Home » Cinema » Azione & Avventura » Aquaman | La recensione del film di James Wan

6/10 su 6967 voti. Titolo originale: Aquaman, uscita: 07-12-2018. Budget: $160,000,000. Regista: James Wan.

Aquaman | La recensione del film di James Wan

26/12/2018 recensione di William Maga

Il film con Jason Momoa colpisce - nel bene o nel male - per alcuni momenti assolutamente assurdi, fallendo però nel provare ad accontentare tutti infarcendo la storia di troppi elementi in bilico tra il serio e il faceto

momoa aquaman film 2018

I film sui personaggi dei fumetti – o cinecomic – sono una presenza fissa praticamente mensile nei palinsesti ormai da qualche anno, ma a James Wan toccava questo volta con Aquaman l’ingrato compito di provare a risollevare (ancora …) le sorti dell’Universo Cinematografico DC / Warner Bros. dal fondo foderato di sberleffi e ingiurie che solo Wonder Woman nel 2017 aveva vagamente placato prima delle legnate dell’ ‘evento’ Justice League.

Bisogna dire che il creatore delle saghe di The Conjuring Saw, avendo a disposizione un’ambientazione subacquea unica che coinvolge – tra i moltissimi – giganteschi crostacei parlanti ed enormi cavallucci marini luminescenti che indossano armature da battaglia, ha scelto saggiamente di puntare forte su immagini piuttosto fresche. Il regno sommerso di Atlantide offriva infatti la possibilità di costruire un mondo interamente basato su architetture e creature ritrovabili solo negli inesplorati oceani (o su Naboo …), ma la sensazione è quasi come se James Wan e soci siano stati spaventati dalla possibilità che non ci sarebbe mai stato un sequel (il pericolo flop, prima del clamoroso esordio in Cina, era pur sempre una possibilità non così remota) e quindi abbiano cercato di stipare ogni possibile aspetto di questo affascinante e misterioso mondo subacqueo e tutta la tradizione dei fumetti di Aquaman nel film. Per tale motivo, la durata tocca i 144 minuti – che sembrano molti di più -, poiché ci spreme dentro una mezza dozzina di storie e ambientazioni, ognuna delle quali richiede ovviamente una spiegazione a parte (che non viene tralasciata).

I tentativi evidenti e vagamente disperati di accontentare tutti quanti finiscono per affossare quelli che sarebbero pure alcuni aspetti genuinamente divertenti – facendo peraltro sembrare persino quelli studiati a tavolino. Cosa di quello che vediamo è intenzionale e cosa invece no? Quali parti di questo blockbuster da 160 milioni di dollari di budget è sfuggito al minuzioso scrutinio dei focus group e all’attenta calibrazione delle dosi di divertimento?

Lacerato tra il dover essere un coming-of-age serioso ma avventuroso, una buddy comedy scatenata e un racconto epico e moderatamente violento con una vaga attenzione al problema dell’inquinamento dei mari da parte dell’uomo, Aquaman nel dubbio decide di essere tutte queste cose, ma disordinatamente e rigorosamente una alla volta. L’apparentemente macabra scena d’apertura ambientata a bordo di un sottomarino russo potrebbe ricordare i momenti più cupi di Batman v Superman: Dawn of Justice. Un frangente alla Indiana Jones (o a La Mummia di Stephen Sommers …) ambientato nel deserto del Sahara – introdotto peraltro da una scioccante versione moderna di Africa dei TOTO – porta alla mente i peggiori scambi di battute di Justice League, solo un po’ più lucido. Senza contare che i più nostalgici avranno subito immaginato una versione live-action de I Cavalieri dello Zodiaco contro Nettuno.

Aquaman (2018)Una scena di battaglia tra due eserciti che si ‘corrono incontro’ sembra ispirata a Il Signore degli Anelli (un po’ come tutte quelle viste dopo il 2001 d’altra parte …), e una sequenza sottomarina ricorda sia Harry Potter che l’epico lancio col paracadute nel Godzilla americano del 2014. Per Aquaman, saltare costantemente da un’allusione e attaccarsi subito a un’altra potrebbe essere parte di un’estetica volutamente disorientante e apertamente cercata, ma il film di James Wan – i cui trascorsi nel cinema horror emergono lampanti solo in una sequenza di assalto a al peschereccio su cui si trovano Arthur (Jason Momoa) e Mera (Amber Heard) da parte di creature uscite da un racconto di H.P. Lovecraft – in sé sembra incapace di tenere il passo con questi cambiamenti repentini e costanti, dando luogo a momenti così assurdi da apparire completamente incidentali, forse addirittura casuali.

Uno di questi ‘incidenti’ vede una piovra gigante battere su alcuni tamburi prima dell’inizio di una grande battaglia sottomarina. Più tardi, un soldato carica acqua in una potentissima arma atlantidea allo stesso modo in cui si farebbe con un ferro da stiro. Tali clamorosi svolazzi non aggiungono nulla alla narrazione e non vengono mai commentati all’interno del film. Se si è disposti a ignorare la possibilità della mera incompetenza da parte degli sceneggiatori, l’unica spiegazione dietro a questi momenti che vanno oltre l’incredibile è esattamente quello che avete appena letto: far raccontare col passaparola agli spettatori proprio questi momenti, facendo passare Aquaman come la commedia stoner che purtroppo non è.

Amber Heard in Aquaman (2018)In almeno cinque occasioni, un dialogo viene interrotto da cattivi che letteralmente entrano in scena facendo esplodere un muro. Abbiamo diversi duelli a colpi di tridente. Ci sono il fulvo e facilmente malleabile re Dolph Lundgren, la ringiovanita in CGI e immortale Nicole Kidman e lo spaesatissimo mentore incaricato di tutti gli spiegoni Willem Dafoe. Aquaman possiederebbe insomma tutti gli elementi che solitamente andrebbero a costituire un classico del cinema camp, ma questo glorioso potenziale viene distillato lungo un tempo dilatatissimo, nella generica non-storia di un eroe poco simpatico e col quale non è semplice identificarsi.

Ci sono persino reminiscenze della leggenda di Re Artù e una sequenza direttamente ispirata al Pinocchio di Carlo Collodi. Ma Aquaman / Arthur Curry rimane una presenza opaca e dal passato troppo confuso, circondata da personaggi (monodimensionali) con i loro personali e chiarissimi obiettivi e caratteristiche. Figlio illegittimo di Atlanna (Kidman), Regina di Atlantide e di un guardiano del faro umano (Temuera Morrison), Arthur si sente responsabile dell’esecuzione di sua madre per tradimento. Ma nulla nella sua personalità o nella sua attitudine smargiassa tradisce alcun vero dubbio o senso di colpa, e il tentativo del film di presentare il suo dover diventare ‘per forza’ Re di Atlantide – dopo aver recuperato un mitico tridente – come culmine di un personale viaggio alla scoperta di sé stesso finisce per arrivare al pubblico piatto e forzato.

E questo è ancora più un peccato considerata la narrazione apprezzabilmente semplice che Aquaman sceglie di seguire. Giocare con il materiale elementare rappresentato dalla storia di un classico racconto di formazione avventuroso avrebbe potuto facilmente portare a qualcosa di soddisfacente, in parti uguali divertente e commovente: numerosi sarebbero i modelli di successo cui guardare, sia al cinema che nei fumetti. Tuttavia, James Wan sembra qui troppo spaventato dal ricadere nella derisa seriosità e gravità di L’uomo d’Acciaio o BvS, finendo per optare per la solita sarabanda di combattimenti ipercinetici a 360°, ‘cattivi’ dalla personalità degna di un biglietto del tram (il Black Manta di Yahya Abdul-Mateen II è spinto da un rancore tanto ostinato quanto inutile vista l’invincibilità del protagonista) e momenti in slow motion che nemmeno Baywatch.

Patrick Wilson in Aquaman (2018)La guerra tra i Sette Mari e il mondo della superficie – reo di distruggere da ben 100 anni l’ecosistema con rifiuti e gas – che il fratellastro ed erede al trono di Arthur, Orm (Patrick Wilson), minaccia poco coscienziosamente di iniziare suona poi tanto vaga quanto astratta. Nonostante alcuni dialoghi appiccicati alla buona che cercano di ricordarci il significato ‘profondo’ di questo conflitto per Aquaman – essendo lui mezzo-Atlantide e mezzo umano – la minaccia sembra in definitiva poco più che una scusa per una serie di battaglie affrettate e un filotto di nuove avventure in giro per il mondo per il nostro eroe amico della birra doppio malto.

Alcune di queste sequenze sono pure dinamiche, esagerate e talmente kitsch da risultare sublimi, come quella del set di un finto paesino della Sicilia che sembra essere uscito direttamente o da una pubblicità di Dolce & Gabbana o da Mamma Mia! per gli stereotipi inseriti (non mancano naturalmente Vespa, Ape, vino, fiori, campanili e burattini di Pinocchio che sostituiscono i classici Pupi …). Ma il resto di questo lunghissimo film è troppo tedioso, inerme e senza gioia, con pochissimi momenti abbastanza pazzeschi e divertenti a tener desto e interessato a quanto accade lo spettatore. Come film di supereroi dell DC, Aquaman non è un disastro, ma resta lo stesso una delusione.

Naturalmente, è presente una scena extra a metà dei titoli di coda, con qualcuno che dovrebbe essere morto che in realtà …. non lo è.

Di seguito il trailer finale italiano e quello internazionale (per meglio apprezzare le voci originali) di Aquaman, che uscirà nei nostri cinema l’1 gennaio 2019 (in 3D, 2D e IMAX):

Jason Momoa
Amber Heard
Willem Dafoe
Patrick Wilson
Yahya Abdul-Mateen II
Nicole Kidman
Temuera Morrison
Dolph Lundgren
Ludi Lin
Patrick Cox
Otis Dhanji
Kaan Guldur
Connor Zegenhagen
Michael Beach
Graham McTavish
Winnie Mzembe
Gabriella Petkova
Braden Lewis
Vincent B. Gorce
Jon Quested
Sasha Dulics
Rhianna Palmer
Randall Park
Natalia Safran
Djimon Hounsou
Leigh Whannell
Kekoa Kekumano
Julie Andrews
Julie Andrews
John Rhys-Davies
Sophia Forrest
Andrew Crawford
Tainui Kirkwood
Tamor Kirkwood
Robert Longstreet
yaman seskir
Luke Owen
Denzel Quirke
Micah Ohlman
Jack Andrew
Frankie Creagh-Leslie
Sophia Emberson-Bain
Ilya Melnikoff
Hank Amos
Kyryl Koltsov
Devika Parikh
Sonny Le
Jon Fabian
Mabel Tamone
Rita Dinardo
Anthony Standish
Nicolette Bianca
Victor Leto
Oriana Iacono
Pearl Grantham
Noa Tsuchiya
Alice Lanesbury
Nicolas Bosc
Joshua Levinson
BIRDS OF PREY film margot robbie
Azione & Avventura

Teaser e poster per Birds of Prey: Harley Quinn è la paladina pazzerella di Gotham City

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Mary Elizabeth Winstead e Ewan McGregor al fianco di Margot Robbie nel nuovo film della DC diretto da Cathy Yan

Leggi
l'immortale serie amazon 2019 anime
Azione & Avventura

Trailer per L’Immortale: Manji fa un bagno di sangue nella serie animata di Amazon

di Redazione Il Cineocchio

A un paio d'anni dal film di Takashi Miike, il popolare e violentissimo manga di Hiroaki Samura arriva sul piccolo schermo

Leggi
cobra stallone 1986 film
Azione & Avventura

Sylvester Stallone su Cobra: “La serie TV è nelle mani di Robert Rodriguez”

di Redazione Il Cineocchio

La star del film del 1986 ha confermato che il progetto di riportare sul piccolo schermo Marion Cobretti è ancora caldissimo

Leggi
Azione & Avventura

Danny Trejo su Machete Kills in Space: “Lo giro io stesso se nessuno si decide a farlo”

di Redazione Il Cineocchio

L'attore 75enne è tornato a parlare del rimandatissimo film, mostrandosi assolutamente intenzionato a realizzarlo

Leggi
Jurassic World Battle at Big Rock cortometraggio
Azione & Avventura

Cortometraggio | Jurassic World – Battle at Big Rock: notte di terrore al campeggio in balìa dell’Allosauro

di Redazione Il Cineocchio

André Holland e Natalie Martinez sotto attacco negli 8 minuti diretti da Colin Trevorrow che ci rivelano cos'è successo dopo gli eventi di Il Regno Distrutto

Leggi
Azione & Avventura

Trailer esteso per Watchmen (la serie): un esercito di Rorschach è sul punto di scatenare il caos

di Redazione Il Cineocchio

Nello show originale supervisionato da Damon Lindelof, che ci riporta nell'universo distopico creato da Alan Moore oltre 30 anni fa, troviamo Jeremy Irons e Don Johnson

Leggi
Sylvester stallone rambo 1982
Azione & Avventura

Dossier | Rambo Saga: First Blood, tutto inizia nel 1982 (Parte I)

di Francesco Chello

Oltre 35 anni fa, Sylvester Stallone portava nei cinema il primo film dedicato a un altro eroe problematico, un reietto con cui empatizzare simbolo delle ferite lasciate aperte dalla guerra del Vietnam

Leggi
Jesus Rolls – Quintana è tornato film 2019
Azione & Avventura

Data di uscita e immagini per Jesus Rolls – Quintana è tornato, spin-off di Il Grande Lebowski

di Redazione Il Cineocchio

A 20 anni dal film dei fratelli Coen, John Turturro riprende il suo personaggio, circondandosi di star del calibro di Susan Sarandon e Christopher Walken

Leggi
Vincent D'Onofrio, R. Lee Ermey, Matthew Modine e Arliss Howard in Full Metal Jacket (1987)
Azione & Avventura

Recensione story | Full Metal Jacket di Stanley Kubrick

di William Maga

Nel 1987, il regista raccontava in modo lucidissimo e scioccante le brutalità della guerra (non solo del Vietnam)

Leggi
Babyteeth film 2019 shannon Murphy
Azione & Avventura

Babyteeth | La recensione del film d’esordio di Shannon Murphy (Venezia 76)

di Teresa Scarale

A metà fra Beverly Hills 90210 e Colpa delle stelle, l'opera prima della regista australiana è il diminutivo di un film. Un ritrito drammino adolescenziale dai colorini pastello e dalla fotografia slavata, suddiviso in rosei capitoletti come fossero post di Instagram

Leggi
rutger hauer furia cieca
Azione & Avventura

Wanted, Furia Cieca, Sotto Massima Sorveglianza: Rutger Hauer in tre film solo all’apparenza minori

di Francesco Chello

Ripercorriamo tre titoli spesso dimenticati - o comunque non abbastanza celebrati - interpretati dall'attore olandese a cavallo tra la fine degli anni '80 e l'inizio dei '90, ricchi di spunti interessanti

Leggi
first love film miike 2019
Azione & Avventura

Full trailer per First Love, thriller surreale di Takashi Miike tra yakuza e boxe

di Redazione Il Cineocchio

L'ultima fatica del prolifico regista giapponese vede protagonisti Masataka Kubota, Jun Murakami e Shôta Sometani

Leggi
Azione & Avventura

Diario da Venezia 76 | Giorno 8: Il marciapiede sinistro di Via Veneto

di Giovanni Mottola

Al Lido è tempo di documentari sul nostro bel cinema che fu. Si parte con Mondo Sexy e si finisce con Life as a B movie: Piero Vivarelli. Non c'è tempo per Chiara Ferragni

Leggi
Antonio Banderas e Gary Oldman in The Laundromat (2019)
Azione & Avventura

The Laundromat | La recensione del film di Steven Soderbergh sui Panama Papers (Venezia 76)

di William Maga

Il regista firma per Netflix un lungometraggio che affronta con leggerezza - forse eccessiva - la 'più grande fuga di notizie della storia', facendo leva su un cast d'eccezione che vanta Meryl Streep, Gary Oldman e Antonio Banderas

Leggi
weathering with you film 2019
Azione & Avventura

Trailer e data d’uscita per Weathering With You, il nuovo film di Makoto Shinkai che gioca col meteo

di Redazione Il Cineocchio

Dopo il successo di Your Name del 2017, il regista giapponese torna sulle scene con una nuova storia dai contorni fantastici che coinvolge due adolescenti

Leggi
Selfie di famiglia

Selfie di famiglia

19-09-2019

Burning - L'amore brucia

Burning - L'amore brucia

19-09-2019

Eat Local - A cena con i vampiri

Eat Local - A cena con i vampiri

19-09-2019

RECENSIONE

C’era una volta a... Hollywood

C’era una volta a... Hollywood

18-09-2019

RECENSIONE

Chiara Ferragni - Unposted

Chiara Ferragni - Unposted

17-09-2019

May the exquisite scheme be only for her

May the exquisite scheme be only for her

15-09-2019

Tutta un'altra vita

Tutta un'altra vita

12-09-2019

La vita invisibile di Eurídice Gusmão

La vita invisibile di Eurídice Gusmão

12-09-2019

Grandi bugie tra amici

Grandi bugie tra amici

12-09-2019

E poi c'è Katherine

E poi c'è Katherine

12-09-2019

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

12-09-2019

Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre

Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre

12-09-2019

Apollo 11

Apollo 11

09-09-2019