Home » Cinema » Horror & Thriller » The Pale Door | La recensione del film horror western di Aaron B. Koontz (Sitges 53)

5/10 su 25 voti. Titolo originale: The Pale Door , uscita: 21-08-2020. Regista: Aaron B. Koontz.

The Pale Door | La recensione del film horror western di Aaron B. Koontz (Sitges 53)

09/10/2020 recensione film di William Maga

Il regista torna sulle scene con un coraggioso esperimento indie che mette alcuni fuorilegge sulla strada di una congrega di streghe (produce Joe R. Lansdale)

the pale door film horror

Fuorilegge, assalti al treno, duelli, sparatorie, saloon e streghe; l’ultima fatica di Aaron B. Koontz (Camero Obscura) ha dentro un po’ di tutto, ma è specialmente l’ultimo elemento che dovrebbe dar piacere alle orecchie dei fan del genere. The Pale Door porta infatti l’horror puro nel Vecchio West, offrendo una premessa piuttosto allettante, considerando quanto questo intrigante mash-up sia stato storicamente poco utilizzato al cinema. Purtroppo, a causa (anche) degli evidenti limiti di budget, i cardini di questa ‘pallida porta’ risultano parecchio arrugginiti, col film che si crogiola in stanchi cliché (più o meno volontariamente) e in una narrazione senza particolari guizzi, che fa esclusivo affidamento sull’idea alla base.

ThePaleDoor.jpgThe Pale Door prende il via quando due giovanissimi fratelli assistono al brutale omicidio dei loro genitori. Anni dopo, il maggiore, Duncan Dalton (Zachary Knighton) è a capo di una banda di banditi che si preparano per quello che credono sarà il loro colpo più importante. Esendo a corto di uomini per completare il lavoro, il timido e timorato fratello minore di Duncan, Jake (Devin Druid), si offre volontario per completare la squadra. Le cose prendono, però, una brutta piega quando il forziere che speravano essere pieno di immense ricchezze contiene invece una giovane donna in catene.

La ragazza offre assistenza medica a Duncan, che nel mentre ha subìto una grave ferita da arma da fuoco, e conduce la gang nel misterioso bordello di una città quasi fantasma. Lì, gli uomini si lasciano andare ai piaceri terreni offerti dalla maîtresse e dalle sue protette, finché improvvisamente queste non si rivelano essere una congrega di streghe centenarie che si è interessata al giovane Jake per un importante rito e che non si fermerà davanti a nulla pur di averlo.

Come saprete, il western horror non è storicamente un sottogenere che attira grandi finanziatori (pensiamo ad esempio a Bone Tomahawk o Jonah Hex, non esattamente dei successi commerciali, sebbene molto pubblicizzati), quindi figuratevi le aspettative per un tipico prodotto indie. Eppure, The Pale Door non si può dire che manchi di potenziale e aspettative, anche perché tra i produttori esecutivi figura un certo Joe R. Lansdale

Il concept stesso del film (o almeno il titolo …) ha infatti le sue radici nel poema Il Castello Incantato di Edgar Allen Poe, in cui emerge il risonante tema della bellezza che si trasforma in qualcosa di orribile. Niente di tutto questo, tuttavia, viene adeguatamente sviluppato qui, segnando il primo passo falso (francamente, si fa proprio fatica a capire il collegamento).

Durante la visione di The Pale Door si ha la sensazione che il film dovrebbe (vorrebbe?) essere molto più divertente di quanto effettivamente non sia, giocando apertamente come un discendente di Dal Tramonto all’Alba, dove le streghe prendono il posto dei vampiri in un Titty Twister che diventa a tutti gli effetti (solo) una casa di piacere. Questa supposta tensione tra il tono grave dell’opera e la sensibilità più ‘spensierata’ vacilla mentre l’azione esplode a strappi prima di infossarsi, senza mai mantenere un ritmo costante. Questa scelta rimuove così completamente tutto lo slancio narrativo e la suspense da ogni scena, fallendo sia nel reparto horror che negli archi emotivi dei personaggi.

the pale door film horror 2020Aaron B. Koontz si prende il tempo (quasi metà film …) per arricchire il legame fraterno tra Duncan e Jake, con Zachary Knighton e Devin Druid che in effetti riescono a restituire al pubblico una certa intimità. Questa relazione diventa evidentemente importante per accrescere la tensione più avanti nel film e dà un indizio sui potenziali trucchi che la congrega di megere abbrustolite sta orchestrando. Si può dire che tale relazione fra i due sia è uno dei maggiori punti di forza di The Pale Door, oltre a essere essenziale per portare avanti la trama e scatenare gli eventi fino al culmine.

Ciononostante, non riesce a garantire il finale emotivamente pregno che si potrebbe aspettare. Mentre i due fratelli si preparano a prendere decisioni importanti, non si può fare a meno di sentire il frettoloso passo barcollante che complotta su di loro, minando irreparabilmente la profondità necessaria per ‘vendere’ i momenti finali del film.

Dove il potenziale di The Pale Door brilla davvero è, fortunatamente, quando la situazione inizia per la prima volta a deragliare verso il soprannaturale. Gli spettatori, sapendo di guardare un horror, sicuramente si aspettano che succeda il finimondo prima o poi (magari non troppo ‘poi’ …), e quando le streghe si rivelano per le orribili e sanguinarie creature che sono davvero, il regista e sceneggiatore sfodera il make-up e le sequenze più d’impatto e immaginifiche.

L’aspetto delle streghe quando sono in piena modalità ‘creature centenarie’ è eccellente, inoltre Aaron B. Koontz evita di appoggiarsi interamente alla CGI, per un risultato molto più efficace. Ma, al di là del prevedibile scontro clou tra umani e ‘mostri’, solo il prologo possiede una certa qualità in termini di regia ed emozioni. In particolare, la trama che circonda i fuorilegge non è abbastanza profonda da sostenere i momenti più tranquilli, né per dare molto peso a qualsiasi messaggio che sta cercando di veicolare (leggasi ‘corsi e ricorsi di violenza’).

Insomma, The Pale Door, con tutte le attenuanti del caso, ci mette davvero troppo ad ingranare e, una volta aperte le danze, non fa poi molto per lasciare il segno. Resta un progetto coraggioso e lodevole negli intenti, che potrebbe comunque allietare le notti degli appassionati oltranzisti in cerca di un raro horror western.

Di seguito il trailer internazionale di The Pale Door:

the haunting of bly manor serie 2020 fantasma
Horror & Thriller

The Haunting of Bly Manor: un video svela tutti i fantasmi nascosti negli episodi

di Redazione Il Cineocchio

Anche per la seconda stagione dello show di Netflix, Mike Flanagan ha celato in bella vista molti spettri

Leggi
the banishing film 2020 horror
Horror & Thriller

The Banishing | La recensione del film horror di Christopher Smith (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Il regista inglese si cimenta con la ghost story con diligenza, ma seguendo un po' troppo strade già battute

Leggi
12 hour shift angela bettis film
Horror & Thriller

12 Hour Shift | La recensione del film horror di Brea Grant (Sitges 53)

di William Maga

Angela Bettis e David Arquette sono i protagonisti di una dark comedy dell'assurdo spruzzata di sangue e maldestrità

Leggi
fatman film mel gibson 2020
Horror & Thriller

Trailer per Fatman: Mel Gibson è Babbo Natale, ma avvezzo ad armi e violenza

di Redazione Il Cineocchio

I registi Eshom e Ian Nelms trasformano l'attore in una figura ben poco paciosa nella action comedy R-Rated ambientata nell'innevata Alaska

Leggi
the owners film horror maisei williams 2020
Horror & Thriller

The Owners | La recensione del film horror di Julius Berg (Sitges 53)

di William Maga

Maisie Williams è la protagonista di un 'home invasion andato storto' che non fa dell'originalità il suo punto di forza

Leggi