Home » Cinema » Horror & Thriller » The Lighthouse | Guida all’interpretazione del simbolismo del film, con l’aiuto di Robert Eggers

Titolo originale: The Lighthouse, uscita: 18-10-2019. Budget: $4,000,000. Regista: Robert Eggers.

The Lighthouse | Guida all’interpretazione del simbolismo del film, con l’aiuto di Robert Eggers

28/12/2019 news di Redazione Il Cineocchio

Proviamo a fare chiarezza sulla spiazzante e complessa opera in bianco e nero del regista, che vede i protagonisti Robert Pattinson e Willem Dafoe confrontarsi col proprio passato e se stessi

the lighthouse eggers 2019 film

SPOILER vari ed eventuali, fondamentali per la spiegazione che seguirà. Proprio come avvenuto per il suo debutto del 2015 The Witch (la recensione), il recente The Lighthouse del regista Robert Eggers (la recensione) si conclude con un’immagine che può essere letterale, da incubo oppure entrambe contemporaneamente, a seconda di quanto ciascuno spettatore creda nel mito e nella magia. Il simbolismo pesa infatti gravemente su ogni fotogramma in 35mm del film, la storia di due uomini che lottano potentemente con l’identità, il tempo e sé stessi mentre si trovano all’interno di un fallo gigante. Ma c’è forse una risposta concreta a ciò che una persona vede quando finalmente riesce a dare un’occhiata alla luce, la stessa luce che sembra consumare l’Ephraim Winslow interpretato da Robert Pattinson? Abbiamo qualcosa di vicino a una risposta, ma The Lighthouse avverte che le risposte possono essere pericolose.

the lighthouse film poster eggersRobert Eggers ha raccontato in un’intervista a Vox: “Ieri sera, dopo una proiezione, qualcuno mi ha chiesto: ‘Perché non hai ripreso ciò che Rob [Pattinson] vede alla fine del film? Io gli ho risposto: ‘Perché se tu lo vedessi, quello stesso destino toccherebbe a te.”

Innanzitutto, questo è ciò che succede letteralmente in The Lighthouse:

Due guardiani del faro, Ephraim Winslow (Pattinson) e Thomas Wake (Willem Dafoe) arrivano su un’isoletta ventosa e isolata per un turno di manutenzione lungo quattro settimane. Thomas è un vecchio dalla lingua tagliente con una gamba finta, mentre Ephraim è il novellino chiamato a sostituire un collega impazzito. Thomas costringe il ragazzo a mansioni di bassa lega, a trasportare pietre e lavare pavimenti, decretando che lui e lui soltanto può tendere alla luce in cima alla torre. Ephraim a un certo punto uccide un gabbiano, un crimine atroce agli occhi del superstizioso Thomas, che crede che gli uccelli trasportino le anime dei marinai perduti. E le tensioni tra i due uomini aumentano dopo che mancano il passaggio di ritorno al termine delle quattro settimane. Poi si sbronzano pesantemente.

Ephraim si masturba furiosamente guardando la statuetta di una sirena, tra le visioni di una vera sirena che perseguita i suoi momenti di veglia. Thomas scatena una tempesta con una flatulenza. L’oceano rimbomba minaccioso fino a quando non vengono svelati i segreti; Ephraim non è affatto Ephraim. Anche lui si chiama Thomas, e ha ucciso un uomo e rubato la sua identità. A quanto pare poi, non sarà l’unico omicidio nella sua vita. Dopo aver scoperto un diario di bordo pieno di critiche e raccomandazioni per trattenere la paga, il giovane Thomas picchia a sangue l’uomo più anziano, cerca di seppellirlo vivo e infine gli pianta un’ascia in faccia. Senza partner, Thomas – trasformatosi in Ephraim – ascende infine alla luce rotante e incandescente del faro, e tutto ciò che vede in quella luce lo soverchia completamente, trasformandolo in un guscio fotonegativo e facendolo precipitare giù dalla scala a chiocciola sul fondo della struttura.

L’ultimo fotogramma di The Lighthouse vede il giovane Thomas sventrato sugli scogli, coi gabbiani che banchettano con le sue interiora mentre è ancora vivo.

the lighthouse eggers 2019 film gabbianoÈ decisamente molto da elaborare, e a prima vista sembrerebbe materiale inconoscibile quanto l’oceano stesso. Ma la chiave per ottenere una lettura efficace di The Lighthouse è capire quanto siano importanti il mito, le favole e il folklore per Robert Eggers, un regista noto per approfondire a fondo le sue ricerche prima di girare un film.

In questo caso specifico, abbiamo a che fare principalmente con due miti, riguardanti le figure greche di Proteo e Prometeo.

Nella stessa intervista di cui sopra, il filmmaker ha detto: “Ci siamo detti ‘Bene, Prometeo e Proteo non hanno mai partecipato allo stesso mito greco, ma è quello che a quanto pare sta accadendo qui’, e Prometeo potrebbe assumere alcune caratteristiche che lui non ha mai posseduto in passato. Ma sapete una cosa? Gli autori classici han fatto cose simili da sempre.”

Proteo è stato uno delle prime figure di anziano legato al mare cantate nei miti, un custode primordiale della conoscenza e un amico degli animali marini che conosceva tutto ciò che c’era da sapere ma odiava condividere quella conoscenza, Insomma, un vecchio bisbetico. Prometeo era al contrario un uomo a cui piaceva donare; è non a caso noto per aver rubato il fuoco agli dei, aiutando i rozzi esseri umani. Come punizione per il gesto azzardato, Zeus, famoso per non essere un simpaticone, fece incatenare Prometeo a una roccia, dove un’aquila ogni giorno planava per prelevare a colpi di becco gli organi del titano irrispettoso.

Il simbolismo in The Lighthouse si abbina facilmente ai miti, dato che Robert Pattinson sfida un “dio”, si arrampica sullo spiraleggiante “monte Olimpo” e assapora la luce proibita prima di farsi mangiare le viscere per i suoi crimini. Inoltre, Robert Eggers fa notare che l’immagine finale del suo film è stata parzialmente ispirata da Jean Delville, il pittore simbolista belga il cui “Prometheus” ritrae il sacrilego furto di titano come qualcosa di bello, triste e – addirittura – sexy.

Ma ciò che è interessante di The Lighthouse è il modo, come menzionato dal regista, che mescola, abbina e modifica i tratti caratteriali di questi miti comuni. Sotto la parlata volgare e gergale e le flatulenze, il lungometraggio in bianco e nero tratta principalmente di identità. Entrambi i protagonisti mentono l’uno sull’altro – diventa presto abbastanza evidente che il personaggio di Willem Dafoe non ha un grande passato come esperto marinaio – e ritrovarsi schiacciata in uno spazio angusto insieme li costringe ad ammettere che probabilmente stanno mentendo anche a se stessi. I temi portanti di The Lighthouse sono affondati all’interno di una frustrazione decisamente maschile, un’aggressiva possessività bagnata nell’alcol nei confronti di una luce che Thomas chiama “lei” e che assomiglia a due animali che si scontrano a colpi di corna, eppure c’è un breve, brevissimo momento in mezzo a tutta quella rabbia in cui i due quasi si baciano.

Valeriia Karaman in The Lighthouse (2019)Un’altra spiegazione a quanto accade in The Lighthouse è supporre che Thomas e l’altro Thomas siano in realtà la stessa persona che compie un ciclo infinito, un uomo infuriato con se stesso e coi propri errori passati. Certamente, c’è il suono distinto di una gamba che si rompe quando Robert Pattinson cade dalla torre del faro – e il personaggio di Williem Dafoe è ampiamente caratterizzato dalla sua gamba mancante – e l’immagine del più giovane che precipita da una spirale letterale è assolutamente potente. Come si dice “time is a flat circle / il tempo è un cerchio piatto” (espressione curiosamente usata nella prima stagione della serie True Detective) nel dialetto dei marinai della fine del 1800?

Ma questo non risponde a ciò che il giovane Thomas vede nella luce. C’è da star sicuri l’attentissimo – e coltissimo – Robert Eggers abbia una risposta concreta nascosta da qualche parte, ma possiamo affermare che non importi poi molto.

The Lighthouse combina mitologia e atmosfere per raccontare la storia di due persone che non capiscono se stesse. Come il fuoco che Prometeo agguantò dagli dei, la luce in cima al faro rappresenta ogni cosa, tutta la conoscenza, e guardandovi all’interno Thomas capisce tutto quanto, tutto in una volta. Ovviamente, non può afferrarlo. Nessuno avrebbe potuto, a eccezione di quei marinai che sono già stati dall’altra parte e sono ritornati come gabbiani. Meglio lasciarli stare.

In attesa di capire quando arriverà dalle nostre parti (pare nella primavera del 2020), di seguito trovate il trailer internazionale di The Lighthouse:

Fonte: C

LEGGI LA RECENSIONE

Altre notizie su The Lighthouse:

Horror & Thriller

Trailer per Beast Mode: un elisir trasforma gli attori di Hollywood in mostri assetati di fama

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono James Duval (Donnie Darko) e Ray Wise (Twin Peaks) tra i protagonisti dell'horror satirico diretto da Chris W. Freeman e Spain  Willingham

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Aquaslash: lo scivolo del parco acquatico ti fa a fette mentre scendi

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Renaud Gauthier torna dietro alla mdp per un film horror che trasforma un divertente gioco di gruppo in una trappola mortale

Leggi
lovecraft country serie 2020
Horror & Thriller

Teaser per la serie Lovecraft Country: gli USA anni ’50 sono infestati di mostri e razzismo

di Redazione Il Cineocchio

Jurnee Smollett-Bell, Jonathan Majors e Abbey Lee sono al centro dell'adattamento TV del romanzo horror di Matt Ruff, che è stato prodotto da Jordan Peele e J.J. Abrams

Leggi
Horror & Thriller

Red Band trailer per Becky: Lulu Wilson compie brutali omicidi per salvare il papà

di Redazione Il Cineocchio

C'è anche Joel McHale nel film R-Rated dei registi Jonathan Milott e Cary Murnion (Bushwick)

Leggi
mope film 2019 porno xxx
Horror & Thriller

Trailer per Mope: pornografia e katane si incontrano nel thriller ispirato a una storia vera

di Redazione Il Cineocchio

Nathan Stewart-Jarrett e Kelly Sry sono i "Jackie Chan e Chris Tucker dei film a luci rosse" nel tragico film d'esordio di Lucas Heyne

Leggi