Home » Cinema » Horror & Thriller » Riflessione | Come Sonatine di Takeshi Kitano ha anticipato Pulp Fiction

7/10 su 193 voti. Titolo originale: Sonatine, uscita: 10-04-1993. Regista: Takeshi Kitano.

Riflessione | Come Sonatine di Takeshi Kitano ha anticipato Pulp Fiction

08/07/2019 recensione di William Maga

Vediamo come, nel 1993, il film giapponese contenesse già tutti gli elementi sdoganati l'anno dopo a Hollywood - e al pubblico occidentale - dal cult di Quentin Tarantino

Takeshi Kitano in Sonatine (1993)

Ritratto dello «yakuza» da giovane. Oggi che Takeshi Kitano è considerato tra i cineasti più popolari del Giappone, nonché un vero ‘mito’ per tutti i cinefili occidentali che abbiano incrociato le sue opere, è interessante risalire alle sue origini. Forse non tutti ricordano che – esattamente 20 anni fa – fu la Lucky Red a distribuire nei cinema italiani Sonatine (la nostra recensione), con ben sette anni di ritardo rispetto alla presentazione del film al Festival di Cannes.

sonatine posterSi trattava già del quarto lungometraggio del nostro (fra i precedenti il più leggendario, per quanto visto da pochissimi, era stato Violent Cop del 1989) ed era circolato solamente in qualche rassegna e in uno storico passaggio ipernotturno sul sempre avanguardistico «Fuori orario». Si tratta di un film abbastanza straordinario: più secco e originale, anche se formalmente meno raffinato di Hana-bi – Fiori di fuoco; enormemente più violento e feroce di L’Estate di Kikujiro, tanto per citare i due lavori successivi di Takeshi Kitano usciti regolarmente nelle nostre sale (rispettivamente nel 1997 e 1999).

L’interesse di Sonatine va al di là del suo regista. Vederlo (o rivederlo) a distanza di così tanto tempo rimette in gioco molte convinzioni consolidate sul cinema degli anni ‘90. Occhio infatti alle date: Sonatine è del 1993, l’anno successivo esplode in tutto il mondo il fenomeno Pulp Fiction. È doveroso ricordare che Quentin Tarantino aveva già diretto Le iene nel 1992, ispirandosi al cinema di Hong Kong (a Ringo Lam in particolare) e al primo poliziottesco-splatter italiano, La belva col mitra di Sergio Grieco del 1977. Non si vogliono, qui, stabilire ordini d’arrivo, togliere la ‘maglia rosa’ dalle spalle del filmmaker americano e consegnarla a Takeshi Kitano.

È invece importante ricostruire un percorso culturale: all’inizio degli anni ‘90, il cinema entrava in una fase «barocca» della propria storia, in cui generi e suggestioni cinefile si mescolano, si ibridano in forme nuove, spesso mostruose, talvolta affascinanti. Il cinema di Hong Kong è su questa strada già dalla metà del decennio precedente. Ma il giapponese Takeshi Kitano è il primo che confeziona un simile frullato con una coscienza d’autore totale. Può farlo perché in Giappone è uno showman (in TV e alla radio) conosciuto e onnipotente; e perché ha alle spalle una tradizione cinematografica in cui da un lato c’è l’industria, con Godzilla e tokusatsu vari (il nostro lungo dossier a riguardo), dall’altro gli autori, magari ‘maledetti’ ma orgogliosi e riveriti come vecchi samurai. Il più monumentale di tutti è certamente Akira Kurosawa, scomparso nel 1998.

sonatine film 1993E Takeshi Kitano è a tutti gli effetti un erede di quest’ultimo. Partendo dal maestro de I Sette samurai, si arriva a Sonatine. Proprio come Kurosawa, Kitano parla di una casta: non dei samurai, bensì degli yakuza, i mafiosi giapponesi. Il Murakawa che egli stesso interpreta in Sonatine è uno yakuza disincantato che vorrebbe uscire dal giro. Ma il suo capo Kitajima (Tonbo Zushi) lo spedisce per un’ultima missione (la riappacificazione fra due cosche in guerra) nella remota isola di Okinawa, dove Murakawa capisce ben presto di essere stato incastrato.

L’inizio e la fine del film sono altrettanti bagni di sangue, ma la parte sorprendente di Sonatine è quella centrale: Murakawa e i suoi uomini – i pochi rimasti in vita – si nascondono in un capanno sul mare e, per alcuni giorni, fanno i bagnanti, manco fossero a Rimini in agosto. I loro assurdi giochi sulla spiaggia (fra i quali figura anche la roulette russa: citazione da Il Cacciatore di Michael Cimino del 1978, ma anche dal fenomenale Bullet in the Head di John Woo del 1990) sono una parentesi tenera e inquietante, perché basta guardare la faccia accidentata di Takeshi Kitano per capire che la violenza riesploderà quanto prima. Ed è esattamente la stessa logica – il riposo forzato, quindi doloroso, del guerriero – sulla quale Akira Kurosawa aveva costruito I sette samurai nel 1954.

Eiji Minakata in Sonatine (1993)Naturalmente Akira Kurosawa ne dava una lettura per metà romantica, per metà quasi marxista (il rapporto samurai / agricoltori, guerrieri decaduti / proletari…). Takeshi Kitano, invece, sceglie una chiave postmoderna: gelida, iperrealistica, ironica. La sua messinscena della violenza è cruda, con tanto di schizzi di sangue, ma talmente paradossale da risultare fumettistica: Sam Peckinpah riscritto come un manga.

Ciò che Takeshi Kitano condivide con Quentin Tarantino è allora l’abilità nel trascinare scene assurde, fra personaggi dementi, facendo esplodere la violenza da spunti assolutamente insulsi. In questo anticipa nettamente Pulp Fiction, che è del tutto costruito su questo meccanismo, peraltro già presente, meno a tappeto, in Le Iene (ma sappiamo bene come il regista di Knoxville ami giocare sui dialoghi, mentre il collega di Tokyo sia più laconico, quindi più complesso). Sono quindi loro i registi con i quali la violenza ludica e scherzosa si afferma nel cinema degli anni ’90, e Sonatine dà una diversa prospettiva storica a questa irruzione.

Da questo si può allora far derivare un’altra audace affermazione: nessuno più di loro ha influenzato – e forse ancora lo fa dopo due decenni – i giovani registi in giro per il mondo. Ci siamo diretti, almeno per un certo periodo, verso un cinema «kitarantiniano», e Sonatine è senz’altro stato un punto di partenza. Solo per questo andrebbe rivisto.

Di seguito il trailer internazionale di Sonatine:

Takeshi Kitano
Aya Kokumai
Tetsu Watanabe
Masanobu Katsumura
Susumu Terajima
Tonbo Zushi
Kenichi Yajima
Eiji Minakata
Houka Kinoshita
Yuuki Natsusaka
Kanta Yamazaki
Ren Osugi
Kanji Tsuda
Bob Gunter
Rome Kanda
Kota Mizumori
Gregory Marshall Smith
Christopher Britton
Yoshiyuki Morishita
5 è il numero perfetto film igort servillo
Horror & Thriller

Trailer per 5 è il numero perfetto: Toni Servillo è un gangster nella Napoli degli anni ’70

di Redazione Il Cineocchio

Igort adatta per il grande schermo il suo fumetto del 2002, strizzando l'occhio al cinema di Hong Kong di Johnnie To e a John Woo

Leggi
The Hunt film 2019
Horror & Thriller

Teaser per The Hunt: Emma Roberts e Hilary Swank braccate per sport da milionari spietati

di Redazione Il Cineocchio

C'è Damon Lindelof alla sceneggiatura del film diretto da Craig Zobel e prodotto dalla Blumhouse

Leggi
l'uomo invisibile film universal
Horror & Thriller

L’uomo Invisibile: trovato il protagonista del reboot; c’è la data di uscita

di Redazione Il Cineocchio

Arriva dalla serie horror Hill House l'attore che affiancherà Elisabeth Moss e Storm Reid nel film diretto da Leigh Whannell prodotto da Blumhouse e Universal

Leggi
Something Else film 2019
Horror & Thriller

Something Else | La recensione della monster dramedy con Brea Grant (NIFFF 2019)

di Sabrina Crivelli

Jeremy Gardner - attore e regista insieme a Christian Stella - è al centro di un horror bizzarro, che gioca con le aspettative dello spettatore e sulla sanità mentale del protagonista

Leggi
Achoura film 2019 nifff
Horror & Thriller

Achoura | La recensione dell’horror di Talal Selhami sul Bougatate (NIFFF 2019)

di Sabrina Crivelli

Il regista franco-marocchino torna sulle scene con una favola dark sulla perdita dell'innocenza un po' debitrice di IT, che ha il pregio di introdurre al pubblico occidentale un boogeyman del folkore arabo che mangia i bambini

Leggi
drag-me-to-hell-raimi
Horror & Thriller

Sam Raimi su Drag Me To Hell: “Vi spiego perché non c’è stato un sequel”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista dell'horror del 2009 ha parlato del banale motivo per cui non ha mai pensato di proseguire la storia che ha visto coinvolta Alison Lohman

Leggi
blair witch woods wingard
Horror & Thriller

Eduardo Sanchez su The Blair Witch Project: “Ho idee per dei film su Rustin Parr ed Elly Kedward”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista dell'horror del 1999 ha rivelato come vorrebbe continuare la saga, adottando un approccio decisamente alternativo e poco tradizionale

Leggi
Dario Argento Netflix Stranger Things
Horror & Thriller

Dario Argento su Stranger Things: “Ci avrei messo più sangue; vi dico come affronterei un Demogorgone”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista 78enne parla della serie fanta-horror di Netflix, rivelando quali cambiamenti avrebbe apportato lui negli anni '80 e le armi più adatte per sconfiggere il terribile mostro

Leggi
Come to Daddy film 2019 2
Horror & Thriller

Come to Daddy | La recensione della horror comedy con Elijah Wood (NIFFF 2019)

di Sabrina Crivelli

Il neozelandese Ant Timpson debutta alla regia con un film intriso di gore e humor nero che racconta un difficile rapporto tra padre e figlio

Leggi
Sylvester Stallone Terminator 2 Deepfake
Horror & Thriller

Video Deepfake | Sylvester Stallone è il T-800 di Terminator 2 al posto di Arnold Schwarzenegger

di Redazione Il Cineocchio

Con la stessa rivoluzionaria e inquietante tecnologia, in altre 3 clip Jim Carrey diventa Jack Torrance in Shining e Bill Murray è il Sergente Maggiore Hartman di Full Metal Jacket

Leggi
bruce campbell la casa 1981
Horror & Thriller

Sam Raimi su La Casa: “Penso a un nuovo film della saga, magari con Bruce Campbell e Fede Alvarez”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista della trilogia originale riaccende la speranza dei fan dopo la cancellazione della serie Ash vs. Evil Dead e il 'ritiro' dal ruolo dell'attore

Leggi
they reach film sylas dall 2019
Horror & Thriller

Trailer per They Reach, horror retrò che ‘rubacchia’ da Stranger Things

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Sylas Dall prova ad attirare un po' l'attenzione del pubblico per il suo film d'esordio 'omaggiando' sfacciatamente l'acclamata serie di Netflix

Leggi
sadako film 2019 nakata
Horror & Thriller

Trailer per Sadako: Hideo Nakata torna su The Ring dopo 14 anni

di Redazione Il Cineocchio

Il regista, già dietro alla mdp dei primi due film giapponesi, ci porta ancora una volta nei pressi del pozzo maledetto

Leggi
Secret Obsession film netflix 2019
Horror & Thriller

Trailer per Secret Obsession: Brenda Song senza memoria nel thriller di Netflix

di Redazione Il Cineocchio

L'attrice irretita da Mike Vogel dopo un trauma nel film originale diretto da Peter Sullivan

Leggi
rabid film soska
Horror & Thriller

Trailer per Rabid: le sorelle Soska rielaborano il body horror di David Cronenberg

di Redazione Il Cineocchio

C'è Laura Vandervoort a guidare il cast dell'aggiornamento del classico del 1977

Leggi
Vita segreta di Maria Capasso

Vita segreta di Maria Capasso

18-07-2019

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

18-07-2019

Birba - Micio Combinaguai

Birba - Micio Combinaguai

18-07-2019

Skate Kitchen

Skate Kitchen

18-07-2019

Serenity - L'Isola dell'Inganno

Serenity - L'Isola dell'Inganno

18-07-2019

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

18-07-2019

Raccolto amaro

Raccolto amaro

18-07-2019

Welcome Home

Welcome Home

11-07-2019

Il mostro di St. Pauli

Il mostro di St. Pauli

11-07-2019

Domino

Domino

11-07-2019

RECENSIONE

Powidoki - Il ritratto negato

Powidoki - Il ritratto negato

11-07-2019

G.A.I.A.

G.A.I.A.

10-07-2019

Spider-Man - Far From Home

Spider-Man - Far From Home

10-07-2019

RECENSIONE