Home » TV » Sci-Fi & Fantasy » Utopia 2020 (stagione 1) | La recensione della serie Amazon con Jessica Rothe (8 episodi)

7/10 su 98 voti. Titolo originale: Utopia , uscita: 25-09-2020. Stagioni: 1.

Utopia 2020 (stagione 1) | La recensione della serie Amazon con Jessica Rothe (8 episodi)

26/10/2020 recensione serie tv di William Maga

La versione americana dell'omonimo show britannico di Dennis Kelly del 2013 sorprende, rivelandosi qualcosa di più di una copia sbiadita

utopia serie amazon 2020

Sinteticamente, Utopia 2020 sovverte ciò che sappiamo sulla cultura geek e lo rigira contro i suoi personaggi in un pericoloso gioco paranoico capace di cambiare il mondo. Gli 8 episodi della serie drammatica intinta nella suspense guidata da Gillian Flynn, autrice meglio conosciuta per Gone Girl e Sharp Objects, sono arrivati in esclusiva su Amazon Prime il 23 ottobre per innescare un sanguinoso percorso all’interno della psiche degli spettatori.

Basata sull’omonima dark comedy britannica di Dennis Kelly del 2013 (composta da due stagioni), la versione americana di Utopia racconta la storia di un gruppo di nerd che credono che un fumetto, chiamato appunto Utopia, sia basato su fatti reali. Wilson Wilson (Desmin Borges) è più paranoico della maggior parte della gente quando si tratta di questo albo e fa da perfetto contrappunto all’assoluta convinzione di Samantha (Jessica Rothe) sulle pagine disegnate che li ossessiona tutti. Ian (Dan Byrd) e Becky (Ashleigh LaThrop) credono in Utopia, ma sono più interessati l’uno all’altra. E Grant (Javon Walton) sta cercando di trovare una casa tra persone molto più grandi di lui. Questa convinzione che Utopia sia reale li separa dagli altri fan, che pensano invece che si tratti solo di un fumetto, ma li unisce come una famiglia quando il cattivo del graphic novel inizia a uccidere tutti coloro che ne hanno sfogliato le pagine. A loro si uniscono così Sasha Lane (Hellboy), nel ruolo chiave dell’enigmatica Jessica Hyde e John Cusack (Essere John Malkovich), nei panni del Dott. Kevin Christie.

utopia serie amazon 2020 posterL’aggiunta di Rainn Wilson, meglio conosciuto per il ruolo di Dwight Schrute di The Office, come il biologo Michael Stearns è la ciliegina su questa misteriosa torta. Soprattutto perché c’è una lezione di vita che Dwight ha insegnato e che dovrebbe aiutare con gli angoli oscuri di Utopia. Non si tratta – come nei classici whodunit – di chi sia il più o il meno sospetto; si tratta di chi si sospetta ‘mediamente’.

Escludendo i comprensibili preconcetti circa la necessità di rifare una serie (recentissima) già piuttosto perfetta così (finale escluso), l’esitazione principale quando si parla di Utopia 2020 riguarda quanto vicina arrivi a colpire nel segno. La TV può essere una via di fuga per molti, in cui le angoscianti realtà del mondo di tutti i giorni passano in secondo piano per un paio d’ore o di giorni, a seconda della velocità con cui si consuma un nuovo prodotto. La serie è in gran parte incentrata su una pandemia che ha preso d’assalto gli Stati Uniti e la sua connessione con l’omonimo fumetto che tutti cercano. Le pagine del comic book predicono l’avvento di un virus letale, una guerra biologica e di malattie provocate dall’uomo. Almeno inizialmente, ciò potrebbe far tentennare chiunque dall’affrontare lo show. Ma, alla fine, vale l’investimento.

Ogni pagina di Utopia – sia il fumetto che la serie – è carburante per incubi raccapriccianti e deviati. Ed è facile cadere nella tana del Bianconiglio, ritrovandosi ad analizzare il fumetto in mezzo ai personaggi. L’esperienza di sentirsi cospiratori e folli come i personaggi sullo schermo fa parte del fascino dello spettacolo. Ci sono significati nascosti anche nel più semplice dei pannelli disegnati e mentre la storia procede e tutto va al suo posto, emerge la brillantezza della sceneggiatura.

In effetti, a qualsiasi appassionato del genere probabilmente non dispiacerebbe mettere le mani su un albo così. Sarebbe una pezzo straordinario che molti potrebbero sedersi ad analizzare per ore e ore. E non è detto che, qualora ritenesse la serie un successo, Amazon non decida davvero di pubblicarlo. Un disadattato può sognare, no? Inoltre, immaginate gli indizi che le sue pagine potrebbero contenere in vista della seconda stagione.

Utopia è poi quel tipo di prodotto in cui l’ultimo colpo di scena o momento WTF?! non è niente in confronto a quello che verrà subito dopo. La persona di cui ti fidi? Non avresti dovuto. Il cattivo che pensavi fosse il vero cattivo? Pensa di nuovo! E la persona che pensavi che ce l’avrebbe fatta fino alla fine? Continua a sognare! E per quanto assurdo possa sembrare, fa sì che lo spettatore (specie chi non ha visto l’originale, naturalmente) sia sulle spine per l’intera durata.

utopia serie amazon 2020Se questa fosse un’altra serie, questa costanza nel tenerci al limite sarebbe estenuante. Ma Utopia prospera dove non dovrebbe. Ci fa interessare a personaggi che di solito sarebbero visti come “cattivi”. Ci fa riflettere sul nostro posto e il nostro scopo in questo mondo. E ci fa pensare a chi siamo e a quanto vorremmo fare se fossimo nei panni di Jessica Hyde.

Jessica Hyde, e l’attrice che la interpreta, incarna pienamente il vero significato di di BDE. Vivere in un mondo dove esistono Dwayne Johnson e Milla Jovovich rende facile credere che la Big Dick Energy sia un fenomeno reale. E secondo il gettonatissimo Urban Dictionary, finché hai spavalderia e palle fai parte del collettivo BDE. Ma gli esperti dell’Urban Dictionary si sbagliano. La BDE inizia con Sasha Lane e finisce con lei.

Jessica Hyde è una sopravvissuta. Questa giovane donna ha dovuto affrontare il mondo da sola ed è maturata grazie alla sua ferrea volontà di trovare suo padre. Non importa il costo o il conteggio dei morti che le viene presentato, è pronta e disposta a fare ciò che deve essere fatto. Sta facendo i conti pericolosamente, vedendo ogni persona intorno a lei come un pezzo degli scacchi di cui deve avere assoluto controllo. Nonostante tutti questi problemi di controllo e il suo istinto di sopravvivere, Jessica non è un robot privo di emozioni. Percepisce ogni cosa intensamente, più di chiunque altro nella serie, e deve convivere con quel dolore ogni giorno.

utopia serie amazon 2020Ciò che resta è allora una ragazza che cerca di ricostruire la sua vita con solamente ombre come pezzi di un puzzle. E i suoi unici compagni sono i nerd che si sono innamorati del mondo creato in Utopia, una versione contorta della vita reale di Jessica Hyde. Con loro al suo fianco, lei inizia a mettere radici per la prima volta nella sua esistenza. Questo, però, complica ulteriormente chi è e lascia gli spettatori con una protagonista femminile come mai vista prima, ma di cui aveva disperatamente bisogno.

A conti fatti, Utopia è sia una satira che una celebrazione della cultura geek. I suoi personaggi ‘sfigati’ usano tutto quel tempo per ossessionarsi dietro a un certo show, libro, film o fumetto e trasmettono nella loro realtà questa passione smodata. Tutto ciò senza che la serie li prenda in giro o li tratti come dei matti. La figura del nerd è centrale e in bella vista. Ed è facile sentirsi d’accordo con questa scelta, perché chi guarda (molto probabilmente) è ‘quel’ nerd.

Quindi, siate consapevoli – e state attenti – a Utopia. È una visione insolita, ma solo perché avrete paura che il mondo assomigli allo spettacolo quando chiuderete il fumetto o che siete stati proprio voi Jessica Hyde per tutto il tempo. Venite a conoscerne i misteri e innamoratevi della BDE di Sasha Lane, pur riconoscendo che Rainn Wilson è un attore che merita di essere trattato come qualcosa di più di un assistente del direttore regionale.

Di seguito – sulle note di It’s The End Of The World dei R.E.M. – trovate il trailer internazionale (con sottotitoli italiani) di Utopia, nel catalogo di Amazon Prime dal 23 ottobre: