Home » Cinema » Horror & Thriller » The Final Wish | La recensione dell’horror con Lin Shaye e Tony Todd

4/10 su 60 voti. Titolo originale: The Final Wish , uscita: 24-01-2019. Regista: Timothy Woodward Jr..

The Final Wish | La recensione dell’horror con Lin Shaye e Tony Todd

26/04/2019 recensione film di William Maga

Il film sui jinn diretto da Timothy Woodard Jr. getta alle ortiche il grande potenziale a causa di una sceneggiatura eccessivamente ondivaga

the final wish film genio

I jinn – o djinn – sono esseri soprannaturali noti fin dall’epoca preislamica nella regione araba. Probabilmente, in moltissimi ricollegano questo termine a Wishmaster di Robert Kurtzman del 1997 (la nostra recensione), film che ha terrorizzato la giovinezza di molti fan del cinema del terrore, in cui la creatura del titolo non era altro che un essere malvagio che concede alcuni desideri aumentando specularmente il suo potere. Naturalmente, anche l’azzurro Genio animato dell’Aladdin della Disney del 1992 appartiene alla medesima categoria, garantendo anch’egli tra desideri a chi lo ha risvegliato. La differenza tra i due sta che, mentre il secondo cerca l’agognata libertà dalla prigionia della lampada, il primo intende soltanto attraversare la ‘barriera’ tra i due mondi e portar con sé un esercito di suoi simili per scatenare il caos sulla Terra. Dettagli.

The Final Wish film posterIn The Final Wish di Timothy Woodard Jr. (Silencer), Aaron Hammond (Michael Welch) è un giovane neo laureato in giurisprudenza che sta cercando di ottenere un posto da avvocato e stabilizzare un po’ la sua vita. Nel mentre, riceve la notizia che suo padre è morto, così è costretto ad andare a casa di sua madre (Lin Shaye) per aiutarla. Mentre guarda tra le cose appartenute al defunto genitore, trova un’urna misteriosa, che si dimostra ben più di quello che sembra all’apparenza. Quando i desideri che esprime cominciano ad avverarsi davvero, Aaron inizia allora a pensare che le cose stiano finalmente mettendosi per il verso giusto, salvo scoprire presto le ragioni e il prezzo della sua improvvisa fortuna.

Come dimostrato anche dal recente Wish Upon di John R. Leonetti (la recensione) l’affascinate concetto di jinn si presta facilmente ad essere esplorato nel genere horror. Anche in questo caso, The Final Wish prevede un boogeyman in grado di concedere ben sette desideri a chi lo desta, una trovata che consente naturalmente un’interazione maggiormente prolungata tra l’essere soprannaturale e l’umano. Tuttavia, questa opportunità viene qui abbastanza sprecata, poiché, sebbene il jinn – un po’ alla maniera degli shingami di Death Note – sia sempre presente, solo raramente ‘forza’ Aaron, il nostro protagonista nonché vittima predestinata, a esprimere desideri. Talvolta – fortunatamente – utilizza degli inganni per raggiungere l’obiettivo, mostrando così la sua potenza e superiorità intellettuale e lasciando il ragazzo in una posizione di frustrazione dovuta all’impotenza. Diverso dal Genio di Aladdin o dal jinn di Wishmaster, il suo obiettivo è semplicemente di impossessarsi dell’anima dello sventurato di turno.

Anche se la premessa di veder sguinzagliato un mostro di questo tipo sono sempre interessanti, la sceneggiatura di The Final Wish non rende loro giustizia. Una grande quantità del minutaggio è infatti insolitamente – gliene va dato atto – dedicata all’approfondimento dei problemi dei protagonisti, che, anche quando sono importanti per comprendere le motivazioni dietro ai desideri, è davvero eccessivamente dilatata. A ciò si aggiunge che molti dei dialoghi e delle situazioni spesso appaiono quantomeno forzati o incoerenti, in alcuni casi inseriti soltanto per buttar lì idee che hanno poco senso con il resto della storia e finiscono per tranciare la fluidità della narrazione. Il che dà da pensare, considerato che sia il regista che lo sceneggiatore Jeffrey Reddick (la saga di Final Destination) dovrebbero aver ormai acquisito una certa esperienza.

The Final Wish filmAnche la recitazione non aiuta molto, poiché la maggior parte dei personaggi finisce sopra le righe, con la sensazione, almeno in alcuni casi, di essere erroneamente dentro a una commedia piuttosto che a un film dell’orrore. Una situazione curiosa, visto che la maggior parte degli attori coinvolti nel film ha alle spalle numerose partecipazioni a titoli del genere. Oltre a Michael Welch (Z-Nation, Twilight) e Melissa Bolona (MaliciousThe Hurricane Heist), Timothy Woodward Jr. ha infatti potuto contare su due icone del calibro di Lin Shaye e Tony Todd. Ma se la protagonista di Insidious Dead End si dimostra ancora una volta garanzia di professionalità, l’interprete di Candyman è relegato – ancora una volta … – al solito mero professionale cammeo ‘esplicativo’ di pochi minuti.

In definitiva, The Final Wish non può che risultare deludente alla luce dei buoni presupposti sopra elencati e degli interessanti valori produttivi messi in campo. Poche scene – e il finale, che risulta piacevolmente inaspettato – finiscono per essere pienamente godibili, mentre il resto del lungometraggio scivola via con indifferenza. Gli immancabili jumpscares sono pure efficaci, anche se i migliori vengono mostrati già nel trailer, riducendone notevolmente l’impatto e il divertimento. Principalmente, è la sceneggiatura, con situazioni inutili e dialoghi forzati la ​​principale responsabile di una storia troppo debole e ad impedire che il film sia un’esperienza migliore di quella che si dimostra.

Di seguito il trailer internazionale di The Final Wish, al momento ancora senza una data di uscita per l’Italia:

run hide fight film 2020 isabel may
Horror & Thriller

Run Hide Fight | La recensione del film di Kyle Rankin (Venezia 77)

di Alessandro Gamma

La giovanissima Isabel May è la final girl - accanto a Thomas Jane e Radha Mitchell - di un action movie controverso, che affronta il tema sensibile delle sparatorie nelle scuole USA con l'eccessiva frivolezza del genere

Leggi
german angst film 2015
Horror & Thriller

Recensione story | German Angst di J. Buttgereit, M. Kosakowski e A. Marschall

di Antonio Salfa

Il film tedesco a episodi del 2015 si rivela un magico scrigno visivo estremo fatto di brutalità, sesso e piante fin troppo magiche

Leggi
la babysitter killer queen film 2020 netflix
Horror & Thriller

La Babysitter: Killer Queen | La recensione del film di McG (sequel di Netflix)

di Marco Tedesco

Judah Lewis deve vedersela coi redivivi Robbie Amell e Bella Thorne in un secondo capitolo per nulla ispirato, ma pieno di sangue

Leggi
books of blood film hulu 2020
Horror & Thriller

Teaser trailer per Books of Blood, film di Hulu che dà vita ai Libri di Sangue di Clive Barker

di Redazione Il Cineocchio

C'è Brannon Braga alla regia dell'adattamento, che conterrà anche del materiale originale

Leggi
the elephant man film 1980
Horror & Thriller

Trailer per The Elephant Man: il film di Lynch nei cinema italiani restaurato (la data)

di Redazione Il Cineocchio

A 40 anni esatti dall'uscita, una grande opportunità per vedere il classico con Anthony Hopkins e John Hurt in tutto il suo splendore

Leggi