Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Recensione | Bright di David Ayer

6/10 su 3361 voti. Titolo originale: Bright, uscita: 22-12-2017. Budget: $90,000,000. Regista: David Ayer.

Recensione | Bright di David Ayer

23/12/2017 recensione di Alessandro Gamma

Will Smith e Joel Edgerton sono la strana coppia di protagonisti di un poliziesco d'azione piuttosto derivativo e parziale, che ha nella sua insolita e inedita veste fantasy un grande punto di forza

Ci sono un poliziotto umano di colore integerrimo che non sa come sbarcare il lunario, un orco rinnegato dalla sua stessa gente che sogna fin da bambino di pattugliare le strade e far rispettare la legge e una giovane donna elfo dai capelli bianchi in fuga con una bacchetta magica … No, non si tratta dell’inizio di una qualche curiosa barzelletta, ma dei protagonisti di Bright, kolossal fantasy originale costato a Netflix ben 90 milioni di dollari e affidato al regista David Ayer (Suicide Squad).

Ambientato nell’arco di 24 ore nella Los Angeles di un presente alternativo in cui umani, orchi, elfi, fatine e altre creature incantate (tra cui draghi volanti, centauri e nani) vivono fianco a fianco da migliaia di anni, nel corso di un pattugliamento notturno di routine, due poliziotti costretti dall’alto a lavorare insieme, l’umano Daryl Ward (Will Smith) e l’orco Nick Jakoby (Joel Edgerton), si imbattono in Tikka (Lucy Fry), giovane elfo incredibilmente in possesso di una bacchetta magica che sta fuggendo da qualcuno, vaneggiando di mistiche e catastrofiche profezie. Inizialmente scettici, i due agenti si ricredono in fretta quando capiscono che sulle tracce del potentissimo oggetto magico ci sono i soggetti più disparati (ma tutti ugualmente pericolosi), dai colleghi corrotti alle gang locali armate fino ai denti, dai federali che si occupano di affari legati alla magia ai membri degli Inferni, una setta elfica capeggiata dall’inarrestabile Leilah (Noomi Rapace), che intende riprendersi ciò che le appartiene. L’improbabile trio si ritrova così a fuggire da un quartiere all’altro, nel tentativo di sopravvivere alla notte e di trovare alleati di cui fidarsi, per scongiurare il ritorno sulla Terra del Signore Oscuro, portatore di caos e distruzione sconfitto millenni prima.

Bisogna partire da un presupposto importate: Ayer non soltanto è dietro alla sceneggiatura di Indagini sporche – Dark Blue e di Training Day (film e serie TV), ma ha scritto e diretto anche Harsh Times e End of Watch. Questa premessa doverosa per dire che il quasi cinquantenne è uno che sa molto bene come trattare un film drammatico ambientato a L.A. con sbirri, vita di strada e bande sul piede di guerra. Bright però è stato pensato da Max Landis, uno che ha in curriculum roba come American Ultra e che si trova molto più a suo agio con il fantastico e lo scherzo. Dalla fusione di questi due mondi esce fuori – con le dovute proporzioni – una sorta di Bad Boys 3 in fieri ambientato in una fantasylandia specchio deformato del nostro mondo, una città tutt’altro che da fiaba e fortemente metaforica.

E’ così allora che i pochi uomini (non donne attenzione) bianchi presenti sono tutti – nessuno escluso – dei bastardi, i neri si trasformano in orchi dalla pelle bluastra – pestati senza problemi e senza pietà dai poliziotti, i ricchi al potere si tramutano in elfi dai vestiti firmati che vivono in quartieri extra lusso e i messicani … beh, i messicani restano i messicani, dal cuore d’oro e vessati un po’ da tutti i lati, ma non troppo. A dirla tutta, gli orchi – per loro stessa natura cattivi da sempre – nel corso del film vengono associati un po’ a qualsiasi criminale medio che si possa immaginare, dal ladruncolo al neo-nazi, ma vediamo anche gang composte da neri e latinos umani. Il tutto a tempo di musica rap e hip-hop naturalmente (fatta eccezione per la scena nel club, dove vige stranamente lo speed metal).

Di per sé non c’è proprio nulla di particolarmente innovativo nella trama, che ricalca uno schema decisamente classico e sostanzialmente incrocia il passaggio da un quartiere pericoloso a quello successivo – di notte – canonizzato da Walter Hill nel seminale I Guerrieri della Notte fin dal 1979 con la protezione a ogni costo di un essere ‘speciale’ spaesato e quasi sicuramente dotato di poteri alla Leeloo di Il Quinto Elemento. Il tutto spruzzato di conflitti razziali e difficile integrazione alla Alien Nation. 

La carta del buddy movie – non esattamente nelle corde del regista – non è praticamente mai giocata invece fino all’ultimissima parte, perchè Smith e Edgerton sono tutt’altro che amiconi e quindi lo spazio riservato alle battute e alle prese in giro reciproche di rito risulta piuttosto limitato. Anche il lato ‘magico’ non risulta predominante, preferendo spesso e volentieri furibonde sparatorie, risse a calci e pugni e inseguimenti in macchina a incantesimi e colpi di Expecto Patronum del caso. Questo porta Bright ad essere piuttosto realistico nella messa in scena della violenza mostrata da Ayer, che non lesina su sgozzamenti, crivellamenti e schiacciamenti. A far guadagnare alla pellicola l’R-Rating concorrono infine diverse scene di nudi femminili. L’unico elemento che un po’ a sorpresa non entra mai in gioco sono le droghe …

Se essere estimatori dei titoli sopra citati e dell’azione ben orchestrata potrebbe allora risultare più che sufficiente per apprezzare il film, qualche problema potrebbe derivare sia dalla recitazione di Smith, non sempre all’altezza, specie sul fronte drammatico, sia soprattutto dall’ambizione intrinseca di Bright, che punta a creare dal nulla un intero universo fantastico sfaccettatissimo non fornendo tuttavia allo spettatore i minimi strumenti necessari per comprenderlo appieno.

Vengono buttati lì riferimenti a conflitti millenari con il tale Signore Oscuro (ogni riferimento a Sauron è puramente voluto) risolti solamente grazie alla magia, cacce apparentemente immotivate alle povere fatine svolazzanti e l’odio congenito verso gli orchi (che comunque vivono in mezzo agli altri senza grossi problemi …), senza contare la questione centrale dei Bright del titolo, creature di qualsiasi razza – pare – uniche però in grado di maneggiare una bacchetta magica (anche qui, quante ce ne sono? sono rare? a cosa servono esattamente?). Questi per non focalizzarsi su aspetti come la struttura esatta della società di questo mondo nel quale veniamo scaraventati e di cui ci vengono dati solo pochi brandelli di informazione sparsi. Un potenziale davvero enorme che meriterebbe senz’altro di essere approfondito.

E’ stato stroncatissimo dalla critica americana, che probabilmente preferisce remake, reboot e sequel sempre e comunque. In ogni caso, un seguito è già stato confermato e auspicabilmente non potrà che andare a colmare le caselle lasciate vuote qui in vista di un disegno più grande e che richiede tempo. Così oltreoceano potranno cominciare ad apprezzarlo serenamente.

Di seguito il trailer in italiano della pellicola, a catalogo Netflix dal 22 dicembre:

Will Smith
Joel Edgerton
Noomi Rapace
Chris Browning
Edgar Ramírez
Ike Barinholtz
Lucy Fry
Dawn Olivieri
Kenneth Choi
Andrea Navedo
Brad William Henke
Matt Gerald
Nadia Sloane
Luis Moncada
Alex Meraz
Happy Anderson
Bobby Naderi
Brandon Larracuente
Laura Vallejo
Craig Henningsen
Scarlet Spencer
Ngô Thanh Vân
Margaret Cho
Joseph Piccuirro
Jay Hernandez
Enrique Murciano
Carlos Linares
Bunnie Rivera
Bailey Edwards
Rosemary Stevens
Greg Joung Paik
Cle Shaheed Sloan
Robert Jekabson
Derek Graf
John Duff
Jamal Duff
Aaron V. Williamson
Tim Sitarz
Jos Viramontes
Aileen Burdock
Briana Henry
Lesley Shires
René Mena
Chelsea Rendon
Daryn D. Dupree
Blue Mesquita
Natalie Camunas
Regan Talley
Gabriel Ortega
Roberto Garcia
Kevin Vance
Ignacio Rodriguera
Eugene Villanueva
Adan Mendoza Jr.
Hector Chavez
Raul Cuellar
Gabriel Lopez
Keenen Bray
Diane Boose
Joe Rogan
undone serie amazon rosa salazar
Sci-Fi & Fantasy

Undone | La recensione della serie animata di Amazon con Rosa Salazar e Bob Odenkirk

di William Maga

Raphael Bob-Waksberg (BoJack Horseman) e Kate Purdy portano sul piccolo schermo un ritratto doloroso e complesso della malattia mentale, avvalendosi di una tecnica d'animazione tanto azzardata quanto efficace

Leggi
Daybreak (2019) serie netflix
Sci-Fi & Fantasy

Teaser per Daybreak: il post Apocalisse è irriverente nella serie Netflix con Matthew Broderick

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Brad Peyton adatta per il piccolo schermo il fumetto indipendente di Brian Ralph, che dà una nuova lettura adolescenziale e divertita delle atmosfere alla Mad Max

Leggi
Blood Machines (2019) film carpenter brut
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Blood Machines, l’immaginifica space opera retrò di Seth Ickerman

di Redazione Il Cineocchio

L'inventivo duo francese espande il concept dell'acclamato videoclip Turbo Killer del 2016, avvalendosi delle musiche a tutto synth del musicista Carpenter Brut

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Il Trono di Spade: c’è lo script del pilot di Fire and Blood, spin-off prequel sui Targaryen

di Redazione Il Cineocchio

Dopo The Long Night, HBO prepara un'altra serie ambientata nel passato, con la benedizione di George R.R. Martin

Leggi
Ridley Scott in Blade Runner (1982)
Sci-Fi & Fantasy

Tra le pieghe del tempo | Ridley Scott nel 1997: “Giro Blade Runner 2, ispirato da Anne Rice”

di Redazione Il Cineocchio

Già 20 anni prima che ci mettesse mano Denis Villeneuve, il regista del seminale film del 1982 rivelava a sorpresa i dettagli del concept del sequel e l'influenza della scrittrice sulla decisione

Leggi
orlando e cara carnival row serie
Sci-Fi & Fantasy

Carnival Row | La recensione della serie fantasy vittoriana con Orlando Bloom e Cara Delevingne

di William Maga

Ci sono gli Amazon Studios dietro alla prima stagione dello show originale che maschera temi sociali attualissimi dietro una patina di magia e steampunk

Leggi
dark crystal la resistenza serie 2019 netflix
Sci-Fi & Fantasy

Dark Crystal: la Resistenza | La recensione della serie prequel che ci riporta a Thra

di William Maga

Dopo quasi 40 anni, il regista Louis Leterrier e Netflix realizzano un prequel al classico del cinema fantasy di Frank Oz e Jim Henson, un rispettoso tributo che è una festa per gli occhi e per lo spirito

Leggi
parodie hard fantascienza film xxx porno
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Storia delle parodie porno dei classici della fantascienza in 25 film

di Redazione Il Cineocchio

Fin dal lontano 1974, l'industria del cinema per adulti ha 'omaggiato' a modo suo i grossi successi al botteghino e le serie TV più popolari, andando a creare un sottogenere ancora oggi florido

Leggi
bozzetto Victor Togliani GILGAMESH MANIFESTO
Sci-Fi & Fantasy

Intervista | Victor Togliani: “Voglio portare sul grande schermo l’Epopea di Gilgamesh”

di Alessandro Gamma

Abbiamo incontrato nuovamente l'artista, che ci ha parlato del suo ambizioso progetto di lunga data di un film sul primo poema della storia dell'umanità, mostrandoci anche alcuni bozzetti in anteprima assoluta

Leggi
no.7 cherry lane film 2019
Sci-Fi & Fantasy

No.7 Cherry Lane | La recensione del film animato di Yonfan (Venezia 76)

di Teresa Scarale

Vincitore per la miglior sceneggiatura a Venezia 76, il primo lungometraggio disegnato del regista cinese 71enne avanza al ritmo di un bradipo letargico. Ma, accettando di sperimentare in prima persona la relatività del tempo, si verrà rimunerati con anticonformismo, eros, poesia. E con quel tocco di spirito rivoluzionario, così irresistibile in una donna elegante

Leggi
leone d'oro venezia 76
Sci-Fi & Fantasy

Diario da Venezia 76 | Giorno 10: pagellone finale e pronostici dei vincitori

di Giovanni Mottola

Siamo giunti alla fine dell'edizione 2019, quindi non ci resta che tirare le somme

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Recensione Blu-ray | Dredd – Il Giudice Dell’Apocalisse + Stake Land 2

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni del fanta-poliziesco di Pete Travis, distribuito dopo 7 anni di oblio, e dell'horror diretto da Dan Berk e Robert Olsen

Leggi
disincanto serie stagione 2 netflix
Sci-Fi & Fantasy

Teaser lungo per Disincanto parte 2: Bean scende all’Inferno nella serie animata di Netflix

di Redazione Il Cineocchio

Nei nuovi episodi dello show animato originale di Netflix, la principessa ubriacona e il demonietto Luci si metteranno sulle tracce dell'amico perduto, incontrando pericoli di ogni sorta

Leggi
summer glau fireflfy serie
Sci-Fi & Fantasy

Summer Glau su Firefly: “Sono combattuta sul reboot; non so se sarebbe giusto farlo”

di Redazione Il Cineocchio

La protagonista dell'amata - e sfortunata - serie di Joss Whedon del 2002 ha parlato del perché rimetterci mano oggi potrebbe non essere una cosa positiva, specie per i fan

Leggi
matthias hues arma non convenzionale
Sci-Fi & Fantasy

Matthias Hues su Arma non convenzionale: “Nessuna chimica con Dolph Lundgren sul set”

di Redazione Il Cineocchio

A quasi 30 anni dall'uscita, l'attore tedesco ha ricordato l'esperienza nel film cult diretto da Craig R. Baxley

Leggi