Home » TV » Horror & Thriller » Marianne | La recensione della serie horror francese di Netflix

7/10 su 81 voti. Titolo originale: Marianne, uscita: 13-09-2019. Stagioni: 1.

Marianne | La recensione della serie horror francese di Netflix

24/09/2019 recensione serie tv di Sabrina Crivelli

Victoire Du Bois è una giovane scrittrice che combatte una tremenda forza demoniaca nei convincenti 8 episodi scritti e diretti da Samuel Bodin

Mireille Herbstmeyer in Marianne (2019) serie netflix

Netflix, di tanto in tanto, cela dei piccoli e oscuri tesori nel suo nutrito palinsesto, come Marianne, serie originale horror francese creata da Samuel Bodin (che l’ha personalmente diretta e ne scritto la sceneggiatura insieme a Quoc Dang Tran). I suoi 8 episodi, che oscillano sapientemente tra inquietante e grottesco, vedono protagonista una moderna anti-eroina, la scrittrice Emma Larsimon, incarnata superbamente da Victoire Du Bois (Chiamami col tuo nome), che viene richiamata da un’oscuro segnale al suo paesino natio, Elden, per affrontare una forza maligna da cui era sfuggita anni prima.

Marianne serie Netflix - posterLe premesse sono piuttosto convenzionali. Emma è una romanziera problematica con alle spalle una saga del terrore di successo incentrata su una strega, Marianne per l’appunto, e sulla sua avversaria, la temeraria Liezzie Larck. Finalmente, è arrivata al capitolo finale, la vediamo leggere spavalda le ultime pagine del suo ultimo libro davanti a una folla perplessa (1×01) e firmare autografi svogliatamente, quando una sua vecchia conoscenza si palesa d’improvviso davanti a lei. Inizialmente Emma crede sia una sua fan, ma il vero motivo che la porta a lei è assai più oscuro: è l’emissaria di un’entità maligna che possiede le persone e che infesta la cittadina in cui la protagonista è nata a da cui è fuggita anni prima. Un gesto estremo della nuova arrivata riporterà quindi la scrittrice a far ritorno spaventata alla casa dei genitori e, soprattutto, ad affrontare i demoni del passato, da cui le pagine da lei scritte prendono spunto.

Marianne non è il solito prodotto teen horror d’importazione stereotipato che si basa su facili spaventi e su dinamiche tardo adolescenziali ritrite. È, invece, una serie stratificata e poliedrica, che riesce a toccare ogni sfumatura del racconto e a delineare con cura (ma senza mai cadere in eccessi da melodramma) ogni suo personaggio, prima tra tutti la complessa e affascinante Emma. Ironica, capricciosa e irritante, sembra spesso che una vena profondamente autodistruttiva domini le sue azioni. Eppure, quando la sua spavalderia e l’indisponenza raggiungo i massimi apici, qualcosa in lei la salva, creando inevitabilmente empatia col pubblico. Certamente, la performance della volitiva Victoire Du Bois perfettamente concretizza una giovane sopra le righe, che in realtà è assai meno egoista e distaccata di quanto voglia far credere al mondo.

marianne serie netflixSe una convincente protagonista è in generale un ingrediente fondamentale per coinvolgere lo spettatore in una serie televisiva, visto che però ci troviamo pur sempre davanti a una narrazione horror, il secondo fattore immancabile è necessariamente la tensione, la paura. E, anche qui, Marianne non si fa mancare nulla. Il senso di mistero, di oscura minaccia, si percepisce sin dai primissimi fotogrammi, quando vediamo una vecchia inquadrata nella penombra di spalle che, dopo una successione di sinistri scricchioli e movimenti innaturali, si volta e con un ghigno soddisfatto porge un suo dente insanguinato alla sua interlocutrice, affermando che … sia proprio per Emma! Si tratta della signora Daugeron, resa in maniera incredibilmente inquietante da Mireille Herbstmeyer (Fin d’été). È lei inizialmente l’epicentro del demoniaco che dilaga per le strade del paese di pescatori che si affaccia sul mare. Che sia smaccatamente minacciosa, o falsamente gentile, ogni sequenza in cui compare fa venire i brividi.

Siamo stati abituati negli anni da Hollywood a una concezione e una estetica della possessione piuttosto pirotecnica ed eccessiva. Se pensiamo ad esempio uno dei capostipiti che ha determinato poi l’idea vulgata del diabolico, ossia quella al centro del seminale L’esorcista di William Friedkin, quanto stiamo affermando risulta immediato. Come avveniva per la giovane Regan MacNeil (Linda Blair), siamo assuefatti da tempo immemore a indemoniati che proferiscono frasi blasfeme e versi gutturali con voci arcane, che fluttuano a metri da terra, aggrediscono preti ed esorcisti vari, si contorcono mentre assumono sembianze sempre più mostruose e così via. Ovviamente, nessuno mette in dubbio il valore del capostipite del 1973 (altro discorso vale invece per gli infiniti cloni …). Tuttavia, il Maligno e i suoi servitori devono sempre e per forza manifestarsi in una forma così eccentrica? In Marianne, la risposta è no.

Marianne serie Netflix - 2Ciò non significa che non ci siano momenti agghiaccianti, immagini davvero scioccanti (come due adulti nudi dal corpo martoriato da profonde ferite che si dirigono per mano verso l’oscurità), ma non c’è nulla di esageratamente paranormale. A parte pochi tocchi di sovrumano, ogni azione messa in scena potrebbe essere ‘tranquillamente’ frutto del gesto di un folle. La possessione così assume più i contorni della perversione, che non – se non di rado – di una forza sovrumana che travalica le leggi della fisica. La signora Daugeron e le altre incarnazioni della strega hanno allora il piglio terrificante del Diavolo beffardo, che cela dietro una parvenza normale un’efferatezza infernale. Bizzarro e mostruoso, è la declinazione minacciosa di grottesco che ne definisce l’essenza luciferina.

Assistiamo così ad un crescendo, che combina i meccanismi narrativi dell’indagine, alle parentesi a ritroso all’origine del tutto, all’adolescenza (dall’episodio 1×05), alle molteplici manifestazioni sinistre dello spirito che salta da un corpo a un altro e che attraverso la prosa di Emma riesce a propagare la sua malefica azione a luoghi altrimenti irraggiungibili. Il suo operato pare inarrestabile, l’inganno il suo mantra, mentre per le stradine e sulle alte scogliere di Elden (in realtà le riprese sono realizzate nella bretone Doëlan), o nell’inquietante faro che incombe sull’abitato e sul litorale, si susseguono inspiegabili eventi. Piccoli e sinistri amuleti fatti di carne, capelli e denti segnalano e diffondono la maledizione.

Marianne serie Netflix - 6L’impalcatura, almeno alla lontana, ricorda quasi il canovaccio del kinghiano di IT (la nostra recensione del secondo capitolo filmico di Andy Muschietti): Marianne, un’entità maligna assimilabile al vorace Pennywise, è infatti l’origine della reunion di un francofono ‘Club dei Perdenti’, composto oltre che da Emma, da Aurore (Tiphaine Daviot), da Seby (Ralph Amoussou) e da Tonio (Mehdi Meskar), che ci viene poi mostrato meglio in alcuni flashback a partire della seconda metà della stagione. Rimpianti, lutti, litigi e avventure giovanili spaventose costellano quindi quella che è la versione francese di Derry, su cui aleggia e imperversa un potente spirito in cerca un corpo da occupare (uno in particolare ovviamente …).

Insomma, a Marianne non manca nulla. Abbiamo una tensione costante, un mistero oscuro che ammanta una tranquilla cittadina marittima, il senso di pericolo incombente, alcuni momenti davvero cruenti, un certo humor nero che a volte stempera, a volte incrementa, la suspense e una serie di personaggi sfaccettati – e bravi interpreti – che ci traghettano lungo gli 8 episodi fino al finale, aperto, della serie. Una cavalcata tanto coinvolgente da guidarci fino alla soluzione dell’arcano e allo scontro finale senza che nemmeno ce ne sia accorti. Se non è questo un grande pregio …

Di seguito trovate il trailer in versione italiana e internazionale (per meglio apprezzare le voci originali) della serie originale, già da qualche giorno nel catalogo di Netflix:

Victoire Du Bois
Lucie Boujenah
Tiphaine Daviot
Ralph Amoussou
Bellamine Abdelmalek
Mehdi Meskar
Kyle MacLachlan in Twin Peaks (1990) pilot
Horror & Thriller

Recensione story | Twin Peaks: il pilot diretto da David Lynch alla prova dei 30 anni

di William Maga

Trasmesso nell'aprile del 1990, Passaggio a Nord-Ovest spalancava le porte sul bizzarro e sconvolgente universo creato da Lynch e Mark Frost, primo assaggio di una serie in grado di cambiare per sempre il corso della televisione

Leggi
Documentary for the recently deceased
Horror & Thriller

Trailer per Documentary for the Recently Deceased: uno sguardo inedito a Beetlejuice

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Fred China ha voluto celebrare il film di Tim Burton del 1988 raccogliendo interviste, immagini e filmati inediti da condividere coi fan

Leggi
the outsider hbo serie 2020 king
Horror & Thriller

The Outsider | La recensione della serie HBO che rende onore a Stephen King

di Sabrina Crivelli

Ben Mendelsohn e Jason Bateman sono i protagonisti della versione televisiva dell'omonimo romanzo horror 2018, tra le pochissime trasposizioni che possono dirsi riuscite fino in fondo

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per The Jack in the Box: dalla scatola esce un clown demoniaco

di Redazione Il Cineocchio

C'è il britannico Lawrence Fowler alla regia dell'horror con protagonisti Ethan Taylor, Philip Ridout e Lucy-Jane Quinlan

Leggi
nell'erba alta film netflix 2019 vicenzo natali
Horror & Thriller

Nell’Erba Alta | Recensione del film horror di Vincenzo Natali (su Netflix)

di Sabrina Crivelli

Il regista canadese riesce nel non semplice compito di trasporre in modo convincente il racconto breve di Stephen King e Joe Hill, aiutato dalle prove di Rachel Wilson e Patrick Wilson

Leggi