Home » Cinema » Horror & Thriller » La Babysitter: Killer Queen | La recensione del film di McG (sequel di Netflix)

6/10 su 181 voti. Titolo originale: The Babysitter: Killer Queen , uscita: 10-09-2020. Regista: McG.

La Babysitter: Killer Queen | La recensione del film di McG (sequel di Netflix)

12/09/2020 recensione film di Marco Tedesco

Judah Lewis deve vedersela coi redivivi Robbie Amell e Bella Thorne in un secondo capitolo per nulla ispirato, ma pieno di sangue

la babysitter killer queen film 2020 netflix

Proprio quando avevate cominciato a pensare che fosse abbastanza sicuro dare un’occhiata al vostro Netflix, il menù principale decide di sorprendervi nella sua sconfinata proposta di nuovi titoli a getto costante con la presenza in primo piano di un sequel – assolutamente inaspettato – del clamoroso successo La Babysitter (la recensione). Se alcuni critici erano addirittura arrivati a trovare la horror comedy del 2017 affascinante, apprezzandone in particolare la presenza della star nascente Samara Weaving, ripetersi nel giudizio ora con La Babysitter: Killer Queen significherebbe solamente malafede da parte loro.

la babysitter killer queen film netflix 2020 posterPer prima cosa, Samara Weaving non è il cattivo principale questa volta, al contrario dei suoi colleghi dell’originale. Potreste allora chiedervi come possano esserci tutti gli altri membri della malefica setta, visto che dovrebbero essere morti … Ma una sceneggiatura che combina l’espediente del “nessuno è mai veramente morto in un film horror” col revisionismo di alcune motivazioni passate rende la risposta molto semplice. Troppo semplice. In effetti, nulla della storia di La Babysitter: Killer Queen ha ‘senso’ a nessun livello, ed è sorprendente che ci siano voluti il ​​regista McG e altri tre tizi per mettere su carta una tale assurdità.

Due anni dopo il primo film, il povero Cole (Judah Lewis) è un liceale ancora segnato dalla notte in cui la sua babysitter Bee (Weaving) e alcuni accoliti hanno cercato di sacrificarlo al Diavolo. L’unica persona che apparentemente gli crede è la fedele amica Melanie (Emily Alyn Lind), mentre i suoi genitori progettano di spedirlo in una scuola ‘speciale’.

Un giorno, Melanie convince Cole a unirsi a lei, al suo fidanzato Jimmy (Maximilian Acevedo) e ad altri due amici per una festa sul lago, ma quando arrivano su luogo Cole scopre che la setta satanica è tornata. Con un nuovo leader al timone, i membri John (Andrew Bachelor), Max (Robbie Amell), Allison (Bella Thorne) e Sonya (Hana Mae Lee) sono ancora ansiosi di spargere il sangue innocente (cioè verginale …) di Cole, e questa volta l’unico alleato che troverà è Phoebe (Jenny Ortega), una nuova studentessa ribelle che si presenta al lago per motivi suoi.

Se The Babysitter era stato un omaggio (pochissimo divertente) alle commedie adolescenziali degli anni ’80, La Babysitter: Killer Queen raddoppia il tasso di scarsa verve comica e di tutto ciò che c’era di improbabile già la prima volta, compresa la scelta di un cast per nulla ispirato (a parte un po’ Amell e la Thorne). Anche l’uso a fini nostalgici di Killer Queen sembra infilato nel titolo puramente per giustificare il ricorso alla storica canzone dei Queen alla fine del film, e nessun altro motivo distinguibile.

McG lancia sullo schermo tutto quello che può, ricorrendo a pop-up, esclamazioni in stile fumetto, flashback inutili e sequenze al rallentatore per ‘segnalare’ allo spettatore i momenti in cui ridere. Essendo però lui storicamente un regista ‘superficiale’, si dimentica anche stavolta di tutte queste trovate nel momento stesso in cui le dispiega. Tra l’altro, un apparente tentativo di satira sulle scuole superiori viene abbandonato non appena vengono introdotte misoginia di basso livello e sangue a secchiate.

la babysitter killer queen film 2020 netflixCi sono, è vero, morti a bizzeffe in La Babysitter: Killer Queen di cui dovremmo ridacchiare – e forse sussultare – a causa della loro assoluta oltraggiosità, ma anche qui i colpi sono fondamentalmente a salve. Con personaggi piatti come la superficie del lago del film, non ci si può identificare o tifare per nessuno di loro, e anche lo splatter stesso viene rovinato dalla palese natura in CGI. Quei film degli anni ’80 a cui quest’opera vuole così disperatamente essere associato avevano almeno una qualità tattile, anche quando gli effetti speciali pratici non erano dei migliori; qui siamo dalle parti del cartone animato.

Quando arriviamo a un’altra rivelazione a sorpresa negli ultimi minuti (che coinvolge un attore che chiaramente non ha alcun interesse a essere lì più del necessario), siamo ormai diventati del tutto insensibili alla natura schizzata, alle finte volgarità, al ritmo compassato e alla trama minimale di La Babysitter: Killer Queen.

Alla fine, la domanda che resta da farsi, però è come faccia Joseph McGinty Nichol a continuare a lavorare come regista. Da Charlie’s Angels (2000) a Terminator Salvation (2009), fino a Una spia non basta (2012) e al tremendo Rim of the World dello scorso anno (la recensione), la carriera del regista è stata lastricata di una trafila di titoli mediocri. Evidentemente, La Babysitter è riuscito tra anni fa a convincere Netflix della bontà del prodotto (dopo averne acquistati i diritti per la distribuzione dalla New Line), spingendo il saggio ‘algoritmo dell’abbonato’ a stabilirne la necessità di un seguito (e un terzo capitolo sembra alquanto probabile …).

Di seguito trovate il full trailer in versione italiana di La Babysitter: Killer Queen, nel catalogo di Netflix dal 10 settembre:

german angst film 2015
Horror & Thriller

Recensione story | German Angst di J. Buttgereit, M. Kosakowski e A. Marschall

di Antonio Salfa

Il film tedesco a episodi del 2015 si rivela un magico scrigno visivo estremo fatto di brutalità, sesso e piante fin troppo magiche

Leggi
books of blood film hulu 2020
Horror & Thriller

Teaser trailer per Books of Blood, film di Hulu che dà vita ai Libri di Sangue di Clive Barker

di Redazione Il Cineocchio

C'è Brannon Braga alla regia dell'adattamento, che conterrà anche del materiale originale

Leggi
the elephant man film 1980
Horror & Thriller

Trailer per The Elephant Man: il film di Lynch nei cinema italiani restaurato (la data)

di Redazione Il Cineocchio

A 40 anni esatti dall'uscita, una grande opportunità per vedere il classico con Anthony Hopkins e John Hurt in tutto il suo splendore

Leggi
hubie halloween film netflix 2020
Horror & Thriller

Trailer per Hubie Halloween, horror comedy con Adam Sandler e Steve Buscemi (per Netflix)

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Kevin James, Ray Liotta, Michael Chiklis e Shaquille O'Neal nel film diretto da Steven Brill

Leggi