Home » Cinema » Horror & Thriller » Amulet | La recensione del film horror di Romola Garai

5/10 su 24 voti. Titolo originale: Amulet , uscita: 24-07-2020. Regista: Romola Garai.

Amulet | La recensione del film horror di Romola Garai

26/07/2020 recensione film di William Maga

L'attrice britannica esordisce alla regia di un'opera ambiziosa e 'strana', che vede l'esperta Imelda Staunton inquietante mattatrice

amulet film horror 2020

Gli attori/attrici trasformati in registi non sono eventi rari nell’industria cinematografica, con molti interpreti esperti che si sono almeno una volta presi la briga di passare dietro alla mdp nel corso della loro carriera, da George Clooney, Ben Affleck, Tom Hanks, Warren Beatty, fino a Denzel Washington, con alcuni di loro che ci hanno anche preso gusto, pensiamo a Greta Gerwig, Clint Eastwood, Ron Howard e Jordan Peele.

Generalmente, la maggior parte di questi filmmaker (con alcune eccezioni importanti, vedi il regista di Scappa – Get Out) tendono a rimanere in territori per lo più familiari, dirigendo opere che rimangono ‘vicini’ alle precedenti prove da protagonisti. La carattterista britannica Romola Garai, che per molti non risulterà un nome noto, è apparsa qua e là in ben 42 titoli, tra film d’amore e show tv nel corso degli ultimi due decenni, ottenendo persino due nomination ai Golden Globe per i suoi ruoli da protagonista nelle serie Emma e The Hour. Ci si potrebbe aspettare che la sua prima incursione nella regia possa/debba quindi proseguire nel solco della ‘tradizione’, o magari anche con un adattamento di Jane Austen … E invece no. La 37enne ha optato per l’horror Amulet.

amulet film 2020 posterAmulet segue Tomaz (Alec Secareanu), un ex soldato di un paese dell’Europa dell’Est senza nome e devastato dalla guerra, che ora vive da senzatetto a Londra come muratore occasionale. Dopo aver perso il suo unico riparo, viene accolto da una suora gentile, sorella Claire (Imelda Staunton), che gli dà una stanza in una vecchia casa fatiscente di proprietà di Magda (Carla Juri). Magda è una giovane donna mite e distaccata che si prende cura della madre malata che vive all’ultimo piano. A Tomaz viene data la possibilità di vivere nella casa senza bisogno di pagare un affitto, dato che si offre di riparare gran parte dell’abitazione, piuttosto malconcia. Inframmezzato coi flashback di Tomaz delle sue esperienze in guerra, l’uomo si rende presto conto che qualcosa di molto più oscuro abita in quel luogo.

È difficile sintetizzare Amulet in modo conciso o accurato, in quanto è semplicemente uno di quei film in cui il set-up principale viene apparecchiato abbastanza presto, lasciando la rimanente ora di durata piena di colpi di scena e svolte improvvise capaci sì di scioccare e disgustare lo spettatore, eppure, in qualche modo, anche di portare con sé uno strano, sadico senso di divertimento per il suo incedere deformato. Romola Garai realizza così uno di quei piccoli horror low budget intimi e inquietanti, capaci di coinvolgere ‘fisicamente’ chi guarda solamente col suo tono e lo stile delle riprese.

Fotografato in una palette neutra e sfumata, Amulet emana immediatamente un’atmosfera di disagio e quasi ‘drogata’, per il modo in cui segue il traumatizzato Tomaz attraverso una Londra completamente priva di fascino e brutta. In effetti, si potrebbe arrivare addirittura a definire l’intero film come davvero ‘sgradevole’, ma in un modo molto deliberato ed efficace che si sviluppa lentamente, ma fermamente, in qualcosa di molto più audace e complesso di quanto ci aspetteremmo dalla sua premessa . È cupo, cattivo e spietato (non è un caso che sia stato classificato R-Rated), non trattenendosi mai dal mostrarci tutto ciò di cui ha bisogno in tutta la sua orribile gloria, e contorcendolo per riflettersi nuovamente sul pubblico.

Avendolo visto in La terra di Dio – God’s Own Country del 2017, non esiste un ruolo che avrebbe potuto essere più in antitesi rispetto a quello per Alec Secăreanu. Infuso del terrore permanente che deriva dai ricordi della guerra, il suo Tomaz viene presentato come un uomo distrutto, e attraverso i flashback, agli spettatori viene mostrata la catena di eventi che lo hanno portato al limite. È un affascinante arco narrativo che ci lascia con una specie di senso di colpa per aver visto così chiaramente il suo passato. È una prova tormentata e angosciante quella dell’attore romeno, che scava in quello che un uomo può arrivare a compiere in certe situazioni.

amulet film 2020 horrorA supportare questa ci sono due performance molto diverse, ma ugualmente apprezzabilim da parte di Carla Juri e Imelda Staunton. La prima si è in qualche modo costruito una reputazione per i ruoli mansueti, ma eccentrici, in film come Wetlands e Blade Runner 2049 e, in sostanza, in Amulet fa praticamente la stessa cosa, solo con molta più azione, il che le permette di mettersi maggiormente in luce in un’opera in lingua inglese, dove solitamente occupa parti secondarie. La seconda, annoverabile tra le grandi protagoniste del cinema britannico (Downton Abbey, Harry Potter) , offre ancora una volta un’interpretazione meravigliosamente diabolica nei panni dell’infida sorella Claire. Ci sono così tanti livelli divertenti nella sua prova che sembra quasi che l’attrice 64enne sia stata spinta intenzionalmente a garantire un tocco ‘camp’ agli elementi più oscuri e più gravosi della storia.

In effetti, Amulet è piuttosto cupo. Lavorando come una critica all’immigrazione, alla guerra, alla cultura dello stupro (sicuramente un avvertimento per coloro che cercano di evitare questo scomodo tema) e alla religione, Romula Garai sceglie di affrontare parecchio materiale pesante con il suo primo lungometraggio e, per lo più, va a segno. Ci sono sicuramente elementi toccanti che si perdono un po’ nei relativamente pochi 99 minuti del film, ma ciò che funziona, fa miracoli nel creare una fonte di terrore davvero intensa.

amulet film horror 2020 imeldaAmulet è anche punteggiato da una colonna sonora assolutamente efficace della compositrice – anch’essa al debutto in un lungometraggio – Sarah Angliss, che ricorre a canti religiosi e inni sovrapposti l’uno con l’altro evocando così angoscia e paura. È un mix perfetto di solennità religiosa, ronzanti suoni ambientali e sensazioni da pelle d’oca.

Il finale di Amulet ci porta poi in luoghi ai quali nemmeno i colpi di scena del secondo atto ci preparano, e che sicuramente qualcuno potrà trovare inaspettati e assurdi, ma il tono folle, sul filo del sopra le righe che assume nei suoi ultimi momenti punteggia un film denso, spietato e con un po’ umorismo macabro che probabilmente porteranno i più a sorridere e ansimare. È decisamente strano, e questo è ciò che lo rende anche così piacevole da guardare. Tutti i nodi arrivano al pettine, contribuendo a definire Romola Garai come una giovane promessa da tenere sotto sorveglianza. Ci sono alcune tematiche e gesti che si perdono nella traduzione sullo schermo, ma per un debutto così ambizioso e particolare, non si può dire che il risultato sia deludente.

Di seguito il trailer internazionale di Amulet, che è stato distribuito nei cinema americani e in VOD il 24 luglio:

la abuela film paco plaza 2020 (4)
Horror & Thriller

La Abuela: immagini e trama per l’horror di Paco Plaza

di Redazione Il Cineocchio

Il regista di Veronica e Occhio per occhio è tornato dietro alla mdp per una nuova storia del terrore che vede protagoniste Almudena Amor e Vera Valdez

Leggi
Le strade del male film netflix tom holland 2020
Horror & Thriller

Le strade del male: poster e data di uscita per l’horror con Tom Holland e Robert Pattinson (su Netflix)

di Redazione Il Cineocchio

Nel film diretto da Antonio Campos ci sono anche Bill Skarsgård, Riley Keough, Jason Clarke e Mia Wasikowska

Leggi
Deep Rising – Presenze dal profondo 1998
Horror & Thriller

Recensione story | Deep Rising – Presenze dal profondo di Stephen Sommers

di Giuseppe Rocca

Nel 1998 Famke Janssen e Treat Williams erano i protagonisti di un fanta-horror tutto azione e mostri in CGI, un b-movie R-rated divertente e con qualche scena bella tesa

Leggi
the third day serie 2020 jude law
Horror & Thriller

Full trailer per The Third Day (miniserie HBO/Sky): Jude Law sbarca su un’isola immersa nel folklore oscuro

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Naomie Harris, Katherine Waterston ed Emily Watson nello show 'immersivo' di stampo horror/drammatico creato da Dennis Kelly (Utopia)

Leggi