Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione | In Darkness di Anthony Byrne

6/10 su 266 voti. Titolo originale: In Darkness, uscita: 25-05-2018. Regista: Anthony Byrne.

Recensione | In Darkness di Anthony Byrne

28/05/2018 recensione film di Sabrina Crivelli

Una fascinosa Natalie Dormer è la pianista non vedente al centro di un thriller dilatato e senza ritmo, il cui copione - che lei stessa ha scritto - si preoccupa solo di mettere in luce le sue doti, tralasciando tutto il resto

Thriller dal ritmo piuttosto lento, In Darkness di Anthony Byrne (Peaky Blinders e Ripper Street) sviluppa in un tempo dilatatissimo la contorta parabola di una protagonista non vedente incarnata discretamente da Natalie Dormer (Jukai – La foresta dei suicidi) che ne ha steso anche con il regista (e suo attuale compagno) la sceneggiatura, non proprio innovativa o densa di momenti da batticuore.

Sofia (Dormer) è una pianista cieca che conduce una vita all’apparenza tranquilla e ripetitiva. Nel suo palazzo vive anche la bella e travagliata Veronique (Emily Ratajkowski), i cui continui litigi con il padre, un magnate serbo accusato di crimini di guerra, Milos Radic (Jan Bijvoet), tengono sveglia la notte la protagonista. Una sera, dopo aver incrociato per caso Veronique in ascensore, mentre fugge sconvolta, Sofia ‘assiste’ alla sua morte, all’apparenza per suicidio. Tuttavia, nulla è come appare e la donna verrà da lì coinvolta in una serie di intrighi e delitti, fortemente radicati nel suo passato e connessi a delle terribili perdite subite durante la sua infanzia.

In Darkness si basa su un impianto piuttosto prevedibile, una sorta di detective story che si apre con quello che appare un personaggio del tutto innocuo, Sofia, che viene coinvolta in losche macchinazioni da una serie di foschi e pericolosi individui legati alla mafia russa. Ovviamente, la donna non è innocente come sembra inizialmente, anzi, ma tutte le svolte narrative da spy movie sono alquanto scontate, dando vita a un percorso il cui finale è, per i più smaliziati, manifesto già dai primi fotogrammi. Così si alternano gli usuali tradimenti, i ‘colpi di scena’, i doppi giochi e pure un paio di “intimi contatti”, buttati lì tra le sequenze giusto per dare un tocco più hot allo svolgimento, altrimenti decisamente piatto.

Il brivido manca quasi del tutto, forse per come è gestita la storia o forse per il succedersi di eventi di impatto se presi singolarmente, ma che insieme non riescono a suscitare in chi guarda la giusta tensione. Certo, alcuni passaggi sono riusciti e girati con maestria, come la movimentata scena di un sequestro in corsa con torture su un camioncino e repentino salvataggio, in cui ad un certo punto un rapitore viene scaraventato fuori in velocità e investito da un camion. Tale ipercinetica sequenza si fa indubbiamente notare e lascia il segno. Purtroppo, però, in generale l’azione latita, mentre la macchina da presa preferisce soffermarsi diffusamente sulle lente e reiterate azioni di Sofia.

Sicuramente l’epicentro della diegesi stessa è proprio il personaggio interpretato da Natalie Dormer, che si è cucita addosso il copione non a caso, creandosi una parte ad hoc con il giusto ammontare di criticità, dotandola di un fascinoso handicap fisico, un tragico passato e un oscuro disegno in testa. La cecità, d’altronde, ha sovente fornito in passato ottimi spunti per i film thriller. Lo dimostrano le variegate declinazioni offerta da titoli come Gli occhi della notte (Wait Until Dark, 1967) di Terence Young, Terrore cieco (See no evil, 1971) di Richard Fleischer, Gli occhi del delitto (Jennifer 8, 1992) di Bruce Robinson e Con gli occhi dell’assassino (Los ojos de Julia, 2010) di Guillem Morales.

Quale attrice quindi non vorrebbe incarnare un ruolo simile per mettersi alla prova e manifestare le proprie doti? Sventuratamente, l’interprete / sceneggiatrice si scorda qui di rendere tutto il resto in qualche modo interessante, forse per timore che dare spazio ad altro le avrebbe sottratto le luci dei riflettori per qualche minuto. Il risultato è così che una protagonista di per sé anche accattivante, resa bene nelle sue sfumature psicologiche, nelle sfaccettature del carattere, è circondata da personaggi del tutto privi di alcuno spessore, maschere monolitiche che esistono solo per farla risplendere.

Se un film è una sinfonia corale e non un performance solipsistica, tutto il contorno in In Darkness stona, quale chiassosa combinazione di arie cacofoniche che bistrattano il pubblico ala conclusione, ennesima occasione creata ad uopo per  fornire una prova di bravura alla prima donna … A ciò si somma infine che non si tratta di un fine thriller psicologico hichcockiano quello messo in scena – in cui tutta questa “centralità dello sguardo” avrebbe potuto sussistere -, ma un’intricata spy story (almeno nelle intenzioni) che quindi dovrebbe per sua stessa natura fondarsi su una pletora di intriganti soggetti, buoni o cattivi che siano. Ciò infatti non accade, al contrario, perfino l’antagonista principale, lo spietato criminale pluriomicida Milos Radic è talmente abbozzato e ha un minutaggio talmente risicato da risultare quasi una mera comparsa. Tale mancanza di incisività non discende tuttavia dalla recitazione del povero Jan Bijvoet, ma dal fatto che non abbia proprio sufficiente materiale su cui lavorare. E lo stesso vale per buona parte del cast (dove scompaiono anche Ed Skrein e Joely Richardson).

In conclusione, se invece di girare l’ennesima prolissa sequenza che segue una Natalie Dormer mentre vagola evocativamente per le stanze buie della casa e tocca il suo riflesso nello specchio, ci si fosse concentrati un po’ di più sui molti altri personaggi che incrocia, magari osando addirittura un inseguimento o una sparatoria, il risultato sarebbe stato assai più coinvolgente. Il concettualismo dormercentrico rende In Darkness privo di ogni capacità d’intrattenimento nei suoi 110 minuti di durata, che lo spettatore percepisce come tre volte tanti …

Di seguito trovate il trailer ufficiale:

Natalie Dormer
Emily Ratajkowski
Ed Skrein
Joely Richardson
James Cosmo
Neil Maskell
Jan Bijvoet
Amber Anderson
Michael Bott
Sofia Stuart
the deep house film bustillo maury 2020
mother cortometraggio notarile 2020
the velocipastor film
Horror & Thriller

The VelociPastor | La recensione del film di Brendan Steere col prete-dinosauro

di William Maga

Nato come cortometraggio nel 2011, il regista riesce a imbastire un action-horror low budget che regge alla sua assurda premessa fino alla fine, divertito e divertente

Leggi
l'esorcista friedkin film set 1973
Horror & Thriller

Dossier | L’Esorcista e le reazioni del pubblico italiano alla prima del 1974: malori, risate e incassi record

di Redazione Il Cineocchio

Andiamo a spulciare i quotidiani dell'epoca, per vedere l'impatto del film di William Friedkin sugli spettatori

Leggi
Patiffonka video ormbrello horror
Horror & Thriller

Cortometraggio | Un ombrello diventa un mostro tentacolare pronto a uccidere

di Redazione Il Cineocchio

Quando un oggetto di uso comune assume connotazione fanta-horror imprevedibili

Leggi
Ella Balinska in Run Sweetheart Run (2020)
Horror & Thriller

Run Sweetheart Run: immagini e trama per l’horror sociale con Pilou Asbæk

di Redazione Il Cineocchio

La regista Shane Feste si è ispirata a un terribile fatto capitatole veramente per il suo nuovo film, in cui c'è anche Ella Balinska

Leggi
underwater film 2020 kristen
Horror & Thriller

Underwater | La recensione del film di William Eubank con Kristen Stewart

di William Maga

Kristen Stewart e Vincent Cassel sono i protagonisti di un fanta-horror PG-13 semplice e derivativo, che pesca a piene mani da Aliens e The Abyss, regalando qualche brivido marino

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Sleepless Beauty: la privazione del sonno genera mostri nell’horror russo

di Redazione Il Cineocchio

Polina Davydova è la sventurata protagonista del film diretto da Pavel Khvaleev che guarda a Saw e Martyrs

Leggi
Horror & Thriller

American Assassin | La recensione del film di Michael Cuesta con Michael Keaton

di Teresa Scarale

Un film d’azione superfluo, utile solo all’onanismo mentale armaiolo americano. Spiace che il magnetismo indiscutibile di Michael Keaton vi sia stato sprecato.

Leggi
memorie di un assassino film Kang-ho Song
Horror & Thriller

Memorie di un Assassino: poster e data di uscita per il thriller di Bong Joon-ho del 2003

di Redazione Il Cineocchio

Dopo oltre 15 anni, il celebrato film con Kang-ho Song arriva finalmente nelle sale italiane, sull'onda del successo di Parasite

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Ouija Shark: il terribile fantasma di uno squalo killer viene evocato per errore

di Redazione Il Cineocchio

Quando si pensava che il sottogenere fosse stato ormai ampiamente esplorato, ci pensa il regista Scott Patrick a un nuovo improbabile crossover

Leggi
BEAU cortometraggio ari aster
Horror & Thriller

Dossier | Ari Aster e i 6 angoscianti cortometraggi ‘di formazione’ che hanno plasmato la sua regia

di Sabrina Crivelli

Andiamo alle origini della poetica registica del 33enne autore di Hereditary e Misdommar, un'esplorazione dei lati più oscuri dell'animo umano, dove risiede il vero orrore

Leggi
Horror & Thriller

Richard Stanley: “Giro L’Orrore di Dunwich e ci metto il Necronomicon e la Miskatonic University”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista presto di nuovo dietro alla mdp per il secondo film riconducibile all'universo cinematografico condiviso di H.P. Lovecraft

Leggi
Odio l'estate

Odio l'estate

30-01-2020

Alice e il sindaco

Alice e il sindaco

30-01-2020

I miserabili

I miserabili

30-01-2020

Villetta con ospiti

Villetta con ospiti

30-01-2020

Il diritto di opporsi

Il diritto di opporsi

30-01-2020

Judy

Judy

30-01-2020

Underwater

Underwater

30-01-2020

RECENSIONE

ARTASERSE

ARTASERSE

24-01-2020

In the Trap - Nella trappola

In the Trap - Nella trappola

23-01-2020

Figli

Figli

23-01-2020

Tappo - Cucciolo in un mare di guai

Tappo - Cucciolo in un mare di guai

23-01-2020

1917

1917

23-01-2020

RECENSIONE

Just Charlie - Diventa chi sei

Just Charlie - Diventa chi sei

23-01-2020

Botero - Una ricerca senza fine

Botero - Una ricerca senza fine

21-01-2020

Herzog incontra Gorbaciov

Herzog incontra Gorbaciov

19-01-2020

Me contro Te: Il film - La vendetta del Signor S

Me contro Te: Il film - La vendetta del Signor S

17-01-2020

Dolittle

Dolittle

17-01-2020