Home » TV » Sci-Fi & Fantasy » Japan Sinks: 2020 | La recensione della serie animata di Masaaki Yuasa (su Netflix)

7/10 su 104 voti. Titolo originale: ????2020 , uscita: 09-07-2020. Regista: Ho Pyeon-gang. Stagioni: 1.

Japan Sinks: 2020 | La recensione della serie animata di Masaaki Yuasa (su Netflix)

25/07/2020 recensione serie tv di William Maga

C'è il regista di Devilman Crybaby dietro alla trasposizione - aggiornata - del romanzo catastrofico Sakyo Komatsu pubblicato nel 1973, un'opera quanto mai attuale, in grado di far riflettere e commuovere

japan sinks 2020 serie netflix anime

Curiosamente, la gente sembra amare l’idea di fine del mondo. Forse si prova un qualche tipo di conforto nel fuggire verso uno scenario di apocalisse ‘alternativo’ quando il mondo reale ci sembra che stia ruotando fuori dal suo asse. Una delle tendenze più in voga nel sottogenere è vedere alcuni sopravvissuti incontrarsi, formare una famiglia e sopravvivere insieme, sia che si tratti di film, anime o videogiochi. La serie Japan Sinks: 2020 – da poco nel catalogo di Netflix – si sforza di essere diverso per il suo ricorrere a prospettive mutevoli e per la quantità di terreno che copre.

japan sinks 2020 serie netflixJapan Sinks: 2020 arriva agli spettatori della piattaforma streaming per gentile concessione del brillante Masaaki Yuasa, uno dei nomi più interessanti nel panorama contemporaneo dell’animazione giapponese. Il regista 55enne reinventa infatti costantemente i generi su cui lavora, provando ogni volta a spingere un po’ più in là i suoi limiti, quindi vederlo alle prese con un dramma apocalittico maturo e seriale (10 episodi da circa 25 minuti) è incredibilmente eccitante e allarga il suo campo d’azione a nuovi territori, sia tematicamente che in senso narrativo. Il risultato è uno degli anime più stimolanti e compiuti del 2020.

Basato su un romanzo dello scrittore Sakyo Komatsu del 1973, Japan Sinks: 2020 dipinge un’immagine vivida di una nazione in grande pericolo mentre il terreno su cui si distende inizia letteralmente a cedere. La serie si prende brillantemente il suo tempo per mostrare lentamente come i primi segni di questo disastro colpiscano in modo univoco le persone in tutto il Giappone. È un ritmo confortevole e pacato, consentito dal fatto che si tratta di un prodotto seriale e non di un film. È facile capire perché Masaaki Yuasa fosse interessato a questo progetto destinato alla televisione. C’è un’autentica tensione che nasce dall’ingenuità iniziale di tutti quanti verso l’ennesimo disastro e per come la triste realtà della loro situazione sprofondi gradualmente e infetti ciascuno dei personaggi come un virus.

È anche davvero spaventosa quando le persone iniziano finalmente a percepire la devastazione di questo incidente. Masaaki Yuasa ha raccontato alcune storie fantastiche in passato, ma parte di ciò che rende Japan Sinks: 2020 così potente è che non sembra molto lontano dalla nostra realtà. L’idea alla base è piuttosto credibile e, di conseguenza, ne esce fuori una delle storie di ‘disastro’ più riuscite ed emotive della storia recente. Sembra quasi un’opera di Stephen King in termini di portata e di numerosità del cast di attori coinvolti. Japan Sinks: 2020 dimostra che non esiste un mostro più spaventoso del pianeta Terra stesso e nessuna forza più potente dello spirito umano.

japan sinks 2020 serie anime netflix yuasaLa serie osserva questo disastro a livello globale, ma si concentra sulla famiglia Mutoh, che consiste dell’adolescente Ayumu, suo fratello minore, sua madre e suo papà. C’è un momento all’inizio – che poi diventa ricorrente – in cui i protagonisti vogliono farsi una fotografia dopo che i terremoti hanno iniziato a colpire la nazione. L’idea di commemorare questa occasione è sottolineata come ridicola, ma non ha importanza per loro, perché sono tutti insieme. La cornice della foto consente solo alla perfezione della famiglia Mutoh di rimanere impressa, mentre la terribile realtà del mondo esterno è confinata  oltre il bordo.

Allo stesso tempo, è affascinante vedere il livello di stress inasprirsi all’interno della famiglia Mutoh fino a consumarne i membri in modi contrastanti mentre il gruppetto affronta vari cambiamenti. L’episodio più bello di tutta la serie rallenta le cose e permette ad Ayumu e Go di connettersi davvero come fratelli e di ricordare momenti più ‘semplici’ dopo tutto quello che hanno vissuto. È brutale vedere questi legami sfilacciarsi, ma sono tutti momenti profondamente onesti e mostrano il dolore del dispiacere. Japan Sinks: 2020 parla decisamente dell’idea che la bellezza possa nascere dalla distruzione.

La serie rimbalza tra l’ottimismo e il traumatico, ma evidenzia anche quanto sottile sia la linea tra questi due estremi. Sembra incredibilmente appropriata per questi tempi che viviamo, anche se deve guadare del materiale deprimente e straziante per poter raggiungere i suoi momenti più luminosi. Oltre alle dinamiche famigliari, i Mutoh accolgono un numero variabile di persone all’interno del loro gruppo intanto che si spostano attraverso il Giappone in rovine. Questi ‘ospiti’ che vanno e vengono aggiungono varietà e suspense al mix, mentre la famiglia Mutoh viene messa in posizioni talvolta complicate.

japan sinks 2020 serie anime netflixJapan Sinks: 2020 si sviluppa attraverso potenti scenografie emotive che rivaleggiano con alcuni dei migliori momenti delle opere precedenti di Masaaki Yuasa. La profondità che è in grado di raggiungere in una serie televisiva come questa, si spera, significa che sarà in grado di realizzare presto un’altra collaborazione Netflix per completare la “trilogia” che ha iniziato due anni fa con Devilman Crybaby (la nostra recensione). Lo stile di animazione del regista giapponese in genere si inclina di più verso gli estremi, ma in Japan Sinks: 2020 cattura uno straordinario realismo grazie ai luoghi che sceglie per concentrare l’azione qui. Ci sono molte sequenze che richiedono del tempo per apprezzare le albe e i tramonti meravigliosi che si svolgono nel mondo, prima e dopo il disastro.

Masaaki Yuasa è noto per aver infranto le convenzioni e abbracciato spesso il surreale, ma è davvero efficace vedere queste aree raffigurate in una straordinaria gloria prima che vengano rovinate dalla devastazione. Aiuta il pubblico ad apprezzare ciò che si perde a un livello più profondo rispetto ai meri momenti della storia e alla sensazionale premessa. Se Japan Sinks: 2020 è sicuramente una delle opere più ‘controllate’ del regista in termini di stile artistico, abbiamo però alcune piccole esplosioni stilistiche in certi punti chiave, come il modo in cui la vicenda assuma occasionalmente l’estetica di un videogioco quando l’immaginazione di Go prende la meglio su lui.

Comunque sia, Japan Sinks: 2020 non dimentica che si tratta di una ‘disaster series’. Ci sono molti punti che sembrano usciti da un horror, mentre le minacce iniziano a crescere e diventare più intense. Quasi come un ‘effetto domino dei catastrofi’ o una sorta di maledizione biblica. Subito dopo che tutti si mostrano grati di essere scampati a un evento catastrofico, i suoi effetti causali ambientali scateneranno un altro incidente che li metterà ulteriormente alla prova. Rende davvero esplicitò quanto sia terrificante che il nostro pianeta possa essere tanto fragile e imprevedibile.

japan sinks 2020 serie netflixC’è poi un colpo di scena sorprendente nel secondo episodioFarewell, Tokyo – capace letteralmente di lasciare senza fiato e mostrare che questa serie non scherza. Scopriremo che tali colpi bassi diventeranno presto esperienze regolari andando avanti. Proprio come i disastri possono colpire in modo casuale e senza preavviso nella vita reale, Japan Sinks: 2020 colpisce duramente e quando meno è preventivabile, il che dona alla visione un mordente terrificante. Ci sono momenti in cui l’umanità precipita e abbraccia i suoi istinti più oscuri, che sono spaventosi quanto il disastro naturale sotto gli occhi di tutti. Il Giappone sta affondando, ma forse se lo merita.

In definitiva, Japan Sink: 2020 è un viaggio assolutamente soddisfacente sia preso come opera ‘disaster’ che come racconto drammatico delle disavventure di una famiglia. Lungo la strada trova anche modi per usare elementi come il freestyle o il codice Morse come strumenti catartici e arriva a una conclusione in cui è difficile non trovarsi commossi. Forse non è il miglior lavoro di Masaaki Yuasa, ma di questi tempi sembra un progetto incredibilmente appropriato. È pieno di cuore e innovazione, senza contare che affronta domande che in molti si staranno facendo in questo momento storico.

Di seguito il trailer internazionale (con sottotitoli italiani) di Japan Sinks: 2020, nel catalogo di Netflix dal 9 luglio:

morpheus matrix film 1999
Sci-Fi & Fantasy

Lilly Wachowski su Matrix: “Confermo la lettura transgender dei film”

di Redazione Il Cineocchio

La co-regista parla per la prima volta dei significati 'nascosti' dietro alla narrazione che guida la trilogia con Keanu Reeves, confermando quello che i fan sospettavano da tempo

Leggi
la bella e la bestia 2017 film
Sci-Fi & Fantasy

Wise e Trousdale: “Nemmeno un dollaro dai live action Disney dei nostri film animati”

di Redazione Il Cineocchio

I due registi del classico La Bella e la Bestia del 1991 rivelano di non aver percepito alcuna retribuzione per il rifacimento 'dal vivo' del 2017, nonostante compaiano come produttori esecutivi e vasti spezzoni siano stati pesantemente omaggiati

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Raised by Wolves, serie sci-fi (spruzzata di horror) di Ridley Scott per HBO Max

di Redazione Il Cineocchio

C'è Travis Fimmel tra i protagonisti dello show originale che affronterà il difficile rapporto tra umani e androidi

Leggi
The Head serie amazon 2020
Sci-Fi & Fantasy

The Head: trailer e data di uscita (su Amazon) per la serie fanta-horror ambientata al Polo Sud

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono i fratelli Àlex e David Pastor dietro alla sceneggiatura della co-produzione tra Spagna e Giappone. che vede tra i protagonisti John Lynch

Leggi
ritorno al futuro 1985 doc
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Ritorno al Futuro (1985): scopriamo la prima sceneggiatura del film, diversissima da quella vista al cinema

di Redazione Il Cineocchio

I clamorosi dettagli dello script sono stati rivelati dall'attore Jon Cryer, che nel 1984 partecipò ai provini per il ruolo di Marty McFly

Leggi