Home » Cinema » Horror & Thriller » The Grudge | La recensione del film di Nicolas Pesce

5/10 su 337 voti. Titolo originale: The Grudge, uscita: 02-01-2020. Budget: $10,000,000. Regista: Nicolas Pesce.

The Grudge | La recensione del film di Nicolas Pesce

24/02/2020 recensione film di Sabrina Crivelli

A quasi 20 anni dal primo Ju-On, la longeva e spremutissima saga horror riparte da zero - di nuovo - a Hollywood con Andrea Riseborough, John Cho e Demian Bichir, ma il risultato è tragico

the grudge film pesce 2019

Era il lontano 2002 quando debuttava sugli schermi Ju-On (Rancore), inaugurando inconsapevolmente una lunga e prolifica saga horror che non solo sarebbe stata composta da una dozzina di sequel in patria (il Giappone), ma anche un ‘doveroso’ remake americano, intitolato The Grudge, che a sua volta fu seguito da due seguiti diretti. Il capostipite, scritto e diretto da Takashi Shimizu, si concentrava su una terribile maledizione che colpiva chiunque entrasse in un’isolata villetta di Tokyo nella quale si era consumata una terrificante tragedia. Non solo; la forza oscura che aleggiava sul luogo infestato, nella personcina pallida di Kayako Saeki, aveva anche il potere di diffondersi come una sorta di oscura epidemia su chiunque ne fosse toccato.

the grudge film 2020 posterSono passati ormai quasi vent’anni e, come ormai è prassi sempre più diffusa ad Hollywood, non paghi peraltro del flop dell’orrendo The Ring 3 (la recensione), si è pensato bene di mettere in cantiere l’ennesimo reboot a stelle e strisce, giusto per modernizzare il materiale primigeno, stavolta non affidandolo però al regista dell’originale, ma al promettente 30enne Nicolas Pesce che, dopo aver debuttato nel 2016 con l’ultra sperimentale The Eyes of my mother (la recensione) e aver girato nel 2018 l’altrettanto curioso Piercing (la recensione), è passato ora all’horror commerciale sotto l’egida della Sony.

Il risultato? Decisamente non all’altezza delle già basse aspettative per un prodotto del genere (a parte sporadiche eccezioni, la Ghost House Pictures di Sam Raimi e Rob Tapert non ha certo prodotto grandi capolavori in passato …), soprattutto perché, ormai arrivato al secondo ventennio del 21° secolo, The Grudge è del tutto fuori tempo massimo. Perfino fosse stato girato alla metà degli anni 2000, periodo in cui è curiosamente ambientato, sarebbe stato già desueto, ma ai giorni nostri lo è davvero in maniera imperdonabile. Disdetta ancora più grave, visto che a girarlo è un filmmarker come Nicolas Pesce, che in precedenza aveva ampiamente dimostrato – in ambito indipendente – di aver qualcosa da dire nella forma così come nel contenuto.

The Grudge, classificato R-Rated per ‘immagini violente o scioccanti’ (solo sulla carta però …), è stato scritto da Jeff Buhler, già sceneggiatore del non proprio esaltante recente remake di Pet Sematary di Kevin Kölsch e Dennis Widmyer (la recensione), che anche in questo caso non ha badato più di tanto ai dettagli, o alla coerenza dell’insieme. La storia si pare con il trasferimento della detective Muldoon (Andrea Riseborough) in una nuova città. Dopo un terribile lutto, la donna infatti decide di trasferirsi insieme al figlio per ricominciare una nuova vita. Tuttavia, un giorno si imbatte in un caso di morte inspiegabile, collegato a una sinistra casa della zona in cui si sono consumati nel recente passato non pochi fatti altrettanto sinistri e, nonostante il collega Goodman (Demián Bichir) le consigli di lasciar perdere, la donna incuriosita inizia a indagare. Così, a ritroso nel tempo e attraverso una struttura a più cornici intersecate (in cui troviamo anche John Cho e Lin Shaye), viene rivelata la contorta storia di quel luogo maledetto, pieno di ‘rancore’ appunto, che divora non solo chiunque vi abiti, ma anche chi solamente si è avventurato all’interno delle sue mura.

La premessa, quella di un edificio suggestivo e infestato, la cui carica negativa trasuda da ogni parete, da ogni angolo, è per forza di cose assai affine all’originale Ju-On. Per ricollegarsi al J-horror c’è a inizio film perfino una frase di apertura stampata sullo schermo per gli spettatori smemorati (o under 20 ….), che descrive come, in caso di morte violenta, un’entità rancorosa permanga nell’ambiente dove si è consumata la sua dipartita in attesa di vendicarsi su qualche sfortunato passante. Tuttavia, a parte questo collegamento forzato, qualche dettaglio nel concept generale, i raccapriccianti rumori gutturali di Kayako, e il fatto – peraltro solo malamente abbozzato – che tutto sia nato in effetti nell’originaria casa di Tokyo dove Takashi Shimizu aveva ambientato il suo primo lungometraggio, il resto storpia – in preda alla foga da ‘boccata d’aria fresca’ – molte delle regole consolidate.

Demián Bichir e Andrea Riseborough in The Grudge (2020)Già solo il fatto che una maledizione abbia potuto seguire il suo portatore al di là dell’Oceano lascia perplessi, ma ok. A cercare una logica in molti dei dettagli della trama, si finisce per rimanere inevitabilmente scottati, sballottati tra inquilini (o avventori) che muoiono immediatamente e altri che invece sopravvivono per settimane, o tra fantasmi che amano l’antica pratica del bubù-settete (incredibili le scene dell’armadio o della coperta tirata, che nemmeno negli Scary Movie) e che – quando serve un colpo di scena random – possono assumere casualmente le sembianze di qualcun altro per ‘depistare’.

Le stranezze sono molte nei 90 minuti del film e, tendenzialmente, più che seguire regole ben precise di costruzione della suspense, sono motivate dall’unica priorità di generare spaventi tanto immediati quanto telefonati, con jumpscare tra l’altro incredibilmente sciatti (presenze che appaiono / scompaiono quando si accende / spegne la luce, un personaggio che avvicina inautamente la faccia a una superficie d’acqua putrida e maleodorante ecc.), tanto che chi ha visto in vita sua almeno un horror non potrà che sorriderne (per non piangere), compresi gli amanti della saga e quelli del “si va beh, ma cosa ti aspettavi??”.

Nonostante il suo incoraggiante visto censura poi, chi cerca dettagli truculenti o particolarmente macabri in The Grudge si prepari soprattutto a una dose di spaventi acustici, in mezzo ai quali, sporadicamente si affaccia qualche sparuto momento gore più azzeccato. Nulla che risollevi in ogni caso una narrazione estremamente trasandata che cerca meramente, alla maniera della Blumhouse, di monetizzare sul concept e poco altro (aka gli omaggi all’opera di Takashi Shimizu). E poco possono fare i sempre dignitosi Andrea Riseborough (Mandy), John Cho (Star Trek) e Demian Bichir (The Nun), gettati in un film che non si cura minimamente di appoggiarsi alle loro drammatiche interpretazioni per costruire qualcosa che potesse colpire anche emozionalmente lo spettatore.

In ogni caso, gli incassi globali, già arrivati a 50 milioni di dollari (sui 10 milioni di budget), non solo dimostrano ancora una volta come alla fine non freghi molto della qualità intrinseca di un horror mainstream, ma fanno presagire che la maledizione non sia ancora finita.

Di seguito trovate il red band trailer italiano di The Grudge, atteso nei nostri cinema il 5 marzo:

 

Andrea Riseborough
Demián Bichir
John Cho
Lin Shaye
Jacki Weaver
Betty Gilpin
William Sadler
Frankie Faison
Nancy Sorel
Tara Westwood
outback film Mike Green
Horror & Thriller

Trailer per Outback: una coppia si perde nel deserto australiano, in balìa di animali velenosi

di Redazione Il Cineocchio

Mike Green esordisce alla regia con un survival thriller ispirato a una terribile leggenda metropolitana

Leggi
Dov'è la tua casa film netflix
Horror & Thriller

Dov’è la tua casa | La recensione del film di David e Alex Pastor (su Netflix)

di Arianna Screpanti

Javier Gutiérrez è il protagonista di un thriller che riflette crudelmente sui tempi che viviamo

Leggi
Horror & Thriller

Full trailer per la serie 50 States of Fright, antologia horror prodotta da Sam Raimi

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono Christina Ricci, Taissa Farmiga e Asa Butterfield tra i protagonisti dei mini episodi che esploreranno innumerevoli leggende metropolitane americane

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per 0.0Mhz: horror coreano che evoca fantasmi con le onde radio

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Yoo Sun-Dong torna sulle scene con un film di possessione ispirato a un fumetto del connazionale Jak Jang

Leggi
NOS4A2 stagione 2 serie
Horror & Thriller

NOS4A2 stagione 2: immagini, trama e data di uscita per la serie che adatta Joe Hill

di Redazione Il Cineocchio

Il duello tra Zachary Quinto e Ashleigh Cummings riprenderà nei nuovi episodi dello show horror della AMC

Leggi