Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Miss Peregrine – La Casa dei Ragazzi Speciali | La recensione del film di Tim Burton

6/10 su 7115 voti. Titolo originale: Miss Peregrine's Home for Peculiar Children, uscita: 28-09-2016. Budget: $110,000,000. Regista: Tim Burton.

Miss Peregrine – La Casa dei Ragazzi Speciali | La recensione del film di Tim Burton

05/01/2020 recensione film di William Maga

Non il peggiore tra gli ultimi lavori del regista, certamente il più deludente. Eva Green evita il tracollo.

Miss Peregrine – La Casa dei Ragazzi Speciali (Miss Peregrine’s Home for Peculiar Children) è un film destinato a sfidare l’idea che tutto sia già stato scoperto, che il mondo sia stato completamente privato delle sue meraviglie. Se tale messaggio si presenta come poco convincente, forse è perché il regista Tim Burton ha trascorso gran parte degli ultimi 15 anni a riconfezionare alcune delle più logore storie nella cultura occidentale e, a questo punto, il suo coinvolgimento nel presente progetto suona come se John Lasseter facesse un film che lamenta il declino delle animazioni disegnate a mano, o Zack Snyder che lamentasse la perdita di intrattenimento di qualità nei blockbuster attuali.

miss-peregrine-la-casa-dei-ragazzi-speciali-posterNaturalmente, il film – adattamento dell’omonimo romanzo young adult pubblicato da Ransom Riggs nel 2011 – avrebbe potuto calzargli a pennello. Burton, proprio come il giovane protagonista Jake Portman, è rimasto in attesa della giusta occasione che gli ricordasse il suo scopo e per ripristinare il suo senso della possibilità. Questo avrebbe potuto essere il mea culpa del regista, il suo tentativo di recuperare quella qualità artistica che un tempo lo ha elevato al rango di uno tra gli autori più popolari al mondo. Poteva essere il film che avrebbe riacceso la sua visionarietà.

Beh, non lo è. (Non è un caso che dopo il flop di settembre negli Stati Uniti, la Fox abbia deciso di provare a correre ai ripari rinviandone l’uscita in Italia sotto le festività natalizie, un destino che lo accomuna peraltro a Il GGG di Steven Spielberg).

Al contrario, questa fantasiosa storia di loop temporali, bambole kewpie volteggianti a mezz’aria e mondi incantati che esistono appena oltre la vista è la somma di un milione di cose diverse, già viste e accuratamente approfondite. Burton non reinventa (e nemmeno rivitalizza) il genere young adult, o almeno la sua innovazione non va oltre all’inserire un filtro Snapchat personalizzato, come se un surplus di grandi occhi potesse compensare la mancanza di grandi idee.

Il romanzo potrà pure essere derivativo già di suo, ma il film fa tutto il possibile per aggravare quella sensazione di eccessiva familiarità, che va ben oltre i confini del suo genere, al fine di prendere in prestito topoi riconoscibili da una vasta gamma di recenti successi. Rubacchiando liberamente da Jumper e Inception così come, in modo più evidente, da Harry Potter e X-Men, Miss Peregrine è un’ode vuota alle meraviglie e alle stranezze, che suggerisce che stiamo pericolosamente per rimanere a corto di entrambe.

In opere come questa, l’eroe è spesso il personaggio meno interessante (tanto meglio per favorire l’identificazione con il Prescelto e accentuare quanto strane siano le cose dentro all’armadio …), ma Miss Peregrine porta il concetto a un livello completamente nuovo. Cresciuto nel deserto culturale della Florida contemporanea, il sedicenne Jake è noioso quanto il grande magazzino in cui lavora, e rimane un guastafeste totale anche dopo essere stato misteriosamente guidato verso una strana isola del Galles alla ricerca dei magici orfanelli che popolavano le fiabe della buonanotte, che suo nonno Abe (Terence Stamp, ucciso nella sua prima scena) gli raccontava quando era piccolo.

Miss Peregrine - La Casa dei Ragazzi Speciali trailerQuello di Jake sarebbe in ogni caso stato il ruolo più ingrato, ma Asa Butterfield non fa al nostro eroe nessun favore. Così incredibilmente contagioso nel ruolo principale in Hugo Cabret di Martin Scorsese, l’attore britannico sembra essere rimasto qui impantanato nel suo accento adottato (consigliamo sempre e comunque di vedere ogni film in lingua originale), con conseguente performance piatta e anaffettiva. Jake dovrebbe avere il compito di accentuare la crescente peculiarità del film intorno a lui, ma Butterfield fa solamente sembrare tutto il resto ancora più ordinario per associazione. Quando il tremolante adolescente passa attraverso un portale che lo riporta negli anni ’40 – nuovamente al giorno prima che l’orfanotrofio dalla fattura gotica di Abe venisse cancellato da un attacco aereo nazista – è difficile immaginare il motivo per cui tutti gli eccentrici amici d’infanzia del nonno siano così desiderosi di farlo rimanere lì con loro. Certo, questo gruppo eterogeneo di disadattati è disperatamente – e comprensibilmente – alla ricerca di nuovi amici dopo essersi nascosto all’interno di un ciclo infinito di 24 ore per oltre 70 anni, ma Jake è davvero noioso.

E tuttavia, i miserabili residenti della scuola di Miss Peregrine per Giovani Dotati – ops … per ‘ragazzi speciali’ – non sembrano considerare affatto l’alternativa. I bambini vanno da scarti degli X-Men, a comparse di Beetlejuice, a una ragazza che sembra uscita da una pubblicità di Steve Madden imbevuta di Weird Science in cui tutte le donne hanno grandi scarpe, fianchi stretti e teste giganti, ciascuno dei quali subisce un trattamento così burtonesco che è difficile credere che fossero stati tutti concepiti in tal guisa per il libro di Riggs. Sì, anche la compassata bimba che divora il cibo con una coppia di mostruose ganasce che si nascondono sotto i riccioli nella parte posteriore del suo cranio. Sì, anche l’interesse amoroso da favola di Jake (Ella Purnell), destinata ad essere la copia di un’adolescente in piena pubertà ricorda in maniera inquietante le nubili protagoniste femminili di quasi tutti gli altri film di Burton.

miss peregrine foto 2Il regista si crogiola nella loro stranezza, ribadendo alla nausea che essere normale è così noioso che tanto vale morire.

È un argomento più facile da affrontare in quelle pellicole che si rifiutano di farlo, nei film in cui mutanti con superpoteri spettacolari sono ampiamente rappresentativi di sottogruppi emarginati e temuti dalla cultura mainstream. Qui, all’interno di una bolla in cui non si fa altro che ripetere quanto sia meglio essere diversi, troviamo un ragazzo che non può parlare senza che centinaia di api volino fuori dalla sua bocca. Che bel dono. Quando Samuel L. Jackson e il suo gruppo di instancabili Mangiamorte si presentano e iniziano a cercare di uccidere gli speciali per poterne mangiare i bulbi oculari e raggiungere così l’immortalità, il suo piano malvagio assomiglia più che mai a un’opera di pietà.

Grazie al cielo però c’è Eva Green.

Santa patrona dei film brutti con (e / o su) ragazzi adolescenti, la Green interpreta Miss Peregrine in persona, un personaggio che avrebbe potuto facilmente essere ridotto a “sexy Albus Silente“, se non fosse per la vitalità e la presenza dell’attrice che la interpreta. Donna magica che può trasformarsi in un uccello – un falco pellegrino blu, ovviamente – e che è in grado di suggerire un mistero di gran lunga maggiore di quello che il lungometraggio riesce a garantire da sé, lei è l’unica persona qui che sembra non abbia mai sentito questa storia (bisogna dar credito a Jackson per averci provato, dando al suo scostante e goffo cattivo un trattamento completo alla Nicolas Cage, mentre perdeva la guerra contro una sceneggiatura che lo invitava a essere ridicolo pur avendo la necessità che fosse anche stupido).

miss peregrineFortunatamente, c’è un lato positivo nell’idea di un Tim Burton che realizza un’opera young adult posata, e cioè che i vincoli del genere lo tengono in carreggiata, come un guardrail per i suoi peggiori istinti. Gli svolazzi estetici per cui è noto sono costretti a rimanere confinati, non permettendogli di condurre lo show come in Alice in Wonderland. Mentre la trama si fa più vacua, si comincia però a sentire quasi la mancanza di questi dettagli – bisogna dire che c’è un bel momento in cui Jake tira la bionda Emma lungo la spiaggia mentre lei galleggia in alto come un palloncino per esempio, e apprezzabile è l’omaggio dark agli scheletri di Gli Argonauti di Ray Harryhausen – mentre la fotografia di Bruno Delbonnel rimane rigogliosa anche durante l’insensata battaglia finale (evitate tranquillamente il 3D,  troppo scuro anche per Burton).

Al tempo stesso irrimediabilmente banale e singolarmente burtoniano, Miss Peregrine – La Casa dei Ragazzi Speciali afferma con forza che il mondo è pieno di meraviglia e di magia che ci potrebbero riempire di propositi, se solo potessimo vederli. Proposito lodevole, anche se questo film non ha idea di dove dovremmo guardare per cercarle.

Di seguito il trailer italiano di Miss Peregrine – La Casa dei Ragazzi Speciali:

Alita l'angelo della battaglia film 2019 rosa salazar
Sci-Fi & Fantasy

Alita – Angelo della Battaglia | La recensione del film di Robert Rodriguez che adatta Yukito Kishiro

di Sabrina Crivelli

Rosa Salazar è una giovane cyborg senza memoria e dal grande cuore nella versione per il cinema semplicistica e visivamente brillante dell'omonimo manga supervisionata da James Cameron

Leggi
profondo Giuliano Giacomelli film
Sci-Fi & Fantasy

Profondo | La recensione del film scritto e diretto da Giuliano Giacomelli

di Francesco Chello

L’autore fa il suo esordio in solitaria con un'opera che, partendo da un presupposto di natura fantastica, racconta una interessante storia di riscatto e di introspezione

Leggi
wall-e pixar film 2008
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | WALL•E di Andrew Stanton: quando il silenzio è d’oro (per un po’ almeno)

di William Maga

Nel 2008 la Pixar portava nei cinema un film per metà quasi completamente muto, spingendo ogni oltre confine sperimentato prima la narrazione per sole immagini

Leggi
japan sinks 2020 serie anime netflix yuasa
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Japan Sinks: 2020, catastrofica serie anime di Masaaki Yuasa per Netflix

di Redazione Il Cineocchio

Il regista di Devilman Crybaby torna sulle scene con l'adattamento del romanzo sci-fi di Sakyo Komatsu pubblicato nel 1973

Leggi
paranoia agent 2004 serie satoshi kon
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Paranoia Agent di Satoshi Kon: risvegliarsi dall’incubo della modernità

di William Maga

Nel 2004, il regista giapponese dirigeva un'opera attualissima e in anticipo sui tempi, capace di riflettere sulle paure della società

Leggi