Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » [recensione] Downsizing – Vivere alla grande di Alexander Payne

5/10 su 2397 voti. Titolo originale: Downsizing, uscita: 22-12-2017. Budget: $68,000,000. Regista: Alexander Payne.

[recensione] Downsizing – Vivere alla grande di Alexander Payne

19/09/2017 recensione film di Teresa Scarale

Un film “rivoluzionario” che dopo la prima mezzora si sgonfia come un soufflé tirato fuori dal forno, affidando all’eterno ragazzone Matt Damon le sue teorie

Undersize (Supersize?) it

Cosa succederebbe se d’improvviso, per far fronte alle risorse scarse del Pianeta, fosse disponibile una tecnologia che permettesse a chiunque lo volesse di ridurre il proprio corpo a pochi centimetri d’altezza? Detta così, la proposta non parrebbe particolarmente allettante. Tuttavia cosa accadrebbe se unitamente a centimetri e chilogrammi riducessimo nella stessa misura anche i nostri esborsi monetari? Diventeremmo miliardari in termini di economia reale. Genialità del marketing ecologista? Mica tanto. Essere una frazione d’uomo comporta un consumo che è una frazione rispetto a quello delle persone “normali”. E il misero stipendio di un precario impiegato americano avrebbe un valore reale elevatissimo, diventando un lauto vitalizio. Mutui, debiti, quarta settimana del mese, incertezza diverrebbero su un campo da golf o in una spa sbiaditi ricordi di una vita lontana.

downsizing poster filmIn Downsizing – Vivere alla grande di Alexander Payne (Paradiso amaro), scelto come film di apertura dell’ultima Mostra del Cinema di Venezia, è il massaggiatore / fisioterapista Paul Safranek (Matt DamonSopravvissuto – The Martian) con la sua mogliettina Kristen Wiig (Ghostbusters 2016) a lasciarsi sedurre da queste prospettive di benessere (più che dall’anelito ambientalista). Nella lungometraggio infatti, dal primigenio villaggio sperimentale in Norvegia, sorta di Mecca degli gnomi, si arriva a una vera e propria proliferazione di “mini mondi” in tutti i continenti. Tale miniaturizzazione non è però una scelta condivisa da tutta la popolazione. Solo una minima parte degli abitanti della Terra decide di optare per questa scelta irreversibile, con la conseguenza che i due mondi si trovano così a coesistere …

L’ultima fatica di Payne prende le mosse da un soggetto indubbiamente interessante e potenzialmente esplosivo. E’ possibile una coesistenza pacifica fra il mondo dei “giganti” e quello dei “miniaturizzati”? L’umanità riuscirà a restare immune da invidie e gelosie nei confronti dei nuovi ricchi? E dal punto di vista minuto: davvero un mondo in cui tutti sono ugualmente ricchi è possibile? Per quanto tempo resisterebbe il potere d’acquisto della moneta nel mini mondo? Le questioni sarebbero varie e decisamente stuzzicanti, ma il film che ha per protagonista il gommoso Damon spreca consumisticamente ogni occasione di indagine. Tocchi di terzomondismo, politicamente corretto, catastrofismo, religione, pauperismo, sentimentalismo; non manca praticamente nulla. Lo script, redatto dallo stesso Payne con Jim Taylor (Oscar per la Miglior sceneggiatura non originale per Sideways – In viaggio con Jack), è pieno di repentine svolte a gomito: incoerenti, distraenti, banalizzanti.

downsizing payne veneziaSi segnala tuttavia la spassosa presenza di Christoph Waltz (The Hateful Eight) qui il più bravo, nel ruolo dello strampalato affarista slavo Dusan Mirkovic, personaggio in grado di strappare qualche risata e di alleggerire l’atmosfera, a tratti da mélo. Menzione speciale anche per Hong Chau (Vizio di forma), sul cui ruolo non ci soffermiamo, per non incorrere nei temuti spoiler. Resta però il fatto che dei tanti aspetti della storia, non ne viene approfondito nessuno. La conseguenza è che il racconto viene frantumato in segmenti narrativi di scarsa tenuta e interesse, per la durata non certo miniaturizzata di due ore e un quarto. Raffazzonato e sovraccarico a sua insaputa, Downsizing – Vivere alla grande è in definitiva un film deludente per struttura, esiti e ritmo.

Di seguito il full trailer italiano e americano della pellicola, che uscirà nei nostri cinema nel 2018 (negli Stati Uniti il 22 dicembre):

star wars l'impero colpisce film
Sci-Fi & Fantasy

George Lucas su Star Wars: “Nel 1980 pensai di vendere il franchise alla Fox; vi dico perché cambiai idea”

di Redazione Il Cineocchio

Il creatore della saga rivela cosa gli passò per la testa prima di girare L'impero colpisce ancora

Leggi
labyrinth 1986 film
Sci-Fi & Fantasy

Labyrinth: Scott Derrickson alla regia del sequel; i dettagli sui nomi coinvolti

di Redazione Il Cineocchio

Dopo l'abbandono di Fede Alvarez, la TriStar Pictures non ha perso tempo a trovare un rimpiazzo per il film

Leggi
the wanting mare film 2020
Sci-Fi & Fantasy

Teaser per The Wanting Mare, fantasy girato in un magazzino (produce Shane Carruth)

di Redazione Il Cineocchio

L'esperto di effetti speciali Nicholas Ashe Bateman esordisce alla regia con un film che ha richiesto 5 anni di post-produzione per essere ultimato

Leggi
dark stagione 3 serie netflix 2020
the room la stanza del desiderio film
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per The Room: Olga Kurylenko trova la stanza del desiderio (e degli incubi)

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 13 anni di pausa, il regista Christian Volckman torna dietro alla mdp per un fanta-horror che ci ricorda di far sempre attenzione a ciò che si desidera

Leggi