Home » Cinema » Azione & Avventura » Recensione | Ocean’s 8 di Gary Ross

6/10 su 2353 voti. Titolo originale: Ocean's Eight, uscita: 07-06-2018. Budget: $70,000,000. Regista: Gary Ross.

Recensione | Ocean’s 8 di Gary Ross

di William Maga

Sandra Bullock, Cate Blanchett e Anne Hathaway guidano un cast tutto al femminile il cui grande potenziale viene scialacquato malamente da una regia poco ispirata e da una sceneggiatura incredibilmente semplicistica e facilona

In un certo senso, il deludente Ocean’s 8 è finito vittima del suo stesso concept. Prendete un gruppetto delle attrici hollywoodiane più carismatiche (e, non a caso, stilose) e infilatele in un film buttale insieme per creare una versione ‘in rosa’ dei mitici colpi alla Ocean ambientata nel mondo ‘tutto femminile’ dell’alta moda, dei gioielli e dell’arte invece che nel ‘maschilissimo’ ambiente dei casinò. A posteriori, deve essere sembrato un gioco da ragazzi; un’idea così forte (e attuale) e una pellicola così ben pianificata dalla Warner Bros. che praticamente il successo sarebbe stato garantito ancora prima che venisse girato il primo fotogramma. Sfortunatamente, alla fine, i trailer e gli scatti promozionali per i quali molti si sono entusiasmati si sono rivelati alla fine ben più eccitanti del lungometraggio stesso. Una volta impostati il cast e l’idea di fondo, tutto il pensiero creativo sembra però essersi prosciugato, lasciando un manipolo di dotate interpreti (Sandra Bullock, Cate Blanchett, Anne Hathaway, Sarah Paulson, Helena Bonham-Carter) a farsi debolmente debolmente attraverso materiale ai limiti del trasparente.

Debbie Ocean (Bullock), sorella di Danny (George Clooney, che appare solo in fotografia), ha passato cinque anni in galera a progettare la rapina del secolo di una preziosissima collana di diamanti nel corso dell’annuale e riservatissimo Met Gala di New York. Mette su così una variopinta squadra composta da Lou (Blanchett), Rose (Bonham Carter), Palla Nove (Rihanna), Amita (Mindy Kaling), Tammy (Paulson) e Constance (Awkwafina). Tutto sembra essere stato organizzato alla perfezione, ma presto cominciano a spuntare degli imprevisti.

Un buon heist movie ha bisogno di due cose: una tensione latente che raggiunge un crescendo dal terzo atto e protagonisti con una chimica elevatissima. Se è vero che sul secondo elemento ci siamo abbastanza, il film diretto da Gary Ross (Hunger Games) non riesce comunque a esplorarlo al meglio. Ma ci torniamo dopo. Per quanto riguarda invece l’eccitazione e il senso di pericolo? Beh, completamente inesistenti. Senza anticipare nulla, diciamo solo che la grande rapina stessa non ha il tipo di momenti ad alto potenziale ansiogeno che ci si aspetterebbe da opere di questo tipo. Una gran parte della preparazione consiste nel garantirsi un posto di lavoro in un settore ‘tattico’ alla riuscita o nell’occuparsi di seminare pettegolezzi sui giornali, entrambe mansioni che non generano grande drammaticità. In sostanza, il piano un qualche momento si riduce a “Ok, tu vieni assunta da a Vogue e poi ti fai mettere a capo del catering per il Met Gala“, il che fa sembrare il tutto una fantasia delirante (a cui la Bullock tiene a far sapere aver pensato per oltre 5 anni …). Anche se siete tra la stragrande maggioranza del pubblico che non sa o non si cura di quanto siano praticamente impossibili entrambe le cose, lo script ‘for dummies’ di Gary Ross e Olivia Milch ha già fatto l’impossibile per chiarire quanto siano rarefatti e sicuri questi due mondi. Quindi si ignora prontamente tale postulato per procedere col piano, minando ovviamente una delle premesse fondamentali della storia.

Tutte quante poi vanno perfettamente d’accordo, pur conoscendosi ben poco. Non è chiaro se a monte ci fosse un qualche tipo di paura che i personaggi sarebbero sembrati meschini e irascibili qualora fossero nati conflitti, fatto sta che la mancanza di attriti è un altro problema. Un gruppo di donne (assolutamente stereotipate, specie le ‘minoranze etniche’ rappresentate da Rihanna, Mindy Kaling e Awkwafina) si riunisce, annuisce l’un l’altro in riconoscimento, e tutte si mettono al lavoro per essere assolutamente fantastiche. Fine. L’intero Ocean’s 8 sembra un incontro di lavoro molto ben gestito, in cui ognuno segue la linea guida dichiarata, prende note meticolose ed è davvero bravo in quel che fa. Si può perfettamente comprendere come tanta linearità possa risultate attraente per quella fetta del pubblico – in particolare femminile – che vuole giustamente vedere al cinema molti più esempi di donne coraggiosamente fiduciose dei propri mezzi. Non c’è niente di sbagliato nel dare a qualcuno di questi personaggi un po’ di spavalderia, ma una storia senza battibecchi – niente di necessariamente violento – e un po’ più di luce sulle interazioni personali non offre molto allo spettatore con cui interagire e relazionarsi. E quando arriva il momento di mettere in moto la clamorosa rapina, alcune informazioni fino a quel momento sconosciute rende improvvisamente impossibile l’intera impresa – finché la sorella di qualcuna non esce dal nulla per risolvere il problema e poi scompare altrettanto velocemente. Un esempio indicativo dell’intero approccio semplicistico (aka campato per aria) alla storia. Nel terzo atto assistiamo poi a un ulteriore colpo di scena che non sembra nemmeno un twist quanto piuttosto un’intera nuova sotto-trama, non immaginabile e potenzialmente più interessante accaduta mentre la trama principale si svolgeva davanti ai nostri occhi. E dopo aver fallito nell’utilizzare le attrici presenti al massimo delle loro potenzialità, dobbiamo rimanere seduti davanti all’ultimo arrivato James Corden che cattura i riflettori per una buona parte del’ultima mezz’ora; qualcosa che nessuno stava reclamando a gran voce.

Eppure, ci sono minuti in cui Ocean’s 8 sembra proprio parlare direttamente – e soltanto – ai blogger di moda e a chi è inserito nei meccanismi interni e nelle manovre politiche coinvolte nella pianificazione del celebre Met Gala e può individuare una super modella come Bella Hadid a metri di distanza o ricordarsi dell’amore di Anna Wintour per il tennis. Gary Ross ha chiaramente un pubblico specifico in mente e si sforza di dargli pertanto ciò che presume voglia vedere. Assistiamo quindi a un susseguirsi di scene al banco dei profumi del Bergdorf Goodman di New York, negli uffici di Vogue, nel caveau di Cartier, al Met (ovviamente), in prima fila a una sfilata di moda e sul red carpet, che tuttavia lasciano tutti gli altri a chiedersi se ci sia davvero abbastanza gente di questi settori specifici disposta a pagare un biglietto per entrare in sala. Il film diventa così una sorta di Sex and the City 3: rapina al Met Gala. Immaginate se il criticatissimo reboot di Ghostbusters di Paul Feig fosse stato incentrato esclusivamente sul make-up, la cucina e su altri interessi convenzionalmente femminili. Niente di male a credere che una parte del pubblico troverà questi aspetti interessanti, ma suona anche ben poco progressista e sessista. Detto questo, il potere di queste attrici che si uniscono come gli Avengers è difficile da negare, anche se alcune delle cose migliori accadono quando sono separate. Sandra Bullock da sola nei primi dieci minuti del film è probabilmente la parte più leggera e divertente dell’intero film. Ha anche una scena finale sorprendentemente toccante – di nuovo, da sola. Il fatto che sia solitaria nelle sue scene migliori non sfugge all’occhio attento. Proprio come non sfugge che Anne Hathaway praticamente si porta a casa l’intero Oceans’ 8 nelle sequenze in cui si trova lontana dal cast principale. Questo non perché le colleghe siano scarse, ma perché qualsiasi scena che permetta loro un po’ di tempo da sole rappresenta i soli momenti in cui ciascuna si può esprimere davvero. Quando sono vicine, eseguono solo diligentemente il compitino.

Per essere onesti, molte delle interazioni sono occasionalmente divertenti, è solo che tendono a perdere quell’energia che sarebbe necessaria. La Bullock e Kate Blanchett si sforzano duramente – e in gran parte riescono – a dare alla loro relazione maggiore profondità, ma la sceneggiatura è davvero parco di pagine su cui lavorare. Sono lasciate sole a fare le spaccone, a sfoggiare abiti fantastici e giocherellare l’una con l’altra. La Hathaway interpreta invece con verve un’attrice famosissima, giocando simpaticamente sul binomio apparenza/realtà. C’ infine un breve scambio in cui viene chiarito dalla Bullock perchè non voglia uomini nella squadra e se la sceneggiatura esplicita bene perché questo non sia il caso, non viene realmente dato un seguito all’affermazione. La protagonista ha subìto un torto dal fidanzato – un elemento non incidentale per l’intera vicenda -, ma è una sorta di motivazione piuttosto piatta – e peggio ancora, un cliché – per le sue azioni. Come per tutte le altre altre, a parte l’evidente allure del bottino finale, non vengono esplorate le motivazioni di nessuna, se non basilarmente e stereotipicamente. Una vuole allontanarsi dai membri della famiglia che la tormentano sul luogo di lavoro. Un’altra è una casalinga annoiata con due bimbi a cui manca l’azione. Dopo ciò, le motivazioni diventano sempre meno chiare. Un buon heist movie dovrebbe stabilire alcune forti sfide emotive per almeno alcuni dei personaggi coinvolti, ma Ocean’s 8, come in molte delle sue decisioni creative, passa con estrema leggerezza oltre tali considerazioni.

L’atteggiamento spavaldo, la evidente chimica che le attrici condividono e i tempi maturi, darebbero l’impressione che questo cast sia disposto e capace di (ri)lanciare il proprio franchise. Sfortunatamente, la sceneggiatura e la regia non le hanno affatto aiutate in tal senso (anche se il pubblico ha comunque premiato l’operazione). Nota da tenere a mente: scopiazzare il lavoro di Steven Soderbergh non è sufficiente a rendere un film alla sua altezza.

Di seguito il trailer italiano di Ocean’s 8, nei nostri cinema dal 26 luglio:

Sandra Bullock
Cate Blanchett
Mindy Kaling
Helena Bonham Carter
Awkwafina
Rihanna
Anne Hathaway
Sarah Paulson
Dakota Fanning
Katie Holmes
James Corden
Anna Wintour
Kendall Jenner
Kylie Jenner
Adriana Lima
Gideon Glick
Hailey Baldwin
Olivia Munn
Alexander Wang
Zac Posen
Maria Sharapova
Richard Armitage
Shannon Freyer
Nathanya Alexander
Jonathan Gregg
Lauren Santo Domingo
James Biberi
Derek Blasberg
Friday Chamberlain
Robbie DeRaffele
Nea Dune
Denisa Juhos
Marko Caka
Michael Gandolfini
Brian Anthony Wilson
Frank Modica
Samantha Cocozza
Conor Donovan
Sophia Smith
Carlo Sciortino
Annabelle Chow
Candice A. Buenrostro
Katrina E. Perkins
Alexander Blaise
Zachary Le Vey
Bridget Gabbe
Takako Haywood
Elizabeth Inghram
Afsheen Olyaie
Bridget Russell Kennedy
Portia Backus
Emmy Elliott
Amelie McKendry
Shade Rupe
Michael J. Burg
Ronald Scott Maestri
Vitaly Andrew LeBeau
Chris Banks
Nathaniel Beal
Slim Khezri
Kenneth Maharaj
Nina Cuso
Simon Feil
Steven Hauck
John Buscemi
Daniella Rabbani
Dean Morris
Rajeev Pahuja
D Ivery
Richard R. Corapi
Abigail Rich
Salvatore DiSanto
Timothy Woods
Suzanne Jaehne
Marcos A. Gonzalez
Matthew Provenza
Morgan Cohen
David Gibson
Stefan Ackermann
Oscar Pavlo
Michael D. Joseph
Charles Prendergast
Migs Govea
Cooper Carrell
Justin S Kirkland
Ashlee Renz-Hotz
Joshua Salvador
Emily Saggese
Angela Bilkic
Ana Valdes
Kim Kardashian
Jaime King
George Walsh
Shaobo Qin
Elliott Gould
Heidi Klum
Serena Williams
Griffin Dunne
Marlo Thomas
Dana Ivey
Mary Louise Wilson
Elizabeth Ashley
Doris McCarthy
Gigi Hadid
Lily Aldridge
Richard Robichaux
Common
Waris Ahluwalia
Jaime King
Sofia Richie
Azione & Avventura

Recensione | Robin Hood – L’origine della Leggenda di Otto Bathurst

di William Maga

Taron Egerton è lo sventurato protagonista di una rilettura insulsamente revisionista, tanto assurda quanto spudoratamente pressapochista, delle prime avventure del principe dei ladri

Leggi
Azione & Avventura

Sylvester Stallone su Rocky IV: “Vi racconto perchè scelsi Dolph Lundgren”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista e protagonista del film del 1985 ha ricordato perchè decise di puntare su uno sconosciuto per il ruolo di Ivan Drago

Leggi
Once Upon a Deadpool film
Azione & Avventura

Trailer per Once Upon a Deadpool: “PG-13, ma 8 scene nuove e contro il cancro”

di Redazione Il Cineocchio

La nuova versione natalizia e benefica di Deadpool 2 vedrà tra i protagonisti anche Fred Savage e renderà omaggio a La Storia Fantastica

Leggi
jason momoa aquaman film
Azione & Avventura

Nel trailer finale, Aquaman impugna il tridente per unificare Atlantide

di Redazione Il Cineocchio

Affiancato della rossa Amber Heard, l'eroe DC dovrà assumersi le proprie responsabilità e contrastare la sete di potere del malvagio Patrick Wilson

Leggi
The Mortal Remains ballata buster scruggs coen
Azione & Avventura

La ballata di Buster Scruggs: spieghiamo The Mortal Remains e l’alone di morte del film dei Coen

di Redazione Il Cineocchio

Nell'ultimo segmento, i due registi si cimentano col soprannaturale e l'Aldilà, coinvolgendo Brendan Gleeson e Jonjo O'Neill

Leggi
La ballata di Buster Scruggs coen netflix
Azione & Avventura

Recensione | La ballata di Buster Scruggs di Joel e Ethan Coen

di William Maga

I due fratelli si divertono a decostruire i canoni del genere western, imbastendo sei storie brevi capaci di sovvertire il mito americano della frontiera

Leggi
Backtrace film sylvester stallone
Azione & Avventura

Nel trailer di Backtrace, Sylvester Stallone insegue un rapinatore senza memoria

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Matthew Modine e Ryan Guzman nell'action thriller low budget diretto da Brian A. Miller

Leggi
sky scrappers corto oswald coniglio disney
Azione & Avventura

Ritrovato dopo 90 anni Neck ‘n’ Neck, corto animato di Oswald il coniglio fortunato

di Redazione Il Cineocchio

Il breve film con il personaggio precursore di Topolino, datato 1928, si credeva perduto per sempre

Leggi
Sylvester Stallone in Rambo III (1988)
Azione & Avventura

David Morrell su Rambo: “Vi dico perchè saltò la serie TV; pensammo a un quinto film sentimentale”

di Redazione Il Cineocchio

Il papà letterario del personaggio ha ricordato gli stravolgimenti pensati dalla Fox e le lunghe chiacchierate con Sylvester Stallone in merito a un possibile capitolo meno violento

Leggi
Natalie Portman e Jean Reno film Léon (1994)
Azione & Avventura

Léon 2: ovvero come il sequel, Mathilda, è diventato Colombiana

di Redazione Il Cineocchio

Ripercorriamo la storia dietro all'action di Olivier Megaton con Zoe Saldana inizialmente pensato da Luc Besson come seguito del classico del 1994

Leggi
godzilla film
Azione & Avventura

Trama ufficiale e cast completo per Godzilla vs. Kong; al via le riprese

di Redazione Il Cineocchio

Toccherà al regista Adam Wingard mettere in scena l'atteso devastante scontro tra i due mostri nel nuovo film che amplierà ulteriormente il MonsterVerse

Leggi
vittorio giardino milano 2018
Azione & Avventura

Intervista esclusiva | Vittorio Giardino, da un romanzo sperimentale alle trasposizioni impossibili dei suoi fumetti

di Alessandro Gamma

Abbiamo incontrato il papà di Jonas Fink e Max Fridman, soffermandoci sul suo grande amore per il cinema e su progetti futuri un po' 'complicati'

Leggi
Escape from Death Block 13 (2018)
Azione & Avventura

Poster per Escape from Death Block 13, con Robert Bronzi incarcerato e rabbioso

di Redazione Il Cineocchio

L'attore sosia di Charles Bronson va sotto copertura nell'action carcerario scritto e diretto dall'esperto di VFX Gary Jones

Leggi
toy story 4 film forky
Azione & Avventura

Nel teaser trailer di Toy Story 4, Forky ha una crisi d’identità

di Redazione Il Cineocchio

Il cowboy Woody dovrà fare i conti con un nuovo problematico giocattolo nella quarta avventura animata diretta dal debuttante Josh Cooley

Leggi
harrison ford indiana jones duello
Azione & Avventura

Harrison Ford su Indiana Jones 5: “Chris Pratt nel film? Allora non ci sarò io!”

di Redazione Il Cineocchio

Il protagonista dei quattro film della saga avventurosa ha aggiornato sullo stato dei lavori e sulla possibilità di vedere il giovane attore al suo fianco

Leggi
Il vizio della speranza

Il vizio della speranza

T. originale: Il Vizio della speranza

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 0 su 1 voti
Upgrade

Upgrade

T. originale: Upgrade

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 7 su 658 voti

RECENSIONE

Morto tra una settimana... O ti ridiamo i soldi

Morto tra una settimana... O ti ridiamo i soldi

T. originale: Dead in a Week (Or Your Money Back)

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 6 su 2 voti
Ralph Spacca Internet

Ralph Spacca Internet

T. originale: Ralph Breaks the Internet

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 9 su 3 voti
Robin Hood - L'origine della leggenda

Robin Hood - L'origine della leggenda

T. originale: Robin Hood

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 6 su 3 voti

RECENSIONE

Almost Nothing - Cern: La Scoperta Del Futuro

Almost Nothing - Cern: La Scoperta Del Futuro

T. originale: Almost Nothing - Cern: Experimental City

Data di uscita: 18-11-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Red Land (Rosso Istria)

Red Land (Rosso Istria)

T. originale: Red Land (Rosso Istria)

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Cosa fai a Capodanno?

Cosa fai a Capodanno?

T. originale: Cosa fai a Capodanno?

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 6 su 2 voti
Summer

Summer

T. originale: Лето

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 8 su 24 voti
Keepers

Keepers

T. originale: Keepers

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 1 su 1 voti

RECENSIONE

Red Zone - 22 Miglia di Fuoco

Red Zone - 22 Miglia di Fuoco

T. originale: Mile 22

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 5 su 362 voti

RECENSIONE

Animali Fantastici - I crimini di Grindelwald

Animali Fantastici - I crimini di Grindelwald

T. originale: Fantastic Beasts: The Crimes of Grindelwald

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 7 su 741 voti

RECENSIONE

Bernini

Bernini

T. originale: Bernini

Data di uscita: 12-11-2018

Voto medio: 6 su 1 voti