Home » Cinema » Azione & Avventura » X-Men: Dark Phoenix | La recensione del rassegnato film di Simon Kinberg

6/10 su 2787 voti. Titolo originale: Dark Phoenix, uscita: 05-06-2019. Budget: $200,000,000. Regista: Simon Kinberg.

X-Men: Dark Phoenix | La recensione del rassegnato film di Simon Kinberg

05/06/2019 recensione film di Sabrina Crivelli

Sophie Turner è la protagonista assoluta del dodicesimo - e ultimo - capitolo della saga sui mutanti, che svilisce il materiale originario ed emana scarsa convinzione a ogni inquadratura

Un finale stanco, trascinato, per una saga filmica che già da tempo ha perso l’iniziale interessante slancio. Questa è la sensazione che comunica X-Men: Dark Phoenix dell’esordiente alla regia Simon Kinberg, dodicesimo – e ultimo – capitolo delle avventure cinematografiche dei mutanti iniziata nel lontano 2000 con X-Men di Bryan Singer, che apriva la strada per il grande schermo ai celebri supereroi ‘diversi’ dei fumetti della Marvel. Il film, incentrato su uno degli archi narrativi più amati di sempre dai lettori, ovvero La Saga di Fenice Nera (risalente al 1980 e sceneggiata da Chris Claremont, con i disegni di Dave Cockrum e John Byrne), non solo tramuta in un ‘polpettone’ iper-emotivo il materiale originario stravolgendolo in più passaggi (con buona pace dei conoscitori della fonte), ma – cosa assai peggiore – risulta alquanto deludente e pasticciato anche preso separatamente.

dark phoenix fenice film 2019 x-men posterX-Men: Dark Phoenix è infatti una libera e assai semplificata reinterpretazione della parabola di uno dei personaggi femminili più affascinanti, nonché degli X-Men più potenti: Jean Grey (interpretata da una imbolsita Sophie Turner, che pare essere rimasta imprigionata nell’aristocratico ruolo incarnato in Il Trono di Spade).

Dopo un terribile trauma infantile e la perdita dei genitori in un incidente d’auto, causato per l’incapacità di controllare il suo potere, la piccola Jean viene adottata dal Professor Charles Xavier (reso da un ormai svogliato James McAvoy che fa ritorno ancora una volta nel franchise, dove era approdato nel 2011 con X-Men L’inizio). Condotta quindi nell’Accademia per giovani dotati che lui stesso ha creato per aiutare questi individui fuori dal ‘normale’ a sviluppare le proprie incredibili potenzialità, dà una casa e una famiglia alla bambina, che parrebbe essere rimasta sola al mondo ed è terrorizzata da sé stessa. Per aiutarla a superare il trauma, il telepate si introduce così anche nella mente della piccola e le instilla dei ‘muri’, dei blocchi (nel fumetto non è la rimozione di un momento drammatico, ma il tentativo di controllare l’immenso e altrimenti incontenibile potere della ‘X-Girl’ a muovere Xavier).

Siamo nel 1992. Cresciuta, Jean è ormai una vera e propria eroina, che assieme a una task force capitanata da Raven (il premio Oscar Jennifer Lawrence, anche lei in una prova decisamente sottotono), e affiancata dal fidanzato Ciclope (un ignavo Tye Sheridan, alla cui mimica nulla toglie il visore che ne copre completamente gli occhi), Tempesta (Alexandra Shipp, relegata a poco più di mera comparsa), e i trascurabili Nightcrawler (Kodi Smit-McPhee ) e Quicksilver (Evan Peters). Diretti da Xavier, i paladini si cimentano così in pericolose missioni per salvare e difendere gli innocenti del globo e, in tal modo, sono riusciti anche a superare l’annosa sfiducia della razza umana verso i mutanti (l’argomento fondamentale dell’intera saga è qui solamente abbozzato malamente, con repentini quanto maldestri cambiamenti di registro). Addirittura, il valore del lavoro di Charles e dei suoi X-Men è pubblicamente riconosciuto e incensato (vediamo persino un gala dove il Professore è relatore e adulato dai molti presenti).

X-Men Dark Phoenix film 2019Quando quindi a chiamarli è nientemeno che il Presidente degli Stati Uniti, richiedendo il loro intervento per una missione speciale tesa a salvare un gruppo di astronauti in avaria nello spazio, gli X-Men rispondono prontamente e si proiettano subito in orbita. C’è pero un terribile imprevisto: uno dei membri dell’equipaggio dello Shuttle manca all’appello, e quella che sembra soltanto una terrificante – ma comune – tempesta solare sta per ingoiare ineluttabilmente l’astronave. Jean Grey è l’unica in grado di risolvere la situazione grazie ai suoi immensi poteri, ma una volta messo in salvo l’uomo, rimane bloccata nel vuoto in balìa delle radiazioni, che la attraversano e penetrano in lei, trasformandola in qualcosa di differente e di ancora più potente. Così nasce la celebre Fenice Nera protagonista di X-Men: Dark Phoenix.

Dall’evoluzione interiore alla mera saga familiare, diversamente dal fumetto Jean Grey qui non è ancora adulta e matura e la fondamentale trasformazione viene inserita ex abrupto senza che la sua complessa personalità, i suoi poteri, le dinamiche di coppia e amorose con Scott Summers, con Charles e con gli altri X-Men possano essere costruiti ad uopo (in questo lungometraggio o nei film precedenti). Insomma, in X-Men: Dark Phoenix l’apice di quello che dovrebbe essere un lungo e articolato processo è risolto in poche sequenze, il momento più alto di un arco narrativo di ampio respiro estrapolato dal contesto originario e anzitutto semplificato. Vero è che le dinamiche non sono lontane, Jean è esposta a un’enorme flusso di energia che ne muta la natura anche nella versione cartacea, anche se in quel caso semplicemente per proteggere i compagni (non è certo questa la differenza più rilevante).

James McAvoy, Kodi Smit-McPhee, Alexandra Shipp e Tye Sheridan in X-Men Dark Phoenix (2019)Innegabile è però che nel fumetto ci siano molti elementi decisamente più accattivanti del banale e tipico racconto di formazione condensato della versione ‘potenziata’ e fuori controllo di una ragazzina problematica e fragile. Nella complessa storia ideata da Chris Claremont tutto è focalizzato sull’oscuro cammino interiore di lei, che prevede tra l’altro l’incontro con Mastermind e la cerchia maligna del Club Infernale, uno scontro tra il villain e Ciclope. Insomma, una storia di morte, grande sofferenza, emancipazione e terribile e dolorosa vendetta che porta alla genesi di un’entità sovrumana in cui l’amore è assolutamente centrale.

Al contrario, nella resa cinematografica sceneggiata da Simon Kinberg stesso (che ha scritto anche molti dei precedenti capitoli cinematografici degli X-Men, quali Conflitto finale, Giorni di un futuro passato e Apocalisse) niente di tutto ciò è purtroppo presente, per motivi prosaicamente hollywoodiani si suppone. In X-Men: Dark Phoenix – dove non mancano gli afflati femministi – ogni cosa ruota semplicemente attorno al collaudatissimo freudiano scontro con la figura paterna, sia essa Xavier (che viene tacciato di egocentrismo e hubrys!) o con il padre naturale di Jean Grey. Per scatenare quella che potrebbe essere la peggiore minaccia che l’umanità abbia mai visto basta un improvviso moto infantile di ribellione verso l’autorità e di delusione verso gli ‘adulti’, che minano l’identità del soggetto in questione.

Summer Fontana in X-Men Dark Phoenix (2019)Il meccanismo narrativo è estremamente scontato, tra accidentali uccisioni – affrontate senza il minimo pathos che richiederebbero – e vendette, col ripescaggio estemporaneo dell’ex nemico ora hippy Erik Magnus Lehnsherr aka Magneto (Michael Fassbender), ormai dedito a una vita tranquilla in una sorta di comune per mutanti nell’immaginaria Genosha, e il rinvigorirsi degli antichi rapporti di amore e odio con Bestia (Nicholas Hoult). Ultimo ma non meno importante, a completare il quadro viene inserito un misterioso villain nuovo di zecca – o meglio una intera genia di cattivi alieni, campati davvero per aria -, interpretato da una platinata Jessica Chastain, che ben poco può fare per trasmettere una qualche tensione incarnando il ruolo di blando demonietto tentatore / mentore oscuro, strano incrocio tra l’Agente Smith di Matrix in gonnella e tacco a spillo e il T-1000 di Termiantor 2.

Sfibrato e rassegnato canto del cigno della storica saga della 20th Century Fox, X-Men: Dark Phoenix – che pur ha vissuto in prima persona il problema dei reshoots per il terzo atto (troppo simile, pare, a un recente film della rivale Marvel / Disney) – costituisce in sostanza un capitolo a se stante in cui, al contrario del riuscito Logan – The Wolverine di James Mangold (la recensione) del 2017, i protagonisti suscitano indistintamente davvero poca empatia ed emozioni e si respira a ogni inquadratura l’aria della smobilitazione. Qualche scena d’azione movimentata, come l’assalto al treno militare o il ‘duello mentale’ per l’elicottero, fa capire che i 200 e passa milioni di dollari di budget sono stati spesi se non altro per un paio di consueti set spettacolari e per gli effetti speciali, ma non riesce a far dimenticare la pochezza di uno script che non riesce a valorizzare il cast o il materiale disegnato di partenza.

Un epilogo tutt’altro che encomiabile per i ragazzi mutanti, con la palla che ora passa nelle mani della Disney, che avrà il non semplicissimo compito di rilanciarli.

Di seguito trovate il trailer ufficiale in italiano del film, nei nostri cinema dal 6 giugno:

the mask film 1994
Azione & Avventura

Jim Carrey su The Mask: “Un nuovo film? Perché no, ma solo a una condizione”

di Redazione Il Cineocchio

Il protagonista del film del 1994 sarebbe ben disposto a tornare nei verdi panni di Stanley Ipkiss

Leggi
1917 film sam mendes
Azione & Avventura

1917 | Recensione del film di guerra Sam Mendes che ci porta sul fronte (in piano sequenza)

di William Maga

Dean-Charles Chapman e George MacKay sono i protagonisti di un prodigio della tecnica registica, capace di riscrivere le regole di un genere consolidatissimo come quello dei 'war movie'

Leggi
ESCAPE FROM PRETORIA film 2020
Azione & Avventura

Trailer per Escape from Pretoria: Daniel Radcliffe deve evadere da un carcere di massima sicurezza

di Redazione Il Cineocchio

C'è il regista Francis Annan dietro al racconto dell'incredibile storia vera di Tim Jenkin e Stephen Lee, imprigionati in Sudafrica per la loro lotta contro l'apartheid

Leggi
tremors film 1990
Azione & Avventura

Recensione story | Tremors di Ron Underwood

di William Maga

Nel 1990 arrivava nei cinema - con insuccesso - il primo capitolo della poi fortunata saga sui Graboid, riuscito mix di azione, gore e umorismo con Kevin Bacon e Michael Gross

Leggi
Azione & Avventura

Justice League | Recensione del film di Zack Snyder con tutti gli eroi del DCEU

di Alessandro Gamma

La mano di Joss Whedon che stempera la pesantezza delle opere precedenti e una sceneggiatura semplice e senza colpi di testa lo rendono godibile, anche se minato dalla CGI dozzinale e dal solito cattivo 'casuale'

Leggi
fabrizio de tommaso - calibro acrilico wow
Azione & Avventura

Esclusivo | Fabrizio De Tommaso ci presenta la mostra ‘Calibro Acrilico’ (intervista allo Spazio WOW)

di Alessandro Gamma

Abbiamo fatto quattro chiacchiere col giovane copertinista di Morgan Lost, facendo un po' il punto della sua carriera in occasione della sua prima mostra personale

Leggi
Spenser Confidential film netflix 2020
Azione & Avventura

Trailer per Spenser Confidential: Mark Wahlberg ritrova Peter Berg nel poliziesco di Netflix

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Winston Duke e Post Malone tra i protagonisti della buddy comedy R-Rated ispirata al romanzo Robert B. Parker's Wonderland

Leggi
What Did Jack Do davi lynch corto 2020
City of Crime film 2020
Azione & Avventura

City of Crime (21 Bridges) | La recensione del film di Brian Kirk

di William Maga

Chadwick Boseman, Stephan James e Taylor Kitsch sono i protagonisti di un action thriller 'vecchia scuola' senza troppi fronzoli, che privilegia l'azione all'approfondimento psicologio

Leggi
Jeremy Irons in Watchmen (2019) serie
mortal kombat film 1995
Azione & Avventura

Dossier | Mortal Kombat di Paul W. S. Anderson: l’adattamento definitivo di un videogioco

di Sabrina Crivelli

Ridicolo, datato, improvvisato, il film del 1995 con Christopher Lambert resta una delle versioni 'dal vivo' più divertenti e memorabili del sottogenere

Leggi
Sam Rockwell, Taika Waititi e Roman Griffin Davis in Jojo Rabbit (2019)
Azione & Avventura

Jojo Rabbit | La recensione del film di – e con – Taika Waititi che fa satira sul nazismo

di William Maga

Il filmmaker neozelandese porta in scena una tragicommedia dell'assurdo, che mette gustosamente alla berlina il nazismo e la sua ideologia coinvolgendo nell'operazione Scarlett Johansson e Sam Rockwell

Leggi
1917 film sam mendes
Azione & Avventura

1917 | La recensione del film Sam Mendes che ci porta dietro le linee nemiche

di William Maga

Dean-Charles Chapman e George MacKay sono i protagonisti di un prodigio della tecnica registica, capace di riscrivere le regole di un genere consolidatissimo come quello dei 'war movie'

Leggi
Azione & Avventura

Trailer per Guns Akimbo: Daniel Radcliffe ha pistole imbullonate alla mani

di Redazione Il Cineocchio

Nell'ipercinetico action splatter diretto da Jason Lei Howden c'è anche la psicopatica Samara Weaving

Leggi
cold blood film 2019 jean reno
Azione & Avventura

Cold Blood – Senza Pace | La recensione del thriller di Frédéric Petitjean con Jean Reno

di William Maga

Il 71enne attore francese è lo sconsolato protagonista di un esordio alla regia modesto, intriso di cliché e confuso

Leggi
Odio l'estate

Odio l'estate

30-01-2020

Alice e il sindaco

Alice e il sindaco

30-01-2020

I miserabili

I miserabili

30-01-2020

Villetta con ospiti

Villetta con ospiti

30-01-2020

Il diritto di opporsi

Il diritto di opporsi

30-01-2020

Judy

Judy

30-01-2020

Underwater

Underwater

30-01-2020

RECENSIONE

ARTASERSE

ARTASERSE

24-01-2020

In the Trap - Nella trappola

In the Trap - Nella trappola

23-01-2020

Figli

Figli

23-01-2020

Tappo - Cucciolo in un mare di guai

Tappo - Cucciolo in un mare di guai

23-01-2020

1917

1917

23-01-2020

RECENSIONE

Just Charlie - Diventa chi sei

Just Charlie - Diventa chi sei

23-01-2020

Herzog incontra Gorbaciov

Herzog incontra Gorbaciov

19-01-2020

Me contro Te: Il film - La vendetta del Signor S

Me contro Te: Il film - La vendetta del Signor S

17-01-2020

Dolittle

Dolittle

17-01-2020