Home » TV » Sci-Fi & Fantasy » Disincanto: parte 2 | La recensione della serie di Matt Groening con Bean, Elfo e Luci

7/10 su 233 voti. Titolo originale: Disenchantment, uscita: 17-08-2018. Stagioni: 1.

Disincanto: parte 2 | La recensione della serie di Matt Groening con Bean, Elfo e Luci

22/09/2019 recensione serie tv di William Maga

La ricerca di una identità precisa è ancora in corso, ma i 10 nuovi episodi dimostrano che la crescita dei personaggi è costante e promettente

disincanto parte 2 netflix serie

Poche persone hanno saputo perfezionare la tipologia della commedia ‘quotidiana’ meglio di Matt Groening. Cosa sono infatti I Simpson e Futurama se non serie (animate) incentrate su individui che provano a farsi strada borbottando tra gli alti e i bassi delle loro vite? Eppure, con Disincanto (Disenchantment), l’autore sembra aver scelto di imboccare un’altra via rispetto ai suoi precedenti lavori, poco inclini alla trasformazione / evoluzione dei rispettivi personaggi (specie il primo). Per questo, lo show fantasy originale di Netflix può apparire come un oggetto anomalo all’interno del suo mondo. Come lasciato intravvedere dai primi 10 episodi lo scorso anno (la recensione), questa ‘parte 2’ rende ancora più chiaro che il meglio arriva quando viene lasciato spazio ai protagonisti per crescere e cambiare piuttosto che nel fossilizzarsi in determinati stereotipi. Il che può essere un bene o un male, sia chiaro.

disincanto stagione 2 netflix posterLa seconda stagione di Disincanto riparte esattamente da dove avevamo lasciato, con la principessa Bean (doppiata in originale da Abbi Jacobson) e il suo demone personale Luci (doppiato da Eric Andre) che salpano per un nuovo regno con la sua ‘nuova’ madre. La ritrovata felicità di Bean è però di breve durata, perché ben presto scopre che la Regina Dagmar (doppiata da Sharon Horgan) voleva solo riaverla con sé per adempiere a una misteriosa profezia. Nei primi 5 episodi tutto va come previsto. Tiabeanie si rende quindi conto del terribile errore di valutazione e comincia a dedicarsi a rimediare ai torti arrecati a chi ha involontariamente offeso, il che include riportare in vita il suo migliore amico Elfo (doppiato da Nat Faxon), trovare una cura per gli abitanti pietrificati del regno di Dreamland e fare ammenda con il padre rozzo e crapulone.

Sono molte le cose che la ragazza deve sistemare, e quando cerca di migliorare se stessa, la serie indubbiamente funziona. Disincanto può saltapicchiare senza soluzione di continuità tra alcune delle più elaborate sequenze d’azione nell’animazione televisiva moderna e freddure più o meno efficaci senza tuttavia mai perdere il filo emozionale della ‘nuova’ Bean. Quando invece temporeggia per puntare sul mero lato comico, perde miseramente quanto costruito con cura. A volte si ha la sensazione che ci siano due tipi di show nascosti in Disincanto che duellano per emergere: una classica situation comedy con episodi singoli slegati tra loro e una narrazione a lungo termine sciocchina ma ambiziosa. Ed è impossibile capire quale prenderà il controllo di un episodio fino ai suoi ultimi istanti.

Questa dicotomia può risultare frustrante, perché quando Disincanto si appoggia alla struttura serializzata la crescita dei suoi personaggi ne guadagna. Proprio la bionda Bean è quella che ottiene i più vasti benefici in questa forma, evolvendosi lentamente in un personaggio sfaccettato. La prima volta che l’abbiamo incontrata, era una ragazza fondamentalmente sola, estremamente piena di sé e un po’ ottusa, che non aveva un obiettivo preciso nella vita. Anche se l’amicizia coi bizzarri Luci ed Elfo aveva poi assolto al suo lato solitario, gli episodi passati a infilarsi nei guai con loro erano stati sostanzialmente insoddisfacenti. Questo era un personaggio che voleva cambiare, ma non poteva – o non voleva – a causa di un freno nel suo sviluppo.

disincanto 2 serie netflixTale situazione cambia ora completamente con Disincanto che approccia un episodio con una specifica traiettoria in mente, come quando Bean decide di tuffarsi addirittura all’Inferno per salvare Elfo. Una scelta che la costringe a rendersi conto di aver fatto del male al suo amico, e che non è affatto l’eroina che ha sempre creduto di essere. Guardarla realizzare e fare i conti con i propri peccati è doloroso, ma vederla comprenderli e crescere è gratificante. Allo stesso modo, quando la principessa parte per un viaggio in solitaria verso una terra lontana, tutto ciò che credeva di sapere su “come sono le cose” viene messo clamorosamente in discussione. Ma piuttosto che nascondersi o scappare, abbraccia questo nuovo stile di vita e si adatta.

Gli stessi Re Zøg (doppiato da John DiMaggio) e la matrigna lucertola di Bean, la Regina Oona (la voce è di Tress MacNeille), traggono un vantaggio evidente dalla scelta di Matt Groening di concentrarsi sulla crescita delle sue creature in questa parte 2 di Disincanto. La prima volta che abbiamo incontrato Zøg era un sovrano crudele e sconsiderato. Lo è ancora naturalmente, ma dopo aver valutato la rivelazione che la sua prima moglie era davvero malvagia, emerge nei nuovi 10 episodi più gentile e meno tollerante delle ingerenze della sua stessa corte. Re Zøg ha sempre avuto un debole per Bean, e in questa stagione iniziamo a vedere cosa ciò significhi esattamente: ascolta lei di più, e i suoi consiglieri di meno.

disincanto serie stagione 2 netflixE invece di essere il bersaglio di scherno per il suo aspetto, la Regina Oona prende pieno possesso di se stessa e dopo essere stata incolpata di aver trasformato il regno di Dreamland in un ammasso di pietra e letteralmente data per morta in mare, capisce finalmente la dura verità della sua esistenza: è sposata con un uomo che non la rispetta né tanto meno la apprezza. In uno dei cambiamenti più significativi di questa seconda stagione di Disincanto, lei fa metaforicamente il dito medio a Dreamland – e al suo passato – e senza paura si dirige verso l’orizzonte per iniziare una nuova e avventurosa vita, sicuramente più appagante e vicina alle sue aspirazioni così a lungo represse. Pensandoci bene, è difficile pensare a un personaggio che in così poco tempo sia passato da facilmente trascurabile a rilevante come arco narrativo.

In definitiva, Disincanto – che si chiude nuovamente con un cliffhanger – dà il meglio quando ignora bellamente i cliché e le dinamiche predeterminati del passato di Matt Groening e si appoggia alla propria identità. Così come Bean, la serie animata non sa ancora esattamente cosa voglia essere, ma guardarla mentre cerca di scoprirlo può risultare appagante.

Di seguito trovate il trailer internazionale di Disincanto parte 2, nel catalogo di Netflix dal 20 settembre:

alien 1979 chestburster
Sci-Fi & Fantasy

Ridley Scott su Alien: “Stanley Kubrick mi chiamò per sapere del chestburster”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista del classico del 1979 racconta della inaspettata telefonata e come si risolse

Leggi
Alita l'angelo della battaglia film 2019 rosa salazar
Sci-Fi & Fantasy

Alita – Angelo della Battaglia | La recensione del film di Robert Rodriguez che adatta Yukito Kishiro

di Sabrina Crivelli

Rosa Salazar è una giovane cyborg senza memoria e dal grande cuore nella versione per il cinema semplicistica e visivamente brillante dell'omonimo manga supervisionata da James Cameron

Leggi
profondo Giuliano Giacomelli film
Sci-Fi & Fantasy

Profondo | La recensione del film scritto e diretto da Giuliano Giacomelli

di Francesco Chello

L’autore fa il suo esordio in solitaria con un'opera che, partendo da un presupposto di natura fantastica, racconta una interessante storia di riscatto e di introspezione

Leggi
wall-e pixar film 2008
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | WALL•E di Andrew Stanton: quando il silenzio è d’oro (per un po’ almeno)

di William Maga

Nel 2008 la Pixar portava nei cinema un film per metà quasi completamente muto, spingendo ogni oltre confine sperimentato prima la narrazione per sole immagini

Leggi
japan sinks 2020 serie anime netflix yuasa
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Japan Sinks: 2020, catastrofica serie anime di Masaaki Yuasa per Netflix

di Redazione Il Cineocchio

Il regista di Devilman Crybaby torna sulle scene con l'adattamento del romanzo sci-fi di Sakyo Komatsu pubblicato nel 1973

Leggi