Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione | Una preghiera prima dell’alba di Jean-Stéphane Sauvaire

6/10 su 257 voti. Titolo originale: A Prayer Before Dawn, uscita: 24-05-2018. Regista: Jean-Stéphane Sauvaire.

Recensione | Una preghiera prima dell’alba di Jean-Stéphane Sauvaire

09/08/2018 recensione film di William Maga

La trasposizione cinematografica dell'autobiografia di Billy Moore è un viaggio nell'inferno di una prigione thailandese che privilegia la redenzione attraverso lo sport rispetto alla pura exploitation

Leggendo Una preghiera prima dell’alba (A Prayer Before Dawn), l’autobiografia di Billy Moore pubblicata recentemente anche in Italia, si ha l’impressione di leggere la trama di uno dei primi film di Jean-Claude Van Damme. Alla fine degli anni 2000, questo ragazzo di Liverpool, pugile dilettante e piccolo spacciatore, si è ritrovato suo malgrado ad essere l’unico straniero detenuto all’interno di una famigerata prigione thailandese, intraprendendo la via della kickboxing come primaria strategia di sopravvivenza – e anche come metodo per ritrovare il rispetto per sé stesso. Sullo schermo, non mancano l’azione e i combattimenti sul ring, ma il francese Jean-Stéphane Sauvaire – che torna alla regia a 10 anni dal ruvido dramma sui bambini-soldato dell’Africa occidentale Johnny Mad Dog – non è qui molto interessato all’ovvia angolazione exploitation che la vicenda offrirebbe su un un vassoio d’argento. Piuttosto, il suo lavoro privilegia l’estrazione dalla pagine del libro di Moore del significativo viaggio infuso di spiritualità lontano dalla rabbia e dai narcotici e diretto verso la disciplina e l’accettazione di sé.

Per cominciare, aleggia nell’aria una sapore vagamente acre alla Fuga di Mezzanotte – quel senso di demonizzazione che sembra immancabile in qualsiasi sceneggiatura incentrata su un ragazzo bianco che viene sbattuto in qualche posto infernale e dimenticato da Dio. Il Billy dagli occhi sgranati interpretato da Joe Cole deve combattere senza mezzi termini per guadagnarsi il suo metro di pavimento, specie dopo che i suoi compagni di cella lo costringono ad assistere a uno stupro di gruppo punitivo durante la sua prima notte al fresco – un chiaro avvertimento su ciò che lo attenderà se decidesse di non rigare dritto. Tuttavia, se ci aspetteremmo a questo punto probabilmente una storia di maniacale pazienza e di tolleranza davanti alle più difficili delle circostanze, questo adattamento delle memorie di Billy Moore vede invece il protagonista trarre forza dal questo ambiente.

La disciplina e la struttura mentale che abbraccia come parte del suo allenamento nella boxe thailandese non solo lo rendono un combattente più abile ed efficace, ma aumentano anche la sua sicurezza nei suoi mezzi mentre affronta il suo nemico più scoraggiante – l’abitudine all’uso della metanfetamina. Nelle fasi iniziali di Una preghiera prima dell’alba, vediamo che la modalità predefinita del protagonista è quella di fumarsi della “yaba” e pestare qualsiasi cosa gli si pari davanti – ma, a suo credito, il personaggio di Cole coglie la necessità di dover cambiare, e presto decide di seguire le sagge parole di un collega combattente di focalizzare questi attacchi di rabbia dentro al ring. “Guarda e decidi” ha una risonanza esistenziale significativa per lui. Presumibilmente, anche l’affetto di un ladyboy detenuto di nome Fame (Pornchanok Mabklang) gioca un ruolo importante nella rigenerazione di Billy dal fondo dell’abiezione, anche se il film decide purtroppo di allontanarsi da questa sottotrama in modo deludente proprio quando le cose cominciano ad assumere una interessante piega sessuale tra i due.

Emerge una sorta di vaporosità durante le quasi due ore di pellicola, che tocca svariati passaggi della vicenda, coinvolgendo ad esempio una guardia corrotta, alcuni prigionieri assassini e – apparentemente – persino una ferita interna debilitante per Billy, salvo scoprire che si tratta di meri espedienti presto accantonati per portare avanti un po’ la trama. A volte, la sceneggiatura di Jonathan Hirschbein e Nick Saltrese sembra innegabilmente abbozzata, ma Jean-Stéphane Sauvaire ha evidentemente in mente il quadro più ampio, ed è pronto a trascurare alcuni dettagli in favore di una più ampia sensazione di immersione sensoriale totale. La routine e i rituali della vita carceraria e il regime di allenamento dei pugili creano uno spettacolo quasi ipnotico, definito dal dare e dal ricevere i colpi dello sparring partner e dagli arti affaticati ripetutamente oliati dai massaggiatori.

In effetti, la contrapposizione di elementi che rimandano a una cedevole sensualità e i pugni e i calci punitivi in ​​qualche modo si fondono nell’avvolgente ambiente sonoro creato da Nicolas Becker (uno che ha nel curriculum Gravity e Enter the Void), capace di fondere in un ensemble armonioso le potenti percussioni tipiche del paese asiatico, i canti buddisti e le sonorità elettroniche, che insieme riescono a rendere palpabile il modo in cui l’ambiente circostante gradualmente trasforma il disastrato Billy in un uomo nuovo. Date le enormi barriere linguistiche che concorrono a isolare il suo personaggio, la prova attoriale di Joe Cole è così molto più improntata al linguaggio del corpo che alla lettura di battute imparate a memoria: un minuto manifesta la sua vulnerabilità di ragazzo, l’attimo dopo è un combattente feroce che affina le proprie abilità imparando a controllare la collera che lo ha quasi annientato. Il lungo incontro di kickboxing in cui Billy fa capire quanto vale al malizioso allenatore della prigione finisce così per essere una lunga sequenza di rovente intensità mentre i colpi continuano ad arrivare.

Licenze cinematografiche o no, il risultato è alla fine convincente, il che si applica benissimo anche al resto di Una preghiera prima dell’alba, in cui veniamo persuasi senza se e senza ma del reale affiatamento tra i membri della comunità dietro le sbarre almeno quanto avevamo fatto per la milizia di ragazzini a spasso tra i ruderi della Sierra Leone in Johnny Mad Dog. Laddove però l’opera del 2008 faceva leva sull’impatto da puro reportage, questa volta l’impianto generale è molto più cinematografico, in cui la solo apparente veridicità della produzione (che ricrea un carcere thailandese nelle Filippine) si integra con modelli efficaci di montaggio e di sound design. Si tratta di una premessa ambiziosa, e anche se per alcuni spettatori la narrazione sconnessa potrebbe rivelarsi controproducente, giudicandolo nella sua globalità si può classificare senza grossi problemi come un viaggio avvincente dentro e fuori il cuore dell’oscurità.

Di seguito il trailer originale di Una preghiera prima dell’alba, al momento ancora senza una data di uscita italiana:

Joe Cole
Vithaya Pansringarm
Nicolas Shake
Billy Moore
Panya Yimmumphai
Somlock Kamsing
Pornchanok Mabklang
Sura Sirmalai
Sakda Niamhom
Komsan Polsan
Scanners (1981) ironside
Horror & Thriller

Dossier | Scanners di David Cronenberg: non solo teste che esplodono

di William Maga

Nel 1981, Michael Ironside e Stephen Lack battagliavano psichicamente in un film problematico ma comunque memorabile

Leggi
JJ Villard's Fairy Tales 2020 adult swim
Horror & Thriller

Trailer per JJ Villard’s Fairy Tales, serie animata V. M. 18 che rilegge le favole dei Grimm (per Adult Swim)

di Redazione Il Cineocchio

Cast di doppiatori d'eccezione per lo show splatter destinato a un pubblico adulto, con Linda Blair, Robert Englund e Sheryl Lee

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per She’s Allergic To Cats, allucinata storia d’amore tra video arte distorta e follia psicologica

di Redazione Il Cineocchio

Il film d'esordio di Michael Reich riemerge dall'oblio dopo la presentazione in anteprima nel 2016

Leggi
Joe Exotic in Tiger King Murder, Mayhem and Madness (2020) netflix
Horror & Thriller

Tiger King | La recensione della docuserie true-crime su Joe Exotic (su Netflix)

di William Maga

I registi Eric Goode e Rebecca Chaiklin raccontano l'incredibile mondo dell'allevamento e vendita di grandi felini selvatici negli Stati Uniti, tra tradimenti, invidie e sete di ricchezza

Leggi
cabin fever film 2002
Horror & Thriller

Dossier | Cabin Fever di Eli Roth: una raccapricciante favola ammonitrice

di William Maga

Cerchiamo di capire come il film d'esordio del regista del 2002 in realtà nasconda, al di là delle apparenze da body horror, un prezioso insegnamento sulla natura umana

Leggi