Home » TV » Sci-Fi & Fantasy » Recensione | Il Trono di Spade: 8×04 – The Last of the Starks / Gli ultimi Stark

8/10 su 10596 voti. Titolo originale: Game of Thrones , uscita: 17-04-2011. Stagioni: 9.

Recensione | Il Trono di Spade: 8×04 – The Last of the Starks / Gli ultimi Stark

07/05/2019 recensione serie tv di William Maga

Non c'è troppo tempo per badare ai postumi dello scontro coi non morti, ma la strada per Approdo del Re è lastricata di sacrifici e imprevisti

Il Trono di Spade 8x04 - The Last of the Starks Gli ultimi Stark (3)

Quando la HBO aveva cominciato tempo fa a rivelare i primi dettagli dell’ottava stagione di Il Trono di Spade (Game of Thrones), l’idea che una buona parte degli episodi (gli ultimi 4 a quanto pare) sarebbe durata quasi 85 minuti ha suscitato un certo fermento nei fan della serie. Ma se è vero che The Long Night / La Lunga Notte della scorsa settimana ha tenuto fede alla promessa di grandezza, la 8×04, dal titolo The Last of the Starks / Gli ultimi Stark, ha reso evidente l’altro lato della medaglia.

Diretto dal regista David Nutter, contiene infatti abbastanza materiale da riempire due o tre episodi, finendo per risultare così compresso che i momenti che meriterebbero più ampio respiro (come lo sbocciamento e la brusca morte della storia d’amore tra Jaime e Brienne) e le nascenti epifanie che dovrebbero essere accettate gradualmente (come l’ambizione e l’orgoglio di Daenerys che la portano alla pazzia), vengono gettate sullo schermo in modo completamente insoddisfacente vista la loro portata e attraverso quei cliché tipici che lo show e il suo corrispettivo letterario erano stati in passato capacissimi di evitare. In ogni caso, c’è sempre molto da apprezzare in quello che è palesemente l’episodio ‘di mezzo’ tra due apici.

Il Trono di Spade 8x04 - The Last of the Starks Gli ultimi Stark (4)The Last of the Starks / Gli ultimi Stark si apre con una scena forse attesa, ma non così comune: la commemorazione dei caduti. Se la 8×02 era sembrata a tutti gli effetti una veglia ‘preventiva’ per i vivi che quasi certamente non avremmo più visto (almeno la gran parte), moltissimi sono poi stati i morti sul campo, quasi tutti soldati Dothraki, Immacolati o uomini liberi senza nome, che ora ritroviamo ammucchiati sulle loro pire e ai quali, in sostanza, Jon Snow (Kit Harington) riserva un funerale di Guardiani della notte. Tra i morti, ogni personaggio principale aveva qualcuno a cui era più legato, ma nessuno più di Daenerys (Emilia Clarke) e Sansa (Sophie Turner). Un peccato che le due primedonne non vadano d’accordo, considerato quanto alla fine abbiano in comune. Per la Khaleesi la dipartita di Ser Jorah Mormont ha segnata una visibile spaccatura nella sua anima. Né Tyrion (Peter Dinklage) né Jon sembrano in grado di riempire il suo posto. Anche la signora di Grande Inverno vive un tenero addio, quello verso Theon Greyjoy, l’unico che probabilmente l’abbia mai veramente compresa e colto la sua trasformazione e lei infine lo ha premiato con tutto ciò che aveva sempre desiderato, essere accettato come uno Stark.

Il momento triste dell’episodio finisce relativamente presto però, lasciando spazio al primo banchetto di Winterfell dopo quello visto nel primissimo episodio di Il Trono di Spade. Che si può leggere come il ‘servizio funebre’. C’è una certa gioia, ma nessun canto o ballo tipicamente visti in momenti simili da altre parti. Persino l’eroina della battaglia, Arya, non è presente. Piuttosto, i protagonisti a turno provano a fronteggiare un’oscurità rinnovata, seppur meno sinistra, attraverso parole solenni e promesse. Forse è Sandor Clegane (Rory McCann) il più saggio a strabuzzare gli occhi e continuare a bere.

Il Trono di Spade 8x04 - The Last of the Starks - Gli ultimi StarkDurante uno dei succitati frangenti, Daenerys – con astuzia – rende Gendry (Joe Dempsie) un legittimo Baratheon ed erede diretto di Storm’s End. Amica per la vita con il figlio dell’omicida di suo fratello. Un’ironia che non sfugge a Tyrion e che si contrappone duramente alle scelte che la donna farà più tardi. Le decisioni sbagliate della ‘madre dei draghi’ cominciano quando vede Jon Snow ricevere maggior affetto e credito di lei dal Popolo Libero. L’ex ‘bastardo’, conoscendo le vanità di Daenerys, probabilmente avrebbe potuto prendere le sue difese invece di optare per il silenzio e lasciare che si aprisse una ferita politica molto spiacevole. L’aria di maretta esplode più tardi nella notte, nella quiete di una camera da letto, con Dany che cerca di sedurre l’uomo che ora sa essere suo nipote, e stranamente nessuno dei due ne sembra molto turbato. Se questi minuti si avvicinano pericolosamente ad una soap opera, ma il comportamento di Jon è frustrante ma anche autenticamente da Stark, rimanendo fedele ai suoi principi.

Così mentre Jon getta alle ortiche la sua vita romantica (e anche il suo desiderio di vivere pacificamente nel Nord), Sansa e Arya affrontano le loro personali lotte interne. La prima sembra sempre meno saggia nel suo odio per Dany, specie in questo momento, dove non ne riconosce gli indubbi meriti di ‘salvatrice’ contro l’esercito del Re della Notte. La seconda invece capisce le ragioni del fratellone, ma ora ha poche ragioni per fidarsi di Daenerys. Tra l’altro, Sansa ha perfettamente ragione a contestare la strategia di battaglia della bionda rivale, che ha una tale fretta di arrivare ad Approdo del Re da non badare al riposo degli uomini rimasti. Come dice Arya, “Siamo gli ultimi degli Stark.” Non hanno bisogno di fidarsi di nessun altro al mondo. Questa è una delle molte ragioni per cui Arya ha letteralmente dato un bacio d’addio a Gendry poco prima, quando lui, preso da incontenibile euforia, le ha chiesto di sposarlo. Ma lei non è una ‘lady’, lo ripete da sempre. La ragazza prende ciò che vuole, e ciò che vuole è che gli Stark siano al sicuro e che lei possa trovare una nuova avventura. Non sarebbe mai stata al fianco di un uomo che ha tutto il diritto di sentirsi elettrizzato dal fatto che il suo futuro sia ora vicino al focolare di un castello invece che alla fornace.

Il Trono di Spade 8x04 - The Last of the Starks Gli ultimi StarkIn ogni caso, Jon – con l’aiuto del serafico Bran – rivela la verità ad Arya e Sansa, facendo loro giurare di non rivleare ad altri che lui è un Targaryen, ma è assai probabile che, proprio come Ned fece con Cersei, abbia appena scritto la sua condanna, in un modo o nell’altro. Probabilmente, se ci fossero ulteriori episodi a disposizione, Sansa – che sta evidentemente lottando col giuramento – avremmo potuto assistere a un qualcosa che l’avrebbe forzata a infrangere la promessa. Ma dato che The Last of the Starks / Gli ultimi Stark è troppo affrettato per costruire organicamente il crescendo, pochi minuti dopo troviamo la ragazza spifferare tutta la verità sui natali di Jon Snow a Tyrion, in una scena che si lega in qualche modo a quello che è stato il miglior momento della sua notte. Sedutasi di fronte al Mastino, gli sceneggiatori David Benioff e D.B. Weiss si sono ricordati che un tempo Sansa ha avuto una tenera relazione con Sandor Clegane, ben prima di Arya. I due che condividono un subdolo sogghigno dopo che lei ha ammesso di aver dato in pasto l’ex marito stupratore a dei mastini è cupamente meravigliosa. Le difficoltà l’hanno forgiata nella lady che è ora, non si torna indietro. E utilizza la stessa arte appresa da Cersei (Lena Headey) quando era sua prigioniera, quando a malincuore rivela per suo tornaconto la verità sulla sua amata regina dei draghi a Tyrion. Una mossa insolitamente egoistica, che forse tornerà a perseguitarla.

Soffermiamoci però un attimo su un altro importante – e per certi versi atteso – sviluppo di Il Trono di Spade. Brienne (Gwendoline Christie) e Jaime (Nikolaj Coster-Waldau) hanno portato a termina il corteggiamento che durava da cinque stagioni. Una coppia ‘impossibile’ ma proprio per questo affascinante. Due opposti complementari, lui attraente e pieno di difetti e imperfezioni, lei non classicamente bella ma seria e idealista. Ancor più di Ned Stark, Ser Brienne di Tarth è la persona più onorevole, uomo o donna, che sia mai apparsa nella serie. Proprio lei ha ‘convertito’ il pupillo dei Lannister. Vederli al tavolo a godersi un gioco alcolico insieme a Tyrion vale più di mille parole. Un Imp allegro come non si vedeva da almeno quattro stagioni, anche se questo improvviso lasciarsi andare riporta a galla improvviso il suo caratteraccio e la lingua un po’ troppo lunga dei vecchi tempi. Comunque la sua battuta fuori luogo sulla verginità dà una accelerata alle cose tra Brienne e Jaime, che scaturisce in una delle scene d’amore più eclatanti (e giustamente più pudiche) nella storia di Il Trono di Spade.

Il Trono di Spade 8x04 - The Last of the Starks Gli ultimi Stark (5)Naturalmente, su questo barlume di gioia e redenzione si abbatte la notizia che Daenerys – provocata da Cersei – è pronta a bruciare Approdo del Re. Subodorando che sua sorella gemella, amante e perenne tormento quasi certamente morirà male da lì a pochi giorni, Jaime scegli giustamente di buttar via la sua ritrovata felicità abbandonando bruscamente Brienne (una scena francamente deludente e dalla scrittura indecente). Facile che l’uomo torni si da Cersei, ma per ucciderla. Una regina che nel mentre ha radunato quasi l’intera popolazione della capitale all’interno delle mura della Fortezza Rossa, con l’intento quasi certo di replicare il piano del Re Folle di andarsene col botto quando ogni altra opzione è stata provata fallendo. Resta il fatto che gli sceneggiatori han scelto la strada della crudeltà gratuita verso Brienne per non dare veri indizi sul piano di Jamie, col risultato di averla snaturata, riducendola in lacrime perché sedotta e abbandonata nel giro di 80 minuti.

E qui partono i problemi con la seconda metà di The Last of the Starks / Gli ultimi Stark. Quello che avrebbe potuto essere il culmine di un episodio, o l’inizio di uno nuovo, è invece una bizzarra sequenza d’azione in cui Euron Greyjoy (Johan Philip Asbæk), il più grande bastardo dei Sette Regni, sorprende la flotta di Dany e uccide in pochi secondi il povero Rhaegal in volo. Comprensibile la scelta di uccidere il drago, molto meno le modalità. Un destino orribile per una delle creature più maestose della storia della televisione. Esattamente come Euron è stato in grado di sferrare un attacco a sorpresa su Daenerys è inspiegabile la precisione dei suoi arpioni. In ogni caso, l’effetto è quello di portare all’ulteriore assottigliamento delle già diminuite armate degli Immacolati, senza contare la misteriosa cattura di Missandei (Nathalie Emmanuel).

Il Trono di Spade 8x04 - The Last of the Starks Gli ultimi Stark (2)La sequenza resta comunque d’impatto, specie per le ricadute emotive su Daenerys, che adesso si ritrova un po’ meno baldanzosa con il solo fido Drogon al suo fianco e senza nessuno a confortarla per la perdita. In questo lato di Westeros si ritrova senza amici, senza Dothraki, senza Ser Jorah. I consiglieri non troppo ascoltati Varys e Tyrion possono solo supplicarla che non caschi in pieno nella trappola tesa da Cersei, agendo d’impulso accecata dalla rabbia, senza pensare alle molte vite di ignari cittadini in ballo. L’elemosina combinata dei due convince Dany a offrire almeno un ridicolo ramoscello d’ulivo alla regina del Sud, ma sappiamo bene che è sul punto di esplodere.

Questo sviluppo del personaggio sarebbe pure accettabile, se non fosse che emerge praticamente senza grosse premesse. A parte alcuni sguardi imbarazzanti incrociati con Sansa nei primi due episodi di questa stagione, la serie ha deciso di spingere forte su Dany versione Regina Folle solo questa settimana. Da liberatrice di popoli a pazza assetata di vendetta sono bastate solo un paio di occhiate ben assestate ai tavoli intorno durante la festa a Winterfell, che hanno fatto emergere tutta la sua solitudine e paranoia. La madre dei draghi è chiaramente ispirata al conquistatore Enrico VII, ma è consono alla scrittura di George RR Martin che le cose non finiscano proprio allo stesso modo. Anche qui, un paio di episodi di transizione in più avrebbero giovato. Vedere Varys e Tyrion che iniziano a tramare per sostituirla con Jon Snow è ai limiti del ridicolo. Tra l’altro, è difficile credere che uno come Varys pensi davvero che Jon Snow possa essere un buon re. Proprio come Ned, prende costantemente decisioni disastrose e, come Sansa dice a Tyrion, gli uomini della sua famiglia quando vanno a Sud non finiscono benissimo. Staremo a vedere eventuali doppi giochi e tradimenti.

Tra stiracchimanenti spazio/temporali ormai tipici, arriviamo così al culmine di The Last of the Starks / Gli ultimi Stark. Fuori dal cancello principale di King’s Landing, Tyrion fa del suo meglio per evitare un massacro annunciato. Chiede a Qyburn, il parassita che sostiene di essere il Primo cavaliere di Cersei, di aiutarlo a evitare spargimenti di sangue, ma l’uomo si limita a scrollare le spalle. Allora decide di raccogliere tutto il suo coraggio, oltrepassare Qyburn fino alla porta principale della capitale, offrendosi fondamentalmente come bersaglio su un piatto d’argento.Sicuramente uno tra i momenti più alti per il personaggio di Peter Dinklage da diverse stagioni a qui.

Il mondo perfetto in cui abbiamo sbirciato nella 8×02 è sparito. È una grande verità che in tempi di disastri e calamità possiamo vedere il peggio e anche il meglio dell’umanità. Se l’Esercito dei Morti era paragonabile a un disastro naturale, vedere gli Stark, i Targaryen, gli Immacolati, i Dothraki e persino Jaime Lannister unire le forze è stata la cosa più vicina che mai vedremo a un mondo perfetto. Ma si è trattato di una fantasia e come tale prima o poi finisce, con la natura umana che trova il modo di riprendere il sopravvento. Ora, solo una settimana dopo che il Drago e il Lupo si sono trovati fianco a fianco, Tyrion e Varys stanno pensando di tradire la loro regina, con l’Imp che fissa sua sorella provando a trovare un po’ di ragionevolezza dietro la sua maschera di avidità e vanità. Accettare la sconfitta e andare in esilio non sarà il massimo, ma almeno si sono salvate delle vite (del popolo e quella che porta in grembo). Napoleone però si rifiutò di rimanere all’Elba, proprio come Cersei ora si rifiuta di rinunciare al suo potere.

Il Trono di Spade 8x04 - The Last of the Starks Gli ultimi Stark starbucksInvece, la regina manda in frantumi ogni speranza di pace respingendo i termini proposti e addirittura decapitando la povera Missandei – nata e morta in catene – di fronte alla  madre dei draghi. Prima di perdere la testa, la ragazza urla il tremendo ‘Dracarys‘, la stessa parola che l’aveva liberata dalla schiavitù anni prima, che però adesso potrebbe significare la condanna. Proprio come Peter Dinklage, anche Emilia Clarke qui vive uno dei momenti più alti di tutto il suo percorso in Il Trono di Spade, quando la sua giustificata furia si incrina in una rabbia muta e lampi di follia che danzano nei suoi occhi. Nessun dialogo, sta interamente all’attrice rendere visibile il frangente in cui i suoi argini si sono rotti.

Il destino di Daenerys è confermato, e scorrerà il sangue. Moriranno tutti? Chi lo sa, è un’ipotesi non così assurda. Bronn (Jerome Flynn) troverà il posto dove nasconde il suo cuore invece di pensare solo al vil denaro? Ci saranno altri draghi di cui abbiamo ignorato l’esistenza? Forse. Daario Naharis sarà il deus ex-machina della situazione? Ma si dai.

In ogni caso, scegliere di non concentrare mille eventi ed evoluzioni in pochi minuti sarebbe stata una scelta molto più apprezzabile e sensata, ma tant’è. Così, la fretta di finire porta a dimenticarsi di togliere da un tavolo la tazza di caffè da asporto di Starbucks (vedere foro qui sopra).

Ah, il redivivo Ghost avrebbe sicuramente meritato un trattamento molto migliore.

Di seguito trovae il teaser trailer internazionale dell’episodio 8×05 di Il Trono di Spade:

The-Midnight-Sky-film-netflix-2020
Sci-Fi & Fantasy

The Midnight Sky: immagini e trama per il film sci-fi di George Clooney (per Netflix)

di Redazione Il Cineocchio

C'è anche Felicity Jones nell'adattamento del romanzo fanta-esistenzialista di Lily Brooks-Dalton

Leggi
alien 1979 uovo film
Sci-Fi & Fantasy

Noah Hawley su Alien (miniserie TV): “Vi racconto la mia idea, rigettata dalla Fox”

di Redazione Il Cineocchio

Il creatore delle serie Legion e Fargo ha svelato i dettagli del suo progetto, che purtroppo non ha fatto breccia nei vertici dello studio

Leggi
nozze rosse trono di spade michelle fairley got
Sci-Fi & Fantasy

Benioff e Weiss su Il Trono di Spade: “Lady Stoneheart? Manca per tre motivi precisi nella serie”

di Redazione Il Cineocchio

I due showrunner hanno finalmente spiegato i motivi dell'assenza del personaggio nella versione televisiva dei romanzi di George R.R. Martin

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Mortal: Nat Wolff si ritrova con gli sconfinati poteri di un dio norreno

di Redazione Il Cineocchio

C'è il norvegese André Øvredal alla regia del film R-rated, che pesca a piene mani dai miti e dal folklore della sua terra

Leggi
predator 1987 film
Sci-Fi & Fantasy

Alex Litvak su Predator: “Scrissi un sequel per Schwarzenegger; vi do i dettagli della trama”

di Redazione Il Cineocchio

Lo sceneggiatore di Predators svela i retroscena della storia che presentò alla Fox a metà degli anni '90, che avrebbe visto il ritorno del protagonista del primo storico film

Leggi