Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Riflessione | Idiocracy, quando il cinema anticipa le derive impietose della società

6/10 su 1274 voti. Titolo originale: Idiocracy, uscita: 01-09-2006. Budget: $30,000,000. Regista: Mike Judge.

Riflessione | Idiocracy, quando il cinema anticipa le derive impietose della società

15/02/2019 di Sabrina Crivelli

Riscopriamo l'irriverente fanta-commedia firmata da Mike Judge e Etan Cohen, che nel 2006 aveva previsto più o meno consapevolmente il progressivo degrado dell'umanità

Idiocracy film (2006)

Molti sono i possibili incubi futuri che aleggiano sull’indomani, e altrettanti film, nel corso degli anni, hanno tradotto in fantascientifici orizzonti i più disparati spettri e le fobie dell’oggi. Tuttavia, un’apocalisse di qualche genere (delle macchine, del pianeta, degli zombi e così via) potrebbe non essere l’unico scenario possibile: la distopia in cui si configurerà la realtà tra qualche centinaio d’anni dal presente – forse anche meno … – potrebbe non essere tuttavia un mondo sovrappopolato e senza cibo alla 2022: i sopravvissuti (la nostra recensione), o una distesa di fredde e fatiscenti metropoli in cui androidi e uomini coesistono in stile Blade Runner 2049 (la nostra recensione), ma semplicemente il geniale quanto sottovalutato dominio degli ‘idioti’ ipotizzato nel 2006 in Idiocracy dal regista e sceneggiatore Mike Judge (Beavis and Butt-head).

idiocracy mike judge film posterIn eccessi ottimistici, l’umanità è sempre stata persuasa che la scolarizzazione di massa, l’evoluzione della scienza e della tecnologia e i proficui governi democratici avrebbero saputo creato una società illuminata, ideale. Ma se la direzione intrapresa, invece, fosse esattamente l’opposta? I segnali che l’uomo contemporaneo stia soccombendo a una sempre crescente assenza di logica sono palesi e il messaggio presente nella trascurata fanta-commedia del 2006 si fa sempre meno ‘impossibile’. Viviamo in anni in cui la profondità storica e il giudizio critico si stanno andando a far benedire, insieme con la capacità di istituire un dibattito fruttuoso, perfino in ambito accademico, e una stolida damnatio memorie ha sostituito ogni tentativo di studiare e analizzare oggettivamente il nostro passato. Per non parlare poi del deterioramento del linguaggio, che un po’ ovunque imperversa.

Dunque, non stupirebbe affatto che, proprio come prefigurato nel film, prendesse il sopravvento nel lessico comune un’orrida mistura di slang adolescenziale, improperi, gergo tipico del marketing e grugniti vari (il congiuntivo tanto è già stato abbandonato da tempo …). Oppure non sarebbe così strano se un ex pornodivo e wrestler professionista (Terry Crews, alias Dwayne Camacho) venisse eletto Presidente di una delle maggiori nazioni del mondo, tanto la meritocrazia e la preparazione ultimamente appaiono più che altro come una strana nota di demerito, mentre l’ignoranza e il pressapochismo una notevole fonte di vanto e consenso popolare.

Immaginatevi quindi, come i due protagonisti di Idiocracy – l’archivista militare Joe Bauers (Luke Wilson) e la prostituta Rita (Maya Rudolph) – di partecipare a un esperimento militare ed essere stati messi ‘a dormire’ in un profondo sonno criogenico. Per uno sventurato evento poi, il responsabile dell’esperimento venisse arrestato e voi rimaneste assopiti non per un solo anno, ma per ben 500. Cosa trovereste una volta destati dalla lunghissima pennichella? Ebbene, la razza umana, invece di evolversi come prevedibile, sarebbe regredita intellettualmente, merito / colpa di una singolare criterio di selezione della specie che ha visto – peraltro nemmeno troppo implausibilmente – azzerarsi il tasso di natalità tra le persone dal Q.I. più elevato ed esplodere quello dei mentecatti (mentalmente parlando).

Dax Shepard in Idiocracy (2006)Il risultato? Le capacità cognitive medie si sono abbassate esponenzialmente e la Terra è abitata e governata – o meglio mal governata … – da individui patologicamente affetti da imbecillità. Ovunque si ammassa quindi l’immondizia a creare vere e proprie altissime montagne di pattume, gli abitanti rincretiniti passano le giornate in poltrona a guardare seguitissimi show televisivi in cui un uomo viene colpito alle parti basse in variopinte maniere (il titolo evocativo è Ahia, le palle!), mentre una terribile carestia mette in serio pericolo la sussistenza della collettività perché – all’apoteosi della deficienza comune -, i campi vengono innaffiati non con acqua, ma con la Brawndo tronca-sete, una bevanda energetica tipo Gatorade che ha sostituito sugli scaffali la prima.

L’intuizione di Mike Judge fu certo geniale, forse troppo per trovare subito terreno fertile. D’altra parte l’idea, probabilmente, era già stata esplorata in precedenza da un volumetto satirico scritto quasi per gioco nel 1976 dall’economista e accademico italiano (che insegnò anche negli USA) Carlo M. Cipolla, che aveva elaborato nel suo The Basic Laws of Human Stupidity (edito poi da noi più di un decennio dopo, nel 1988 col titolo Allegro ma non troppo) la ‘Teoria della stupidità‘, che raccoglieva a grandi linee le leggi fondamentali che contraddistinguerebbero gli stupidi, prima tra tutte che ne sottovalutiamo il numero e quarta che ne sottovalutiamo la dannosità. La trattazione veniva accompagnata da un grafico, che distingueva le singole categorie e le rispettive caratteristiche.

idiocracy mike judge film luke wilsonCerto, proporre alle masse in cerca di un intrattenimento elementare una parodia della società americana (principalmente), sino al paradosso, poteva avere i suoi lati negativi. E il risultato al box office di Idiocracy fu uno di quelli: la Fox, che non credeva affatto al progetto, lo tenne infatti in sospeso per circa due anni, per poi distribuirlo in soli 130 selezionati cinema nelle grandi metropoli (assai meno degli usuali 600) e non ci furono nemmeno anteprima per la stampa. La possibilità che la sagace idea vagheggiata nella prima sequenza (quella della riproduzione degli idioti a senso unico) potesse offendere l’animo sensibile dell’americano medio e causare di conseguenza l’ira degli sponsor e dei marchi citati, era tutt’altro che remota. Così, lo studio holywoodiano cercò di limitare al massimo l’accesso all’audience e di conseguenza la visione del film. Quasi scontato fu pertanto il flop commerciale, con un incasso globale attestatosi a soli 450 mila dollari a fronte di un budget stimato tra i 2 e i 4 milioni. Tuttavia, gli estimatori non tardarono ad arrivare e Idiocracy divenne presto un cult in home video, tutti volevano vederlo, contrariamente al disegno iniziale della major.

La voce iniziò a girare nonostante tutto. L’uscita in sala era stata limitatissima? Bene, la curiosità era salita alle stelle! “Questo film non è uscito al cinema, ma dovete vederlo, è folle!” Affermava entusiasticamente il regista indie Jay Duplass in un’intervista a Decider. Idiocracy per lui era un pensiero fisso. “C’era questa sorta di frenesia riguardo a come questo film incredibile fosse sgattaiolato al pubblico dopo l’uscita cinematografica, con le persone che si incitavano le une con le altre a recuperarlo. Era una sorta di esperienza magica”.

idiocracy mike judge filmIntanto, l’innocente parodia di Mike Judge ed Etan Cohen si attestò come un imperdibile titolo di culto, non solo perché a molti diede la sensazione che i due registi avessero guardato dentro una sfera di cristallo (e che il futuro da loro previsto si stesse verificando ben prima dei 500 anni suggeriti), ma anche perché si trattava della visione futuristica distopica meno apocalittica tra tutte quelle arrivate al cinema e in TV prima del 2006. La legittimazione definitiva di Idiocracy è arrivata infine nel 2016, quando quello che prima era un argomento ritenuto comunemente ‘scomodo’ (ovvero la prolificazione incontrollata degli idioti) è divenuto negli Stati Uniti improvvisamente un tema di particolare tendenza. A rivalutare il lungometraggio è stata allora la rivista Rolling Stone, che l’ha definito “il più sagace tra i film stupidi che sia mai stato girato“. E subito dopo, un’ondata di revisionismo si è diffusa veloce per tutta la rete.

Certo, l’incapacità di affrontare in modo critico la realtà, con il surriscaldamento globale, i flussi migratori, la diplomazia internazionale, lo stravolgimento della storia (ad esempio quanto è successo con Cristoforo Colombo), mostrano una diffusa e generale faciloneria che Idiocracy aveva ironicamente predetto. Forse ancora non siamo arrivati alle piramidi di rifiuti e i grattacieli non sono tenuti insieme da elastici giganti, ma visto l’andazzo (anche in Italia), quanto si messo su pellicola non è poi fantascienza impossibile.

Oltre alla disfatta della politica e del suo contraddittorio, altra eccezionale premonizione di Idiocracy è il dominio indiscusso di poche mastodontiche multinazionali, che governano e definiscono la vita di tutti i cittadini. Veri e proprie persuasori occulti portati agli estremi livelli, che inseriscono scurrilità nelle pubblicità per far colpo sulle deboli menti con motivetti facili da imparare. Vi ricordate il distributore automatico che ripete il colorito slogan “Si gusti le sue PATATINE EXTRACULONE! Il pasto è stato offerto da Carl’s Junior! Da Carl’s Junior … Fanculo, sto mangiando!”? Oppure lo spot che proferisce semplicemente “Se non fumi le Tarrlytons … Vaffanculo!”? In generale, la balbuziente e inebetita popolazione grottescamente ipotizzata in Idiocracy non è poi così lontana per dialettica e vocabolario dal trapper americano medio tanto in voga tra i giovani di oggi. Il dilagare poi dei social media, Instagram in primis, ha sdoganato una realtà virtuale fatta solo d’apparenza, con qualche hashtag ad effetto come condimento. Se vogliamo invece soffermarci sull’intrattenimento becero, l’omologo del programma “Ahia, le palle!” lo si può già trovare in uno degli episodi di America’s Got Talent, mentre “ASS”, il lungometraggio che costituiva una grottesca parentesi metafilmica in Idiocracy non è forse incredibilmente vicino al videoclip della canzone Panda di Astro?

idiocracy 2006 film brawndo“[In una campagna che scimmiottasse quella di Donald Trump] avrei usate battute del tipo ‘Costruirò un muro intorno alla Terra!’, esponenzialmente più stupide delle sue”, ha dichiarato qualche tempo fa Etan Cohen al Time. “Scivere Idiocracy ha voluto dire semplicemente seguire il nostro ES. Ora sfortunatamente il nostro ES è divenuto il nostro candidato alla presidenza“. Aggiungendo poi: “Tre o quattro anni addietro, ho iniziato a ricevere commenti a riguardo, persone che avevano scoperto il film, e hanno continuato a crescere di numero. Ora ogni commento su Twitter gira intorno a Idiocracy, e su come sia diventato una sorta di documentario [sugli USA attuali]”. Mike Judge al The Daily Beast ha invece detto: “Inizialmente, pensavo semplicemente, sì, è bello sentire queste cose, ma poi penso a certi dettagli molto specifici, come la catena di fast-food Carl’s Jr. che presto aprirà degli store del tutto automatizzati e senza dipendenti … e nel film abbiamo messo proprio Carl’s Jr.! Inoltre, esiste questa cosa chiamata Fellatio Café in Svizzera dove puoi comprare un pompino insieme al tuo caffè, e noi ci abbiamo messo quei riferimenti con Starbucks nel film. E poi Donald Trump che è stato alla WWE e ha parlato delle dimensioni del suo pene. Un particolare dopo l’altro, è assurdo …”.

Indubbiamente ci saranno ancora spettatori disturbati dalla sua ouverture un po’ classista, che suggerisce tra le righe che sarebbe meglio adottare quanto prima una politica di miglior selezione nelle dinamiche di prolificazione. Eppure, ci si dovrebbe soffermare un momento – lasciando da parte preconcetti e retorica – sulla capacità di Idiocracy di prevedere in larga parte – più o meno inconsapevolmente – la pericolosa deriva culturale e sociale dell’umanità degli ultimi anni. Nulla è ancora irreparabile, ma visto che ci abbiamo messo poco più di 10 anni – e non 500 … – a vedere concretizzati alcuni degli scenari solo ipotizzati, più o meno satiricamente, da Mike Judge, una presa di coscienza maggiore potrebbe evitare il peggio.

Intanto, di seguito, trovate l’irriverente scena degli elettroliti di Idiocracy:

Luke Wilson
Maya Rudolph
Dax Shepard
Anthony 'Citric' Campos
David Herman
Sonny Castillo
Kevin McAfee
Robert Musgrave
Christopher Ryan
Justin Long
Heath Jones
Eli Muñoz
Patrick Fischler
Darlene Hunt
Ryan Ransdell
Terry Crews
Sara Rue
Michael McCafferty
Melissa Sweet
Valerie Posas
Wes Davis
Andrew Wilson
Mark Tuner
Kevin Klee
John Dodson
Melissa Espinales
Joseph Cheatham
Jason Schaefer
Richard Reeder
Lawrence Castillo
Turk Pipkin
Heather Kafka
Christopher M. Campos
Roman Ramos
Randal Reeder
Scarface
Brendan Hill
Thomas Haden Church
Melissa Dawn
Derek Southers
Lidia Porto
Gregory Kelly
Greg Pitts
Jason Konopisos
Mitch Baker
Daniel Smith
Chris Warner
Lonnie Nelson
Danny Cochran
Marcos Martinez Rios
Earl Mann
Evan Miller
Heath Allyn
Erik Anderson
Jason Bohn
Kevin Cacy
Manuel Cantu
Ricky Cavazos
Gene Cervenka
Ryan Christopher
Peter Cornwell
Jack Cruz
Glori Renee Euwer
Joanna Gallagher
Ruben Gonzales
Beth Gosnell
Owen Hisle
Evelyn Hurley
Samantha Inoue-Harte
Matthew E.G. Jones
R.C. Keene
Kristoffer Kjornes
Max Kruemcke
Adam Langley
T.J. McFarland
Jesse Medeles
Javier Merida
James Moreno
Dan Murphy
Rajiv Patel
Ray L. Perez
Leila Plummer
Steve Powers
Andrew Rice
Brenna Rivas
Christopher Rogers
Stephen Root
Lainie Safady
Ava Knighten Santana
Kati Sharp
Michael Sorrells
Gary Teague
Dan'l Terry
Christopher James Thompson
Jennifer Roxanne Vasquez
Santiago Villalobos
Angela Ware
Curtis Wayne
Caitlin Wehrle
Jimmy Willden
Heath Young
Peter Cornwell
Sci-Fi & Fantasy

Zack Snyder su Sucker Punch: “Macché sessista! Vi spiego io il significato; la Warner fece dei cambiamenti”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista torna a parlare del criticato film del 2011, difendendolo dalle accuse e augurandosi che un giorno esca sul mercato la sua director's cut

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Teaser per Star Trek: Picard, Patrick Stewart è un viticoltore in pensione per Amazon Prime

di Redazione Il Cineocchio

A 78 anni, l'attore torna a interpretare il noto personaggio sotto la supervisione di Alex Kurtzman e Rod Roddenberry in uno show 'più lento e meditativo dei precedenti'

Leggi
terminator destino oscuro film
Sci-Fi & Fantasy

Lungo teaser per Terminator: Destino Oscuro, Sarah Connor agguerrita più che mai

di Redazione Il Cineocchio

Vecchi e nuovi volti nel sesto capitolo della saga diretto da Tim Miller, in cui a Linda Hamilton e Arnold Schwarzenneger si affiancano Gabriel Luna e Mackenzie Davis

Leggi
aladdin film 2019 genio
Sci-Fi & Fantasy

23 cose da sapere su Aladdin di Guy Ritchie

di Redazione Il Cineocchio

Aneddoti e curiosità sulla lavorazione della versione live action del classico animato Disney del 1992, con Will Smith nei panni dell'istrionico Genio della lampada

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Freaks: Emile Hirsch ha una figlia con poteri pericolosi

di Redazione Il Cineocchio

Nel thriller sci-fi d'esordio di Zach Lipovsky e Adam B. Stein troveremo anche Bruce Dern e Grace Park

Leggi
Il Trono di Spade 8x05 - The Bells (11)
Sci-Fi & Fantasy

Lena Headey e Maisie Williams su Il Trono di Spade: “Scontente del nostro finale, ma capiamo i motivi”

di Redazione Il Cineocchio

Le due protagoniste della chiacchierata serie della HBO hanno parlato delle loro personali aspettative disattese

Leggi
aladdin film guy ritchie will smith 2019
Sci-Fi & Fantasy

Aladdin | La recensione del film di Guy Ritchie (quando Bollywood incontra la sceneggiata napoletana)

di William Maga

La versione in carne e CGI del classico animato del 1992 costruisce un mondo orientaleggiante stereotipato e solo vagamente immaginifico, con Will Smith nei panni di un Genio poco istrionico

Leggi
black mirror stagione 5 netflix miley cyrus
Sci-Fi & Fantasy

Black Mirror stagione 5: titoli, trama, cast e trailer per tutti e 3 gli episodi

di Redazione Il Cineocchio

Tra i protagonisti della serie antologica di Netflix ideato da Charlie Brooker troveremo Yahya Abdul-Mateen II, Anthony Mackie, Miley Cyrus e Topher Grace

Leggi
The Dark Crystal Age of Resistance (4)
Sci-Fi & Fantasy

The Dark Crystal: Age Of Resistance, data di uscita su Netflix e infornata di immagini ufficiali

di Redazione Il Cineocchio

Il prequel al film fantasy di Frank Oz e Jim Henson del 1982 potrà contare su un incredibile cast di doppiatori

Leggi
Il-Trono-di-Spade-8x06-The-Iron-Throne
Sci-Fi & Fantasy

Riflessione | Il Trono di Spade: il potere e un finale dove tutto cambia, ma niente cambia a Westeros

di Redazione Il Cineocchio

L'analisi di uno dei temi cardine della serie HBO fin dal primo episodio ci spinge a domandarci se quella che abbiamo visto sia una conclusione dolce oppure piuttosto amara

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Dan Aykroyd: “Ho scritto Ghostbusters High, prequel negli anni ’60; vi do i dettagli”

di Redazione Il Cineocchio

Lo storico volto di Ray Stantz ha rivelato i suoi piani a lungo termine per il franchise, anticipando anche ulteriori progetti legati agli Acchiappafantasmi

Leggi
Il Trono di Spade 8x06 - The Iron Throne (11)
Sci-Fi & Fantasy

Recensione | Il Trono di Spade: 8×06 – The Iron Throne

di William Maga

Dopo 73 episodi, la serie della HBO chiude i battenti. Comunque la si pensi su come è stata portata a termine, resta una delle più intense cavalcate (a dorso di drago) della storia recente della TV

Leggi
westworld 3 aaron paul
Sci-Fi & Fantasy

Teaser per Westworld 3: Aaron Paul incontra Dolores nel mondo esterno

di Redazione Il Cineocchio

Tra le new entry dello show sci-fi della HBO ci sono anche Lena Waithe e Vincent Cassel

Leggi
ufo robot goldrake - ken il guerriero 2
Sci-Fi & Fantasy

Recensione home video | Ken Il Guerriero 2 (Box 2, DVD) + Ufo Robot Goldrake (Box 1, BD)

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le (ri)edizioni italiane dell'ultimo cofanetto dedicato alla serie sull'uomo dalle sette stelle e al primo box dell'anime ispirato al manga di Gō Nagai

Leggi
Queste oscure materie - His Dark Materials serie hbo
Sci-Fi & Fantasy

Teaser per Queste Oscure Materie, la serie HBO con James McAvoy e Dafne Keen

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Lin-Manuel Miranda e Ruth Wilson nell'adattamento per il piccolo schermo della trilogia fantasy scritta da Philip Pullman

Leggi
Rocketman

Rocketman

29-05-2019

Una vita violenta

Una vita violenta

25-05-2019

L'angelo del male - Brightburn

L'angelo del male - Brightburn

23-05-2019

RECENSIONE

Takara - La notte che ho nuotato

Takara - La notte che ho nuotato

23-05-2019

Polaroid

Polaroid

23-05-2019

RECENSIONE

Aladdin

Aladdin

22-05-2019

RECENSIONE

Alive in France

Alive in France

19-05-2019

Dolor y gloria

Dolor y gloria

17-05-2019

Mò vi mento - Lira di Achille

Mò vi mento - Lira di Achille

16-05-2019

Bangla

Bangla

16-05-2019

Unfriended: Dark Web

Unfriended: Dark Web

16-05-2019

RECENSIONE

Quando eravamo fratelli

Quando eravamo fratelli

16-05-2019

John Wick 3 – Parabellum

John Wick 3 – Parabellum

16-05-2019

RECENSIONE

Attenti a quelle due

Attenti a quelle due

16-05-2019