Home » Cinema » Horror & Thriller » [recensione] The Bad Batch di Ana Lily Amirpour

5/10 su 537 voti. Titolo originale: The Bad Batch, uscita: 23-06-2017. Budget: $6,000,000. Regista: Ana Lily Amirpour.

[recensione] The Bad Batch di Ana Lily Amirpour

26/06/2017 recensione film di Redazione Il Cineocchio

Jason Momoa, Suki Waterhouse e Keanu Reeves sono al centro di una distopia pop, in cui la patina di intellettualismo cela la vacuità dei contenuti

Visionaria regista britannica di origini iraniane, Ana Lily Amirpour si è costruita negli ultimi anni un’aura di intellettualismo e ha conquistato un certo successo, soprattutto presso la critica, con l’ottimo esordio A Girl Walks Home Alone at Night del 2014. Molto alte erano dunque le aspettative per il suo secondo lungometraggio, The Bad Batch, presentato in concordo alla 73ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia nel 2016 e che prometteva di combinare l’esistenzialismo del precedente lavoro a una produzione e un cast di star, quali Jason Momoa, Jim Carrey, Giovanni Ribisi e Keanu Reeves. Purtroppo però, il risultato, forse complici anche le troppo elevate attese, è assai deludente, sebbene abbia conseguito il Premio Speciale della Giuria poiché “film americano che non scende a compromessi” e che non è “comune”. Viene tuttavia da interrogarsi se questa sia una motivazione bastante per affermare il valore di una pellicola …

Tbe Bad Batch posterAnzitutto la trama, o meglio l’abbozzato canovaccio, è un disorganico insieme di variegate suggestioni, un collage singolare di altrui idee tenute insieme da un risibile fil rouge, ossia le vicissitudini e l’infatuazione della protagonista Arlen (Suki Waterhouse) in una sorta di futuro post apocalittico, che pare un incrocio tra una declinazione hippy alla Mad Max e il meno ameno scenario di The Road di John Hillcoat. In apertura troviamo la ragazza che errabonda in una steppa desolata e arida sotto il sole e si ferma a truccarsi in una macchina abbandonata in una zona che si rivela essere terreno di caccia di un gruppo di cannibali; perché abbia scelto proprio quel luogo per il maquillage quotidiano non c’è dato saperlo, è un vezzo stilistico come molti altri dettagli di cui è disseminato lo svolgimento, meglio non esser troppo puntigliosi.

Dunque la giovane preda è ovviamente catturata e trascinata a viva forza nel peculiare accampamento dei suoi rapitori, presentati come un gruppo di abbronzati culturisti che sollevano pesi sotto al sole, quasi rilettura distopica dei soggetti al centro di ‘Just What is it That Makes Today’s Homes so Different, so Appealing?’ di Richard Hamilton. La connotazione marcatamente pop è palese, tuttavia è la funzione ultima di tale scelta stilistica ad essere meno immediata, anzi, sembra solo essere un approccio estetico cool, senza alcuna pretesa di motivare oltre. Passaggio, comunque sia, tra i più riusciti di The Bad Batch, alla sventurata preda vengono tagliate un braccio e una gamba mentre è ancora cosciente e messe a rosolare su una griglia, sequenza che fa ben sperare lo spettatore su futuri sviluppi piuttosto truci, ma è anche qui solo un frammento sconnesso, buttato lì ai fini della vacua spettacolarizzazione di una diegesi molto più scialba di quanto inizialmente vagheggiato.

Dunque Arlen riesce a scappare, si trascina a pancia in su strisciando su un carrello (trovata non malvagia) e viene salvata da un clochard del deserto (un Carrey irriconoscibile), che la porta nel centro abitato più vicino. Quivi giunge la seconda bizzarra distopia abitativa, ovvero una cittadina popolata da uno stuolo di festaioli in preda al perenne sballo, dove si susseguono dj set e la cui direzione è affidata a The Dream (Reeves discreto nella parte benché abbia poco spazio), che mantiene il controllo sulla comunità distribuendo ai suoi abitanti cannabis, pasticche e allucinogeni, è più affine al magnetico Guru di una setta californiana alla Holy Hell di William Allen che il capo di una comunità distopica. La raffigurazione di quest’ultima e del suo leader rimandano altresì immediatamente a Mad Max: Fury Road di George Miller, dacché anche qui il suddetto è il tenutario di un harem multietnico delle più belle teso al ripopolamento (senza contare che alla protagonista manca un braccio come a Furiosa …).

bad batch keanuLe diverse configurazioni urbane, le differenti istantanee della vita nel futuro, sebbene stravaganti e non proprio approfonditi nei particolari, racchiudono però un qualche fascino e, per quanto non del tutto innovativi, hanno una loro inventiva. Il vero problema sopraggiunge poi, quando tali spot casuali devono essere ricongiunti da una narrazione che li tenga insieme, da una storia capace di avvincere e al contempo di dare un senso alle visioni delineate; è a questo punto che l’impalcatura crolla. L’idea è quella di rappresentare una giovane donna libera e controcorrente, Arlen, che prende una scelta forte a discapito di tutto. Tuttavia, la protagonista, la cui psicologia è di per sé malamente caratterizzata, è ulteriormente afflitta dalla performance della Waterhouse, la quale si limita a un inespressivo e perenne broncio, che sicuramente non sprizza personalità e che risulta infine piuttosto fastidiosa.

Se le azioni di lei seguono poi una logica impenetrabile e parecchio uterina (non è possibile approfondire oltre senza svelare troppo del finale), la sua attrazione per il nerboruto Miami Man (Momoa), teneramente legato a una dolce bambina che la ragazza aiuta a ritrovare, è incomprensibile quanto bipolare, si passa dall’affermazione di odio al tentativo di fuga insieme; ad essere onesti non sarebbe stato chiaro che si trattasse di un qualche afflato romantico, se non fosse stato chiaramente indicato nella sinossi, in cui si parla di “storia d’amore distopica”. L’errore probabilmente è stato di voler per forza giungere alla dimostrazione, cristallizzata nel finale, di una tesi ad effetto, pur encomiabile se fosse stata costruita una diegesi sensata e una evoluzione dei personaggi, almeno centrali, degna, ma in questo caso è solo gettata lì ex abrupto.

Specchietto per le allodole, quindi, l’intellettualismo minimalista imperante in The Bad Batch sembra celare il vuoto più che il genio, ammantando di una patina dorata l’assenza di una compiuta strutturazione della storia e del messaggio, che a una più attenta e critica analisi rivela tutta la sua vacuità.

Di seguito il trailer internazionale:

Suki Waterhouse
Jason Momoa
Keanu Reeves
Jim Carrey
Giovanni Ribisi
Emily O'Brien
Yolonda Ross
Almayvonne
E.R. Ruiz
Jayda Fink
Cory Roberts
Aye Hasegawa
Louie Lopez Jr.
Joni Podesta
Diego Luna
Danielle Orner
Mandy Pursley
Alina Aliluykina
Ashleigh Biller
Irene Guindal
Nina Mansker
DaLaura Patton
Lana Walling
Ndea Williams
Rupert Everett in Dellamorte Dellamore (1994)
Horror & Thriller

Recensione story | Dellamorte Dellamore di Michele Soavi

di William Maga

Nel 1994 arrivava sugli schermi l'adattamento con Rupert Everett dell'omonimo romanzo di Tiziano Sclavi, un cinecomic ante litteram nostrano lontanissimo da qualsiasi cosa venuta prima, e dopo

Leggi
Horror & Thriller

Oculus – Il riflesso del Male | La recensione del film horror di Mike Flanagan

di William Maga

Rory Cochran, Katee Sackhoff e Karen Gillan sono i membri di una famiglia distrutta alla prese con un subdolo oggetto demoniaco, in grado di distorcere la realtà e condurre alla pazzia

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Apparition: Mena Suvari risucchiata dall’oscurità con un’App che collega vivi e morti

di Redazione Il Cineocchio

L'attrice coinvolta nelle terribili vicende dell'infestatissimo Preston Castle nel film di Waymon Boone

Leggi
bud spencer terence hill moto
Horror & Thriller

Dossier | Il Don Chisciotte mai girato con Bud Spencer e Terence Hill (regia di Monicelli)

di Redazione Il Cineocchio

Nel 1993, i due popolarissimi attori erano pronti a tornare a fare coppia nel film che avrebbe aggiornato alla loro maniera il celebre romanzo di Miguel de Cervantes, ma poi il progetto venne abbandonato

Leggi
andy serkis il canto di natale 2019
Horror & Thriller

Trailer per la miniserie A Christmas Carol: il Canto di Natale si fa horror con Guy Pearce e Andy Serkis

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono Ridley Scott e Tom Hardy tra i produttori esecutivi della versione dark del classico di Charles Dickens

Leggi
al pacino hunters serie amazon 2020
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray 4K | Fog + Il Signore del Male + Essi Vivono + 1997: Fuga da New York

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni italiane delle edizione in altissima definizione dei quattro classici diretti da John Carpenter

Leggi
tom waits renfield dracula 1992
Horror & Thriller

Renfield: Dexter Fletcher alla regia del film sul servitore di Dracula

di Redazione Il Cineocchio

La Universal cambia traiettoria per il Dark Universe, pescando da un'idea originale di Robert Kirkman

Leggi
Bill Skarsgård in It Capitolo 2 (2019) pennywise
Horror & Thriller

Gary Dauberman su Pennywise: “Spazio per lo spin-off sulle origini; da valutare l’interesse del pubblico”

di Redazione Il Cineocchio

Lo sceneggiatore del nuovo adattamento di IT ad opera di Andy Muschietti lascia intendere che potremmo veder esplorato il misterioso passato del mostruoso clown danzante

Leggi
christina ricci
Horror & Thriller

Yellowjackets (serie survival cannibalica): Juliette Lewis e Christina Ricci nel cast, Karyn Kusama in regia

di Redazione Il Cineocchio

Lo show abbandonerà alcune giovani calciatrici in mezzo alle distese desolate dell'Ontario dopo un incidente aereo

Leggi
leatherface non aprite quella porta 1974
Horror & Thriller

Non Aprite Quella Porta: Fede Alvarez produce il reboot; c’è lo sceneggiatore

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 8 film nell'arco di 45 anni, Leatherface e la sua motosega sono ancora lontani dalla pensione

Leggi
v-wars serie netflix 2019
Horror & Thriller

Trailer per V Wars, serie Netflix coi vampiri e Ian Somerhalder

di Redazione Il Cineocchio

Il primo tomo della saga fanta-horror scritta da Jonathan Maberry arriva sul piccolo schermo dopo una discreta attesa

Leggi
zombieland doppio colpo film Zoey Deutch
Horror & Thriller

Ruben Fleischer: “Sogno lo spin-off di Zombieland con Zoey Deutch”

di Redazione Il Cineocchio

La svampita Madison ha fatto breccia nel cuore del regista e degli spettatori

Leggi
L'inquilino del terzo piano (1976) Isabelle Adjani e Roman Polanski
Horror & Thriller

Recensione story | L’inquilino del terzo piano di Roman Polanski

di William Maga

Nel 1976 il filmmaker dirigeva - e interpretava, accanto a Isabelle Adjani e Melvyn Douglas - un thriller psicologico capace di serpeggiare negli anfratti della paranoia e negli anditi dell'assurdo

Leggi
la bambola assassina 2019 + the field guide to evil bluray
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | La Bambola Assassina (2019) + The Field Guide to Evil

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni del reboot diretto da Lars Klevberg con Aubrey Plaza e dell'antologia a tema folk horror con registi di mezzo mondo

Leggi
Midway

Midway

27-11-2019

RECENSIONE

Frozen II - Il segreto di Arendelle

Frozen II - Il segreto di Arendelle

27-11-2019

I racconti di Parvana

I racconti di Parvana

25-11-2019

Santa Sangre

Santa Sangre

25-11-2019

Prinzessin Emmy

Prinzessin Emmy

24-11-2019

Depeche Mode: Spirits in the Forest

Depeche Mode: Spirits in the Forest

21-11-2019

Aspromonte - La terra degli ultimi

Aspromonte - La terra degli ultimi

21-11-2019

Countdown

Countdown

21-11-2019

RECENSIONE

Cetto c'è, senzadubbiamente

Cetto c'è, senzadubbiamente

21-11-2019

Light of My Life

Light of My Life

21-11-2019

RECENSIONE

L'ufficiale e la spia

L'ufficiale e la spia

21-11-2019

RECENSIONE

Citizen Rosi

Citizen Rosi

18-11-2019

The Report

The Report

18-11-2019

Come se non ci fosse un domani

Come se non ci fosse un domani

14-11-2019

Sono solo fantasmi

Sono solo fantasmi

14-11-2019

RECENSIONE

Gamberetti per tutti

Gamberetti per tutti

14-11-2019

The Bra - Il reggipetto

The Bra - Il reggipetto

14-11-2019

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

14-11-2019

Pupazzi alla riscossa

Pupazzi alla riscossa

14-11-2019

Le Mans '66 - La grande sfida

Le Mans '66 - La grande sfida

14-11-2019

Zombieland - Doppio colpo

Zombieland - Doppio colpo

14-11-2019

RECENSIONE