Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione | American Guinea Pig: Sacrifice di Poison Rouge

1/10 su 1 voti. Titolo originale: American Guinea Pig: Sacrifice, uscita: 01-05-2017. Regista: Poison Rouge.

Recensione | American Guinea Pig: Sacrifice di Poison Rouge

17/09/2018 recensione film di Raffaele Picchio

Arrivato al quarto capitolo, il ramo statunitense della saga gioca la sua carta più particolare e anomala, rifiutando l'eccesso splatter a favore di un agghiacciante e quasi insostenibile viaggio nel dolore e l'espiazione con un prodotto difficile e imperfetto, ma innegabilmente efficace

Iniziamo a dire per prima cosa che Sacrifice è un prodotto orgogliosamente italiano. Nato al di fuori della saga -contenitore di Stephen Biro, segna l’esordio alla regia della body performer, ballerina e artista Poison Rouge (la nostra intervista esclusiva) già collaboratrice assoldata del prolifico Domiziano Cristopharo, qui presente nelle molteplici vesti di produttore, soggettista, direttore della fotografia ed effettista. Inoltre, Sacrifice – che è stato sceneggiato da Samuel Marolla – indossa la duplice veste di quarto capitolo ufficiale di American Guinea Pig e di primo segmento della “Trilogia della morte”, pensata dal produttore Cristopharo (a cui seguiranno Torment di Adam Ford e Xpiation dello stesso producer) ed è probabilmente proprio questo dualismo che incarna a renderlo paradossalmente un prodotto piuttosto ‘alieno’ e particolare.

Sacrifice apparentemente si presenta in modo molto semplice: un ragazzo con profondi traumi mai risolti e tendenze all’autolesionismo a seguito della morte del padre torna nella sua isolata casa d’infanzia e chiudendosi nel bagno, inizia ad affrontare i suoi demoni martoriando sé stesso e arrivando ad immolarsi e sacrificarsi alla dea Ishtar, raggiungendo così una sorta di zenith dell’anima, dove la linea che demarca dolore e piacere è esilissima e la morte diventa solo un mezzo per rinascere puri e liberi.

Raccontato così, può sembrare il solito canovaccio per mettere in scena i consueti deliri splatter che si attenderebbero da un Guinea Pig. Invece Sacrifice, pur mantenendo il leitmotiv della saga con la disintegrazione del corpo umano al centro di tutto, si rivela opera ben più sfaccettata e complessa di quanto possa sembrare ad una visione distratta: ermetico ma precisissimo nell’uso dei suoi simbolismi (e infatti risulta superflua la didascalia con cui si chiude), colto e ricercato nella messa in scena che si rifà spesso a tantissime riproduzioni “in carne” di capolavori dell’arte, riesce a fare anche un discorso non banale sul superamento dei propri limiti e sull’accettazione del proprio corpo come terreno sconosciuto anche a noi stessi, vero e proprio “portale” spirituale di ascesa verso la purezza. Lo fa ovviamente spingendo a tavoletta il pedale della rappresentazione filmica della violenza, in alcuni momenti capace di mettere a disagio anche l’appassionato più predisposto e navigato in un incessante vortice di scarnificazioni, mutilazioni e tremende torture genitali (tra il Jörg Buttgereit di Schramm, la follia del Miguel Angel Martin di Psychopathia Sexualis e le body performance estreme dei primi film di Luigi Atomico).

Rispetto i precedenti tre capitoli, l’eccesso splatter è più contenuto a favore di una rappresentazione del dolore magari meno “di genere”, ma estremamente più realistica e difficile da mandare giù. L’esordiente Poison Rouge dimostra mano sicura e profonda conoscenza dei temi che vuole mettere in mostra e trova nell’altrettanto debuttante Roberto Scorza, che regge letteralmente da solo l’intero film, il giusto corpo da spingere verso i limiti immortalandolo in una prova “muta” tanto difficile quanto convincente (mentre risulta invece troppo eccessiva ed “evitabile” la rappresentazione fisica della dea incarnata da un’invasata Flora Giannattasio perennemente nuda). Assolutamente degno di nota anche il minimalista ma efficacissimo commento musicale di Alexander Cimini, mai invadente e capace di belle aperture sinfoniche.

Anche se Sacrife risulta un prodotto abbastanza “alieno”, è innegabile e inevitabile comunque la fortissima impronta stilistica del prolifico (a dir poco) Domiziano Cristopharo, tanto che durante la visione del film è impossibile non riconoscere profonde connessioni con i suoi lavori da regista come Red Krokodil o l’allucinante Doll Syndrome (di cui Sacrifice sembra esserne la “crasi”). Non sono comunque tutte rose: anche qui si inciampa ogni tanto su alcune ingenuità (l’eccessivo utilizzo del voice over), qualche eccesso visivo fuori controllo che si avvicina pericolosamente al confine del “ridicolo” (il selfie?!?) e l’innegabile ristrettezza di mezzi tecnici, che se spesso viene arginata dalla claustrofobica messa in scena e da qualche bella intuizione registica (l’emersione in sequenza del protagonista da un limpido mare alla sua lercia vasca da bagno), ogni tanto mostra il fianco scoprendosi totalmente sopratutto nella povertà delle poche sequenze esterne.

Nonostante ciò, Sacrifice si piazza tra i segmenti più interessanti e difficili degli American Guinea Pig, che con il suo negare totalmente ogni sorta di divertimento splatter sembra volutamente “scremare” quella fetta di pubblico più “de panza” a cui si rivolgeva per esempio il capitolo precedente (The Song of Solomon, la nostra recensione), cercando una dimensione “autoriale” ancor più di nicchia, che seppur ancora acerba e con qualche incertezza, nobilita con la sua presenza questa saga-contenitore di film contribuendo a tenerla a un livello decisamente più alto dell’underground da cui proviene e a cui si vorrebbe facesse riferimento.

Di seguito il trailer originale di American Guinea Pig: Sacrifice:

Roberto Scorza
Flora Giannattasio
z film horror 2019
Horror & Thriller

Trailer per Z: un amico immaginario semina terrore nell’horror di Brandon Christensen

di Redazione Il Cineocchio

C'è anche l'esperto Stephen McHattie nel film canadese che presenta un nuovo boogeyman

Leggi
riflessi sulla pelle
Horror & Thriller

Dossier | L’orrore dentro: guida al cinema di Philip Ridley

di Pietro Russo

L'artista inglese, con tre film essenziali (Riflessi sulla pelle, Sinistre ossessioni, Heartless), conduce lo spettatore nelle oscure profondità dell'animo umano, secondo la sua personale visione tra horror psicologico e drama

Leggi
MOST DANGEROUS ANIMAL OF ALL docuserie 2020
Horror & Thriller

Trailer per The Most Dangerous Animal of All, docuserie sul Killer dello Zodiaco

di Redazione Il Cineocchio

Lo scrittore Gary L. Stewart porta sul piccolo schermo il suo best seller, che racconta la clamorosa indagine circa il suo sconosciuto padre, identificato proprio col noto omicida seriale

Leggi
the grudge film pesce 2019
Horror & Thriller

The Grudge | La recensione del film di Nicolas Pesce

di Sabrina Crivelli

A quasi 20 anni dal primo Ju-On, la longeva e spremutissima saga horror riparte da zero - di nuovo - a Hollywood con Andrea Riseborough, John Cho e Demian Bichir, ma il risultato è tragico

Leggi
Horror & Thriller

La Prima Notte del Giudizio | La recensione del film prequel di Gerard McMurray

di William Maga

James DeMonaco ci porta alle origini dello Sfogo, sprecando l'ennesima occasione di intavolare un discorso sociale serio in un quarto film superficiale e che ricicla idee già viste

Leggi
La partita

La partita

27-02-2020

Lupin III: The First

Lupin III: The First

27-02-2020

Volevo nascondermi

Volevo nascondermi

27-02-2020

Non si scherza col fuoco

Non si scherza col fuoco

27-02-2020

Dopo il matrimonio

Dopo il matrimonio

27-02-2020

La Gomera - L'isola dei fischi

La Gomera - L'isola dei fischi

27-02-2020

Doppio sospetto

Doppio sospetto

27-02-2020

The Grudge

The Grudge

27-02-2020

RECENSIONE

Arctic - Un'avventura glaciale

Arctic - Un'avventura glaciale

27-02-2020

Si vive una volta sola

Si vive una volta sola

26-02-2020

Permette? Alberto Sordi

Permette? Alberto Sordi

24-02-2020

Lourdes

Lourdes

24-02-2020

Lontano lontano

Lontano lontano

20-02-2020

La mia banda suona il pop

La mia banda suona il pop

20-02-2020

Criminali come noi

Criminali come noi

20-02-2020

L'hotel degli amori smarriti

L'hotel degli amori smarriti

20-02-2020

Cattive acque

Cattive acque

20-02-2020

Cats

Cats

20-02-2020

Il richiamo della foresta

Il richiamo della foresta

20-02-2020

Era mio figlio

Era mio figlio

20-02-2020

Bad Boys for Life

Bad Boys for Life

20-02-2020

RECENSIONE

Lunar City

Lunar City

17-02-2020

Fabrizio De André & PFM - Il concerto ritrovato

Fabrizio De André & PFM - Il concerto ritrovato

17-02-2020