Home » Cinema » Horror & Thriller » Velvet Buzzsaw | La recensione dell’horror sull’arte con Jake Gyllenhaal

5/10 su 1096 voti. Titolo originale: Velvet Buzzsaw, uscita: 01-02-2019. Budget: $21,000,000. Regista: Dan Gilroy.

Velvet Buzzsaw | La recensione dell’horror sull’arte con Jake Gyllenhaal

01/02/2019 recensione film di Sabrina Crivelli

L'attore ritrova Dan Gilroy per un'intrigante satira made in Netflix sul mondo di galleristi e artisti, sopra cui il regista innesta una vena horror non esattamente ben amalgamata

Zawe Ashton in Velvet Buzzsaw (2019) film

Dan Gilroy, già regista e sceneggiatore di Lo sciacallo – Nightcrawler, torna ora a dirigere in esclusiva per Netflix un thriller che indulge evidentemente sulla riflessione sulla labile moralità della società americana, quella dello spettacolo e della spettacolarizzazione, dell’apparenza e dell’ipocrisia; questa volta però, in Velvet Buzzsaw, non si tratta più del mondo dell’informazione televisiva, in cui tutto è concesso pur di guadagnare qualche punto di share, ma del’elitario mondo dell’arte contemporanea.

Velvet Buzzsaw film posterI contesti sono lievemente diversi, ma ne sono praticamente condivisi personaggi e dinamiche, oltre a uno degli attori principali: Jake Gyllenhaal, che nel film del 2014 incarnava un intraprendente videomaker disposto a tutto per ottenere la fama mediatica, qui è un affermato e cinico critico, Morf Vandewalt, che con un semplice articoletto può stroncare per sempre o innalzare verso la gloria un qualsiasi artista. Poi, c’è una latente vena horror paranormale, interessante di per sé, ma poco amalgamata con il resto, col satirico e caustico ritratto sociale che finisce per inglobare e annichilire ogni possibile tensione.

La storia si incentra difatti su una serie di tele trovate per caso da Josephina (Zawe Ashton), aspirante gallerista senza scrupoli che, dopo essersi imbattuta nel cadavere del suo anziano vicino di casa, Ventril Dease – l’autore dei dipinti -, entra nel suo appartamento e scopre un impensabile ‘tesoro’. Le opere del misterioso inquilino sono infatti estremamente affascinanti – e parecchio inquietanti -, ma nelle sue ultime volontà l’uomo insiste che vengano tutte distrutte. Lei, tuttavia, decide di ignorarlo conscia del loro potenziale valore, ancor più poiché capita assai di rado di incappare in un grande artista, mai scoperto e già postumo! Così, la voce inevitabilmente inizia a circolare nell’ambiente, con la giovane che mostra le tele prima all’amico e saltuario amante Morf Vandewalt, che ne rimane estasiato quanto lei, poi alla sua mentore, la potente gallerista Rhodora Haze (Rene Russo), e infine a una serie di altri avidi protagonisti del jet set dell’arte contemporanea di Los Angeles, che vedono immediatamente una possibilità di grande lucro dietro alla limitata produzione (resa tale …) e ci si avventano voraci. Le fosche creazioni, però, celano un terrificante segreto e il venirne in contatto – con finalità egoistiche – si rivelerà presto fatale.

Jake Gyllenhaal Velvet Buzzsaw (2019)Sin dai primi fotogrammi di  Velvet Buzzsaw lo spettatore è subito proiettato in una sagace satira sul mondo dell’arte, in cui direttori degli acquisti (Toni Collette) di musei privati diventano consulenti per ricchi privati optando per una vita più agiata e un’automobile più bella, in cui i galleristi, melliflui e adulatori, cercano di rubarsi vicendevolmente gli artisti di punta o dal futuro più promettente, mentre i protégé di ciascuno fingono di disdegnare lo sporco soldo, ma poi … Quindi ci sono gli amori fuggevoli e di facciata, i voltafaccia opportunistici, e i post-moderni cloni di Jean-Michel Basquiat che dalla comune di artisti di strada, se attirati dalle lusinghe della fama, passano alla galleria in pieno centro. E’un mercimonio, fatto di bugie e di pura immagine, in cui una non troppo velata caricatura del critico alla Tom Wolfe (aka Gyllenhaal) spadroneggia capriccioso e in cui si prova a far ‘sparire’ in sordina parte della miriade di opere di Ventril Dease per ritrovarle magicamente in seguito “in tempi difficili” e intanto vendere a cifre da capogiro le poche emerse. Le strategie, i lanci, la mentalità delle gente del settore sono descritte con grande vivacità e con un tocco di pungente ironia, talvolta sconfinante nel ridicolo / black humor. In fondo quasi si desidera una qualche ‘punizione’ per questo microcosmo di egocentrici ed eccentrici personaggi.

Se questo “falò delle vanità” è indubbiamente intrigante e visivamente ammaliante, Dan Gilroy – che è anche sceneggiatore – insinua sulla sua tela in modo in parte innaturale la deriva orrorifica, che non è certo secondaria. Le scene di tensione non sono costruite in maniera particolarmente convincente o spaventosa e i toni lasciano confusi. Così abbiamo solo una serie di ingredienti promettenti: lo sviluppo stesso è una sorta di ibrido tra il meccanismo narrativo alla Final Destination, con morti pirotecniche che si susseguono inesorabili una dopo l’altra (ma per una diversa forma di ‘maledizione’) e concetti già visti in The Devil’s Candy di Sean Byrne (la nostra recensione), dacché anche qui il manufatto artistico rivela un’anima decisamente oscura, demoniaca, e in Il medaglione insanguinato di Massimo Dallamano, declinazione pittorica del cliché del genere sull’oggetto foriero di sventura.

Mark Steger in Velvet Buzzsaw (2019)A ciò si sommano gli affascinanti tocchi di colore, così come i momenti a La sindrome di Stendhal di Dario Argento, nei quali però la confusione tra realtà e dimensione pittorica non si limita allo psicologico, estendendosi anzi al tangibile e risultando decisamente letale, un po’ come succedeva col quadro di Amedeo Modigliani che prende vita nella recente versione di IT di Andrés Muschietti. In ultimo, a qualcuno potrebbe pure venire in mente Ghostbusters II, col suo minaccioso ritratto di Vigo il flagello di Carpazia. In questi momenti, in Velvet Buzzsaw il grottesco si frammischia allo splatter, con installazioni minimaliste cannibali o scimmie che si animano e commettono brutali omicidi.

Sulla carta sembra tutto eccitante, eppure il lungometraggio pecca di attenzione per i dettagli, soprattutto in termini di causalità dell’immaginario sovrannaturale (che non per questo deve mancare di una qualche logica interna …). Indubbiamente l’origine della sciagura che si abbatte sui protagonisti (a dire il vero nessun attore spicca con forza sugli altri) è precisa, ma il suo materializzarsi un po’ a casaccio, secondo modi e tempi ineffabili, non aiuta a comprendere appieno la natura della punizione (e il vago racconto sul passato di Ventril Dease e il suo usare il sangue per dipingere non aiuta molto in tal senso). Minuzie forse, specie per chi sceglie di leggere il film soltanto come attacco a un certo mondo vanesio e labile o si gode le performance del cast, ma considerando che la componente horror è piuttosto importante nell’insieme, chi si approccia cercando emozioni forti rimarrà deluso (è comunque un V.M. 14).

Un suggerimento importante: se potete, evitate il doppiaggio italiano, che appiattisce le prove spesso smaccatamente caricate degli attori, soprattutto di Jake Gyllenhaal.

Di seguito il trailer italiano e quello internazionale (per meglio apprezzare le voci originali) di Velvet Buzzsaw,  nel catalogo Netflix dall’1 febbraio:

the velocipastor film
Horror & Thriller

The VelociPastor | La recensione del film di Brendan Steere col prete-dinosauro

di William Maga

Nato come cortometraggio nel 2011, il regista riesce a imbastire un action-horror low budget che regge alla sua assurda premessa fino alla fine, divertito e divertente

Leggi
l'esorcista friedkin film set 1973
Horror & Thriller

Dossier | L’Esorcista e le reazioni del pubblico italiano alla prima del 1974: malori, risate e incassi record

di Redazione Il Cineocchio

Andiamo a spulciare i quotidiani dell'epoca, per vedere l'impatto del film di William Friedkin sugli spettatori

Leggi
Patiffonka video ormbrello horror
Horror & Thriller

Cortometraggio | Un ombrello diventa un mostro tentacolare pronto a uccidere

di Redazione Il Cineocchio

Quando un oggetto di uso comune assume connotazione fanta-horror imprevedibili

Leggi
Ella Balinska in Run Sweetheart Run (2020)
Horror & Thriller

Run Sweetheart Run: immagini e trama per l’horror sociale con Pilou Asbæk

di Redazione Il Cineocchio

La regista Shane Feste si è ispirata a un terribile fatto capitatole veramente per il suo nuovo film, in cui c'è anche Ella Balinska

Leggi
underwater film 2020 kristen
Horror & Thriller

Underwater | La recensione del film di William Eubank con Kristen Stewart

di William Maga

Kristen Stewart e Vincent Cassel sono i protagonisti di un fanta-horror PG-13 semplice e derivativo, che pesca a piene mani da Aliens e The Abyss, regalando qualche brivido marino

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Sleepless Beauty: la privazione del sonno genera mostri nell’horror russo

di Redazione Il Cineocchio

Polina Davydova è la sventurata protagonista del film diretto da Pavel Khvaleev che guarda a Saw e Martyrs

Leggi
Horror & Thriller

American Assassin | La recensione del film di Michael Cuesta con Michael Keaton

di Teresa Scarale

Un film d’azione superfluo, utile solo all’onanismo mentale armaiolo americano. Spiace che il magnetismo indiscutibile di Michael Keaton vi sia stato sprecato.

Leggi
memorie di un assassino film Kang-ho Song
Horror & Thriller

Memorie di un Assassino: poster e data di uscita per il thriller di Bong Joon-ho del 2003

di Redazione Il Cineocchio

Dopo oltre 15 anni, il celebrato film con Kang-ho Song arriva finalmente nelle sale italiane, sull'onda del successo di Parasite

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Ouija Shark: il terribile fantasma di uno squalo killer viene evocato per errore

di Redazione Il Cineocchio

Quando si pensava che il sottogenere fosse stato ormai ampiamente esplorato, ci pensa il regista Scott Patrick a un nuovo improbabile crossover

Leggi
BEAU cortometraggio ari aster
Horror & Thriller

Dossier | Ari Aster e i 6 angoscianti cortometraggi ‘di formazione’ che hanno plasmato la sua regia

di Sabrina Crivelli

Andiamo alle origini della poetica registica del 33enne autore di Hereditary e Misdommar, un'esplorazione dei lati più oscuri dell'animo umano, dove risiede il vero orrore

Leggi
Horror & Thriller

Richard Stanley: “Giro L’Orrore di Dunwich e ci metto il Necronomicon e la Miskatonic University”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista presto di nuovo dietro alla mdp per il secondo film riconducibile all'universo cinematografico condiviso di H.P. Lovecraft

Leggi
caleb film roberto d'antona 2020
Horror & Thriller

Teaser trailer per Caleb: Roberto D’Antona beve il sangue degli innocenti

di Redazione Il Cineocchio

A qualche mese da The Last Heroes, il regista e attore pugliese è già pronto a tornare sulle scene con un horror che guarda al mito dei vampiri

Leggi
May the Devil Take You 2 film 2020
Horror & Thriller

Trailer per May the Devil Take You 2, horror di Timo Tjahjanto che guarda a La Casa

di Redazione Il Cineocchio

La giovane Chelsea Islan è ancora la sventurata protagonista nel sequel del film indonesiano del 2018

Leggi
Odio l'estate

Odio l'estate

30-01-2020

Alice e il sindaco

Alice e il sindaco

30-01-2020

I miserabili

I miserabili

30-01-2020

Villetta con ospiti

Villetta con ospiti

30-01-2020

Il diritto di opporsi

Il diritto di opporsi

30-01-2020

Judy

Judy

30-01-2020

Underwater

Underwater

30-01-2020

RECENSIONE

ARTASERSE

ARTASERSE

24-01-2020

In the Trap - Nella trappola

In the Trap - Nella trappola

23-01-2020

Figli

Figli

23-01-2020

Tappo - Cucciolo in un mare di guai

Tappo - Cucciolo in un mare di guai

23-01-2020

1917

1917

23-01-2020

RECENSIONE

Just Charlie - Diventa chi sei

Just Charlie - Diventa chi sei

23-01-2020

Herzog incontra Gorbaciov

Herzog incontra Gorbaciov

19-01-2020

Me contro Te: Il film - La vendetta del Signor S

Me contro Te: Il film - La vendetta del Signor S

17-01-2020

Dolittle

Dolittle

17-01-2020