Home » Cinema » Azione & Avventura » Recensione | Bleach di Shinsuke Sato

6/10 su 198 voti. Titolo originale: Bleach, uscita: 20-07-2018. Budget: $3,598,902. Regista: Shinsuke Sato.

Recensione | Bleach di Shinsuke Sato

15/09/2018 di William Maga

Pur compresso in alcuni passaggi, l'adattamento live action distribuito da Netflix rende sostanzialmente giustizia al popolare manga di Tite Kubo

Nel corso dell’ultimo anno sono arrivati su Netflix moltissimi live action che hanno cercato di adattare, con alterne fortune, alcuni manga di grande successo, da L’ImmortaleJoJo’s Bizarre Adventure: Diamond Is Unbreakable Chapter I di Takashi Miike a Death Note di Adam Wingard e Fullmetal Alchemist di Fumihiko Sori (poi ci sarebbero anche Tokyo Ghoul e Ghost in the Shell, arrivati per altre vie). Normale quindi che ci fosse una certa attesa intorno a Bleach, pellicola giapponese diretta da Shinsuke Sato (I Am a Hero), prodotta dalla Warner Bros. e distribuita in esclusiva dal colosso dello streaming basata sull’omonima serie creata da Tite Kubo. Piuttosto fedele al materiale di partenza, elemento che dovrebbe accontentare i fan, con i suoi 110′ scarsi di durata si innesta alla fine tra le trasposizioni più piacevoli realizzate fino ad oggi, pur con tutti i limiti di un budget di soli 4 milioni di dollari.

La storia ruota attorno a Ichigo Kurosaki (Sôta Fukushi), uno studente dai capelli rossi affascinante e benvoluto che frequenta le scuole superiori, che vive con il suo bizzarro padre, Isshin (Yôsuke Eguchi), e le sorelline Karin e Yuzo. Tutti sembrano ben consapevoli della peculiare capacità di Ichigo di vedere gli spiriti, il che è probabilmente il motivo per cui Isshin usa su di lui mosse di arti marziali e gli dà uno ceffone di tanto in tanto; è stufo che Ichigo arrivi tardi per cena perché è stato in giro ad aiutare i bambini morti ad andare nell’Aldilà, il che è comprensibile. Inoltre, ha allevato i tre figli da solo, visto che la madre di Ichigo viene tolta subito dai giochi, come vediamo nel corso del prologo in flashback parziale che verrà ampliato più avanti per capire meglio la portata e la fonte delle abilità del protagonista. Queste ultime le vengono comunque spiegate bene da Rukia Kuchiki (Hana Sugisaki), un’austera spadaccina che finisce per ritrovarsi nella camera da letto di Ichigo attirata dal suo traboccare di energia spirituale. Per chi non lo vedesse, è in realtà solo un fantastico modo per riconfezionare il vecchio cliché del “prescelto”, ma Bleach ha almeno la decenza di legarlo a una mitologia notevolmente sotto-spiegata. Come ci viene enunciato attraverso una serie di disegni animati, esistono infatti due tipi di spiriti nel mondo raccontato: i Plus, che devono essere aiutati a entrare in un aldilà celeste conosciuto come Soul Society attraverso un rituale; e gli Hollow, scaturiti da chi è morto con rancore e ha bisogno di essere affettato per bene prima che faccia danni. E chi meglio per compiere entrambi i compiti di un’enigmatica setta conosciuta come Shinigami, di cui Rukia è una delle rappresentanti?

Come avrete intuito, si tratta di un mondo piuttosto articolato e – almeno all’inizio – Bleach soffoca sotto il peso di queste massicce e necessarie (per chi è digiuno dell’opera di Tite Kubo) spiegazioni, ricorrendo addirittura al diagramma disegnato di cui sopra per semplificare le cose. Non sono certo concetti difficili da cogliere sia chiaro – semmai, senza il beneficio di un minutaggio maggiore o del formato a episodi, sono fin troppo semplificati – ma sono così tanto parte integrante del finale (un multi-combattimento forse eccessivamente lungo) che non c’è altra scelta che caricare tutti i dettagli nei primi due atti del film. Rukia possiede una sorta di GPS spirituale portatile viola che replica il movimento degli Hollow e in breve è sulle tracce di uno spirito malvagio particolarmente affamato che ha rapito da casa la piccola Yuzo. Il termine ‘affamato’ è riferito al fatto che gli Hollow sono ghiotti delle anime di chi possiede un sensibile potere spirituale, caratteristica che viene spiegata ad alta voce e poi confermata dalla stessa creatura, che si rivolge a Ichigo – accorso in soccorso – e gli intima: “Voglio la tua anima!”. Abbastanza esplicito vero? La successiva sequenza d’azione – siamo ancora all’inizio – è sorprendentemente ben orchestrata ed efficace, e, se Bleach deve fare di necessità virtù ricorrendo a un montaggio rapido che non consente di soffermarsi troppo sulla qualità dei modesti effetti visivi impiegati, riesce lo stesso a mantenere un buon senso delle proporzioni (gli Hollow sono giganteschi). Questo primo duello non finisce però particolarmente bene per Rukia, che rimane gravemente ferita ed è costretta a trasferire i suoi poteri di Shinigami a Ichigo, che si ‘sdoppia’, indossando un abbigliamento più consono da guerriero samurai e ritrovandosi tra le mani la comicamente gigantesca zanpakutō, una katana mieti-anime con la quale si esercita da subito in pose da eroe, mentre musica rock stilosa e un po’ invadente riecheggia tutt’intorno.

In senso narrativo, sarebbe probabilmente stato meglio vedere questa fondamentale transizione dopo aver conosciuto Ichigo un po’ meglio, specie perchè, dopo aver abbattuto senza grandi sforzi il primo Hollow, ritorna praticamente subito ad essere uno studente senza grandi abilità o preparazione. Questa tendenza a oscillare avanti e indietro con le caratterizzazioni è probabilmente un’altra conseguenza dei tempi cinematografici e del desiderio di mostrare sul grande schermo alcuni momenti iconici il prima possibile. In ogni caso, Rukia è costretta a rimanere sulla Terra, impossibilitata a tornare alla Soul Society dopo aver ceduto i suoi poteri. Si trasferisce quindi nella casa di Ichigo e comincia a dormire nel suo armadio, indossando il pigiama della sua sorellina e frequentando la sua scuola dentro a un “finto corpo” (apparentemente, gli Shinigami non sono umani e non hanno corpi propri …), una new entry che innervosisce sia Orihime (Erina Mano), che ha una cotta per Ichigo, che il misantropo Uryu (Ryô Yoshizawa), che si scopre essere l’unico membro superstite di una tribù chiamata Quincy, arcieri espertissimi e nemici giurati degli Shinigami per qualche ragione. “Gli Shinigami hanno ucciso la mia tribù” è l’unica spiegazione fornita in Bleach, il che non fa un grande servizio alle sicuramente più dolorose motivazioni di Uryu. Un’altra vittima della sceneggiatura compressa è Chad, che se in una delle prime scene sembra uno dei migliori amici di Ichigo, finisce invece per riapparire velocemente solo quando i due condividono un momento di solidarietà fraterna verso la fine. Il film tratta alla stessa stregua anche importanti concetti che sarebbero utili al fine di raccapezzarsi un po’ meglio in questo universo, rifiutandosi ad esempio di rivelare qualcosa di più sugli Shinigami o sul loro rigido codice in stile Jedi, che vieta tra le altre cose l’attaccamento personale ad altri soggetti e, apparentemente, il regalare il proprio potere a un umano. Come conseguenza di quest’ultimo gesto, il torvo fratello di Rukia, Byakuya (Miyavi), si presenta quindi nel quartiere assieme al fidato scagnozzo tatuato e dai capelli rossi Renji (Taichi Saotome), con l’intenzione di scatenare un qualche tipo di faida, mentre contemporaneamente, un leggendario e potentissimo Hollow conosciuto come Grand Fisher è sulle tracce di Ichigo, stuzzicato dalla sua saporita energia spirituale.

In definitiva, nonostante sia notevolmente ostacolato dal formato e dalla necessaria ‘compressione’ che questa scelta comporta, Bleach possiede diverse frecce al suo arco, da una relazione centrale ben definita e bilanciata (i possibili siparietti comici sono tenuti a bada) tra Ichigo e Rukia (completata da un montaggio obbligatorio in stile Rocky quando i due si allenano spartanamente), scene d’azione ben organizzate e una riproposizione dal vivo fedele dei disegni di Tite Kubo. Potrebbe risultare leggermente più difficile da gustare per quelli che non hanno grande familiarità con il materiale di partenza (che saranno comunque una piccola percentuale del totale probabilmente), e alcuni degli aggiustamenti operati da Shinsuke Sato e dallo sceneggiatore Daisuke Habara allo stesso modo potrebbero scontentare alcuni dei fan più accaniti, ma inevitabilmente ci sarà un gruppo di spettatori nel mezzo che troveranno piacevole la visione. Ah, c’è poi un finale è più o meno aperto che lascia spazio a un sequel …

Di seguito trovate il full trailer originale di Bleach, nel catalogo Netflix dal 14 settembre:

Sota Fukushi
Hana Sugisaki
Ryo Yoshizawa
Taichi Saotome
Miyavi
Masami Nagasawa
Yosuke Eguchi
Seiichi Tanabe
Erina Mano
Yu Koyanagi
Dolph Lundgren e Sylvester Stallone in Creed II (2018)
Azione & Avventura

Creed II: Rocky fa a pugni con Ivan Drago in un scena eliminata (video)

di Redazione Il Cineocchio

Siamo stati davvero vicinissimi a vedere un nuovo corpo a corpo dopo 35 anni tra Sylvester Stallone e Dolph Lundgren

Leggi
kiss kiss Dallas King film
Azione & Avventura

Nel trailer di Kiss Kiss, stripper in bikini si picchiano a morte sul ring

di Redazione Il Cineocchio

Dallas King torna alla regia per un pruriginoso action movie che vede protagoniste Natascha Hopkins, Tamra Dae e Kylie Rae

Leggi
Sylvester Stallone in Escape Plan The Extractors
Azione & Avventura

Sylvester Stallone su Escape Plan: “Ritorno all’Inferno oltre l’orrendo; il 3 sarà The Extractors”

di Redazione Il Cineocchio

La star 72enne ha rivelato il cambio di titolo del terzo film della saga, commentando anche con parole piuttosto schiette il secondo capitolo diretto da Steven C. Miller

Leggi
Azione & Avventura

Nel full trailer di Triple Frontier, Affleck, Hunnam e Isaac rapinano un boss del cartello

di Redazione Il Cineocchio

Nella squadra di ex militari pronti a tutto allestita dal regista J.C. Chandor per Netflix ci sono anche Garrett Hedlund e Pedro Pascal

Leggi
triple threat film
Azione & Avventura

Nel trailer di Triple Threat, Iko Uwais, Tiger Chen e Tony Jaa picchiano tutti

di Redazione Il Cineocchio

Accanto alle tre superstar delle arti marziali troveremo anche Jeeja Yanin e Scott Adkins

Leggi
masters of the universe he-man
Azione & Avventura

Masters of the Universe: riprese a breve, emergono trama e personaggi presenti nel film

di Redazione Il Cineocchio

Dopo anni di riscritture e rinvii, i fratelli Aaron e Adam Nee sono pronti a dirigere la nuova trasposizione per il cinema delle gesta dei paladini di Eternia

Leggi
Tom Cruise Mission Impossible - Protocollo fantasma
Azione & Avventura

Robert Elswit su Protocollo Fantasma: “Vi svelo il primo finale; sorte diversa per Tom Cruise e Ethan Hunt”

di Redazione Il Cineocchio

Il direttore della fotografia del quarto capitolo della saga di Mission: Impossible ha parlato anche di una differente scena conclusiva, delle modifiche in corsa alla sceneggiatura di Christopher McQuarrie e del peso di Jeremy Renner

Leggi
aquaman film
Azione & Avventura

James Cameron su Aquaman: “Simpatico, ma irrealistico; ci avrei messo più attivismo”

di Redazione Il Cineocchio

Il filmmaker, grande esperto di profondità oceaniche, ha detto la sua sul cinecomic della Warner/DC diretto da James Wan, riconoscendone alcuni pregi e alcuni 'difetti'

Leggi
john carpenter set
Azione & Avventura

Quando John Carpenter rifiutò la regia di Top Gun e Attrazione Fatale

di Redazione Il Cineocchio

Il regista, verso la metà degli anni '80, venne considerato per la regia di due film piuttosto lontani dalle sue usuali corde, ma decise di non provarci nemmeno, adducendo buone ragioni

Leggi
venom blu-ray
Azione & Avventura

Recensione Blu-ray | Venom con Tom Hardy

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino l'edizione home video del cinecomic girato da Ruben Fleischer che rilancia la carriera cinematografica dell'arci-nemico di Spider-Man

Leggi
Arnold Schwarzenegger vecchio conan
Azione & Avventura

Arnold Schwarzenegger su Conan the Conqueror: “Facciamo il film!”

di Redazione Il Cineocchio

Con un video, la star si è detta pronta a portare finalmente sul grande schermo il terzo (o quarto ...) film della saga del barbaro, in gestazione da anni

Leggi
El Chicano film Ben Hernandez Bray
Azione & Avventura

Nel trailer di El Chicano, un supereroe ispanico ripulisce il ghetto dalle gang

di Redazione Il Cineocchio

L'action thriller ambientato a Los Angeles è stato co-scritto e prodotto da Joe Carnahan

Leggi
senesi michele cerchio delle lumache
clint eastwood il corriere the mule film
Azione & Avventura

Il Corriere – The Mule | La recensione del film di – e con – Clint Eastwood

di Giovanni Mottola

Ignorato dall'Academy, è un capolavoro sui rimpianti di un vecchio, raccontati in equilibrio tra leggerezza e profondità. E' tratto da una storia vera ma diventa l'opera più personale del regista, perfetto come testamento artistico di una grande carriera

Leggi
shaft film 2019 tim story
Azione & Avventura

Nel trailer di Shaft, tre generazioni di detective ripuliscono Harlem dal crimine

di Redazione Il Cineocchio

Dopo quasi 20 anni, il regista Tim Story riporta in auge il personaggio simbolo del filone blaxploitation anni '70, mettendo insieme Richard Roundtree, Samuel L. Jackson e Jessie T. Usher

Leggi
The Front Runner - Il vizio del potere

The Front Runner - Il vizio del potere

T. originale: The Front Runner

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 5 su 42 voti
Parlami di te

Parlami di te

T. originale: Un Homme Pressé

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 7 su 41 voti
Un uomo tranquillo

Un uomo tranquillo

T. originale: Cold Pursuit

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 5 su 41 voti

RECENSIONE

Copia originale

Copia originale

T. originale: Can You Ever Forgive Me?

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 7 su 133 voti
Quello che veramente importa

Quello che veramente importa

T. originale: The Healer

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 6 su 99 voti
The Lego Movie 2: Una nuova avventura

The Lego Movie 2: Una nuova avventura

T. originale: The Lego Movie 2: The Second Part

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 6 su 103 voti
Westwood. Punk, Icona, Attivista

Westwood. Punk, Icona, Attivista

T. originale: Westwood: Punk, Icon, Activist

Data di uscita: 20-02-2019

Voto medio: 6 su 5 voti
Leonardo - Cinquecento

Leonardo - Cinquecento

T. originale: Leonardo Cinquecento

Data di uscita: 18-02-2019

Voto medio: 6 su 1 voti
Ex-Otago - Siamo come Genova

Ex-Otago - Siamo come Genova

T. originale: Ex-Otago. Siamo come Genova

Data di uscita: 18-02-2019

Voto medio: 0 su 0 voti
Mamma + Mamma

Mamma + Mamma

T. originale: Mamma + Mamma

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 0 su 0 voti
Un'avventura

Un'avventura

T. originale: Un'avventura

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 6 su 1 voti
La paranza dei bambini

La paranza dei bambini

T. originale: La paranza dei bambini

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 7 su 18 voti
Rex - Un Cucciolo a Palazzo

Rex - Un Cucciolo a Palazzo

T. originale: The Queen's Corgi

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 7 su 4 voti
Ognuno ha diritto ad amare - Touch Me Not

Ognuno ha diritto ad amare - Touch Me Not

T. originale: Touch Me Not

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 6 su 5 voti
Un valzer tra gli scaffali

Un valzer tra gli scaffali

T. originale: In den Gängen

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 7 su 28 voti
La vita in un attimo

La vita in un attimo

T. originale: Life Itself

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 6 su 65 voti
Holmes & Watson

Holmes & Watson

T. originale: Holmes & Watson

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 4 su 55 voti
Alita - Angelo della battaglia

Alita - Angelo della battaglia

T. originale: Alita: Battle Angel

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 6 su 550 voti

RECENSIONE

Crucifixion - Il male è stato invocato

Crucifixion - Il male è stato invocato

T. originale: The Crucifixion

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 5 su 157 voti

RECENSIONE