Home » Cinema » Horror & Thriller » Nicolas Cage: “Per Il Prescelto pensai a un finale simile a quello di Midsommar”

Titolo originale: The Wicker Man, uscita: 01-09-2006. Budget: $40,000,000. Regista: Neil LaBute.

Nicolas Cage: “Per Il Prescelto pensai a un finale simile a quello di Midsommar”

08/08/2019 news di Redazione Il Cineocchio

Il protagonista del remake del 2006 diretto da Neil LaBute rimpiange che la conclusione scelta non sia stata molto più 'infuocata' di quanto da lui auspicato

Nicolas Cage Wicker Man Orso

Come saprete, da qualche giorno è arrivato nei nostri cinema Midsommar – Il villaggio dei dannati (la nostra recensione, l’interpretazione dei simboli, la spiegazione del film) e si è parlato molto – alcuni con entusiasmo, altri meno – dell’ultimo lavoro di Ari Arister e – soprattutto – del suo sconvolgente epilogo. Tuttavia, anni prima, un altro folk horror avrebbe potuto precederlo e concludersi nella stessa scioccante maniera, se solo non fosse poi stato scelto un diverso finale. A rivelarcelo è nientemeno che Nicolas Cage, il quale di recente in una recente intervista ha trattato il suo stile recitazione, la sua filosofia di vita e le sue passate esperienze davanti alla macchina da presa.

The Wicker Man 2006 Nicolas CageIn particolare, l’eccentrica star hollywoodiana, che da qualche tempo ha compiuto alcune scelte cinematografiche ‘di genere’ piuttosto coraggiose, tra cui ricordiamo il fieramente indipendente Mandy (la nostra recensione) di Panos Cosmatos e il grottesco e paradossale Mom and Dad (la nostra recensione) di Brian Taylor, ha rievocato l’esperienza sul set Il PresceltoThe Wicker Man, remake del 2006 diretto da Neil LaBute (dall’omonimo classico del 1973 di Robin Hardy) di cui era protagonista. Nelle sue rapsodiche riflessioni l’attore si è soffermato a descrivere un finale alternativo, che lui aveva spinto ai tempi, ma che poi era stato accantonato. E, a quanto pare, è simile in maniera sbalorditiva a quello del recentissimo Midsommar!

Questo quanto raccontato da Nicolas Cage:

Beh, ci sono momenti in cui sono intenzionalmente perfido con un [mio] personaggio. In Il Prescelto ho giocato con la situazione, perché era totalmente assurda. Avrei potuto avere un po’ di aiuto in più con quel film. Inizialmente avrei voluto che mi lasciassero vestito con il costume da orso e bruciare al suo interno. Questo avrebbe reso l’intera farsa nel film ancora più disturbante. Proprio a causa di quello che stavo cercando di fare.

La star ha poi continuato:

Vi ricordate il vecchio film di Roger Corman intitolato La maschera della morte rossa (The Masque of the Red Death)? Con Vincent Price e Patrick Magee. Patrick Magee è indotto con l’inganno a indossare un costume da scimmia e un nano gli getta addosso del brandy e gli dà fuoco. Ciò che inizia come qualcosa di assurdo e comico diventa agghiacciante, perché le offese e i danni fisici venivano sommati tra di loro. In Il Prescelto ho provato a seguire questa medesima traiettoria, per portare avanti il lato assurdo, essendo io bruciato da loro all’interno del costume da orso. Ci certo sarebbe stato terrificante. 

Purtroppo non possiamo sapere se effettivamente la scena finale sarebbe stata raggelante quanto quella di Midsommar, ma possiamo accontentarci di questo:

Fonte: NYT

Nicolas Cage
Ellen Burstyn
Kate Beahan
Frances Conroy
Leelee Sobieski
Molly Parker
Diane Delano
Michael Wiseman
Christa Campbell
Emily Holmes
Horror & Thriller

La Prima Notte del Giudizio | La recensione del film prequel di Gerard McMurray

di William Maga

James DeMonaco ci porta alle origini dello Sfogo, sprecando l'ennesima occasione di intavolare un discorso sociale serio in un quarto film superficiale e che ricicla idee già viste

Leggi
We Have Always Lived in the Castle film Alexandra Daddario e Taissa Farmiga
Horror & Thriller

Mistero al castello di Blackwood | Recensione del film con Alexandra Daddario e Taissa Farmiga

di Sabrina Crivelli

C'è anche Sebastian Stan nell'adattamento cinematografico del romanzo di Shirley Jackson, un dramma claustrofobico in cui il vero orrore risiede nel passato e nella psiche

Leggi
THE POSTCARD KILLINGS film 2020
ravers film 2018
Eat Brains Love- 2
Horror & Thriller

Eat Brains Love | La recensione del film di Rodman Flender con gli zombi vigilantes

di Sabrina Crivelli

Il regista torna sulle scene con una horror comedy ambiziosa nelle intenzioni, che manca però di verve comica e di personalità nei suoi personaggi

Leggi
La partita

La partita

27-02-2020

Lupin III: The First

Lupin III: The First

27-02-2020

Volevo nascondermi

Volevo nascondermi

27-02-2020

Non si scherza col fuoco

Non si scherza col fuoco

27-02-2020

Dopo il matrimonio

Dopo il matrimonio

27-02-2020

La Gomera - L'isola dei fischi

La Gomera - L'isola dei fischi

27-02-2020

Doppio sospetto

Doppio sospetto

27-02-2020

The Grudge

The Grudge

27-02-2020

Arctic - Un'avventura glaciale

Arctic - Un'avventura glaciale

27-02-2020

Si vive una volta sola

Si vive una volta sola

26-02-2020

Permette? Alberto Sordi

Permette? Alberto Sordi

24-02-2020

Lourdes

Lourdes

24-02-2020

Lontano lontano

Lontano lontano

20-02-2020

La mia banda suona il pop

La mia banda suona il pop

20-02-2020

Criminali come noi

Criminali come noi

20-02-2020

L'hotel degli amori smarriti

L'hotel degli amori smarriti

20-02-2020

Cattive acque

Cattive acque

20-02-2020

Cats

Cats

20-02-2020

Il richiamo della foresta

Il richiamo della foresta

20-02-2020

Era mio figlio

Era mio figlio

20-02-2020

Bad Boys for Life

Bad Boys for Life

20-02-2020

RECENSIONE

Lunar City

Lunar City

17-02-2020

Fabrizio De André & PFM - Il concerto ritrovato

Fabrizio De André & PFM - Il concerto ritrovato

17-02-2020

Les Confins du monde

Les Confins du monde

14-02-2020