Home » Cinema » Azione & Avventura » Hellboy | La recensione del film Neil Marshall con David Harbour

5/10 su 970 voti. Titolo originale: Hellboy, uscita: 10-04-2019. Budget: $50,000,000. Regista: Neil Marshall.

Hellboy | La recensione del film Neil Marshall con David Harbour

10/04/2019 recensione di Sabrina Crivelli

Il reboot cinematografico delle avventure del noto personaggio creato da Mike Mignola è un concentrato di azione sfrenata affogata in un oceano di CGI, che preferisce sorvolare sugli aspetti più introspettivi e drammatici

hellboy film 2019

Sono già passati più di dieci anni da quando è uscito al cinema il secondo film diretto da Guillermo del Toro, Hellboy: The Golden Army (sequel a distanza di 4 anni di Hellboy) e, abbandonati i progetti per un terzo capitolo, la saga riparte ora da zero con un nuovo regista, Neil Marshall (Doomsday, Il Trono di Spade) un nuovo protagonista, David Harbour (Stranger Things) e una filosofia del tutto differente (le 19 curiosità sul film). Il risultato? Il giudizio in questo caso è strettamente legato alle aspettative dello spettatore, al legame di ciascuno con il fumetto alla base e, forse più di tutto, all’individuale reazione all’abuso di computer grafica (spesso dozzinale).

hellboy poster 2019 filmAnzitutto c’è la trama, in cui si cercano di comprimere fin troppi elementi. Diversamente dai precedenti lungometraggi, si è deciso di prendere spunto da un’antologia piuttosto ampia di albi disegnati da Mike Mignola (qui supervisore stretto della sceneggiatura): troviamo così rimandi a La Caccia selvaggia, che fa luce sulle origini di Red e costituisce il vero fil rouge della narrazione. A tale nucleo vengono aggiunti poi alcuni passaggi di Hellboy in Messico (la scena d’apertura) e altri del tutto nuovi.

La storia si apre con l’esecuzione della fascinosa e potentissima Nimue (ovvero la ‘Regina di Sangue’ incarnata da Milla Jovovich al centro di La Caccia selvaggia appunto) da parte di re Artù (Mark Stanley). La strega tuttavia è immortale e il monarca, con l’aiuto di Merlino (Brian Gleeson), per neutralizzarla la taglia a pezzi, chiudendo ogni sezione del suo corpo smembrato in un diverso scrigno e ordinando ai suoi più fidati cavalieri di seppellirli nei lati opposti del globo terràcqueo. Stacco.

Veniamo proiettati nel presente in cui Red (Harbour), che lavora per il BPRD, è alla ricerca di un collega scomparso. Il demone rosso dalle corna strappate è intento a dare la caccia a una serie di creature sovrannaturali, pilotato con amorevole durezza dal ‘padre’, il professor Bruttenholm (Ian McShane). Inviato quindi in una nuova pericolosa missione in terra inglese a supporto del misterioso Osiris Club, durante la quale ritrova la medium Alice Monaghan (Sasha Lane), gli sono rivelati alcuni sconvolgenti dettagli sui suoi natali e anche una parte del suo futuro, legato proprio a doppio filo alla ricomparsa della rancorosa Nimue, ansiosa di tornare in vita e dare il via all’Apocalisse. Riuscirà la Regina di Sangue a vendicarsi e a portare a termine i suoi piani per l’umanità? E, soprattutto, il destino di Hellboy è davvero ineluttabile o sarà lui a determinarlo?

Il travaglio esistenziale al centro del film è certo complesso e il materiale di partenza assai ampio e variegato. Esistono tutti i presupposti per una cupa indagine interiore – come avveniva nelle pagine di Mike Mignola – incentrata su un (anti)eroe problematico e combattuto tra due nature, quella umana e quella diabolica. Cresciuto in un mondo che non gli appartiene – almeno non del tutto – il mezzo demone più volte si interroga sulla liceità di sterminare i suoi ‘orrendi’ simili ed è tormentato da un senso di colpa di mancata appartenenza.

Lo stesso vale per il complicato rapporto padre-figlio che non viene in alcun modo approfondito come dovrebbe. Il bere alcol, come alcuni tratti più cupi della sua personalità, sono sì ripresi nell’Hellboy di Neil Marshall, che a detta dei produttori mirerebbe a spingersi “in una direzione più matura” ed è quindi stato reso “più esplicito, più viscerale, più emozionante e, sul piano dei contenuti, più adatto a un pubblico adulto” (negli USA è stato classificato R-Rated). L’operazione però non è riuscita come sperato. È vero, rispetto alla fiaba dark in due parti di Guillermo del Toro qui il tono è più disincantato, più concreto, ma ciò non vuol dire che la riflessione suggerita sia poi portata a termine in maniera convincente.

Al contrario, il nuovo Hellboy risente di un affastellamento di spunti, tutti banalizzati, trattati con eccessiva superficialità e risolti con estrema celerità. Così, nel tentativo di comprimere troppo i più variegati ingredienti in termini di diegesi come di estetica, non ci si sofferma mai sufficientemente sui personaggi, sui singoli momenti, soprattutto quelli più drammatici. Si tratta piuttosto di un pirotecnico vortice di eventi che travolge il pubblico con la sua spettacolarità da fanta-horror di serie B, nel bene e nel male. I numerosi scontri sono ben coreografati (quello iniziale con i giganti è notevole), il tasso di sangue e budella è altissimo (ma purtroppo o splatter è tutto in digitale), così come piacevoli sono alcuni dettagli scabrosi (l’infantofagia su tutti), ma i sentimenti – l’aspetto essenziale per l’auspicata maturità del reboot – sono ai limiti del trascurato.

La velocità e il costante cambio di location certo non fa mai annoiare nelle oltre 2 ore di durata, ma non v’è spazio per elaborare la parabola psicologica e ‘umana’ del protagonista – e di chi gli sta intorno – e di costruirne una credibile interiorità sofferta. Red viene sballottato da uno shock all’altro, eppure non il tempo per disperarsi o elaborare: un nuovo combattimento mortale, un nuovo feroce avversario, una nuova tragedia, gli sono già addosso ineluttabili. Il risultato è una piattezza estrema nelle azioni e reazioni, che certo non soddisfa i requisiti di maturità e profondità vagheggiati in principio. Sempre che la definizione non si limitasse al quantitativo di imprecazioni e squartamenti …

hellboy film 2019 milla jovovich nimueVa poi sommato un altro aspetto fin troppo invasivo, ovvero l’uso smodato e poco auspicabile della CGI e della motion capture, che – salvo Red e un paio di altri mostri – affogano il film in un mare di figurine e ambienti estremamente ‘finti’. Scordatevi quindi un immaginifico impiego del make-up prostetico tipico dei mondi fantastici creati da Guillermo del Toro o anche da Terry Gilliam per il suo recentissimo L’uomo che uccise Don Chisciotte (la nostra recensione), qui si è scelta la strada opposta, con esiti purtroppo sfiancanti. Certo, alcuni dettagli come la Baba Jaga (Troy James), la corona e la spada di fuoco di Hellboy sono entusiasmanti a livello visivo, ma il troppo stroppia, e desensibilizza. Senza contare che una sequenza come quella dell’esercito di Troll, Goblin, Fatine e altri essere magici che si inerpicano su per una collina inneggiando alla Regina di Sangue o la involontariamente grottesca apparizione fantasmatica nell’epilogo portano davvero a pensare cosa abbia spinto lo studio a girarle in quel modo. E il budget ‘limitato’ non può essere una giustificazione.

Così come non può esserlo per la scarsa vena inventiva o comunque derivativa di Hellboy (pensate allo splendore di Gantz: O di Yasushi Kawamura, il cui budget era di appena 2 milioni di dollari). Le suggestioni, d’altronde, sono molte e più o meno palesi: si va dal recente La mummia con Tom Cruise e Il Trono di Spade, fino all’imprescindibile Il Signore degli Anelli e al Go Nagai di Devilman e Mao Dante. Lo stile di regia di Neil Marshall stesso infine ricorda quello adattato da Matthew Vaughn per Kingsman, in cui humor, azione scatenata e musica rock si fondono. Il tutto intinto in una fotografia che solo nel prologo rende al meglio il contrasto cromatico tipico del fumetto originale.

Se per molti la situazione descritta poc’anzi potrebbe essere vista di buon occhio, i puristi del fumetto (già lamentosi per le trasposizione ‘libere’ di Guillermo del Toro) potrebbero non gioire per gli svariati tagli, cambiamenti e ibridazioni delle storie disegnate. Nella logica di accumulo, viene certo sacrificato a una manciata di minuti Hellboy in Messico, e molto di La Caccia selvaggia è trascurato. Di quest’ultimo vengono mantenuti in particolare solamente lo scheletro e alcuni dei personaggi fondamentali, come Merlino, Artù, Nimue, Alice Monaghan e Lady Hatton, mentre Morgan le Fay sparisce e viene appena toccata la sottotrama relativa alle fate e all’incontro con la regina Mab (e molto altro).  Insomma, anche a livello di narrazione, in Hellboy si assiste a una semplificazione hollywoodiana non particolarmente attenta di dettagli e sfumature.

Due parole sul cast: forse ricorderete l’iniziale scelta di scritturare il bianchissimo Ed Skrein per il ruolo dell’asiatico Ben Daimio, poi sostituito dopo la levata di scudi dal ‘più adeguato’ Daniel Dae Kim; o l’altra sommossa quando venne annunciata l’afroamericana/maori Sasha Lane per il ruolo della rossa irlandese Alice Monaghan. Ebbene, polemiche irrilevanti a parte, entrambi gli attori se la cavano più che discretamente come insolite spalle di Red.

hellboy film 2019In conclusione, tolti quelli che già lo guardavano storto perché dichiaratamente lontano dalla visione di Guillermo del Toro, chi si aspettasse per qualche ragione un qualche tipo di spessore da questo Hellboy 2019, o anche solo una grande fedeltà al fumetto, potrebbe rimanere deluso. Al contrario, chi cercasse azione a perdifiato, combattimenti roboanti, ammazzamenti variopinti e una sarabanda di creature fantasy in CGI che chi più ne ha più ne metta, si ritroverà forse felicemente intrattenuto per un paio d’ore.

Ah, sono presenti ben 2 scene dopo i titoli di coda, quindi non andate via (nella prima c’è un amatissimo personaggio degli anni ’30, nella seconda il probabile cattivo del non così probabile sequel …).

Di seguito – sulle note di una versione rimaneggiata di Smoke on the water dei Deep Purple – trovate il super R-Rated internazionale (per meglio apprezzare le voci originali) di Hellboy, che arriverà nei nostri cinema l’11 aprile in anteprima mondiale:

David Harbour
Ian McShane
Milla Jovovich
Sasha Lane
Penelope Mitchell
Daniel Dae Kim
Brian Gleeson
Sophie Okonedo
Alistair Petrie
Thomas Haden Church
Ashley Edner
Douglas Tait
Kristina Klebe
Atanas Srebrev
Vanessa Eichholz
Mario de la Rosa
Stephen Graham
Laila Morse
Nitin Ganatra
Mark Stanley
Rick Warden
Markos Rounthwaite
Ilko Iliev
Nadya Keranova
Maria Tepavicharova
Ana Tabakova
Terry Randal
Christopher Mata
Dawn Sherrer
Michael Heath
Dimiter Banenkin
Charles Shannon
Carl Hampe
Tony van Silva
Josh Finan
Jonathan Steele
Simon Feek
Ava Brennan
Anthony Delaney
Jasmine Audoux-Prevot
Meglena Karalambova
Anna Bankina
Rut Rafailova
Peter Oxley
Nikolay Stanoev
Troy James
Emma Tate
Manal El-Feitury
Elizabeth Mehari Kahsai
Said Barry Abdulai
Katya Peneva
Natasha Kaplinsky
Valentin Stojanov
Victor Rangelov
Vasil Tsvetkov
Joshua Samuel Hector
Joel Harlow
Francis Ford Coppola e Dennis Hopper in Apocalypse Now (1979)
Azione & Avventura

Francis Ford Coppola nel 1979: “So chi potrebbe girare il sequel di Apocalypse Now”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista, all'epoca 40enne, offriva una lettura del suo capolavoro, arrivando a parlare anche dell'eventuale ipotetico seguito

Leggi
Gerard Butler in attacco al potere 3 film
Azione & Avventura

Attacco al Potere 3 | La recensione del derivativo action con Gerard Butler e Nick Nolte

di William Maga

Ric Roman Waugh sale in regia per un terzo capitolo incredibilmente sciapo e sciocco, ma non in modo divertente

Leggi
bond 25 no time to die film
Azione & Avventura

Bond 25: trama e titolo ufficiale per il nuovo film di 007

di Redazione Il Cineocchio

Nel nuovo capitolo della longeva saga diretto da Cary Joji Fukunaga ritroveremo Daniel Craig e Ralph Fiennes

Leggi
stallone rambo last blood
Azione & Avventura

Trailer per Rambo – Last Blood: Sylvester Stallone fa strage di narcos in Messico

di Redazione Il Cineocchio

A 72 anni suonati, la star torna per l'ultima volta a interpretare il celebre veterano del Vietnam, questa volta in trasferta oltre confine per abbattere un pericoloso cartello

Leggi
Masters of the Universe Revelation netflix kevin smith poster
I falchi della notte (1981) rutger hauer
Azione & Avventura

I Falchi della Notte e The Hitcher: un Rutger Hauer in versione villain memorabile

di Francesco Chello

Riscopriamo il rude poliziesco del 1981 e il thriller on the road velato di horror del 1986, in cui l'attore olandese ha dato forma a due personaggi in grado di rubare la scena ai 'buoni'

Leggi
mortal kombat
Azione & Avventura

Mortal Kombat: trovati Liu Kang, Mileena, Raiden e Jax del reboot prodotto da James Wan

di Redazione Il Cineocchio

Dopo la data di uscita e l'annuncio di Sub-Zero, si rimpolpa il cast del film R-Rated diretto da Simon McQuoid

Leggi
angel has fallen film butler
Azione & Avventura

Attacco al potere 3: nel trailer finale italiano Gerard Butler sotto accusa deve salvare il Presidente

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Morgan Freeman, Jada Pinkett Smith e Nick Nolte nel terzo film della saga action patriottica iniziata nel 2013

Leggi
venom film 2018 hardy
Azione & Avventura

Andy Serkis su Venom 2: “Ho idee molto chiare su come sarà il sequel”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha anche rivelato di aver atteso a lungo di poter lavorare con Tom Hardy, il quale "è molto coinvolto nella scrittura della sceneggiatura" del film

Leggi
Pinocchio Gris Grimly
Azione & Avventura

Guillermo del Toro: “Vi spiego perché il mio Pinocchio sarà diverso dai precedenti”

di Redazione Il Cineocchio

L'adattamento in stop-motion e musical del romanzo per ragazzi di Carlo Collodi sarà, secondo il regista messicano, vicino a Frankenstein per sensibilità

Leggi
Titans stagione 2
Azione & Avventura

Trailer per la stagione 2 di Titans: arrivano Deathstroke e Superboy

di Redazione Il Cineocchio

Nelle prime immagini intravvediamo anche Chelsea T. Zhang nei panni di Rose Wilson e Chella Man come Joseph Wilson, la figlia del letale mercenario

Leggi
Azione & Avventura

1917: teaser trailer italiano per il war movie di Sam Mendes con Colin Firth e Benedict Cumberbatch

di Redazione Il Cineocchio

CI sono anche Mark Strong e Richard Maddenin nella missione contro il tempo per sventare un attacco letale del nemico

Leggi
The Irishman
Azione & Avventura

Teaser per The Irishman: Robert De Niro e Al Pacino esplosivi nel film Netflix di Martin Scorsese

di Redazione Il Cineocchio

Joe Pesci affianca le due star hollywoodiane nel gangster movie diretto da Martin Scorsese, tratto del libro 'I Heard You Paint Houses' di Charles Brandt

Leggi
the boys serie amazon 2019
Azione & Avventura

The Boys: lo showrunner Eric Kripke parla dell’unica scena tagliata da Amazon

di Redazione Il Cineocchio

Nonostante sangue, parolacce e splatter abbondino nello show tratto dal fumetto di Garth Ennis e Darick Robertson, esiste una sequenza giudicata davvero troppo estrema

Leggi
baby driver 2017
Azione & Avventura

Ansel Elgort su Baby Driver 2: “Il sequel si farà”

di Redazione Il Cineocchio

Dopo il regista Edgar Wright, anche il giovane protagonista dell'heist movie del 2017 parla di un secondo capitolo

Leggi
Pop Black Posta

Pop Black Posta

22-08-2019

Il signor Diavolo

Il signor Diavolo

22-08-2019

RECENSIONE

La rivincita delle sfigate

La rivincita delle sfigate

22-08-2019

Charlie Says

Charlie Says

22-08-2019

RECENSIONE

Il re leone

Il re leone

21-08-2019

The Nest (Il nido)

The Nest (Il nido)

15-08-2019

RECENSIONE

Diamantino - Il calciatore più forte del mondo

Diamantino - Il calciatore più forte del mondo

15-08-2019

Crawl - Intrappolati

Crawl - Intrappolati

15-08-2019

RECENSIONE

Kin

Kin

15-08-2019

RECENSIONE