Home » Cinema » Azione & Avventura » Recensione | Bleach di Shinsuke Sato

6/10 su 245 voti. Titolo originale: Bleach, uscita: 20-07-2018. Budget: $3,598,902. Regista: Shinsuke Sato.

Recensione | Bleach di Shinsuke Sato

15/09/2018 recensione di William Maga

Pur compresso in alcuni passaggi, l'adattamento live action distribuito da Netflix rende sostanzialmente giustizia al popolare manga di Tite Kubo

Nel corso dell’ultimo anno sono arrivati su Netflix moltissimi live action che hanno cercato di adattare, con alterne fortune, alcuni manga di grande successo, da L’ImmortaleJoJo’s Bizarre Adventure: Diamond Is Unbreakable Chapter I di Takashi Miike a Death Note di Adam Wingard e Fullmetal Alchemist di Fumihiko Sori (poi ci sarebbero anche Tokyo Ghoul e Ghost in the Shell, arrivati per altre vie). Normale quindi che ci fosse una certa attesa intorno a Bleach, pellicola giapponese diretta da Shinsuke Sato (I Am a Hero), prodotta dalla Warner Bros. e distribuita in esclusiva dal colosso dello streaming basata sull’omonima serie creata da Tite Kubo. Piuttosto fedele al materiale di partenza, elemento che dovrebbe accontentare i fan, con i suoi 110′ scarsi di durata si innesta alla fine tra le trasposizioni più piacevoli realizzate fino ad oggi, pur con tutti i limiti di un budget di soli 4 milioni di dollari.

La storia ruota attorno a Ichigo Kurosaki (Sôta Fukushi), uno studente dai capelli rossi affascinante e benvoluto che frequenta le scuole superiori, che vive con il suo bizzarro padre, Isshin (Yôsuke Eguchi), e le sorelline Karin e Yuzo. Tutti sembrano ben consapevoli della peculiare capacità di Ichigo di vedere gli spiriti, il che è probabilmente il motivo per cui Isshin usa su di lui mosse di arti marziali e gli dà uno ceffone di tanto in tanto; è stufo che Ichigo arrivi tardi per cena perché è stato in giro ad aiutare i bambini morti ad andare nell’Aldilà, il che è comprensibile. Inoltre, ha allevato i tre figli da solo, visto che la madre di Ichigo viene tolta subito dai giochi, come vediamo nel corso del prologo in flashback parziale che verrà ampliato più avanti per capire meglio la portata e la fonte delle abilità del protagonista. Queste ultime le vengono comunque spiegate bene da Rukia Kuchiki (Hana Sugisaki), un’austera spadaccina che finisce per ritrovarsi nella camera da letto di Ichigo attirata dal suo traboccare di energia spirituale. Per chi non lo vedesse, è in realtà solo un fantastico modo per riconfezionare il vecchio cliché del “prescelto”, ma Bleach ha almeno la decenza di legarlo a una mitologia notevolmente sotto-spiegata. Come ci viene enunciato attraverso una serie di disegni animati, esistono infatti due tipi di spiriti nel mondo raccontato: i Plus, che devono essere aiutati a entrare in un aldilà celeste conosciuto come Soul Society attraverso un rituale; e gli Hollow, scaturiti da chi è morto con rancore e ha bisogno di essere affettato per bene prima che faccia danni. E chi meglio per compiere entrambi i compiti di un’enigmatica setta conosciuta come Shinigami, di cui Rukia è una delle rappresentanti?

Come avrete intuito, si tratta di un mondo piuttosto articolato e – almeno all’inizio – Bleach soffoca sotto il peso di queste massicce e necessarie (per chi è digiuno dell’opera di Tite Kubo) spiegazioni, ricorrendo addirittura al diagramma disegnato di cui sopra per semplificare le cose. Non sono certo concetti difficili da cogliere sia chiaro – semmai, senza il beneficio di un minutaggio maggiore o del formato a episodi, sono fin troppo semplificati – ma sono così tanto parte integrante del finale (un multi-combattimento forse eccessivamente lungo) che non c’è altra scelta che caricare tutti i dettagli nei primi due atti del film. Rukia possiede una sorta di GPS spirituale portatile viola che replica il movimento degli Hollow e in breve è sulle tracce di uno spirito malvagio particolarmente affamato che ha rapito da casa la piccola Yuzo. Il termine ‘affamato’ è riferito al fatto che gli Hollow sono ghiotti delle anime di chi possiede un sensibile potere spirituale, caratteristica che viene spiegata ad alta voce e poi confermata dalla stessa creatura, che si rivolge a Ichigo – accorso in soccorso – e gli intima: “Voglio la tua anima!”. Abbastanza esplicito vero? La successiva sequenza d’azione – siamo ancora all’inizio – è sorprendentemente ben orchestrata ed efficace, e, se Bleach deve fare di necessità virtù ricorrendo a un montaggio rapido che non consente di soffermarsi troppo sulla qualità dei modesti effetti visivi impiegati, riesce lo stesso a mantenere un buon senso delle proporzioni (gli Hollow sono giganteschi). Questo primo duello non finisce però particolarmente bene per Rukia, che rimane gravemente ferita ed è costretta a trasferire i suoi poteri di Shinigami a Ichigo, che si ‘sdoppia’, indossando un abbigliamento più consono da guerriero samurai e ritrovandosi tra le mani la comicamente gigantesca zanpakutō, una katana mieti-anime con la quale si esercita da subito in pose da eroe, mentre musica rock stilosa e un po’ invadente riecheggia tutt’intorno.

In senso narrativo, sarebbe probabilmente stato meglio vedere questa fondamentale transizione dopo aver conosciuto Ichigo un po’ meglio, specie perchè, dopo aver abbattuto senza grandi sforzi il primo Hollow, ritorna praticamente subito ad essere uno studente senza grandi abilità o preparazione. Questa tendenza a oscillare avanti e indietro con le caratterizzazioni è probabilmente un’altra conseguenza dei tempi cinematografici e del desiderio di mostrare sul grande schermo alcuni momenti iconici il prima possibile. In ogni caso, Rukia è costretta a rimanere sulla Terra, impossibilitata a tornare alla Soul Society dopo aver ceduto i suoi poteri. Si trasferisce quindi nella casa di Ichigo e comincia a dormire nel suo armadio, indossando il pigiama della sua sorellina e frequentando la sua scuola dentro a un “finto corpo” (apparentemente, gli Shinigami non sono umani e non hanno corpi propri …), una new entry che innervosisce sia Orihime (Erina Mano), che ha una cotta per Ichigo, che il misantropo Uryu (Ryô Yoshizawa), che si scopre essere l’unico membro superstite di una tribù chiamata Quincy, arcieri espertissimi e nemici giurati degli Shinigami per qualche ragione. “Gli Shinigami hanno ucciso la mia tribù” è l’unica spiegazione fornita in Bleach, il che non fa un grande servizio alle sicuramente più dolorose motivazioni di Uryu. Un’altra vittima della sceneggiatura compressa è Chad, che se in una delle prime scene sembra uno dei migliori amici di Ichigo, finisce invece per riapparire velocemente solo quando i due condividono un momento di solidarietà fraterna verso la fine. Il film tratta alla stessa stregua anche importanti concetti che sarebbero utili al fine di raccapezzarsi un po’ meglio in questo universo, rifiutandosi ad esempio di rivelare qualcosa di più sugli Shinigami o sul loro rigido codice in stile Jedi, che vieta tra le altre cose l’attaccamento personale ad altri soggetti e, apparentemente, il regalare il proprio potere a un umano. Come conseguenza di quest’ultimo gesto, il torvo fratello di Rukia, Byakuya (Miyavi), si presenta quindi nel quartiere assieme al fidato scagnozzo tatuato e dai capelli rossi Renji (Taichi Saotome), con l’intenzione di scatenare un qualche tipo di faida, mentre contemporaneamente, un leggendario e potentissimo Hollow conosciuto come Grand Fisher è sulle tracce di Ichigo, stuzzicato dalla sua saporita energia spirituale.

In definitiva, nonostante sia notevolmente ostacolato dal formato e dalla necessaria ‘compressione’ che questa scelta comporta, Bleach possiede diverse frecce al suo arco, da una relazione centrale ben definita e bilanciata (i possibili siparietti comici sono tenuti a bada) tra Ichigo e Rukia (completata da un montaggio obbligatorio in stile Rocky quando i due si allenano spartanamente), scene d’azione ben organizzate e una riproposizione dal vivo fedele dei disegni di Tite Kubo. Potrebbe risultare leggermente più difficile da gustare per quelli che non hanno grande familiarità con il materiale di partenza (che saranno comunque una piccola percentuale del totale probabilmente), e alcuni degli aggiustamenti operati da Shinsuke Sato e dallo sceneggiatore Daisuke Habara allo stesso modo potrebbero scontentare alcuni dei fan più accaniti, ma inevitabilmente ci sarà un gruppo di spettatori nel mezzo che troveranno piacevole la visione. Ah, c’è poi un finale è più o meno aperto che lascia spazio a un sequel …

Di seguito trovate il full trailer originale di Bleach, nel catalogo Netflix dal 14 settembre:

Sota Fukushi
Hana Sugisaki
Ryo Yoshizawa
Taichi Saotome
Miyavi
Masami Nagasawa
Yosuke Eguchi
Seiichi Tanabe
Erina Mano
Yu Koyanagi
Nikolaj Coster-Waldau in Domino (2019) film
Azione & Avventura

Domino | La recensione del film (rinnegato) di Brian De Palma

di William Maga

Nikolaj Coster-Waldau, Guy Pearce e Carice van Houten sono i malamente sfruttati protagonisti di un action thriller pieno di problemi

Leggi
Point Blank - Conto alla rovescia film netflix
Azione & Avventura

Point Blank – Conto alla Rovescia | La recensione del film Netflix con Anthony Mackie e Frank Grillo

di William Maga

Joe Lynch dirige un blando remake dell'omonimo action francese del 2010 di Fred Cavayé, puntando molto sui nomi degli attori coinvolti e poco sulla sceneggiatura

Leggi
The Joker Year of the Villain 2019 cover
Azione & Avventura

John Carpenter scrive The Joker: Year of the Villain, copertina e trama del fumetto DC

di Redazione Il Cineocchio

Il regista 71enne torna a collaborare con Anthony Burch per il numero speciale dedicato al Clown Principe del Crimine e a Lex Luthor

Leggi
the prey film jimmy henderson
Azione & Avventura

The Prey | La recensione del film di Jimmy Henderson (NIFFF 2019)

di Sabrina Crivelli

Il regista italiano torna sulle scene per portarci nella giungla cambogiana per seguire una spietata caccia all'uomo senza esclusione di colpi

Leggi
predatori dell'arca perduta set spielberg ford
Azione & Avventura

I Predatori dell’Arca Perduta: la genesi del film secondo Steven Spielberg e George Lucas

di Redazione Il Cineocchio

Nel 1981, a ridosso dell'uscita nei cinema, il regista e il produttore esecutivo raccontavano candidamente la nascita della prima avventura di Indiana Jones e la loro collaborazione

Leggi
Azione & Avventura

Trailer per Madness in the Method: Jason Mewes e Kevin Smith ancora insieme (con molti special guest)

di Redazione Il Cineocchio

Tra i moltissimi ospiti della meta-commedia satirica ci sono Vinnie Jones, Gina Carano, Teri Hatcher e Stan Lee

Leggi
Lupin III film 3d 2019
Azione & Avventura

Teaser per Lupin The Third: The First, film animato in 3DCG sul ladro in giacca rossa

di Redazione Il Cineocchio

Dopo oltre 20 anni, il personaggio creato da Monkey Punch torna al cinema per una nuova avventura in compagnia di Jigen, Goemon, Fujiko e Zenigata

Leggi
sub-zero mortal kombat
Azione & Avventura

Mortal Kombat: trovato Sub-Zero e data di uscita per il reboot prodotto da James Wan

di Redazione Il Cineocchio

È un grande esperto di arti marziali il primo interprete ufficiale del film diretto da Simon McQuoid

Leggi
Cavalieri dello Zodiaco Netflix 2019
Azione & Avventura

Trailer italiano per I Cavalieri dello Zodiaco: voci storiche per la serie remake di Netflix

di Redazione Il Cineocchio

Il colosso dello streaming sembra aver scongiurato un altro 'caso Cannarsi', coi fan che, se non altro, non potranno contestare il doppiaggio

Leggi
Escape Plan 3 - L'ultima sfida film Sylvester Stallone
Azione & Avventura

Escape Plan 3 – L’ultima sfida | La recensione del film che spreca Sylvester Stallone e Dave Bautista

di William Maga

Dopo il terribile secondo capitolo, i due attori si prestano a un altro film assolutamente dimenticabile, in cui peraltro non sono esattamente protagonisti

Leggi
spider-man far from home londra
Azione & Avventura

Spider-Man: Far From Home | La recensione della gita in Europa di Tom Holland

di William Maga

Il sequel firmato ancora da Jon Watts ci porta a spasso per il Vecchio Continente, puntando forte sulle gag e un'impacciata romance, e aggiungendo a una formula collaudata il misterioso Jake Gyllenhaal

Leggi
diabolik ed eva
Azione & Avventura

Diabolik dei Manetti Bros.: ufficiali i 3 protagonisti del film; c’è il logo

di Redazione Il Cineocchio

A 50 anni dal primo tentativo pop di Mario Bava, il 're del terrore' tornerà al cinema per una nuova avventura

Leggi
angel has fallen film butler
Azione & Avventura

Trailer per Attacco al potere 3: Gerard Butler sotto accusa deve salvare il Presidente

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Morgan Freeman, Jada Pinkett Smith e Nick Nolte nel terzo film della saga action patriottica iniziata nel 2013

Leggi
jumanji the next level film 2019
Azione & Avventura

Trailer per Jumanji: The Next Level, il gioco ricomincia con nuovi scenari

di Redazione Il Cineocchio

Nella terza avventura della saga, al fianco di Dwayne Johnson, Karen Gillan, Kevin Hart e Jack Black ci sono anche ​Danny DeVito e Danny Glover

Leggi
Sandra Bullock e Keanu Reeves in Speed (1994)
Azione & Avventura

Dossier | Speed: 25 anni a tutta velocità con Keanu Reeves e Sandra Bullock

di Francesco Chello

Riscopriamo l'action diretto da Jan de Bont, che nel 1994 ridefiniva il concetto di adrenalina e di corsa contro il tempo sul grande schermo

Leggi
Vita segreta di Maria Capasso

Vita segreta di Maria Capasso

18-07-2019

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

18-07-2019

Birba - Micio Combinaguai

Birba - Micio Combinaguai

18-07-2019

Skate Kitchen

Skate Kitchen

18-07-2019

Serenity - L'Isola dell'Inganno

Serenity - L'Isola dell'Inganno

18-07-2019

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

18-07-2019

Raccolto amaro

Raccolto amaro

18-07-2019

Welcome Home

Welcome Home

11-07-2019

Il mostro di St. Pauli

Il mostro di St. Pauli

11-07-2019

Domino

Domino

11-07-2019

RECENSIONE

Powidoki - Il ritratto negato

Powidoki - Il ritratto negato

11-07-2019

G.A.I.A.

G.A.I.A.

10-07-2019

Spider-Man - Far From Home

Spider-Man - Far From Home

10-07-2019

RECENSIONE