Home » Cinema » Horror & Thriller » Fractured | Recensione del film di Brad Anderson con Sam Worthington (per Netflix)

6/10 su 561 voti. Titolo originale: Fractured, uscita: 22-09-2019. Regista: Brad Anderson.

Fractured | Recensione del film di Brad Anderson con Sam Worthington (per Netflix)

09/10/2019 recensione film di William Maga

Il regista dirige col consueto mestiere un thriller psicologico non troppo originale, che può comunque contare su una prova convincente del suo disperato protagonista

fractured film netflix 2019

Nella sua costante fame di thriller ‘riempicatalogo’, Netflix spesso viene criticata per la scarsa qualità dei titoli che rifila ai suoi abbonati su base settimanale, spesso più avvincenti e intriganti sulla carta che poi nell’effettiva realizzazione. Ora, per rimanere fedele alla linea, è il turno di Fractured. Il film diretto dall’ex promessa del genere Brad Anderson è solo il più recente degli ‘omaggi’ più o meno diretti al classico La Signora Scompare del 1938, del quale adegua ai giorni nostri il canovaccio (una storia alla Agatha Christie di cospirazione e alterazione della percezione), donandogli peraltro una nuova ambientazione. Diversamente da Flightplan – Mistero in volo di Robert Schwentke del 2005 ad esempio, che era spostava semplicemente l’azione dalla locomotiva originaria a un aereo di linea mantenendo comunque il focus sugli aspetti più mistery, Fractured prova ambiziosamente – e suggestivamente – a inserire nella sua paranoica equazione una critica nemmeno troppo velata al divisorio sistema sanitario americano, noto per essere decisamente elitario e in qualche modo cinico.

fractured film netflix 2019 posterQui, invece che una donna anziana, a ‘smaterializzarsi’ improvvisamente nel nulla sono la moglie e la figlioletta del protagonista Sam Worthington (Avatar), inghiottite nelle viscere di un ospedale dopo aver imboccato l’ascensore diretto verso la sala della TAC e le prove della loro esistenza addirittura occultate dietro a una pila di scartoffie e cavilli legali e assicurativi. Purtroppo però, la sceneggiatura scritta da Alan B. McElroy (autore dietro alla saga slasher di Wrong Turn) – pur attenta ai dettagli (il ricorso alla telecamere di sicurezza) – abbandona presto questa potenzialmente interessante traiettoria per privilegiare situazioni troppo derivative e confusamente hitchcockiane, oltretutto facilmente prevedibili per uno spettatore che sia vagamente sgamato (pensiamo al recente Shutter Island, ma anche a Tutti i colori del buioRepulsion o Il profumo della Signora in Nero).

Come gli appassionati sanno, il 55enne Brad Anderson è un regista di genere che ha dimostrato in passato – specialmente con Session 9, Transsiberian eL’uomo senza sonno – di saper comprendere bene i meccanismi intimi della tensione e dell’alienazione mentale (e dei luoghi chiusi collegati alla sanità …), ed è quindi facile capire cosa lo abbia attirato di un copione in cui l’impotenza del protagonista è la fonte principale di tensione.

Comunque. Roy Monroe (Worthington) è un alcolista in via di guarigione il cui secondo matrimonio è in crisi da tempo, come suggerisce la scena dell’incidente di apertura, mentre prova ad appianare le cose con sua moglie Joanne (Lily Rabe) lungo il tragitto di ritorno da una cena del Ringraziamento. La loro figlioletta Peri (Lucy Capri) guarda fuori dal finestrino dal sedile posteriore, ignara della situazione famigliare che sta precipitando e di quanto Roy si senta profondamente frustrato per la sua incapacità di risolvere l’impasse creatosi, una spirale discendente apparentemente fuori controllo che potrebbe presto riportarlo dalle parti della bottiglia.

Ma è qui che le cose prendono una piega assurda, quando una breve deviazione per una sosta porta a un improvviso confronto tra Peri e un cane randagio. Quando Roy tenta di intervenire lanciando una roccia verso la bestia — una decisione tanto sconcertante quanto stupida — la bimba cade dal ciglio dello scavo su cui si trova, sbattendo la testa sul terreno sottostante, nonostante il tentativo di salvarla al volo del padre. Da lì la disperata corsa contro il tempo verso l’ospedale più vicino, che offre a Roy l’opportunità di dimostrare tutto il suo disperato valore paterno.

Tuttavia, il sistema sanitario americano – come spesso abbiamo già avuto modo di sentire – sembra progettato per frustrare i genitori in crisi, con Roy che perde presto la pazienza, non appena ha a che fare con la receptionist fredda e insensibile al banco delle accettazioni, che lo irrita con domande sull’assicurazione della moglie, i costi delle visite e insiste che Peri venga inserita nell’elenco dei donatori di organi. Fremendo di collera che trattiene a stento, Sam Worthington riesce ad esprime in modo adeguato sia il desiderio di Roy di aiutare sua figlia che l’eguale bisogno di dimostrare le sue qualità umane. Ma più l’uomo si accapiglia contro tutto e tutti, il dubbio che intorno a lui sia in atto una misteriosa e inspiegabile cospirazione comincia a farsi largo sempre più veementemente nella sua mente, suggerita dai comportamenti loschi e mal interpretabili dello staff medico. Roy è incredibilmente paranoico? Colpa dello stress eccessivo? O c’è del vero? Fatto sta che, risvegliatosi da un riposino da sfinimento, scopre che sua moglie e sua figlia sono entrambe scomparse nel nulla, e che infermieri e medici (Stephen Tobolowsky) non solo affermano con convinzione che non si trovino nella struttura, ma che non ci siano nemmeno mai entrate. La goccia che fa definitivamente saltare Roy alle conclusioni più sinistre.

fractured film netflix 2019 lily rabeTolta l’estrema genericità del titolo (negli ultimi 5 anni sono usciti almeno tre i film e una serie TV chiamati nel medesimo modo), Brad Anderson – e il direttore della fotografia Björn Charpentier – immergono lo spettatore in un clima di paranoia, avvilimento, rabbia e dolore crescenti, chiaramente comunicati attraverso l’occhio acuto del regista per i dettagli, le inquadrature e le tempistiche, capaci di evocare un forte senso di spaesamento e oppressione in alcune delle scene più intense di Fractured.

Da parte sua, lo spesso criticato per la monoliticità Sam Worthington offre una delle sue prove più riuscite, dando corpo a una delle interpretazioni più cupe e sentite di un uomo che non ha idea di chi fidarsi, incluso se stesso.

Purtroppo, la quasi totale attenzione posta dallo script sul personaggio di Roy impone il ‘sacrificio’ di tutti gli altri co-protagonisti, relegandoli a mere effimere comparsate. A farne le spese maggiori sono così i dotati Lily Rabe e Stephen Tobolowsky, mentre quasi nulla veniamo a sapere delle altre persone che il padre di famiglia incontra, ovvero poliziotti, infermiere, guardie di sicurezza e una psichiatra che si presenta nel terzo atto a mo’ di deus ex machina / meccanismo per spiegoni.

In definitiva, per gli spettatori non molto avvezzi a questo tipo di thriller, Fractured risulterà un prodotto di Netflix tutto sommato efficace, che conferma le già note capacità di Brad Anderson di girare un copione familiare e renderlo ugualmente avvincente, che si appoggia oltretutto sulla prova di un Sam Worthington adeguato. Per gli altri, si tratterà di un film che lascerà l’amaro in bocca per la decisione di pescare dal mazzo la carta più prevedibile e meno originale, senza azzardare qualcosa di più rischioso (come affondare il colpo nel sistema sanitario americano). Tutti quanti, però, probabilmente finiranno per odiare gli ospedali.

Di seguito il trailer in versione italiana e internazionale (per meglio apprezzare le voci originali) di Fractured, nel catalogo di Netflix dall’11 ottobre:

Sam Worthington
Lily Rabe
Lauren Cochrane
Chad Bruce
Stephen Tobolowsky
Adjoa Andoh
Stephanie Sy
Derek James Trapp
Dennis Scullard
Will Woytowich
Erik Athavale
Chris Sigurdson
Ernesto Griffith
Dorothy Carroll
Muriel Hogue
Mark Dann
Shane Dean
Gabriel Daniels
Marina Stephenson Kerr
Erik Athavale
Muriel Hogue
Jeff Strome
Ernesto Griffith
Adrian McLean
Will Woytowich
Alan Castanaga
Ernie Pitts
Jessica Burleson
Frederick Allen
Derek James Trapp
Shane Dean
Rupert Everett in Dellamorte Dellamore (1994)
Horror & Thriller

Recensione story | Dellamorte Dellamore di Michele Soavi

di William Maga

Nel 1994 arrivava sugli schermi l'adattamento con Rupert Everett dell'omonimo romanzo di Tiziano Sclavi, un cinecomic ante litteram nostrano lontanissimo da qualsiasi cosa venuta prima, e dopo

Leggi
Horror & Thriller

Oculus – Il riflesso del Male | La recensione del film horror di Mike Flanagan

di William Maga

Rory Cochran, Katee Sackhoff e Karen Gillan sono i membri di una famiglia distrutta alla prese con un subdolo oggetto demoniaco, in grado di distorcere la realtà e condurre alla pazzia

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Apparition: Mena Suvari risucchiata dall’oscurità con un’App che collega vivi e morti

di Redazione Il Cineocchio

L'attrice coinvolta nelle terribili vicende dell'infestatissimo Preston Castle nel film di Waymon Boone

Leggi
bud spencer terence hill moto
Horror & Thriller

Dossier | Il Don Chisciotte mai girato con Bud Spencer e Terence Hill (regia di Monicelli)

di Redazione Il Cineocchio

Nel 1993, i due popolarissimi attori erano pronti a tornare a fare coppia nel film che avrebbe aggiornato alla loro maniera il celebre romanzo di Miguel de Cervantes, ma poi il progetto venne abbandonato

Leggi
andy serkis il canto di natale 2019
Horror & Thriller

Trailer per la miniserie A Christmas Carol: il Canto di Natale si fa horror con Guy Pearce e Andy Serkis

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono Ridley Scott e Tom Hardy tra i produttori esecutivi della versione dark del classico di Charles Dickens

Leggi
al pacino hunters serie amazon 2020
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray 4K | Fog + Il Signore del Male + Essi Vivono + 1997: Fuga da New York

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni italiane delle edizione in altissima definizione dei quattro classici diretti da John Carpenter

Leggi
tom waits renfield dracula 1992
Horror & Thriller

Renfield: Dexter Fletcher alla regia del film sul servitore di Dracula

di Redazione Il Cineocchio

La Universal cambia traiettoria per il Dark Universe, pescando da un'idea originale di Robert Kirkman

Leggi
Bill Skarsgård in It Capitolo 2 (2019) pennywise
Horror & Thriller

Gary Dauberman su Pennywise: “Spazio per lo spin-off sulle origini; da valutare l’interesse del pubblico”

di Redazione Il Cineocchio

Lo sceneggiatore del nuovo adattamento di IT ad opera di Andy Muschietti lascia intendere che potremmo veder esplorato il misterioso passato del mostruoso clown danzante

Leggi
christina ricci
Horror & Thriller

Yellowjackets (serie survival cannibalica): Juliette Lewis e Christina Ricci nel cast, Karyn Kusama in regia

di Redazione Il Cineocchio

Lo show abbandonerà alcune giovani calciatrici in mezzo alle distese desolate dell'Ontario dopo un incidente aereo

Leggi
leatherface non aprite quella porta 1974
Horror & Thriller

Non Aprite Quella Porta: Fede Alvarez produce il reboot; c’è lo sceneggiatore

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 8 film nell'arco di 45 anni, Leatherface e la sua motosega sono ancora lontani dalla pensione

Leggi
v-wars serie netflix 2019
Horror & Thriller

Trailer per V Wars, serie Netflix coi vampiri e Ian Somerhalder

di Redazione Il Cineocchio

Il primo tomo della saga fanta-horror scritta da Jonathan Maberry arriva sul piccolo schermo dopo una discreta attesa

Leggi
zombieland doppio colpo film Zoey Deutch
Horror & Thriller

Ruben Fleischer: “Sogno lo spin-off di Zombieland con Zoey Deutch”

di Redazione Il Cineocchio

La svampita Madison ha fatto breccia nel cuore del regista e degli spettatori

Leggi
L'inquilino del terzo piano (1976) Isabelle Adjani e Roman Polanski
Horror & Thriller

Recensione story | L’inquilino del terzo piano di Roman Polanski

di William Maga

Nel 1976 il filmmaker dirigeva - e interpretava, accanto a Isabelle Adjani e Melvyn Douglas - un thriller psicologico capace di serpeggiare negli anfratti della paranoia e negli anditi dell'assurdo

Leggi
la bambola assassina 2019 + the field guide to evil bluray
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | La Bambola Assassina (2019) + The Field Guide to Evil

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni del reboot diretto da Lars Klevberg con Aubrey Plaza e dell'antologia a tema folk horror con registi di mezzo mondo

Leggi
Midway

Midway

27-11-2019

RECENSIONE

Frozen II - Il segreto di Arendelle

Frozen II - Il segreto di Arendelle

27-11-2019

I racconti di Parvana

I racconti di Parvana

25-11-2019

Santa Sangre

Santa Sangre

25-11-2019

Prinzessin Emmy

Prinzessin Emmy

24-11-2019

Depeche Mode: Spirits in the Forest

Depeche Mode: Spirits in the Forest

21-11-2019

Aspromonte - La terra degli ultimi

Aspromonte - La terra degli ultimi

21-11-2019

Countdown

Countdown

21-11-2019

RECENSIONE

Cetto c'è, senzadubbiamente

Cetto c'è, senzadubbiamente

21-11-2019

Light of My Life

Light of My Life

21-11-2019

RECENSIONE

L'ufficiale e la spia

L'ufficiale e la spia

21-11-2019

RECENSIONE

Citizen Rosi

Citizen Rosi

18-11-2019

The Report

The Report

18-11-2019

Come se non ci fosse un domani

Come se non ci fosse un domani

14-11-2019

Sono solo fantasmi

Sono solo fantasmi

14-11-2019

RECENSIONE

Gamberetti per tutti

Gamberetti per tutti

14-11-2019

The Bra - Il reggipetto

The Bra - Il reggipetto

14-11-2019

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

14-11-2019

Pupazzi alla riscossa

Pupazzi alla riscossa

14-11-2019

Le Mans '66 - La grande sfida

Le Mans '66 - La grande sfida

14-11-2019

Zombieland - Doppio colpo

Zombieland - Doppio colpo

14-11-2019

RECENSIONE