Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione (per me, è no) | Murderock – Uccide a passo di danza di Lucio Fulci

5/10 su 25 voti. Titolo originale: Murderock - Uccide a passo di danza , uscita: 01-01-1984. Regista: Lucio Fulci.

Recensione (per me, è no) | Murderock – Uccide a passo di danza di Lucio Fulci

04/08/2020 recensione film di William Maga

Nel 1984 il regista dirigeva Claudio Cassinelli e Olga Karlatos in un horror modesto, che segnava l'inizio della fase calante della sua carriera

murderock fulci film 1984

Saranno famosi o … saranno ammazzati? Per il regista Lucio Fulci non c’erano dubbi. Tornato sugli schermi nel 1984 con un giallo-rock bombardato dalle musiche di Keith Emerson, dopo due fallimentari incursioni nel filone fanta-apocalittico (Conquest e I guerrieri dell’anno 2072), quello che la stampa dell’epoca definiva ‘il rivale di Dario Argento’ sgranava subito le sue vittime in Murderock – Uccide a passo di danza.

murderock fulci film 1984 posterSiamo a New York, nella tipica ‘School of Performing Arts’ dove si forgiano i nuovi talenti ballettistici di Broadway. Decine di ragazze (tutte carine e piuttosto discinte) si esercitano giorno e notte in vista del grande salto, ma sia il direttore Dick Gibson (Claudio Cassinelli), che la gelida insegnante Candice Norman (Olga Karlatos), sanno che solo tre di esse saranno scelte, di lì a poco, per un musical di successo.

L’una dopo l’altra, però, le tre allieve migliori vengono ammazzate brutalmente, nel buio degli spogliatoi o direttamente in casa, da un assassino sofisticato che uccide usando un lungo spillone sormontato da una testa di leopardo. Con metodica crudeltà, il killer addormenta prima le ragazze con il cloroformio e poi infila con cura l’insolita arma nel loro cuore, quasi a suggerire antichi rancori e motivazioni psicologiche profonde. Del resto, come dice uno dei personaggi, “nello spettacolo non c’è tempo per essere umani»; cioè, ogni mezzo è lecito per sfondare. Ma la spiegazione convince poco lo scafato tenente Borges (Cosimo Cinieri), il quale — barba da Macbeth e impermeabile alla Colombo — non crede affatto che l’omicida che ‘uccide a passo di danza’ sia da ricercare tra le
ambiziose fanciulle. Dove allora?

La sceneggiatura di Murderock (compilata a otto mani da Gianfranco Clerici, Vincenzo Mannino, Roberto Gianviti e dallo stesso Lucio Fulci) fa i salti mortali per sviare lo spettatore e per moltiplicare le piste da seguire, ma alla fine la verità, o meglio la doppia-verità, verrà a galla senza troppe sorprese. Girato alla meglio, mischiando le regole dell’horror cinematografico con l’allora attuale febbre del ballo inaugurata da Flashdance e già cucinata in tutte le salse, quello che nelle intenzioni del regista era il primo film della Trilogia della musica (progetto che avrebbe dovuto comprendere anche i mai girati Killer samba e Thrilling blues) è sostanzialmente un catalogo di situazioni già viste e di banalità disarmanti. L’ambizione era quella di confezionare un prodotto di qualità internazionale, ma purtroppo né la colonna sonora (lontana dai suoi fasti) di Keith Emerson, né gli impersonali esterni newyorkesi, tutti grattacieli e asfalti bagnati, bastano a creare la suspense giusta.

Per quanto recitino in inglese, gli attori restano inconfondibilmente italiani; il bello è che, in sede di doppiaggio, sia Claudio Cassinelli (Assassinio al cimitero etrusco) che l’abitué Cosimo Cinieri (Lo squartatore di New York) ‘persero’ le loro voci per acquistare quelle di Robert Redford (Cesare Barbetta) e di Sean Connery (Pino Locchi). Pensare che, oggi, sarebbe invece una prassi da reintrodurre …

murderock lucio fulci film 1984Quanto a Lucio Fulci, che solo pochi anni prima aveva diretto la celebre Trilogia della morte (Paura nella città dei morti viventi, … E tu vivrai nel terrore! L’aldilà e Quella villa accanto al cimitero) e che qui faceva l’ennesima ‘comparsata’ alla Alfred Hitchcock (è il cinico agente della pubblicità), inutile dire che non riuscì minimamente a convincere la critica italiana a cambiare idea su di lui, peraltro prendendosi qui un po’ troppo sul serio piazzando sui titoli di coda la frase a effetto ‘Spesso il delitto non è che una forma distorta di impegno umano‘ tratta da Giungla d’asfalto di John Huston (1950) che, se riferita a Murderock – Uccide a passo di danza sarebbe infatti piuttosto trascurabile e azzardata, se invece fosse un cenno al cinema preferito dal regista suonerebbe come un peccatuccio di narcisismo culturale ai limiti del ridicolo.

In ogni caso, dopo aver riscosso un discreto successo sui mercati esteri (negli USA uscì col titolo Murder-Rock: Dancing Death) Lucio Fulci si sarebbe gravemente malato proprio nel 1984, rimanendo lontano dai set per ben due anni, un periodo che determinò l’inizio del declino della sua carriera, che sarebbe terminata nel 1991 dopo altri nove film.

Di seguito il trailer tedesco di Murderock – Uccide a passo di danza:

The Postcard Killings film 2020
Horror & Thriller

The Postcard Killings | La recensione del film Danis Tanovic (su Amazon Prime)

di William Maga

Jeffrey Dean Morgan e Famke Janssen sono i protagonisti di un thriller che sciupa le buone prove del cast e la fotografia con un regia pochissimo ispirata e una sceneggiatura colabrodo

Leggi
The Call (2020) film bell shaye
sam neill il seme della follia
Horror & Thriller

Riflessione | Il Seme della Follia di John Carpenter: un lovecraftiano monito all’umanità

di Sirio Alessio Giuliani

Nel 1994, il regista realizzava il suo film-manifesto, uno spietato e ironico ritratto della società contemporanea (attualissimo ancora oggi) in cui l’orrore cosmico di H. P. Lovecraft incontrava le atmosfere del surrealismo

Leggi
Harvey Stephens il presagio 1976
Horror & Thriller

Il Presagio (1976): com’è nata la scena finale col diabolico Damien che sorride

di Redazione Il Cineocchio

È il regista Richard Donner a raccontare come lavorò col piccolo Harvey Stephens per ottenere quello scioccante risultato

Leggi
Il Giorno Sbagliato film 2020 russell crowe
Horror & Thriller

Il Giorno Sbagliato | La recensione del film di Derrick Borte con Russell Crowe guidatore rabbioso

di William Maga

L'attore premio Oscar è un comune cittadino che perde la testa e dà il via a una giornata di terrore nel road thriller R-Rated

Leggi