Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Recensione story | Fahrenheit 451 di François Truffaut

7/10 su 436 voti. Titolo originale: Fahrenheit 451, uscita: 14-09-1966. Budget: $1,500,000. Regista: François Truffaut.

Recensione story | Fahrenheit 451 di François Truffaut

16/01/2018 recensione film di Sabrina Crivelli

Il capolavoro sci-fi di Ray Bradbury è trasposto con grande efficacia dal maestro della Nouvelle Vague in un film che chiunque si dichiari cinefilo deve conoscere alla perfezione

Raramente nella storia del cinema c’imbattiamo in veri e propri capolavori, in film al contempo disarmanti e commoventi, capaci di affrontare grandi quesiti filosofici e politici con estrema profondità, lucidità e senza qualunquismo, eppur non essendo tediosi o lenti. Ancora più di rado, una pietra miliare della letteratura contemporanea è adattata con coerenza e giusta visionarietà, rendendone gli aspetti più oscuri e proplematici in una veste estetica memorabile. Questo è lo straordinario caso di Fahrenheit 451, romanzo del 1953 scritto dal geniale Ray Bradbury che ha infervorato intere generazioni, trasposto su pellicola nel 1966 dal grande François Truffaut, regista filosofo della Nouvelle Vague che con lente esistenzialista, sartriana, rilesse una delle più annichilenti distopie di sempre, ancor più valida oggi in cui un’ipocrita e bigotta forma di censura strisciante rischia di impedire la libertà di pensiero e parola.

Siamo in un futuro non troppo remoto, la società è costruita su un vacuo benessere privo d’ogni problematizzazione, d’ogni più profondo afflato, e tale insostenibile leggerezza dell’essere è ricercata a viva forza da una forma dittatoriale dal volto amichevole e pervasivo di personaggi televisivi che attraverso gli schermi televisivi dialogano con una pletora di rimbesuiti cittadini – spettatori. Non solo, per evitare ogni forma di pericolosa riflessione sull’umana condizione, è stato istituito un peculiare corpo di pompieri, “la milizia del fuoco” (le cui tenute ricordano le divise naziste), che invece di spegnere incendi appiccano roghi di libri, come nel peggior medioevo.

In tale corpo lavora Guy Montag (l’Oskar Werner che con l’autore collaborò anche in Jules e Jim nel 1962), uomo all’apparenza comune e incapace di comprendere la portata delle sue azioni incendiarie, il valore di ciò che stava dando alle fiamme, finché non incontra una donna singolare, Clarisse (Julie Christie che al contempo incarna anche l’egocentrica Linda Montag), che gli domanda se abbia mai letto uno di quei volumi che sovente distrugge. Interrogandosi dunque sul valore oscuro di tali oggetti, tanto preziosi da spigere tanti ad affrontare molteplici pericoli e sfidare la legge, dopo averne trafugato uno, David Copperfield, ed averlo portato a casa con sé, una notte inizia a sfogliarlo, e così viene portato ad avvedersi finalmente, subitanea epifania, delle brutture del mondo circostante. Ovviamente, tale pericolosa bibliofilia avrà un caro prezzo.

Anzitutto, Fahrenheit 451 rielabora con una certa libertà il materiale libresco, riscrivendo alcuni passaggi, semplificandone altri, eliminandone altri ancora (compreso il finale), eppure ne riesce a trasporre l’anima. Da una parte, allora, si materializzano nei fotogrammi con grande potenza visiva alcune delle pagine più sconvolgenti o inquietanti, non tanto per la particolare crudezza delle immagini, ma per l’idea a cui rimandano. Satirico e desolante è il ritratto della frivola moglie Linda, il cui apice della giornata – o meglio di molte giornate – è l’esser stata scelta per dialogare su questioni futili con dei personaggi televisivi che in una sorta di invasiva interattività la coinvolgono in uno sterile discorso sulla gestione di un gruppo di possibili ospiti. Cinica riflessione, i warholiani 15 minuti di celebrità vengono qui ad assumere i tristi e ironici profili di una tirannide futura giocata sul totale vuoto antropologico e culturale teso al controllo delle menti, dove una superficiale allegrezza scaturita dal un blando intrattenimento e dall’uso di pillole imperversa.

Terribilmente nichilista e insieme profondamente idealista, la narrazione è realizzata quindi per antitesi, per opposti che rappresentano gli estremi esperienziali in cui si muove l’intera società, e con essa il protagonista nel suo percorso di autoscoperta. Così, se da una parte l’emisfero femminile rappresenta il completo asservimento alla più bieca superficialità, dall’altra il suo doppio, la maestra Clarisse, interpretato dalla medesima attrice, la Christie, è il tramite per intraprendere la via della conoscenza. Il medesimo contrappunto si estende poi a tutto lo sviluppo ed è proprio nelle sequenze più truci in cui si nasconde la maggior poesia: memorabile è la scena in cui, dopo essere stata scoperta all’interno di una casa una biblioteca segreta, la proprietaria dichiara di volersi far bruciare insieme ai suoi amati libri, che secondo le sue parole sono “vivi” e parlano con lei; subito dopo un catalogo illustrato di Salvador Dalì si spalanca, le pagine si aprono da sole, quasi l’oggetto inanimato stesse rispondendo alla sua padrona.

Poi, tristemente, tutto viene incendiato e un moto di commozione è trasmesso agli spettatori, che non possono che pensare a tutto quel sapere vanificato in maniera così indegna, e alla sua custode che con esso trova un eroico epilogo. Panorama angoscioso e sconsolato, tuttavia il finale ribalta con uno scenario glabro, ma denso di speranza l’oscura visione futurista; Montag, abbandonata quella che solo in superficie è una sfavillante civintà, approda in una comunità ai margini, quella degli “uomini libro”, ultimi detentori del sapere ormai in via di sparizione. Questi, come mantra professano il prezioso scritto che hanno deciso di memorizzare, quali una collettiva e deambulante Biblioteca di Alessandria in umane spoglie che vive lungo le rive del fiume e che tramanda il dono più prezioso: il Sapere.

Truffaut, allora, che dell’antropologico ha fatto l’epicentro della sua intera filmografia, quivi tratta l’umano con una certa distanza. L’insolita freddezza in termini di indagine psicologica e dei sentimenti è tuttavia solo apparente e circoscritta, tesa a rendere il vuoto in taluni frangenti della società che raffigura. Essa emerge difatti nei laconici e freddi dialoghi domestici tra i coniugi Montag, o nello scambio secco di battute tra i membri delle milizie del fuoco, ma le è contrapposto ad uopo il vero e proprio fiume verbale dell’inventiva e non omologata Clarisse. Così si vuole tratteggiare la disumanizzazione, che però esalta ulteriormente, qualora affiancata, quelle poche vestigia di civiltà rimaste, come la giovane maestra reietta o la donna che brucia con i suoi libri. D’altro canto, il regista è interessato non tanto all’immaginario fantascientifico di per sé (è un caso anzi che venga esplorato in una sua pellicola), quanto alle considerazioni profonde che l’opera bradburiana contiene, più strettamente connesse all’esistenza e sempre attuali.

Ineguagliabile e tra le più elevate vette raggiunte dall’autore francese, Fahrenheit 451 è non solo uno dei migliori film incentrati su futuri distopici, ma anche uno dei più alti culmini della storia del cinema nella sua interezza. Staremo a vedere se l’omonima serie TV che la HBO lancerà nei prossimi mesi sarà vagamente all’altezza.

Di seguito il trailer originale:

Oskar Werner
Julie Christie
Cyril Cusack
Bee Duffell
Jeremy Spenser
Michael Balfour
Anna Palk
Anton Diffring
Alex Scott
Gillian Aldam
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Ghostbusters: Legacy, Paul Rudd e alcuni ragazzini pronti a smaterializzare fantasmi

di Redazione Il Cineocchio

Jason Reitman prova a rilanciare la saga degli Acchiappafantasmi, raccontando un nuovo inizio

Leggi
tesoro mi si sono ristretti i ragazzi film 1989
Sci-Fi & Fantasy

Recensione story | Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi di Joe Johnston

di William Maga

Nel 1989 la Disney portava nelle sale il film con Rick Moranis in versione scienziato sbadato, che sarebbe inaspettatamente diventato un clamoroso successo di pubblico

Leggi
george miller
Sci-Fi & Fantasy

George Miller su Three Thousand Years of Longing: “Sarà l’opposto di Mad Max; presto le riprese”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista australiano rivela qualche dettaglio sul suo prossimo progetto, un film dal genere indefinito con Tilda Swinton e Idris Elba

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer e data di uscita per Mulan: Gong Li è una strega malvagia nel wuxia Disney

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Jet Li e Donnie Yen nella rivisitazione 'dal vero' del Classico animato del 1998, che vede protagonista la combattiva Yifei Liu (ma non Mushu ...)

Leggi
breach film 2020 John Suits (2)
Sci-Fi & Fantasy

Breach: immagini e trama per il fanta-horror con Bruce Willis e Thomas Jane

di Redazione Il Cineocchio

Ci sarà anche Rachel Nichols nello spazio profondo del film diretto da John Suits

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Monolith | La recensione del film di Ivan Silvestrini

di Alessandro Gamma

Nel drama sci-fi del regista italiano la fantascienza è un mero spunto per narrare la tragedia interiore di una madre immatura

Leggi
la storia infinita film falkor
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | La Storia Infinita: quando il film è odiato dall’autore del libro da cui è tratto

di William Maga

Ripercorriamo la vicenda dietro al clamoroso successo del classico del 1984 diretto da Wolfgang Petersen, criticato aspramente da Michael Ende per gli stravolgimenti e il suo essere troppo superficiale

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Sette minuti dopo la mezzanotte | Recensione del film fantasy di Juan Antonio Bayona

di Alessandro Gamma

Il regista spagnolo confeziona uno dei rari film che affrontano i misteri dell'infanzia senza soccombere alla sdolcinatezza spinta, grazie anche all'ottima prova dell'esordiente Lewis MacDougall

Leggi
A Holiday Reunion cortometraggio sequel E.T. l'extra-terrestre
Sci-Fi & Fantasy

Cortometraggio | A Holiday Reunion è il sequel di E.T. l’extra-terrestre, con Henry Thomas

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 37 anni, il regista Lance Acord fa incontrare nuovamente il tenero alieno dai grandi occhi e un cresciuto Elliott

Leggi
edward fulrong 2019
Sci-Fi & Fantasy

Edward Furlong su Terminator – Destino Oscuro: “Mi rode molto per il mio ruolo limitato”

di Redazione Il Cineocchio

Lo storico interprete di John Connor ha raccontato la sua brevissima esperienza sul set del film di Tim Miller, spiegando le ragioni di ciò che lo ha maggiormente deluso (e non sono le stesse dei fan ...)

Leggi
onward film pixar 2020
Sci-Fi & Fantasy

Trailer e trama per Onward: elfi e creature magiche nel fantasy della Pixar

di Redazione Il Cineocchio

Tra i doppiatori originale del film diretto da Dan Scanlon troveremo anche Tom Holland e Chris Pratt

Leggi
Godzilla II King Of The Monsters film
Sci-Fi & Fantasy

Godzilla II: King Of The Monsters | La recensione del film di Michael Dougherty

di William Maga

Il regista spreca l'enorme potenziale a disposizione, scegliendo una trama in cui abbondano i cliché, l'oscurità e la verbosità piuttosto che puntare tutto sugli scontri tra i mostri e la devastazione cieca

Leggi
final space serie stagione 2 netflix
Sci-Fi & Fantasy

Final Space (stagione 2) | Recensione dei 13 episodi della serie animata (su Netflix)

di Sabrina Crivelli

Lo show avventuroso creato da Olan Rogers e David Sacks non solo riconferma l'irresistibile verve narrativa e il black humor che l'han reso una delle sorprese del 2018, ma addirittura rilancia in grande stile

Leggi
terminator-destino-oscuro-film-set
Sci-Fi & Fantasy

Tim Miller sul flop di Terminator – Destino Oscuro: “Colpa di James Cameron e delle sue ingerenze”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha parlato dei problemi della lavorazione del film con Linda Hamilton e Arnold Schwarzenegger, addossando al produttore 65enne i magri risultati al botteghino

Leggi
mortale serie netflix 2019
Sci-Fi & Fantasy

Mortale | Recensione della serie fanta-horror francese di Netflix (stagione 1)

di William Maga

Carl Malapa, Nemo Schiffman e Manon Bresch sono i protagonisti di un teen drama intriso di voodoo incompiuto, che a spunti interessanti contrappone personaggi antipatici e vicoli ciechi di sceneggiatura

Leggi
Il primo Natale

Il primo Natale

12-12-2019

Black Christmas

Black Christmas

12-12-2019

Nancy

Nancy

12-12-2019

Che fine ha fatto Bernadette?

Che fine ha fatto Bernadette?

12-12-2019

ചോല

ചോല

06-12-2019

Lontano lontano

Lontano lontano

05-12-2019

L'immortale

L'immortale

05-12-2019

Qualcosa di meraviglioso

Qualcosa di meraviglioso

05-12-2019

I passi leggeri

I passi leggeri

05-12-2019

Cena con delitto - Knives Out

Cena con delitto - Knives Out

05-12-2019

RECENSIONE

Il paradiso probabilmente

Il paradiso probabilmente

05-12-2019

L'Inganno perfetto

L'Inganno perfetto

05-12-2019

Western Stars

Western Stars

02-12-2019

I figli del mare

I figli del mare

02-12-2019

RECENSIONE

Shooting the Mafia

Shooting the Mafia

01-12-2019