Ciò che Takeshi Kitano condivide con Quentin Tarantino è allora l’abilità nel trascinare scene assurde, fra personaggi dementi, facendo esplodere la violenza da spunti assolutamente insulsi. In questo anticipa nettamente Pulp Fiction, che è del tutto costruito su questo meccanismo, peraltro già presente, meno a tappeto, in Le Iene (ma sappiamo bene come il regista di Knoxville ami giocare sui dialoghi, mentre il collega di Tokyo sia più laconico, quindi più complesso). Sono quindi loro i registi con i quali la violenza ludica e scherzosa si afferma nel cinema degli anni ’90, e Sonatine dà una diversa prospettiva storica a questa irruzione.

Da questo si può allora far derivare un’altra audace affermazione: nessuno più di loro ha influenzato – e forse ancora lo fa dopo due decenni – i giovani registi in giro per il mondo. Ci siamo diretti, almeno per un certo periodo, verso un cinema «kitarantiniano», e Sonatine è senz’altro stato un punto di partenza. Solo per questo andrebbe rivisto.

Di seguito il trailer internazionale di Sonatine:

Takeshi Kitano
Aya Kokumai
Tetsu Watanabe
Masanobu Katsumura
Susumu Terajima
Tonbo Zushi
Kenichi Yajima
Eiji Minakata
Houka Kinoshita
Yuuki Natsusaka
Kanta Yamazaki
Ren Osugi
Kanji Tsuda
Bob Gunter
Rome Kanda
Kota Mizumori
Gregory Marshall Smith
Christopher Britton
Yoshiyuki Morishita
bill murray zombieland 2
Horror & Thriller

Zombieland – Doppio Colpo: nella prima sceneggiatura la reunion dei 4 storici Ghosbusters

di Redazione Il Cineocchio

Gli altri acchiappafantasmi Dan Aykroyd, Harold Ramis ed Ernie Hudson avrebbero dovuto incontrare Bill Murray nel sequel diretto da Ruben Fleischer, ma le condizioni sono poi cambiate

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per The Confession Killer, docu-serie di Netflix sul controverso omicida Henry Lee Lucas

di Redazione Il Cineocchio

I registi Robert Kenner e Taki Oldham ripercorrono le vicende giudiziarie del notissimo omicida seriale, scavando tra contraddizioni e falle del sistema giudiziario americano

Leggi
Horror & Thriller

Ted Bundy – Fascino criminale | La recensione del film di Joe Berlinger con Zac Efron

di Sabrina Crivelli

Joe Berlinger prende una storia nota e portata al cinema già in tutte le salse provando a darne un'inedita - e improbabile - chiave di lettura fallendo su tutta la linea, non aiutato dagli interpreti (tra cui Lily Collins e John Malkovich)

Leggi
Robert Englund in Nightmare dal profondo della notte film (1984)
Horror & Thriller

Recensione story | Nightmare – Dal profondo della notte di Wes Craven

di Sabrina Crivelli

Nel 1984, il regista sconvolgeva per sempre il sonno - e i sogni - di milioni di appassionati, girando il capostipite di una longeva saga horror incentrata sul boogeyman Freddy Krueger, incarnato con maestria da Robert Englund

Leggi
sono solo fantasmi film 2019
Horror & Thriller

Sono Solo Fantasmi | La recensione del film di – e con – Christian De Sica

di Alessandro Gamma

Carlo Buccirosso e Gianmarco Tognazzi sono i comprimari di un'opera che sotto il becero velo del fu cinepanettone nasconde un inaspettato omaggio alla figura paterna di Vittorio De Sica

Leggi
Horror & Thriller

Motherless Brooklyn – I Segreti di una città | Recensione del film noir di – e con – Edward Norton

di William Maga

La star 50enne porta al cinema l'adattamento del romanzo di Jonathan Lethem, mantenendosi estremamente ligio agli stilemi del genere noir e catalizzando su di se tutta l'attenzione

Leggi
Horror & Thriller

Dove la terra trema | Recensione del film di Wash Westmoreland con Alicia Vikander (su Netflix)

di William Maga

Il regista dirige l'adattamento del romanzo di Susanna Jones, optando per uno 'studio del personaggio' piuttosto che su un thriller ossessivo in senso classico

Leggi
countdown film horror 2019
Horror & Thriller

Countdown | Recensione del film horror di Justin Dec con la App che predice l’ora della morte

di William Maga

Il regista pesca da Final Destination e da The Ring per costruire una malandata opera derivativa PG-13 che spaventa poco e diverte meno

Leggi
VERTIGO - LA DONNA CHE VISSE DUE VOLTE di Alfred Hitchcock
Horror & Thriller

Trailer per La donna che visse due volte: nei cinema l’edizione 4K del classico di Alfred Hitchcock

di Redazione Il Cineocchio

Il film del 1958 con Kim Novak e James Stewart è pronto a stupire nuovamente gli spettatori italiani dopo il restauro per i 60 anni

Leggi
curon serie netflix
Horror & Thriller

Curon: teaser, trama e cast per la serie mistery di Netflix girata sul Lago di Resia

di Redazione Il Cineocchio

L'evocativo campanile sommerso del XIV secolo fa da scenario allo show originale scritto da Ezio Abbate (Suburra - La serie)

Leggi
Horror & Thriller

Red band trailer per A Million Little Pieces: la rehab e irta di allucinazioni per Aaron Taylor-Johnson

di Redazione Il Cineocchio

Nell'adattamento del controverso romanzo di James Frey 'In un milione di piccoli pezzi' ci sono anche Giovanni Ribisi, Juliette Lewis e Charlie Hunnam

Leggi
stefano cardoselli Hellraiser Il Tributo
Horror & Thriller

Esclusivo | Stefano Cardoselli ci parla dei disegni per Hellraiser: Il Tributo, sequel di Schiavi dell’Inferno di Clive Barker

di Alessandro Gamma

L'artista toscano ha realizzato 6 illustrazioni a colori per l'edizione da collezione a tiratura limitata della novella scritta da Mark Alan Miller

Leggi
Horror & Thriller

Dossier | Sarah Connor e Laurie Strode: la riscossa delle eroine che invecchiano ma non mollano

di Sabrina Crivelli

Superati i 60 anni, Linda Hamilton e Jamie Lee Curtis sono ritornate sulle scene per i nuovi capitoli di Terminator e di Halloween, le saghe che hanno lanciato le rispettive carriere, per dimostrare che l'età non è un limite per chi nasce final girl

Leggi
shining versione estesa + annabelle 3 home video
Horror & Thriller

Recensione home video | Shining – Versione Estesa 4K (BD) + Annabelle 3 (DVD)

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni del classico di Stanley Kubrick del 1980 più lungo di 25 minuti e dell'horror sulla bambola malefica diretto da Gary Dauberman

Leggi
Depeche Mode: Spirits in the Forest

Depeche Mode: Spirits in the Forest

21-11-2019

Aspromonte - La terra degli ultimi

Aspromonte - La terra degli ultimi

21-11-2019

Countdown

Countdown

21-11-2019

RECENSIONE

Cetto c'è, senzadubbiamente

Cetto c'è, senzadubbiamente

21-11-2019

The Lodge

The Lodge

21-11-2019

RECENSIONE

Light of My Life

Light of My Life

21-11-2019

RECENSIONE

L'ufficiale e la spia

L'ufficiale e la spia

21-11-2019

RECENSIONE

Citizen Rosi

Citizen Rosi

18-11-2019

The Report

The Report

18-11-2019

Come se non ci fosse un domani

Come se non ci fosse un domani

14-11-2019

Sono solo fantasmi

Sono solo fantasmi

14-11-2019

RECENSIONE

Gamberetti per tutti

Gamberetti per tutti

14-11-2019

The Bra - Il reggipetto

The Bra - Il reggipetto

14-11-2019

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

14-11-2019

Pupazzi alla riscossa

Pupazzi alla riscossa

14-11-2019

Le Mans '66 - La grande sfida

Le Mans '66 - La grande sfida

14-11-2019

Zombieland - Doppio colpo

Zombieland - Doppio colpo

14-11-2019

RECENSIONE