Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Spiderhead: la recensione del film di Joseph Kosinski (su Netflix)

Voto: 6/10 Titolo originale: Spiderhead , uscita: 15-06-2022. Regista: Joseph Kosinski.

Spiderhead: la recensione del film di Joseph Kosinski (su Netflix)

16/06/2022 recensione film di Marco Tedesco

Chris Hemsworth e Miles Teller sono i protagonisti di un thriller psicologico Rated R ironico e sornione, che gioca coi cliché del genere provando a non essere scontato

Spiderhead con Chris Hemsworth film 2022

“Questo posto può davvero incasinarti la testa”, osserva uno dei personaggi imprigionati in Spiderhead, thriller psicologico che si diverte a giocare proprio con le percezioni del suo pubblico. Adattato da un racconto di George Saunders, il film appare infatti come un sadico gioco ben orchestrato che permette al regista Joseph Kosinski di riflettere su questioni esistenziali relative al libero arbitrio e alle seconde possibilità all’interno dell’allettante cornice di un dramma carcerario high-tech che rimanda in qualche modo anche agli horror con il tipico scienziato malvagio a fare da villain.

Lontano dai territori del MCU, Chris Hemsworth si muove con disinvoltura, interpretando la mente diabolicamente geniale che sovrintende a un esperimento top-secret condotto su un detenuto interpretato da Miles Teller (Whiplash), e i risultati sono allo stesso tempo tanto avvincenti quanto ‘usa e getta’, offrendo agli osservatori un esercizio di suspense e di atmosfera fuori dagli schemi.

spiderhead film 2022 posterNetflix distribuisce Spiderhead in esclusiva provando ad approfittare del fatto che si tratta del primo film diretto da Joseph Kosinski dopo il grande successo di Top Gun: Maverick (la recensione), che è peraltro ancora nei cinema. Anche i nomi dei due protagonisti torneranno sicuramente utili, così come pure una narrazione che sembra sia nuova che familiare allo stesso tempo.

Steve (Hemsworth ) gestisce Spiderhead, una struttura remota che ospita prigionieri selezionati che hanno accettato di partecipare a un elaborato test antidroga. Una delle cavie è Jeff (Teller), che come tutti i partecipanti ha un dispositivo suturato al corpo che gli somministra diversi sieri che alterano le sue emozioni o il suo stato mentale.

Steve insiste che sta cercando di trovare farmaci che possano migliorare l’umanità, ma Jeff diventa sospettoso, soprattutto quando Steve inizia a ‘giocare’ con un’altra prigioniera, Lizzy (Jurnee Smollett), per la quale Jeff ha cominciato a sviluppare dei sentimenti.

Non sarà una sorpresa scoprire che Steve non sta tramando nulla di buono – semmai, Spiderhead incoraggia gli abbonati ad assaporare completamente i ben noti stereotipi del genere che vengono utilizzati. Il piacere deriva dal cercare di capire esattamente cosa sta succedendo e dal chiedersi se Jeff possa fare qualcosa per fermarlo.

Come si evince dalla musica yacht-rock consapevolmente smielata che Steve diffonde attraverso gli altoparlanti della struttura, Spiderhead non è destinato a essere preso sul serio, nonostante gli orribili eventi che si verificheranno.

Lo scenografo Jeremy Hindle, che ha già collaborato con Joseph Kosinski in Top Gun: Maverick, conferisce a questa prigione vagamente futuristica un aspetto minimalista che sembra un misto tra gli interni di un’astronave fantascientifica e un minaccioso ufficio open-concept. Steve si crede un direttore benevolo, che lascia che i suoi prigionieri vivano relativamente liberi in Spiderhead, ma il regista ne filma l’arredamento con un tale gelido riserbo che Jeff è comprensibilmente nervoso quando si trova al suo cospetto.

All’inizio gli esperimenti sembrano abbastanza innocui, con Steve e il suo partner Mark (Mark Paguio) che monitorano attentamente l’effetto delle diverse droghe su Jeff e i suoi compagni, ma ben presto l’insidiosità dei test diventa evidente. Alcuni sieri stimolano la carica amorosa dei soggetti o ne accentuano le paranoie, mentre altri li mandano in visibilio o li fanno sprofondare in una angoscia emotiva profonda. Quest’ultima sensazione è generata dal Darkenfloxx, che i prigionieri arrivano a temere: una volta sperimentato il suo terrificante impatto su di loro, faranno di tutto per non esservi esposti di nuovo, un fatto che Steve sfrutterà a suo vantaggio.

Man mano che Jeff impara a conoscere i secondi fini di Steve – e scopriamo altri retroscena di Jeff, che spiegano perché lui è così ossessionato dalle ragioni che lo hanno mandato in prigione – Spiderhead stuzzica lo spettatore nello stesso modo in cui Steve manipola i suoi prigionieri con i diversi sieri che alterano la mente.

Spiderhead teller film 2022La colonna sonora di Joseph Trapanese è in equilibrio tra musica elettronica e orchestrale, creando una sensazione di inquietudine che cresce solo quando iniziano a emergere i terribili segreti di Spiderhead.

Ma il ruolo giocoso di Chris Hemsworth accenna alle tendenze ironiche del film, regalandoci un aspirante visionario arrogante e irriverente in egual misura. A dire il vero, si tratta di un tipo di personaggio già noto, quindi è un sollievo che l’attore australiano apporti una sufficiente specificità al ruolo, ritraendo Steve in modo così letalmente insincero e serenamente accondiscendente che è difficile inquadrarlo.

In confronto, Miles Teller è ammirevolmente serio, interpretando Jeff come qualcuno che farebbe di tutto per rimediare ai torti subiti in passato, e gli stili contrastanti dei due protagonisti – leggermente teatrale e spoglio – creano un ulteriore livello di tensione.

In definitiva, l’intreccio di Spiderhead è a volte approssimativo e il finale non riesce a raggiungere quell’atmosfera di briosità minacciosa a cui Joseph Kosinski sembrerebbe mirare. Eppure, il film ha momenti interessanti e un mood distintivo, che si accontenta di servire cliché narrativi con colpi di scena beffardi. Jeff non desidera altro che sfuggire a Spiderhead, ma il pubblico potrebbe gradire di rimanere rinchiuso per un paio d’ore in questo tipo di intrattenimento furbo e piacevolmente superficiale.

Di seguito trovate il trailer doppiato in italiano di Spiderhead, nel catalogo di Netflix dal 17 giugno: