Home » TV » Sci-Fi & Fantasy » Dark Crystal: la Resistenza | La recensione della serie prequel che ci riporta a Thra

8/10 su 79 voti. Titolo originale: The Dark Crystal: Age of Resistance, uscita: 30-08-2019. Stagioni: 1.

Dark Crystal: la Resistenza | La recensione della serie prequel che ci riporta a Thra

11/09/2019 recensione serie tv di William Maga

Dopo quasi 40 anni, il regista Louis Leterrier e Netflix realizzano un prequel al classico del cinema fantasy di Frank Oz e Jim Henson, un rispettoso tributo che è una festa per gli occhi e per lo spirito

dark crystal la resistenza serie 2019 netflix

La premessa. Per secoli gli Skeksis hanno governato il pianeta Thra. Una volta incaricati da Madre Aughra di vegliare sul ‘Cristallo Oscuro’ (o della Verità), si sono però evoluti in terribili e infidi despoti, che banchettano su quel mondo a spese degli altri esseri viventi – soprattutto dei Gelfling. Ma anche esseri potenti come loro stanno invecchiando, e l’energia del Cristallo, che li aveva resi praticamente immortali, sembra ora diminuire. Hanno quindi bisogno di una nuova fonte di energia, e in fretta. Scoprono di avere la possibilità di utilizzare direttamente l’essenza stessa dei Gelfling per i loro scopi, ma non si accorgono di essere stati spiati da Rian, un Gelfling del clan Steinwald. Mentre gli Skeksis sguinzagliano i loro scagnozzi affinché eliminino lo sgradevole testimone, il giovane prova a istigare una ribellione nella popolazione, ma il suo obiettivo è tutt’altro che facile. Non solo i Gelfling sono infatti fedelissimi ai loro governanti, ma soprattutto non vogliono proprio credere alla storia che lui racconta. Senza contare che i singoli clan sono nemici tra loro da tempo immemore …

The Dark Crystal: Age Of Resistance posterNetflix torna a solleticare la nostalgia dei suoi abbonati con la serie Dark Crystal: la Resistenza (The Dark Crystal: Age of Resistance), un sequel che pochi probabilmente avrebbero potuto immaginare. Assomiglia alla reliquia di un’era passata, anche – e soprattutto – grazie alla sua tecnica di animazione, oggi praticamente abbandonata a Hollywood in favore della CGI, ovvero la gloriosa e affascinante animatronica (che comunque sopravvive in qualche misura nei parchi di divertimento ad esempio).

Tale scelta risiede fondamentalmente nella volontà di onorare a dovere – e di dare perfetta continuità – a Dark Crystal, uno dei grandi classici della storia del cinema con pupazzi e burattini animati manualmente (la nostra recensione) che, pur non avendo grande fortuna al botteghino, è divenuto in seguito un cult assoluto. Questo anche per merito del suo aspetto visivo, dei suoi protagonisti strani e bizzarri che vivevano sul grande schermo una grandiosa avventura ‘a fili’ che non aveva niente da invidiare a quelle dei titoli fantasy con attori in carne e ossa. Pur coi suoi 37 anni sulle spalle, è ancora oggi un esempio impressionante di questa particolare forma d’arte ed espressione della immensa creatività di Jim Henson, che l’aveva ideato e diretto all’epoca assieme al fido Frank Oz.

Jim Henson, ricordato per essere il ‘papà’ dei Muppets e del programma televisivo Sesamo Apriti, è scomparso da quasi 30 anni, ma, a differenza di vari altri tentativi di dare un seguito alla sua preziosa eredità, questo prequel ne è una degna continuazione e omaggio. Anzi, per alcuni aspetti, Dark Crystal: la Resistenza è addirittura superiore al film originale del 1982. Il regista Louis Leterrier (Now You See Me – I Maghi del Crimine) e gli autori Jeffrey Addiss e Will Matthews, che sono stati la vera forza trainante del progetto, seguono senza soluzione di continuità le orme del classico, adottandone i punti di forza, ma anche eliminandone varie debolezze. Una di queste è legata al tempo della narrazione: in 10 episodi (della durata di circa 50 minuti ciascuno), si può inevitabilmente raccontare molto di più che in un solo film di un’ora e mezza. Tutto ciò che poteva essere solo accennato in Dark Crystal è mostrato in modo molto più dettagliato qui.

The Dark Crystal Age of Resistance (2)Il minutaggio dilatato va quindi immediatamente a beneficio della costruzione di un immaginifico, variopinto e brulicante di vita mondo intero. Vediamo più luoghi, più creature, più fondali. Ad esempio, i diversi popoli dei Gelfling vengono meglio chiaramente definiti e approfonditi, quando nel lungometraggio erano solo vagamente accennati. Ma anche più immediatamente, il formato seriale di Dark Crystal: la Resistenza garantisce uno sviluppo superiore dei singoli personaggi e delle relazioni che intercorrono tra essi. Così, l’emancipata e ribelle principessa Brea comincia a mettere in discussione vecchie tradizioni e credenze radicate, mentre sua sorella maggiore è al contrario molto più conservatrice e quasi bigotta. Inoltre, l’avventura del giovane Rian inizia perché vuole dimostrare il suo valore al suo insigne e valoroso padre, cavaliere sterminatore di mostri. Non mancano comunque nella serie altri personaggi interessanti: i repulsivi e subdoli Skeksis, i curiosi Aughra, i pacifici uRus, tutti peraltro già noti a chi ha visto almeno una volta il film. Vengono comunque aggiunte al mazzo in misura maggiore o minore nuove razze e creature (realizzate dagli esperti del Jim Henson Creature Shop), che concorrono a rendere il viaggio un vero e proprio avventuroso coming-of-age di scoperta.

Inscindibilmente legato a ciò è il nuovo, stupefacente, look. Naturalmente, le possibilità di oggi sono molto diverse da quelle dei primi anni ’80, motivo per cui un confronto tra le due visioni è inevitabilmente indelicato. Louis Leterrier e il suo team, tuttavia, riescono ad utilizzare la tecnologia odierna in modo tale da rafforzare la magia classica dei burattini invece di rimpiazzarla. In questo modo, i pupazzi guadagnano una maggiore libertà di movimento, sia grazie all’elettronica avanzata che all’uso dei green screen. Questi ultimi e gli effetti al computer sono un po’ evidenti, ma raramente diventano un ‘problema’, dato che gli elementi realizzati a mano sono predominanti e regalano un’espressività spesso sorprendente a quei volti sintetici. Per coloro il cui cuore, alla visione di un fantasy girato nel 2019, batte ancora alla vista di un abito materico, per oggetti concreti e non disegnati in Computer Graphic, Dark Crystal: la Resistenza è una festa assoluta per gli occhi e lo spirito, al pari di un lungometraggio della LAIKA o della Aardman. La quantità di dettagli combinata con il senso del fantastico è mozzafiato, e a differenza di molte altre produzioni ‘made in Netflix’ si può chiaramente vedere che questo progetto è nato davvero da una grande passione personale.

The Dark Crystal Age of Resistance (6)Detto questo, la storia in sé non è così originale o idiosincratica, e non è aiutata da un doppiaggio italiano modestissimo che forza troppo l’idea che i fruitori principali siano necessariamente i bambini (tra i doppiatori americani troviamo invece nomi del calibro di Helena Bonham-CarterNatalie DormerAlicia VikanderMark Hamill e Simon Pegg, per dirne alcuni …).

Dark Crystal: la Resistenza fa leva piuttosto sul mondo in cui ci (ri)porta, sui suoi curiosi abitanti e sull’incantevole tecnica di animazione impiegata, molto meno sugli aspetti comici. L’avventura vera e propria a volte degenera in una questione minore. Ciò che all’epoca era stato un grande colpo di scena, viene rivelato qui proprio all’inizio, il che ne diminuisce significativamente l’impatto. In ogni caso, la serie è ugualmente in sintonia con l’importanza del senso di comunità, e soprattutto col rispetto per l’ambiente, veicolando alcuni inconfondibili messaggi ecologisti quando si parla dello sfruttamento eccessivo, cieco ed egoista.

In definitiva, gli appassionati del film, sebbene la conclusione sia loro ovviamente stata ‘anticipata’ da Dark Crystal, troveranno pane per le loro menti nostalgiche, mentre i neofiti (magari non proprio giovanissimi, visto che i grotteschi Skeksis potrebbero risultare eccessivamente cupi e spaventosi), potranno comunque accostarsi allo show senza indugi e con spirito curioso, specie perché non è necessaria alcuna conoscenza precedente, scoprendo che un’alternativa all’abuso di CGI – spesso a basso costo – (r)esiste, e va supportata.

Di seguito trovate due video dal dietro le quinte della prima stagione di Dark Crystal: la Resistenza, nel catalogo Netflix dal 30 agosto:

alien 1979 chestburster
Sci-Fi & Fantasy

Ridley Scott su Alien: “Stanley Kubrick mi chiamò per sapere del chestburster”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista del classico del 1979 racconta della inaspettata telefonata e come si risolse

Leggi
Alita l'angelo della battaglia film 2019 rosa salazar
Sci-Fi & Fantasy

Alita – Angelo della Battaglia | La recensione del film di Robert Rodriguez che adatta Yukito Kishiro

di Sabrina Crivelli

Rosa Salazar è una giovane cyborg senza memoria e dal grande cuore nella versione per il cinema semplicistica e visivamente brillante dell'omonimo manga supervisionata da James Cameron

Leggi
profondo Giuliano Giacomelli film
Sci-Fi & Fantasy

Profondo | La recensione del film scritto e diretto da Giuliano Giacomelli

di Francesco Chello

L’autore fa il suo esordio in solitaria con un'opera che, partendo da un presupposto di natura fantastica, racconta una interessante storia di riscatto e di introspezione

Leggi
wall-e pixar film 2008
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | WALL•E di Andrew Stanton: quando il silenzio è d’oro (per un po’ almeno)

di William Maga

Nel 2008 la Pixar portava nei cinema un film per metà quasi completamente muto, spingendo ogni oltre confine sperimentato prima la narrazione per sole immagini

Leggi
japan sinks 2020 serie anime netflix yuasa
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Japan Sinks: 2020, catastrofica serie anime di Masaaki Yuasa per Netflix

di Redazione Il Cineocchio

Il regista di Devilman Crybaby torna sulle scene con l'adattamento del romanzo sci-fi di Sakyo Komatsu pubblicato nel 1973

Leggi