Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Ad Astra | La recensione dell’odissea verso le stelle di James Gray con Brad Pitt (Venezia 76)

6/10 su 921 voti. Titolo originale: Ad Astra, uscita: 17-09-2019. Budget: $80,000,000. Regista: James Gray.

Ad Astra | La recensione dell’odissea verso le stelle di James Gray con Brad Pitt (Venezia 76)

03/09/2019 recensione film di William Maga

Il regista gira un film ambiziosissimo, che si affida a modelli 'alti' ma il cui messaggio finisce per edulcorarsi sotto il peso della composizione visiva

Brad Pitt in Ad Astra (2019)

È ambiziosissimo, almeno quanto lo era stato nel 2016 il sopravvalutato Civiltà Perduta (la nostra recensione), James Gray torna dietro alla camera da presa con Ad Astra, film da 50 milioni di dollari di budget presentato in concorso alla 76a edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Un’ambizione inzuppata nella fantascienza colta e ‘credibile’ (mutuata dal collega Christopher Nolan) che può allo stesso tempo affascinare, se ci si lascia trasportare dalle immagini, spesso potenti, oppure lasciare indifferenti per la – almeno apparente – superficialità e prevedibilità dell’odissea nello spazio (e nell’uomo) che coinvolge il freddo astronauta interpretato adeguatamente da Brad Pitt.

ad astra film poster 2019Siamo nel vicino futuro: il Maggiore Roy McBride (Pitt) guida una squadra impegnata a localizzare forme di vita aliena nella stratosfera, quando un improvviso sbalzo di corrente gli costa quasi la vita. Questo incidente è l’ultimo di una lunga serie di recenti catastrofi che si sono verificate sulla Terra, provocate proprio da impennate elettriche causate da esplosioni radioattive. L’intelligence statunitense capisce che il problema è il risultato di raggi cosmici emanati da esplosioni che si verificano nei pressi del pianeta Nettuno, dove aveva luogo il Progetto Lima, una vecchia missione la cui navicella spaziale è scomparsa nel nulla sedici anni dopo la partenza. Fatto non secondario, il comandante del Progetto era il padre di Roy, H. Clifford McBride (Tommy Lee Jones), un astronauta leggendario di cui si sono perse le tracce e che si crede ormai morto. Roy continua tuttavia a idolatrarlo, avendo lui stesso ereditato dal padre un’incredibile tolleranza al rischio e la convinzione che tutte le risposte agli enigmi fisici e metafisici della vita risiedano nello spazio più profondo. Un giorno, i funzionari del governo degli Stati Uniti si presentano a Roy per dirgli che suo padre in realtà è vivo e che si trova ai confini del sistema solare, chiedendogli di prendere parte a una nuova e pericolosa missione per mettersi quanto prima in contatto con l’uomo, ritenuto capace di compromettere il futuro dell’umanità intera. Roy inizia così un viaggio nel cosmo in direzione Nettuno alla ricerca di verità e risposte.

Il punto focale di Ad Astra è evidentemente la necessità da parte di Roy di colmare una mancanza profonda che non riesce a esprimere. La storia, scritta dal regista assieme a Ethan Gross, riguarda infatti essenzialmente la profonda solitudine del protagonista, la sua incapacità di comunicazione con gli altri, il fatto che non conosca realmente tali individui, e che anche queste persone abbiano interesse a preservare questa distanza. Più legami ci sono, più cresce il rischio per la missione, nonché il pericolo personale. Roy incontra questi esseri umani entrano ed escono dalla sua traiettoria, ma non si interessa affatto alla loro realtà, si sente pienamente vivo solo quando si trova ai confini dell’atmosfera terrestre, lontano, in esplorazione. Sta bene solo così. Ha una relazione con una donna – tratteggiata in modo leggerissimo – di nome Eve (Liv Tyler) che lo ama e che anche lui sembra amare, ma c’è qualcosa che lo blocca e che lo allontana da lei. La causa del suo malessere è suo padre, che lo ha abbandonato da piccolo, causandone l’incapacità a stabilire una qualsiasi intimità nella sua vita. Roy emerge quindi non soltanto come un personaggio solo, ma come un solitario, una persona che preferisce l’isolamento, perlomeno nella prima metà di Ad Astra. E questa situazione frustrante genera crescente ansia e una repressione emozionale che solamente una volta superate gli permetteranno di cominciare a esplorare i legami umani sulla Terra e dare una chiusura al suo percorso introspettivo.

Ad Astra non parla poi di un futuro ipotetico, non necessariamente possibile, e neppure profetico, ma è semplicemente un film che racconta, ancorandosi fortemente alla realtà (anche la CGI è limitata), cosa potrebbe accadere se l’esplorazione dello spazio continuasse e se colonizzassimo prima o poi davvero la Luna, Marte e altri pianeti. E se con questo traguardo – oggi utopico – trasportassimo con noi anche gli errori e le paure insite nell’uomo. In sostanza, porta avanti la tecnologia spaziale degli anni ’60 e ‘70, immaginandone però un’evoluzione priva degli elementi che popolano la maggior parte degli attuali titoli di fantascienza. La visione stessa del progresso è piuttosto ottimista, non cedendo alla facile tentazione di sfociare nel terrorizzante, ma nemmeno nel troppo idilliaco.

Tommy Lee Jones in Ad Astra (2019)James Gray ha racconta senza troppi problemi di aver tratto ispirazione per Ad Astra dalle sue letture sul fisico premio Nobel Enrico Fermi, “l’architetto dell’era nucleare”, ma anche dal romanzo Cuore di tenebra di Joseph Conrad (già scrutato proprio in Civiltà Perduta) e dal film Apocalypse Now di Francis Ford Coppola, ibridandole coi racconti molto concreti delle missioni spaziali Apollo e Mercury. Emerge però dalla visione anche il forte influsso del seminale Moby Dick di Herman Melville, nella figura di Clifford McBride novello Capitano Akab ossessionato dalla “balena bianca”, che nel film prende le sembianze degli alieni, forme di vita non umane in grado di aiutarci e di fornire risposte alle nostre domande esistenziali.

Questa impostazione ‘alta’, encomiabile senz’altro nelle intenzioni, non può che rendere tuttavia Ad Astra inevitabilmente derivativo, oltre che sconnesso (si vedano le episodiche e movimentate scene d’azione sul suolo lunare e poi su quello marziano), con una narrazione che certo non è aiutata dalla voce fuori campo che declama l’ovvio, facendo rimpiangere la penna di Michael Herr in quello che assomiglia più a un brutto omaggio a Terrence Malick. E dove il voice over non arriva, ci pensano i dialoghi espliciti oltre misura.

La quantità di talenti coinvolta è certo enorme, da Donald Sutherland al direttore della fotografia Hoyte Van Hoytema (Dunkirk, Interstellar), fino al compositore Max Richter (Shutter Island, The Leftovers), che concorrono a confezionare un’opera visivamente magnifica attraversata da lampi di meraviglia (si vedano l’inseguimento sulla Luna degno di Mad Max: Fury Road o il catastrofico set di apertura sull’altissima torre spaziale), ma fredda e poco emotiva, almeno quanto il suo protagonista. Risultato voluto o meno, un coinvolgimento maggiore dello spettatore non sarebbe stato inopportuno, così come pure sarebbe stata interessante una maggiore esplorazione del mondo in cui naviga Roy, qualche volta descritto con sagacia (coperta e cuscino per il volo commerciale verso la Luna fatti pagare 125 dollari, come su un qualsiasi low cost). Senza contare che il viaggio di Brad Pitt si dipana a ‘mini blocchi‘, con sequenze che si susseguono spesso senza alcun peso specifico. Esempi lampanti ne sono l’introduzione del condensatissimo personaggio interpretato da Ruth Negga, teoricamente l’altra faccia della medaglia di Roy, che si presenta, espone i suoi dialoghi con professionalità e se ne va, o l’imprevedibile momento horror che coinvolge un babbuino spaziale rabbioso.

In definitiva, James Gray ha costruito un mondo vibrante e visivamente stimolante nella composizione e nelle inquadrature, che però schiaccia sullo sfondo il suo messaggio, enfatizzandone eccessivamente la potenza.

Di seguito il full trailer in internazionale (per meglio apprezzare le voci originali) e più sotto col teaser in italiano di Ad Astra, nei nostri cinema dal 26 settembre:

Brad Pitt
Tommy Lee Jones
Ruth Negga
Donald Sutherland
Jamie Kennedy
John Ortiz
Greg Bryk
Kimberly Elise
Loren Dean
John Finn
Anne McDaniels
LisaGay Hamilton
Kimmy Shields
Alyson Reed
Ravi Kapoor
Bobby Nish
Liv Tyler
Natasha Lyonne
Donnie Keshawarz
Sean Blakemore
Freda Foh Shen
Kayla Adams
Elisa Perry
Daniel Sauli
Kunal Dudheker
Sasha Compère
Justin Dray
Alexandria Rousset
Zoro Saro Manuel Daghlian
Jacob Sandler
Elizabeth Willaman
Kimmy Shields
ragnarok serie netflix 2020
Sci-Fi & Fantasy

Teaser trailer per Ragnarok, serie danese di Netflix con un nuovo eroe

di Redazione Il Cineocchio

Tra i protagonisti dello show originale che aggiorna la mitologia norrena ci sono Jonas Strand Gravli e Theresa Frostad Eggesbø

Leggi
Klaus I segreti del Natale film netflix
Sci-Fi & Fantasy

Klaus: I segreti del Natale | La recensione del film animato di Sergio Pablos (su Netflix)

di William Maga

Il regista spagnolo, dopo anni di gavetta nei migliori studi, firma il suo primo lungometraggio, una storia delle origini splendidamente disegnata a mano che mescola sapientemente buoni sentimenti e magia delle feste

Leggi
Frank Miller Robocop - Edizione Definitiva saldapress
Sci-Fi & Fantasy

Recensione fumetto | Frank Miller RoboCop – Edizione Definitiva

di Redazione Il Cineocchio

Saldapress raccoglie in un unico mastodontico volume le due storie originariamente scritte dall'autore alla fine degli anni '80 per i due sequel cinematografici, poi scartate per l'eccessiva violenza

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Riflessione | Apocalittici e doppi: il lascito di Philip K. Dick

di William Maga

Nei racconti dello scrittore scomparso nel 1982 l'uomo vive in un presente già devastato dal futuro. Dai replicanti di Blade Runner ai ricordi di Atto di forza: nessun eroe, solo 'duplicati'

Leggi
sam neill punto di non ritorno
Sci-Fi & Fantasy

Video | Sam Neill su Punto di Non Ritorno: “Film diverso da quello che girammo; infernali le 8 ore di trucco”

di Alessandro Gamma

Il protagonista del film di Paul W.S. Anderson del 1997 ha parlato della director's cut 'impossibile del fanta-horror e delle difficoltà patite sul set

Leggi
Emma Roberts in Paradise Hills (2019) film
Sci-Fi & Fantasy

Paradise Hills | Recensione del film con Emma Roberts e Milla Jovovich (Sitges 52)

di Sabrina Crivelli

La regista spagnola Alice Waddington esordisce con un fanta-thriller che affascina molto nella curatissima estetica, preoccupandosi pochissimo della sostanza della sceneggiatura

Leggi
the tomorrow war film 2020
Sci-Fi & Fantasy

The Tomorrow War: Chris Pratt soldato contro gli alieni nella prima immagine; la trama

di Redazione Il Cineocchio

Ci saranno Yvonne Strahovski e J.K. Simmons al fianco dell'attore nell'action sci-fi diretto da Chris McKay

Leggi
tony wolf spazio wow milano
Sci-Fi & Fantasy

Video | Visita alla mostra ‘Lupus in fabula’ dedicata a Tony Wolf (Spazio WOW)

di Alessandro Gamma

Un viaggio tra le oltre 100 coloratissime - e dettagliatissime - illustrazioni dell'artista, alla (ri)scoperta del 'misterioso' e prolificissimo Antonio Lupatelli

Leggi
Cappella di Bethléem, dove i gargoyle sono Gremlins e Goldrake (5)
Sci-Fi & Fantasy

Il ‘non’ mistero della cappella di Bethléem, dove tra i gargoyle ci sono i Gremlins e Goldrake

di Redazione Il Cineocchio

Il curioso caso dell'edificio sacro situato nella regione della Loira Atlantica, in Francia, dove tra i pinnacoli fanno capolino anche insospettabili mostri della cultura pop cinematografica e televisiva

Leggi
Karl Urban in Dredd (2012) film
Sci-Fi & Fantasy

Rivisti Oggi | Dredd – Il Giudice dell’Apocalisse di Pete Travis (o Alex Garland?)

di Francesco Chello

Dopo 7 anni di 'oblio', il film con Karl Urban nei panni del poliziotto più severo e temuto di Mega-City One trova finalmente una distribuzione italiana

Leggi
l'orrore di dunwich h. p. lovecraft libro
Sci-Fi & Fantasy

Elijah Wood: “Faccio il film di L’orrore di Dunwich; penso a una trilogia su H. P. Lovecraft”

di Redazione Il Cineocchio

Dopo Il colore venuto dallo spazio, il regista Richard Stanley potrebbe dirigere anche il nuovo ambizioso progetto

Leggi
color out of space film stanley
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Color Out of Space: Nicolas Cage vittima dell’ineffabile colore venuto dallo spazio

di Redazione Il Cineocchio

Richard Stanley torna in regia dopo una lunghissima assenza per adattare il noto racconto fanta-horror del 1927 di H. P. Lovecraft

Leggi
terminator destino oscuro linda hamilton film
Sci-Fi & Fantasy

Tim Miller sul ruolo di John Connor in Destino Oscuro: “Vi spiego quella decisione; due ottimi motivi”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista parla della controversa scena di apertura del sesto capitolo della saga di Terminator, raccontando quanto fosse necessaria per la trama e per Sarah

Leggi
tenet film nolan 2020
Sci-Fi & Fantasy

Teaser trailer per Tenet: spionaggio e viaggi nel tempo nel film di Christopher Nolan

di Redazione Il Cineocchio

Tra i protagonisti del misteriosissimo progetto da 225 milioni di dollari ci sono John David Washington, Robert Pattinson, Michael Caine e Kenneth Branagh

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

La La Land | La recensione del film di Damien Chazelle

di Teresa Scarale

Emma Stone e Ryan Gosling sono i protagonisti di una struggente storia d'amore a tempo di jazz. E le stelle di Los Angeles stanno a guardare

Leggi
I racconti di Parvana

I racconti di Parvana

25-11-2019

Santa Sangre

Santa Sangre

25-11-2019

Prinzessin Emmy

Prinzessin Emmy

24-11-2019

Depeche Mode: Spirits in the Forest

Depeche Mode: Spirits in the Forest

21-11-2019

Aspromonte - La terra degli ultimi

Aspromonte - La terra degli ultimi

21-11-2019

Countdown

Countdown

21-11-2019

RECENSIONE

Cetto c'è, senzadubbiamente

Cetto c'è, senzadubbiamente

21-11-2019

The Lodge

The Lodge

21-11-2019

RECENSIONE

Light of My Life

Light of My Life

21-11-2019

RECENSIONE

L'ufficiale e la spia

L'ufficiale e la spia

21-11-2019

RECENSIONE

Citizen Rosi

Citizen Rosi

18-11-2019

The Report

The Report

18-11-2019

Come se non ci fosse un domani

Come se non ci fosse un domani

14-11-2019

Sono solo fantasmi

Sono solo fantasmi

14-11-2019

RECENSIONE

Gamberetti per tutti

Gamberetti per tutti

14-11-2019

The Bra - Il reggipetto

The Bra - Il reggipetto

14-11-2019

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

14-11-2019

Pupazzi alla riscossa

Pupazzi alla riscossa

14-11-2019

Le Mans '66 - La grande sfida

Le Mans '66 - La grande sfida

14-11-2019

Zombieland - Doppio colpo

Zombieland - Doppio colpo

14-11-2019

RECENSIONE