Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione | American Guinea Pig: Sacrifice di Poison Rouge

1/10 su 1 voti. Titolo originale: American Guinea Pig: Sacrifice, uscita: 01-05-2017. Regista: Poison Rouge.

Recensione | American Guinea Pig: Sacrifice di Poison Rouge

17/09/2018 recensione di Raffaele Picchio

Arrivato al quarto capitolo, il ramo statunitense della saga gioca la sua carta più particolare e anomala, rifiutando l'eccesso splatter a favore di un agghiacciante e quasi insostenibile viaggio nel dolore e l'espiazione con un prodotto difficile e imperfetto, ma innegabilmente efficace

Iniziamo a dire per prima cosa che Sacrifice è un prodotto orgogliosamente italiano. Nato al di fuori della saga -contenitore di Stephen Biro, segna l’esordio alla regia della body performer, ballerina e artista Poison Rouge (la nostra intervista esclusiva) già collaboratrice assoldata del prolifico Domiziano Cristopharo, qui presente nelle molteplici vesti di produttore, soggettista, direttore della fotografia ed effettista. Inoltre, Sacrifice – che è stato sceneggiato da Samuel Marolla – indossa la duplice veste di quarto capitolo ufficiale di American Guinea Pig e di primo segmento della “Trilogia della morte”, pensata dal produttore Cristopharo (a cui seguiranno Torment di Adam Ford e Xpiation dello stesso producer) ed è probabilmente proprio questo dualismo che incarna a renderlo paradossalmente un prodotto piuttosto ‘alieno’ e particolare.

Sacrifice apparentemente si presenta in modo molto semplice: un ragazzo con profondi traumi mai risolti e tendenze all’autolesionismo a seguito della morte del padre torna nella sua isolata casa d’infanzia e chiudendosi nel bagno, inizia ad affrontare i suoi demoni martoriando sé stesso e arrivando ad immolarsi e sacrificarsi alla dea Ishtar, raggiungendo così una sorta di zenith dell’anima, dove la linea che demarca dolore e piacere è esilissima e la morte diventa solo un mezzo per rinascere puri e liberi.

Raccontato così, può sembrare il solito canovaccio per mettere in scena i consueti deliri splatter che si attenderebbero da un Guinea Pig. Invece Sacrifice, pur mantenendo il leitmotiv della saga con la disintegrazione del corpo umano al centro di tutto, si rivela opera ben più sfaccettata e complessa di quanto possa sembrare ad una visione distratta: ermetico ma precisissimo nell’uso dei suoi simbolismi (e infatti risulta superflua la didascalia con cui si chiude), colto e ricercato nella messa in scena che si rifà spesso a tantissime riproduzioni “in carne” di capolavori dell’arte, riesce a fare anche un discorso non banale sul superamento dei propri limiti e sull’accettazione del proprio corpo come terreno sconosciuto anche a noi stessi, vero e proprio “portale” spirituale di ascesa verso la purezza. Lo fa ovviamente spingendo a tavoletta il pedale della rappresentazione filmica della violenza, in alcuni momenti capace di mettere a disagio anche l’appassionato più predisposto e navigato in un incessante vortice di scarnificazioni, mutilazioni e tremende torture genitali (tra il Jörg Buttgereit di Schramm, la follia del Miguel Angel Martin di Psychopathia Sexualis e le body performance estreme dei primi film di Luigi Atomico).

Rispetto i precedenti tre capitoli, l’eccesso splatter è più contenuto a favore di una rappresentazione del dolore magari meno “di genere”, ma estremamente più realistica e difficile da mandare giù. L’esordiente Poison Rouge dimostra mano sicura e profonda conoscenza dei temi che vuole mettere in mostra e trova nell’altrettanto debuttante Roberto Scorza, che regge letteralmente da solo l’intero film, il giusto corpo da spingere verso i limiti immortalandolo in una prova “muta” tanto difficile quanto convincente (mentre risulta invece troppo eccessiva ed “evitabile” la rappresentazione fisica della dea incarnata da un’invasata Flora Giannattasio perennemente nuda). Assolutamente degno di nota anche il minimalista ma efficacissimo commento musicale di Alexander Cimini, mai invadente e capace di belle aperture sinfoniche.

Anche se Sacrife risulta un prodotto abbastanza “alieno”, è innegabile e inevitabile comunque la fortissima impronta stilistica del prolifico (a dir poco) Domiziano Cristopharo, tanto che durante la visione del film è impossibile non riconoscere profonde connessioni con i suoi lavori da regista come Red Krokodil o l’allucinante Doll Syndrome (di cui Sacrifice sembra esserne la “crasi”). Non sono comunque tutte rose: anche qui si inciampa ogni tanto su alcune ingenuità (l’eccessivo utilizzo del voice over), qualche eccesso visivo fuori controllo che si avvicina pericolosamente al confine del “ridicolo” (il selfie?!?) e l’innegabile ristrettezza di mezzi tecnici, che se spesso viene arginata dalla claustrofobica messa in scena e da qualche bella intuizione registica (l’emersione in sequenza del protagonista da un limpido mare alla sua lercia vasca da bagno), ogni tanto mostra il fianco scoprendosi totalmente sopratutto nella povertà delle poche sequenze esterne.

Nonostante ciò, Sacrifice si piazza tra i segmenti più interessanti e difficili degli American Guinea Pig, che con il suo negare totalmente ogni sorta di divertimento splatter sembra volutamente “scremare” quella fetta di pubblico più “de panza” a cui si rivolgeva per esempio il capitolo precedente (The Song of Solomon, la nostra recensione), cercando una dimensione “autoriale” ancor più di nicchia, che seppur ancora acerba e con qualche incertezza, nobilita con la sua presenza questa saga-contenitore di film contribuendo a tenerla a un livello decisamente più alto dell’underground da cui proviene e a cui si vorrebbe facesse riferimento.

Di seguito il trailer originale di American Guinea Pig: Sacrifice:

Roberto Scorza
Flora Giannattasio
L'alba dei morti viventi (2004) zack snyder
Horror & Thriller

Army of the Dead: prima immagine per lo zombie heist movie di Zack Snyder

di Redazione Il Cineocchio

Dopo le tribolazioni con il DCEU e la Warner Bros., il regista ha ripescato dal cassetto grazie a Netflix un progetto vecchio di 15 anni, e questa volta avrà completa carta bianca

Leggi
James Woods in Videodrome (1983) film
Horror & Thriller

Riflessione | Videodrome: come David Cronenberg sovvertì le regole del noir thriller classico

di Sabrina Crivelli

Nel 1983, il regista canadese prendeva una formula di Hollywood consolidata e ne rimasticava gli stilemi, sputando fuori qualcosa di assolutamente inedito

Leggi
halloween michael myers 2018
Horror & Thriller

Un teaser annuncia Halloween Kills e Halloween Ends, sequel back-to-back diretti da David Gordon Green

di Redazione Il Cineocchio

A sorpresa, l'horror del 2018 si trasforma nel primo capitolo di una trilogia, con Jamie Lee Curtis e John Carpenter nuovamente coinvolti

Leggi
the walking dead andrew lincoln
Horror & Thriller

Teaser promo per il primo film di The Walking Dead: Rick Grimes va al cinema

di Redazione Il Cineocchio

I fan scopriranno in sala il destino del personaggio interpretato da Andrew Lincoln dopo l'uscita di scena dalla serie

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Creepshow: la serie antologica riporta in TV l’horror dal gusto retrò

di Redazione Il Cineocchio

A oltre 35 anni dal primo film, Greg Nicotero ha radunato sceneggiatori del calibro di Stephen King e Joe R. Lansdale e attori iconici come Adrianne Barbeau, Tobin Bell e Jeffrey Combs per terrorizzare una nuova generazione di spettatori

Leggi
zombie tidal wave film 2019
Horror & Thriller

Trailer per Zombie Tidal Wave: Ian Ziering affronta uno tsunami di non morti

di Redazione Il Cineocchio

La star ritrova il regista Anthony C. Ferrante per quella che sembra destinata a diventare la saga di SyFy che prenderà il posto di Sharknado

Leggi
Horror & Thriller

Robert Eggers su The Witch: “A causa del film, la Polonia mi considerò persona non gradita”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha rivelato che la promozione un po' troppo blasfema del folk horror del 2015 scatenò un grosso malinteso con le autorità locali

Leggi
critters attack film 2019
Horror & Thriller

Critters Attack! | La recensione del quinto film della saga diretto da Bobby Miller

di William Maga

C'è anche il cammeo di Dee Wallace nella lettera d'amore straight-to-video che riporta sullo schermo i terribili extraroditori dopo quasi 30 anni di assenza

Leggi
Serenity - L'isola dell'inganno film 2019
Horror & Thriller

Serenity – L’isola dell’inganno | La recensione del film con Matthew McConaughey e Anne Hathaway

di Giovanni Mottola

Steven Knight gira un thriller 'marinaresco' che fa acqua da tutte le parti: più che di meta-cinema, trattasi di cinema a metà

Leggi
it - capitolo 2 pennywise film
Horror & Thriller

Trailer finale per IT Capitolo Due: i ‘perdenti’ tornano a Derry per il confronto decisivo con Pennywise

di Redazione Il Cineocchio

Toccherà agli adulti James McAvoy, Jessica Chastain e Bill Hader sconfiggere una volta per tutte il clown danzante nella seconda parte dell'horror diretto da Andrés Muschietti

Leggi
Frankie Muniz in The Black String (2018) film
Mindhunter stagione 2 manson
Horror & Thriller

Mindhunter stagione 2: data di uscita e 10 immagini (c’è anche Charles Manson)

di Redazione Il Cineocchio

Nei nuovi episodi della serie Netflix, Jonathan Groff, Holt McCallany e Anna Torv si ritroveranno faccia a faccia con altri famosissimi serial killer

Leggi
Florence Pugh in Midsommar (2019)
Horror & Thriller

Midsommar – Il Villaggio dei Dannati: esaminiamo la simbologia (rune, riti, dipinti) del folk horror di Ari Aster

di Redazione Il Cineocchio

Spiegazione e vademecum dell'iconografia e dell'immaginario celati in bella vista nel film con Florence Pugh

Leggi
adoration film du welz
Horror & Thriller

Poster e trama per Adoration, il nuovo thriller di Fabrice du Welz

di Redazione Il Cineocchio

A 15 anni da Calvaire, il regista belga chiude la sua 'trilogia delle Ardenne'

Leggi
feedback film Pedro C. Alonso
Horror & Thriller

Trailer per Feedback: la vita di Eddie Marsan viene distrutta in diretta radiofonica

di Redazione Il Cineocchio

C'è la mano di Jaume Collet-Serra dietro all'esordio nell'horror del regista spagnolo Pedro C. Alonso, a cui han preso parte anche Paul Anderson e Ivana Baquero

Leggi
Midsommar - Il villaggio dei dannati

Midsommar - Il villaggio dei dannati

25-07-2019

RECENSIONE

La piccola boss

La piccola boss

25-07-2019

Men in Black: International

Men in Black: International

25-07-2019

RECENSIONE

Passpartù: Operazione Doppiozero

Passpartù: Operazione Doppiozero

18-07-2019

Vita segreta di Maria Capasso

Vita segreta di Maria Capasso

18-07-2019

Il mangiatore di pietre

Il mangiatore di pietre

18-07-2019

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

18-07-2019

Birba - Micio Combinaguai

Birba - Micio Combinaguai

18-07-2019

Skate Kitchen

Skate Kitchen

18-07-2019

Serenity - L'Isola dell'Inganno

Serenity - L'Isola dell'Inganno

18-07-2019

RECENSIONE

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

18-07-2019

Raccolto amaro

Raccolto amaro

18-07-2019

Welcome Home

Welcome Home

11-07-2019

RECENSIONE

Il mostro di St. Pauli

Il mostro di St. Pauli

11-07-2019

Domino

Domino

11-07-2019

RECENSIONE

Powidoki - Il ritratto negato

Powidoki - Il ritratto negato

11-07-2019