Home » Cinema » Horror & Thriller » [esclusivo] Intervista a Fabrice du Welz, da Message from the King alle difficoltà di Calvaire e Alleluia

[esclusivo] Intervista a Fabrice du Welz, da Message from the King alle difficoltà di Calvaire e Alleluia

03/05/2017 news di Alessandro Gamma

All'ultimo BIFFF abbiamo incontrato il regista belga, col quale abbiamo provato ad approfondire la sua intera filmografia

Fabrice du Welz è un nome noto tra gli appassionati del cinema ‘di genere’ già da molti anni, quando Calvaire suscitò grande scalpore al momento della sua uscita, sancendo anche la nascita di un nuovo regista da tenere d’occhio, che negli ultimi 10 anni ha saputo realizzare pellicole altrettanto complesse ma ugualmente significative.

Abbiamo fatto una lunga chiacchierata con il regista nella sua città natale, durante l’ultimo BIFFF di Bruxelles, ripercorrendo con lui le tappe più importanti della sua carriera, dall’esordio del 2005 a Message from the King, in uscita nei prossimi mesi.

Message from the King posterPartiamo dal tuo nuovo film, Message from the King: com’è stato l’impatto con l’America e il cast statunitense? Oltretutto è il primo film di cui non hai scritto la sceneggiatura se non erro …

Mi hanno contatto qualche tempo fa chiedendomi di leggere uno script e dopo che l’ho letto mi hanno chiesto di andare a Los Angeles per incontrare tutti quanti e cominciare i casting. Così sono andato là, mi sono trovato bene e dopo due settimane ho firmato il contratto. È stato tutto molto veloce. Sono stato contattato altre volte da produzioni americane a diversi livelli, ma è sempre stato un po’ complicato … Questa volta invece no, grazie anche a William Morris Endeavor della mia agenzia. Chadwick Boseman era già stato confermato, ma aveva delle scadenze precise, visto che ad aprile avrebbe dovuto lasciarci per andare a girare Captain America: Civil War per la Marvel, quindi abbiamo avuto tempi molto stretti. Sono quindi tornato a Los Angeles e iniziato a lavorare.

A livello produttivo invece, come ti sei trovato? Immagino sia stata un’esperienza diversa dalle tue precedenti  

Si, decisamente. È un altro mondo. Tutti quanti lo sanno, ma devi capire davvero quanto sia diverso dall’Europa. L’industria cinematografica là è diversa. Tutto è regolato dai sindacati, dalle agenzie ecc. La tua voce in qualche modo conta meno. Ho avuto però la possibilità di girare quanto mi ero prefissato nel modo in cui l’ho pensato e ho avuto un certo controllo sulla produzione. La post-produzione invece è stata più difficile, tutto un altro gioco, a causa delle molte voci che interferiscono, dai sindacati alla DGA (Directors Guild of America). Hai a disposizione 10 giorni per realizzare la tua directors’cut, dopodiché subentrano i produttori, che guardano il materiale e decidono. Inoltre devi occuparti del montaggio, comprensivo del suono e della colonna sonora, quindi non c’è modo di fare le cose con calma passo per passo … A un certo punto comunque, i produttori prendono il sopravvento e tutto diventa un molto complicato. Questa cosa però va accettata, perchè funziona così da quelle parti.

Ti ritieni quindi soddisfatto del risultato finale?

Va bene … Sai, comincio ad avere una certa esperienza alle spalle e cerco di essere un po’ più diplomatico e fare qualcosa che si avvicini il più possibile alla mia visione, sebbene ovviamente non sarà mai uguale al 100%. In ogni caso va bene così, è un film molto forte con grandi personaggi. Ho alcuni rimpianti riguardo a certe sequenze qua e là che mi sarebbe piaciuto implementare, ma torno a dire che è un gioco le cui regole vanno accettate. Mi hanno assunto per un lavoro, io l’ho fatto al mio meglio anche se qualche volta abbiamo avuto delle divergenze di opinioni nella post-produzione.

Message from the King du welzTi sei stupito quando ti hanno chiamato dagli Stati Uniti?

In realtà no, perchè ho ancora diversi progetti americani in piedi. Inoltre, con David Lancaster – che è il produttore di Message from the King e in precedenza ha prodotto film come Drive e Whiplash – avevo già lavorato in passato a un progetto che poi purtroppo era stato accantonato. È lui in sostanza che ha spinto perché accettasi questo film.

Cosa ti è piaciuto della sceneggiatura di Message from the King?

Mi ha colpito il fatto che fosse molto semplice, ‘old school’ e umana. Fondamentalmente è un revenge movie. A volte sento la gente commentare che sia qualcosa di molto comune e già visto, ma se è ben realizzato non ci vedo niente di male … Senza contare che a mio parere è qualcosa di molto diverso da quello che si gira in America negli ultimi tempi … non c’è CGI, è girato per le strade di Los Angeles che in qualche modo diventano protagoniste assieme ai luoghi filmati … La mia unica riserva riguardava lo sviluppo del rapporto tra Kelly [Teresa Palmer] e King [Boseman], quindi ho lavorato duramente per implementare quella trama e smussare certi aspetti. Sono soddisfatto della maggior parte del film e ho imparato molto da questa esperienza.

Una curiosità personale: Message from the King è anche il primo tuo film il cui titolo non è composto da una sola parola …

È vero, perché non è completamente un mio film. È un film dei produttori. Ma sai, sono un regista e la mia volontà è quella di girare delle pellicole, quindi ogni tanto mi piace affrontare l’ignoto e provare nuove esperienze e continuerò a farlo.

calvaire du welz posterIl fatto che le tue precedenti opera abbiano una sola parola nel titolo ha un significato particolare?

No, è una coincidenza. È solo più facile così! [ride]

Ripercorrendo i tuoi film, che ricordi ha del tuo esordio, Calvaire del 2005?

Essendo il mio primo lavoro è stata una sorta di catarsi riuscire a girarlo. È passato molto tempo ora … È stato un grande risultato poterlo realizzare. Ci abbiamo messo quasi 5 anni a trovare i fondi, fu molto complicato. Nessuno voleva che riuscissimo a terminarlo … Un processo estremamente faticoso. Ora per qualcuno Calvaire potrà pure sembrare un film di culto, ma credimi, all’epoca le reazioni della stampa furono terribili. Ho sempre avuto problemi coi giornalisti … Adesso ho guadagnato un po’ più di rispetto, mi invitano per delle conferenze e delle masterclass o organizzano retrospettive, ma la maggior parte della stampa – per motivi che non mi sono chiari – mi ha sempre trattato un po’ male …

locandina alleluia du welzPassando ad Alleluia del 2014, non solo non è mai arrivato in Italia, ma mi è parso di capire che anche qui in Belgio ha avuto problemi di distribuzione

Forse nelle Fiandre, ma onestamente non lo so … Penso che il problema con Alleluia, che era andato bene nei Festival di settore e per una volta aveva avuto la stampa favorevole, sia stato che la gente ne ha avuto un po’ paura, pensando forse che fosse troppo gore o pieno di sesso, non so come mai … Dal mio punto di vista si è trattato di un’avventura divertente. Il film ha avuto molti problemi a ottenere una distribuzione dignitosa, persino in Francia. So però che è uscito in Giappone, il che è buono … Forse un giorno, e questo vale anche per Calvaire, se mai otterrò un grande successo commerciale, verranno riscoperti e visti per quello che valgono. Anche il mercato è cambiato moltissimo negli anni … Non lo so nemmeno io, non conosco bene queste dinamiche … Ora per esempio c’è nei cinema un horror intitolato Raw / Grave [la nostra recensione] che è stato ben distribuito e sta ottenendo un buon successo. Non sono sicuro che sarebbe successa la stessa cosa 2 anni fa … Magari è questione di essere al posto giusto al momento giusto.

Venendo a Vinyan del 2008, che ricordi hai della tua seconda regia?

È stata meno difficile dell’esordio, fu più facile trovare i soldi ma un po’ più complesso il casting. Inoltre non è stato semplice girare in Thailandia. Perdemmo circa 1 milione di euro poco prima di iniziare le riprese a causa del ‘black friday’ inglese quell’anno … Non ricordo bene cosa accadde, ma il budget venne ridotto in modo significativo, quindi fui costretto a fare certe scelte. Vinyan resta però un film molto speciale per me, perchè ho affrontato un’avventura cinematografica incredibile, quasi una febbre portarlo a termine, fu molto intensa la lavorazione. È un’opera che significa molto per me, la tengo molto vicina al cuore, anche se purtroppo non venne esattamente ben accolto. Ne riconosco i limiti, ma ugualmente si può imparare molto da un film. Inoltre era il mio secondo film, quindi le aspettative erano molto alte – come sempre del resto, ma ora che ne ho girati cinque ho maggior esperienza e abilità tecnica.

vinyan posterNel 2014 è arrivato l’action / crime francese Colt 45

Si, è stata un produzione molto complicata, un disastro … Tanti litigi e problemi … Quindi quando l’ho terminato mi sono sentito un sopravvissuto. Mi dissi che per riprendermi avrei dovuto dedicarmi a qualcosa di più intimo e completamente libero e così ho realizzato Alleluia, la mia rinascita.

Cosa mi puoi dire della relazione tra AlleluiaI killers della luna di miele di Leonard Kastle?

Alleluia è una sorta di mia interpretazione di The Honeymoon Killers, un modo molto differente – a mio parere – per affrontare quella storia. Ho provato a sviluppare qualcosa di diverso.

Tutti i tuoi film sono connotati da emozioni e sensazioni viscerali e profonde, spesso oscure. Raramente c’è spazio per la leggerezza.

I miei lavori sono molto organici. Prima di essere un filmmaker sono un cinefilo, amo profondamente e ossessivamente i film, ma quando devo girare tutto cresce in modo organico, passo dopo passo, non c’è una mappa precisa. Per farti un esempio, è successo così anche per il mio prossimo progetto, Adoration, le cui riprese dovrebbero iniziare a dicembre, che chiuderà la mia personale piccola trilogia sull’amore nelle Ardenne. Cerco sempre di scavare per portare a galla qualcosa riguardante le relazioni umane, l’alienazione, la follia o l’amore, soggetti molto potenti che tutti devono affrontare. Nelle mie pellicole poi è sempre presente anche un aspetto grottesco. Cerco di non essere un regista realista, ma di virare sempre verso l’astrazione in qualche modo.

colt 45 du welzLa sceneggiatura di Adoration è opera tua?

Si, l’ho scritta io.

Visti i molti problemi che hai quasi sempre dovuto affrontare, è facile convincere un produttore a scommettere sul tuo prossimo film?

È sempre difficile fare un film. Bisogna essere estremamente determinati e concentrati, ma è vero che nel mio caso spesso è più difficile, perché sono cinico. Naturalmente se vuoi girare una commedia stupida è molto più facile, perché il sistema rema dalla tua parte. Per me non ha senso girare pellicole del genere però, perché io vedo il cinema come un modo di vivere esistenzialista e diversamente sarebbe dura. Certo, possiedo della doti tecniche e qualche produttore ogni tanto mi chiama per propormi un lavoro, potrei lavorare su film altrui, non c’è niente di male in quello. Devo però riuscire a ritagliarmi anche uno spazio personale e quindi devo provare a sopravvivere tra questi due mondi.

Di seguito il trailer di Calvaire:

stefano cardoselli Hellraiser Il Tributo
Horror & Thriller

Esclusivo | Stefano Cardoselli ci parla dei disegni per Hellraiser: Il Tributo, sequel di Schiavi dell’Inferno di Clive Barker

di Alessandro Gamma

L'artista toscano ha realizzato 6 illustrazioni a colori per l'edizione da collezione a tiratura limitata della novella scritta da Mark Alan Miller

Leggi
Horror & Thriller

Dossier | Sarah Connor e Laurie Strode: la riscossa delle eroine che invecchiano ma non mollano

di Sabrina Crivelli

Superati i 60 anni, Linda Hamilton e Jamie Lee Curtis sono ritornate sulle scene per i nuovi capitoli di Terminator e di Halloween, le saghe che hanno lanciato le rispettive carriere, per dimostrare che l'età non è un limite per chi nasce final girl

Leggi
shining versione estesa + annabelle 3 home video
Horror & Thriller

Recensione home video | Shining – Versione Estesa 4K (BD) + Annabelle 3 (DVD)

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni del classico di Stanley Kubrick del 1980 più lungo di 25 minuti e dell'horror sulla bambola malefica diretto da Gary Dauberman

Leggi
l'immortale film marco d'amore 2019
Horror & Thriller

Full trailer per L’immortale – Il Film, spin-off di Gomorra sul redivivo Ciro Di Marzio

di Redazione Il Cineocchio

Questa volta Marco D'Amore ha fatto tutto da solo, scrivendo la sceneggiatura, recitando e firmando la sua prima regia

Leggi
sono solo fantasmi film 2019
Horror & Thriller

Sono Solo Fantasmi | Recensione del film di – e con – Christian De Sica

di Alessandro Gamma

Carlo Buccirosso e Gianmarco Tognazzi sono i comprimari di un'opera che sotto il becero velo del fu cinepanettone nasconde un inaspettato omaggio alla figura paterna di Vittorio De Sica

Leggi
buffy l'urlo
Horror & Thriller

Sarah Michelle Gellar su Buffy: “Vi rivelo i miei 3 episodi favoriti della serie”

di Redazione Il Cineocchio

L'interprete della 'cacciatrice' nell'amato show di Joss Whedon ha ricordato anche i momenti più complicati del lavoro sul set

Leggi
Horror & Thriller

Recensione libro + Intervista | L’occhio del testimone – Il cinema di Lucio Fulci di Michele Romagnoli

di Alessandro Gamma

Un volume che ripercorre i retroscena di oltre 30 anni di cinema italiano popolare raccontati con onestà e disillusione dal 'terrorista di generi' che li ha affrontati e plasmati in modo indelebile coi suoi film

Leggi
stomach castle freak abrakadabra dvd
Horror & Thriller

Recensione DVD | Stomach + Castle Freak + Abrakadabra

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni italiane del viscerale horror di Alex Visani, del film di Stuart Gordon del 1995 e dell'omaggio al giallo anni '70 di Luciano e Nicolás Onetti

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Fantasy Island: la magica Fantasilandia trasforma i desideri in incubi di morte

di Redazione Il Cineocchio

Il film di Jeff Wadlow prodotto dalla Blumhouse stravolge l'assunto alla base della serie anni '80 con Ricardo Montalbán, portando Maggie Q, Lucy Hale e Michael Rooker su un'isola piena di trappole letali

Leggi
lake bodom film 2016 slasher
Horror & Thriller

Lake Bodom | Recensione del film horror finlandese di Taneli Mustonen

di Francesco Chello

Il giovane regista rilegge le regole classiche dello slasher, giocando con lo spettatore e togliendogli i punti di riferimento

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Grand Isle: Nicolas Cage nasconde oscuri segreti familiari

di Redazione Il Cineocchio

L'attivissimo attore è affiancato da Kelsey Grammer nel thriller morboso diretto da Stephen S. Campanelli

Leggi
michael gross tremors
Horror & Thriller

Tremors – Island Fury: trama e cast del settimo film; c’è anche Jon Heder

di Redazione Il Cineocchio

La longeva saga dei Graboid prosegue, col nuovo capitolo diretto ancora una volta da Don Michael Paul e capitanato dall'inossidabile Michael Gross

Leggi
The Haunting of Bly Manor serie netflix
Horror & Thriller

Bly Manor: cast e dettagli per il sequel di Hill House; Mike Flanagan in regia della serie antologica

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 'La casa degli invasati', il regista adatterà il romanzo horror 'Il Giro di Vite' - e non solo - di Henry James

Leggi
evil bong + rubber + killer sofa
Horror & Thriller

Dossier | 10 film horror in cui il Male si manifesta in modi insoliti e bizzarri

di Sabrina Crivelli

Da Evil Bong a Rubber, passando per L'Ascensore e Brivido, i pericoli letali non sempre arrivano da boogeyman o serial killer dalle sembianze umane

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Dogs Don’t Wear Pants: una dominatrix è la via per la salvezza emotiva

di Redazione Il Cineocchio

Il finlandese J-P Valkeapää è tornato dietro alla mdp per un film che mescola dark humor e BDSM

Leggi
Countdown

Countdown

21-11-2019

Citizen Rosi

Citizen Rosi

18-11-2019

The Report

The Report

18-11-2019

Come se non ci fosse un domani

Come se non ci fosse un domani

14-11-2019

Sono solo fantasmi

Sono solo fantasmi

14-11-2019

RECENSIONE

Gamberetti per tutti

Gamberetti per tutti

14-11-2019

The Bra - Il reggipetto

The Bra - Il reggipetto

14-11-2019

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

14-11-2019

Pupazzi alla riscossa

Pupazzi alla riscossa

14-11-2019

Le Mans '66 - La grande sfida

Le Mans '66 - La grande sfida

14-11-2019

Zombieland - Doppio colpo

Zombieland - Doppio colpo

14-11-2019

RECENSIONE

Gli uomini d'oro

Gli uomini d'oro

07-11-2019

La belle époque

La belle époque

07-11-2019

Le ragazze di Wall Street - Business Is Business

Le ragazze di Wall Street - Business Is Business

07-11-2019

La famosa invasione degli orsi in Sicilia

La famosa invasione degli orsi in Sicilia

07-11-2019

Attraverso i miei occhi

Attraverso i miei occhi

07-11-2019

Motherless Brooklyn - I segreti di una città

Motherless Brooklyn - I segreti di una città

07-11-2019

Parasite

Parasite

07-11-2019

RECENSIONE

Una canzone per mio padre

Una canzone per mio padre

07-11-2019

Light of My Life

Light of My Life

07-11-2019

RECENSIONE

Deep - Un'avventura in fondo al mare

Deep - Un'avventura in fondo al mare

07-11-2019

Escher - Viaggio nell'Infinito

Escher - Viaggio nell'Infinito

05-11-2019