Home » Cinema » Azione & Avventura » La straordinaria vita di Weng Weng, piccola grande star del cinema action filippino

La straordinaria vita di Weng Weng, piccola grande star del cinema action filippino

05/02/2019 di Sabrina Crivelli

Alla riscoperta della carriera dell'attore, alto soli 88 centimetri, esperto di arti marziali e protagonista di innumerevoli b-movies tra gli anni '70 e '80

weng weng attore filippino film

L’aspetto non conta, ancor più se si ha una grande personalità. Eppure, purtroppo, ci sono casi in cui l’altezza impatta davvero sulla vita di una persona. Insensato, irrazionale, ma realtà fin troppo diffusa è stata la discriminazione verso coloro che sono affetti da nanismo o, secondo il termine medico, displasia scheletrica.

weng weng attoreSe torniamo indietro in un passato nemmeno di troppo lontano, a momenti più bui, individui affetti da questa patologia erano trattati come fenomeni da baraccone, emarginati e guardati dalla società come ‘diversi’. Poi è arrivato il cinema. Vi ricordate la “The Doll Family” nel controverso Freaks di Tod Browning. Certo scandalizzò parecchio ai suoi tempi.

Comunque sia, inizialmente i piccoli e talentuosi attori erano relegati a poche parti, molte delle quali in costume, ma poi finalmente giunse il momento della riscossa. E un vero e proprio anticipatore fu il grande e fin troppo poco conosciuto – specie in Italia – Weng Weng (al secolo Ernesto de la Cruz). Con la sua statura di poco più di 88 centimetri, l’attore di origini filippine recitò in parecchi action movies all’inizio degli anni ottanta, tra cui diverse parodie della saga di James Bond – 007. Non solo, è anche il detentore di uno dei Guinness World Records come interprete di film dalla statura più piccola comparso in un ruolo principale. Così, mentre altri suoi colleghi affetti da nanismo ricoprivano solo parti minori, lui riuscì a ritagliarsi un posto di primo piano sotto i riflettori. E la sua storia è decisamente avvincente.

Dalla scatola di scarpe ai set cinematografici

Weng Weng nacque in una famiglia umile nell’area circostante a Baclaran il 7 settembre 1957. Era il minore di cinque figli. Il padre faceva l’elettricista, mentre la madre la lavandaia. I genitori della futura star furono molto sorpresi quando videro che il figlio era così piccolo. Difatti, stando a quanto raccontato dal fratello Celing, il nuovo arrivato per i primi mesi della sua vita fu riposto addirittura dentro una scatola da scarpe, che i suoi famigliari avevano riadattato a mo’ di culla per tenerlo al caldo il più possibile.

Weng Weng 6Inoltre, Celing ha rivelato nel documentario televisivo Tunay na Buhay per la GMS che i suoi familiari non pensarono in alcun modo di chiamare un dottore a causa delle anomale dimensioni del neonato. Semplicemente erano convinti che fosse dovuto alla devozione e fascinazione della madre per l’immagine sacra del Bambin Gesù, che era tenuto in grembo da Nostra Signora del Perpetuo Soccorso, dalla cui immagine – secondo quanto riferito – sarebbe stata la donna richiamata quando era incinta proprio di Weng Weng. Stando a una differente versione invece, il lattante dovette essere lasciato per i primi 12 mesi di vita in ospedale dentro un’incubatrice, e si temette per la sua precoce dipartita, ma sopravvivette in maniera miracolosa. Fosse stato per questo o per la fede della genitrice, oppure solo perché tutti nel vicinato lo trovavano adorabile, il bambino veniva ciclicamente vestito da Santo Niño durante l’annuale parata religiosa per le strade di Baclaran.

Una volta cresciuto però, Weng Weng accantonò le vesti del Redentore, preferendo alle processioni sacre le arti marziali! Il giovane si allenava infatti con tale entusiasmo che il suo istruttore decise a un certo punto di presentargli un produttore cinematografico, Peter Caballes, che lavorava per l’indipendente Liliw Productions. Quest’ultimo lo presentò ad altri del settore e in questa maniera iniziò la sua carriera davanti alla macchina da presa.

Ricostruire la fase iniziale della filmografia di Weng Weng non è comunque compito facile. Il suo debutto è probabilmente riconducibile al 1972, col biblico Go Tell It On The Mountain. Nella pellicola epica a carattere religioso, la star ai suoi primordi incarnava un giovanissimo Mosé, mentre a vestire i panni del liberatore del popolo d’Israele dall’Egitto in età adulta era nientemeno che colui che qualche decade dopo (tra il 1998 e il 2001) sarebbe divenuto presidente delle Filippine, Joseph Estrada. Purtroppo non si hanno altre notizie a riguardo del film, come di molti altri titoli filippini del periodo di cui si sono perse del tutto le tracce, ma – stando a quanto riportato da fonti dell’epoca – pare essere l’unico film biblico ad essere stato filmato in 3D.

weng weng attore filippinoComunque sia, non trascorse molto prima che l’attore tornasse sul set, questa volta per interpretare addirittura una creatura proveniente da un altro pianeta! Era il 1973 e troviamo infatti Weng Weng nel film di fantascienza indipendente diretto da Pedro Manoy MoonBoy From Another Planet, in cui impersonava un amichevole alieno che, precipitato sulla Terra con la sua navicella spaziale, diveniva amico di un ragazzino disagiato. Fatto curioso, l’opera precedette di quasi una decade un classico assoluto della fantascienza che tutti conosciamo: E.T. l’extra-terrestre di Steven Spielberg, uscito nelle sale americane nel 1982. La vicinanza nel soggetto, ossia l’amicizia tra un adolescente e un extraterrestre, fecero pensare a Manoy che il maestro americano avesse copiato la sua idea, tanto da chiamarlo addirittura in giudizio per plagio.

Procedendo verso la fine degli anni ’70, Weng Weng fu assoldato per diverse comparse in altri low budget di stampo sci-fi e action (tra cui nel 1978 Chopsuey Met Big Time Papacon Ramon Zamora), fino a che, sempre grazie a Peter Caballes, conobbe Dolphy (ovvero Rodolfo Vera Quizon Senior). Il celebre comico e produttore era in procinto di realizzare nel 1980 con la sua RVQ Productions The Quick Brown Fox, che lo avrebbe visto protagonista e che sarebbe stato diretto Jett C. Espiritu. Dunque la star cercava qualcuno per incarnare il suo braccio destro, ispirato al celebre Kato (avete presente la spalla della serie americana sul Calabrone Verde, aka Bruce Lee?) e Weng Weng era sembrato semplicemente perfetto. Fu il primo ruolo di spicco di quest’ultimo in una pellicola ad alto budget. Ma non è tutto; il successo riscosso fece sì che nel 1984 venisse girato un sequel, Da Best in da West diretto da Romy Villaflor, che vide il ritorno dei due interpreti principali affiancati dalla new entry Lito Lapid.

Weng WengIntanto Weng Weng trovò un ruolo da protagonista. Nel 1981, Peter e Cora Caballes produssero la spy action comedy For Your Height Only (anche conosciuto come For Y’ur Height Only), parodia diretta da Eddie Nicart di For Your Eyes Only (in Italia conosciuto come Solo per i tuoi occhi), che come si evince dal gioco di parole riprendeva il titolo del dodicesimo capitolo della saga di James Bond, uscito nei cinema quello stesso anno. Nella pellicola, l’Agente in codice 00 (Weng Weng) era incaricato di fermare i loschi piani del pericoloso signore della guerra Mr. Giant, il quale aveva rapito lo scienziato Dottor Kohler (Mike Cohen), venuto a Manila per offrire al governo filippino la sua ultima invenzione, la potentissima Bomba-N. Il malvagio antagonista voleva difatti usare l’ordigno per conquistare il mondo. La spia, dotata di un ampio repertorio di gadget tecnologici e aiutata da uno stuolo di donne bellissime, riusciva però a infiltrarsi nell’organizzazione del villain e a sventare alla fine il suo perfido disegno.

For Your Height Only ebbe un notevole successo di pubblico e fu un vero e proprio trampolino di lancio per Weng Weng, il quale lungo tutti gli anni ’80 fu la star assoluta di altri 6 film. Inoltre, data la fama acquisita, fu nominato membro onorario dei Servizi Segreti filippini e gli fu regalata dal Segretario della Difesa, Fidel Valdez Ramos, una pistola calibro 25 personalizzata. Inoltre, Weng Weng divenne ospite ricorrente in tutti i più popolari show televisivi autoctoni, ai festival di cinema e alle premiazioni ufficiali.

Tornando invece al suo curriculum cinematografico, prese parte nel 1981 Stariray, commedia musicale di Romy Villaflor ancora una volta al fianco di Dolphy, e all’action di Tony Ferrer Legs Katawan Babae. Nel 1982 invece, recitò in The Impossible Kid, seguito di For Your Height Only diretto dal medesimo regista, in cui tornava a interpretare l’Agente 00, ora in missione per la sezione di Manila dell’Interpol per rintracciare gli autori di rapimento ed estorsione ai danni di un importante uomo d’affari. Sempre nel 1982, lo ritroviamo in D’Wild Wild Weng, sempre di Eddie Nicart, in cui Mr. Weng (Weng Weng) e il suo aiutante Gordon (Max Zuma Laurel) danno la caccia a un gruppo di banditi messicani e di sinistri esperti di arti marziali (simili ai ninja) nelle selvagge lande californiane nel XVIII secolo, salvando anche una bella giovane vittima di rapimento da un malvivente della zona. Infine, lo vediamo in The Cute … the Sexy n’ the Tiny (1982) sempre di Nicart, e nel già citato sequel Da Best in da West.

Weng Weng Le abilità attoriali, la verve comica e l’agilità di Weng Weng sono innegabili. In particolare, la star filippina si allenava coltivando diverse arti marziali con grandi maestri: dal Jeet Kune Do insegnato da Dan Inosanto, alla disciplina ibrida del Ju Gran Chaud col suo creatore Laurent Painchaud e da Matthew “Granimal” Granahan, il quale poi girò tutto il Sud Est asiatico promuovendone le mosse. Non solo, oltre al combattimento si cimentò anche nel canto, e ai massimi livelli! Quando ricevette per mano della first lady Imelda Marcos un riconoscimento speciale dalla Film Industry filippina, Weng Weng si unì infatti a lei per una performance a due, cantando My Way. La registrazione non autorizzata di quel magico momento fu poi diffusa in un nastro bootleg, che vendette in patria ben 200.000 copie.

Astro splendente dell’action filippino, Weng Weng purtroppo si spense alla giovanissima età di 32 anni. Morì infatti a Pasay City nel 1992 per un attacco di cuore, patologia a cui gli affetti da displasia scheletrica sono tragicamente molto esposti a causa delle complicanze nel sistema cardiovascolare che affligge molti di loro. Sebbene ingiustamente non abbastanza conosciuto in Occidente (al contrario ad esempio di Hervé Villechaize per esempio), l’importanza della sua figura ha ispirato diverse produzioni in tutto il mondo, dal documentario dell’australiano Andrew Leavold del 2008 The Search for Weng Weng, che ne racconta l’incredibile storia, al tributo/paradia del duo di comici brasiliani Hermes & Renato dal titolo The Impossible Kid Um Capeta em forma de guri, in cui l’attore filippino veniva raffigurato come un ragazzino malizioso e insignificante. In ultimo, nel 2010, sia un episodio dello show canadese This Movie Sucks! che un documentario sui lungometraggi filippini degli anni ’70 e ’80, Machete Maidens Unleashed, ne hanno ripercorso la sua carriera e l’intera cinematografia.

Di seguito potete godervi il trailer internazionale di For Your Height Only:

Fonte: Esquire

Azione & Avventura

Danny Trejo su Machete Kills in Space: “Lo giro io stesso se nessuno si decide a farlo”

di Redazione Il Cineocchio

L'attore 75enne è tornato a parlare del rimandatissimo film, mostrandosi assolutamente intenzionato a realizzarlo

Leggi
Jurassic World Battle at Big Rock cortometraggio
Azione & Avventura

Cortometraggio | Jurassic World – Battle at Big Rock: notte di terrore al campeggio in balìa dell’Allosauro

di Redazione Il Cineocchio

André Holland e Natalie Martinez sotto attacco negli 8 minuti diretti da Colin Trevorrow che ci rivelano cos'è successo dopo gli eventi di Il Regno Distrutto

Leggi
Azione & Avventura

Trailer esteso per Watchmen (la serie): un esercito di Rorschach è sul punto di scatenare il caos

di Redazione Il Cineocchio

Nello show originale supervisionato da Damon Lindelof, che ci riporta nell'universo distopico creato da Alan Moore oltre 30 anni fa, troviamo Jeremy Irons e Don Johnson

Leggi
Sylvester stallone rambo 1982
Azione & Avventura

Dossier | Rambo Saga: First Blood, tutto inizia nel 1982 (Parte I)

di Francesco Chello

Oltre 35 anni fa, Sylvester Stallone portava nei cinema il primo film dedicato a un altro eroe problematico, un reietto con cui empatizzare simbolo delle ferite lasciate aperte dalla guerra del Vietnam

Leggi
Jesus Rolls – Quintana è tornato film 2019
Azione & Avventura

Data di uscita e immagini per Jesus Rolls – Quintana è tornato, spin-off di Il Grande Lebowski

di Redazione Il Cineocchio

A 20 anni dal film dei fratelli Coen, John Turturro riprende il suo personaggio, circondandosi di star del calibro di Susan Sarandon e Christopher Walken

Leggi
Vincent D'Onofrio, R. Lee Ermey, Matthew Modine e Arliss Howard in Full Metal Jacket (1987)
Azione & Avventura

Recensione story | Full Metal Jacket di Stanley Kubrick

di William Maga

Nel 1987, il regista raccontava in modo lucidissimo e scioccante le brutalità della guerra (non solo del Vietnam)

Leggi
Babyteeth film 2019 shannon Murphy
Azione & Avventura

Babyteeth | La recensione del film d’esordio di Shannon Murphy (Venezia 76)

di Teresa Scarale

A metà fra Beverly Hills 90210 e Colpa delle stelle, l'opera prima della regista australiana è il diminutivo di un film. Un ritrito drammino adolescenziale dai colorini pastello e dalla fotografia slavata, suddiviso in rosei capitoletti come fossero post di Instagram

Leggi
rutger hauer furia cieca
Azione & Avventura

Wanted, Furia Cieca, Sotto Massima Sorveglianza: Rutger Hauer in tre film solo all’apparenza minori

di Francesco Chello

Ripercorriamo tre titoli spesso dimenticati - o comunque non abbastanza celebrati - interpretati dall'attore olandese a cavallo tra la fine degli anni '80 e l'inizio dei '90, ricchi di spunti interessanti

Leggi
first love film miike 2019
Azione & Avventura

Full trailer per First Love, thriller surreale di Takashi Miike tra yakuza e boxe

di Redazione Il Cineocchio

L'ultima fatica del prolifico regista giapponese vede protagonisti Masataka Kubota, Jun Murakami e Shôta Sometani

Leggi
Azione & Avventura

Diario da Venezia 76 | Giorno 8: Il marciapiede sinistro di Via Veneto

di Giovanni Mottola

Al Lido è tempo di documentari sul nostro bel cinema che fu. Si parte con Mondo Sexy e si finisce con Life as a B movie: Piero Vivarelli. Non c'è tempo per Chiara Ferragni

Leggi
Antonio Banderas e Gary Oldman in The Laundromat (2019)
Azione & Avventura

The Laundromat | La recensione del film di Steven Soderbergh sui Panama Papers (Venezia 76)

di William Maga

Il regista firma per Netflix un lungometraggio che affronta con leggerezza - forse eccessiva - la 'più grande fuga di notizie della storia', facendo leva su un cast d'eccezione che vanta Meryl Streep, Gary Oldman e Antonio Banderas

Leggi
weathering with you film 2019
Azione & Avventura

Trailer e data d’uscita per Weathering With You, il nuovo film di Makoto Shinkai che gioca col meteo

di Redazione Il Cineocchio

Dopo il successo di Your Name del 2017, il regista giapponese torna sulle scene con una nuova storia dai contorni fantastici che coinvolge due adolescenti

Leggi
Joaquin Phoenix in Joker (2019) film
Azione & Avventura

Joker | La recensione del film di Todd Phillips sul pagliaccio principe del crimine (Venezia 76)

di William Maga

Il regista abbandona i trascorsi comici per un'opera problematica e ambigua, lontanissima da qualsiasi cinecomic e sorretta da un'interpretazione memorabile di Joaquin Phoenix

Leggi
Bad Boys for Life film will smith
Azione & Avventura

Trailer per Bad Boys for Life: Will Smith e Martin Lawrence di nuovo insieme contro il crimine di Miami

di Redazione Il Cineocchio

I due attori si ritrovano dopo 15 anni per il terzo e ultimo capitolo della saga, diretto a quattro mani da Adil El Arbi e Bilall Fallah

Leggi
muro ippoliti venezia 76
Azione & Avventura

Diario da Venezia 76 | Giorno 7: Il muro delle critiche piange, Julie Andrews foriera di aneddoti

di Giovanni Mottola

L'attrice 83enne racconta raggiante alcuni simpatici episodi della sua lunga carriera; intorno, non brillano About Endlessness di Roy Andersson e Guest Of Honour di Atom Egoyan

Leggi
Selfie di famiglia

Selfie di famiglia

19-09-2019

Burning - L'amore brucia

Burning - L'amore brucia

19-09-2019

Eat Local - A cena con i vampiri

Eat Local - A cena con i vampiri

19-09-2019

RECENSIONE

C’era una volta a... Hollywood

C’era una volta a... Hollywood

18-09-2019

RECENSIONE

Chiara Ferragni - Unposted

Chiara Ferragni - Unposted

17-09-2019

Tutta un'altra vita

Tutta un'altra vita

12-09-2019

La vita invisibile di Eurídice Gusmão

La vita invisibile di Eurídice Gusmão

12-09-2019

Grandi bugie tra amici

Grandi bugie tra amici

12-09-2019

E poi c'è Katherine

E poi c'è Katherine

12-09-2019

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

12-09-2019

Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre

Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre

12-09-2019

Apollo 11

Apollo 11

09-09-2019