Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione Sitges 51 | Apostolo di Gareth Evans

6/10 su 560 voti. Titolo originale: Apostle, uscita: 21-09-2018. Regista: Gareth Evans.

Recensione Sitges 51 | Apostolo di Gareth Evans

08/10/2018 recensione di Sabrina Crivelli

Il regista gallese dei The Raid si dà all'horror folk supportato da Netflix, girando un film in costume ricco di suggestioni che guarda a The Wicker Man, ma troppo approssimativo nella costruzione della sua ambiziosa mitologia

Grazie a The Raid – Redenzione (Serbuan maut, 2011), Gareth Evans è divenuto pressoché immediatamente un idolo per gli appassionati di arti marziali e del cinema action di tutto il mondo. I suoi estimatori sono addirittura cresciuti con il sequel del 2014 che vedeva sempre con protagonista la star indonesiana Iko Uwais, alimentando la speranza di un possibile terzo capitolo, la cui realizzazione è però stata recentemente – e definitivamente – smentita dal regista gallese stesso. Alcuni hanno invece storto il naso quando hanno appreso che il suo prossimo lavoro, Apostolo (Apostle), sarebbe stato uno spiazzante horror in costume, ambientato agli inizi del ‘900 su un’isola a largo del Galles abitata da una piccola comunità dedita a uno misterioso culto. Certo, il filmmaker aveva già in parte esplorato nel 2014 il genere in un segmento dell’antologico V/H/S/2 intitolato “Safe Haven”, eppure non si era mai cimentato nella regia di un lungometraggio del terrore. Questo almeno fino ad ora, quando grazie al supporto di Netflix (che certo non si tira indietro quando si tratta di finanziare la cinematografia indipendente) è riuscito a mettere insieme le risorse per questo singolare e – almeno per ciò che concerne la sua carriera sino ad oggi – anomalo folk horror.

Sceneggiato, oltre che girato, da Gareth Evans, Apostolo ha indubbiamente qualche pregio, ma anche diversi problemi. Anzitutto, forse un po’ troppo manifesto è l’influsso diretto del modello alla base, soprattutto nella prima parte, che risulta quindi quella meno originale, ma al contempo la più coerente. Nei primi 30-40 minuti di film sembra infatti quasi di assistere a un libero remake di The Wicker Man (1973) di Robin Hardy, collocato però in una società ancora più bigotta. Come nel classico del 1973, un uomo, Thomas Richardson (Dan Stevens), dopo l’arrivo di un’allarmante lettera della sorella, si reca in incognito sulla remota isola di Erisden, in cui vive una piccola comunità rurale guidata dal sedicente ‘profeta’ Malcolm (Michael Sheen).

L’unica differenza con il film di Hardy sta nel fatto che qui si tratti di rapimento con richiesta di riscatto e che a cercare la scomparsa sia il fratello della stessa. Comunque sia, Thomas, che ha infelici trascorsi come missionario e ha perduto la propria fede, riesce a tenere segreta la sua identità e intanto cerca di capire dove sia tenuta la prigioniera, ma nel farlo s’imbatte in un segreto decisamente sconvolgente, che ha le sue radici in una arcaica entità che si cela in quei lidi dagli albori dei tempi.

Una setta, un profeta carismatico, una caccia all’uomo e sinistri riti in onore di una qualche terrena divinità, molteplici sono le suggestioni di cui è disseminato Apostolo, affascinando – più che spaventando in senso stretto – a un primo e un po’ più distratto sguardo lo spettatore. Tuttavia, non solo molte di queste sono attinte da altro, ma – problema non indifferente – sono affastellate senza una vera e propria coerenza, unità di fondo e, se si pone una minima attenzione, parecchi sono i dettagli calati ex abrupto nella narrazione. Tale carenza rende numerosi passaggi poco chiari o sconnessi e non fa certo capire a dovere le psicologie e le motivazioni dei personaggi principale; anzi, sembra quasi che agiscano così, in preda a strani raptus, in modo da ottenere un certo effetto sorpresa, una svolta che stupisca lo spettatore. D’altra parte, la trama è parecchio intricata e incrocia diversi filoni diegetici, che però non sono assolutamente svolti a dovere, ma solo appena accennati e poi lasciati lì, sospesi in attesa di un degno compimento che non arriverà mai.

Ne risulta perciò un storia a più tratti decisamente sibillina, nebulosa, aspetto certo ricercato dallo sceneggiatore e regista gallese, ma che impatta non poco sull’insieme. Manifesta (lo ha dichiarato il Gareth Evans stesso durante un incontro con la stampa al Festival di Sitges) è la volontà di guardare ad alcuni cult particolarmente visionari, oltre al già citato The Wicker Man, come I Diavoli (The Devils, 1971) di Ken Russell e i più recenti Kill List (2011) e I disertori – A Field in England (2013) di Ben Wheatley. Tuttavia, il filmmaker, nel tentativo di replicarne la paradossalità, l’estetica e lo sviluppo surreali perde di vista la percezione di insieme, dando la sensazione di un lavoro sconnesso e approssimativo, di non saper gestire un puzzle mitologico così articolato. Troppi sono quindi gli interrogativi lasciati senza risposta: perché due giovani devono tenere il loro amore segreto? Perché il padre di lei dovrebbe adirarsi tanto? Chi è il bizzarro individuo (che sembra uscito da Silent Hill) con una maschera di vimini che si ‘teletrasporta’ da una parte all’altra dell’isola? Chi sono le persone che abitano il villaggio e perchè han scelto quello stile di vita?

Le imprecisioni non implicano tuttavia che a livello visivo Apostolo non si estremamente affascinante. Le lande spazzate costantemente dal vento, un vento tangibile e gelido, il paesaggio incontaminato, presentato dall’alto all’approdo a Erisden dei nuovi accoliti tra cui si cela Thomas, sono catturati in maniera impeccabile dalla fotografia dello storico collaboratore Matt Flannery (The Raid 1 & 2 e Merantau). Inoltre, l’insieme di case minimali di legno, il dedalo di sottopassaggi sotterranei, il succedersi di pratiche enigmatiche come quella di lasciare vasetti pieni di sangue fuori dalle stanze la notte, molti sono i particolari intriganti di cui è disseminato il film. Gareth Evans costruisce in un crescendo l’angoscia, un indizio e una verità rivelata alla volta.

Rumori sinistri, sibili, creature che strisciano nella penombra, la prima parte è indubbiamente molto promettente, si potrebbe dire conturbante, nonostante la sua derivatività. Allo stesso modo, soprattutto per gli amanti delle immagini forti, alcune scene di tortura scatenate nel terzo atto rimangono impresse nella mente per brutalità, in particolar modo una in cui viene letteralmente aperta la testa di uno sventurato per ‘purificarlo’ (il regista ha studiato a fondo i metodi di supplizio medioevali per trovare degna ‘ispirazione’). Anche l’atmosfera claustrofobica è innegabilmente ben costruita, fatti di sguardi sospettosi, di incursioni notturne per spiare gli antagonisti, di fughe in luridi rivoli pieni di liquami e carcasse. Infine, tutto il cast, in primis il paranoide Dan Stevens e Michael Sheen, regalano un’ottima prova attoriale, seppure la caratterizzazione del personaggio incarnato dal secondo abbia fin troppe ambiguità e incoerenze in sé.

In definitiva, Apostolo si rivela un horror ambizioso e non privo di interesse e di fascino, che dimostra come Gareth Evans non vada semplicemente etichettato come un regista di cinema d’azione, ma andando oltre la superficie, all’impalcatura visiva e agli escamotage narrativi che ammaliano e stupiscono d’impatto, si rivela un’opera incompleta, come se in fase di finitura qualcosa fosse stato smarrito nel processo. Per chi volesse, il regista ha comunque spiegato il significato e il finale del film.

Di seguito trovate il trailer originale (con sottotitoli italiani) del film, presentato in anteprima europea al festival di Sitges e nel catalogo di Netflix dal 12 ottobre:

Dan Stevens
Michael Sheen
Lucy Boynton
Bill Milner
Kristine Froseth
Annes Elwy
Mark Lewis Jones
Elen Rhys
Ross O'Hennessy
Richard Elfyn
Ioan Hefin
Stuart McNeil
Paul Higgins
Catrin Aaron
Sharon Morgan
Sebastian McCheyne
Gareth John Bale
Gareth Pierce
Rhys Meredith
John Norton
John Weldon
Owain Gwynn
Rhian Morgan
Filippo Franchini e Lorenzo Salvatori in Il signor Diavolo (2019)
Horror & Thriller

Il Signor Diavolo | La recensione del gotico rurale di Pupi Avati

di Sabrina Crivelli

A 43 anni da La Casa dalla Finestre che Ridono, il regista emiliano si affida ancora una volta a Lino Capolicchio e Gianni Cavina per un'indagine dai risvolti oscuri nella superstiziosa provincia italiana della metà del secolo scorso

Leggi
troll 1 e 2 film
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Troll Collection (Troll 1 & 2) – Edizione Limitata

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino il cofanetto italiano coi due film (s)cult diretti nel 1986 da John Carl Buechler e nel 1990 da Claudio Fragasso, per la prima volta distribuiti in Italia

Leggi
kaia scodelario crawl film 2019
Horror & Thriller

Crawl – Intrappolati | La recensione del film di Alexandre Aja con gli alligatori giganti

di Raffaele Picchio

Il regista francese e il produttore Sam Raimi uniscono le forze e mantengono tutte le promesse del caso, con un thriller horror tesissimo ed efficace, furbo e commerciale, capace di radunare sia lo spettatore casuale che quello appassionato di 'genere' sotto lo stesso ombrellone per un'ora e mezza di puro divertimento. Questa è la serie B che vogliamo, questa è la serie B di cui abbiamo bisogno.

Leggi
Horror & Thriller

Feedback | La recensione del thriller radiofonico di Pedro C. Alonso (NIFFF 2019)

di Sabrina Crivelli

Il regista spagnolo debutta al lungometraggio affidandosi a una trama non banale e a un grande Eddie Marsan, sorprendendo per i momenti di violenza estrema

Leggi
Patrick Schwarzenegger in Daniel Isn't Real (2019)
Horror & Thriller

Trailer per Daniel Isn’t Real: Patrick Schwarzenegger è un amico immaginario da incubo

di Redazione Il Cineocchio

C'è anche Sasha Lane nell'horror psicologico scritto e diretto da Adam Egypt Mortimer

Leggi
brood covata captive state allucinazione perversa blu-ray ita
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Allucinazione Perversa + Brood – La Covata Malefica + Captive State

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni del thriller di Adrian Lyne, dell'horror di David Cronenberg e del film sci-fi di Rupert Wyatt

Leggi
L'alba dei morti viventi (2004) zack snyder
Horror & Thriller

Army of the Dead: prima immagine per lo zombie heist movie di Zack Snyder

di Redazione Il Cineocchio

Dopo le tribolazioni con il DCEU e la Warner Bros., il regista ha ripescato dal cassetto grazie a Netflix un progetto vecchio di 15 anni, e questa volta avrà completa carta bianca

Leggi
James Woods in Videodrome (1983) film
Horror & Thriller

Riflessione | Videodrome: come David Cronenberg sovvertì le regole del noir thriller classico

di Sabrina Crivelli

Nel 1983, il regista canadese prendeva una formula di Hollywood consolidata e ne rimasticava gli stilemi, sputando fuori qualcosa di assolutamente inedito

Leggi
halloween michael myers 2018
Horror & Thriller

Un teaser annuncia Halloween Kills e Halloween Ends, sequel back-to-back diretti da David Gordon Green

di Redazione Il Cineocchio

A sorpresa, l'horror del 2018 si trasforma nel primo capitolo di una trilogia, con Jamie Lee Curtis e John Carpenter nuovamente coinvolti

Leggi
the walking dead andrew lincoln
Horror & Thriller

Teaser promo per il primo film di The Walking Dead: Rick Grimes va al cinema

di Redazione Il Cineocchio

I fan scopriranno in sala il destino del personaggio interpretato da Andrew Lincoln dopo l'uscita di scena dalla serie

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Creepshow: la serie antologica riporta in TV l’horror dal gusto retrò

di Redazione Il Cineocchio

A oltre 35 anni dal primo film, Greg Nicotero ha radunato sceneggiatori del calibro di Stephen King e Joe R. Lansdale e attori iconici come Adrianne Barbeau, Tobin Bell e Jeffrey Combs per terrorizzare una nuova generazione di spettatori

Leggi
zombie tidal wave film 2019
Horror & Thriller

Trailer per Zombie Tidal Wave: Ian Ziering affronta uno tsunami di non morti

di Redazione Il Cineocchio

La star ritrova il regista Anthony C. Ferrante per quella che sembra destinata a diventare la saga di SyFy che prenderà il posto di Sharknado

Leggi
Horror & Thriller

Robert Eggers su The Witch: “A causa del film, la Polonia mi considerò persona non gradita”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha rivelato che la promozione un po' troppo blasfema del folk horror del 2015 scatenò un grosso malinteso con le autorità locali

Leggi
critters attack film 2019
Horror & Thriller

Critters Attack! | La recensione del quinto film della saga diretto da Bobby Miller

di William Maga

C'è anche il cammeo di Dee Wallace nella lettera d'amore straight-to-video che riporta sullo schermo i terribili extraroditori dopo quasi 30 anni di assenza

Leggi
Serenity - L'isola dell'inganno film 2019
Horror & Thriller

Serenity – L’isola dell’inganno | La recensione del film con Matthew McConaughey e Anne Hathaway

di Giovanni Mottola

Steven Knight gira un thriller 'marinaresco' che fa acqua da tutte le parti: più che di meta-cinema, trattasi di cinema a metà

Leggi
Midsommar - Il villaggio dei dannati

Midsommar - Il villaggio dei dannati

25-07-2019

RECENSIONE

La piccola boss

La piccola boss

25-07-2019

Men in Black: International

Men in Black: International

25-07-2019

RECENSIONE

Passpartù: Operazione Doppiozero

Passpartù: Operazione Doppiozero

18-07-2019

Vita segreta di Maria Capasso

Vita segreta di Maria Capasso

18-07-2019

Il mangiatore di pietre

Il mangiatore di pietre

18-07-2019

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

18-07-2019

Birba - Micio Combinaguai

Birba - Micio Combinaguai

18-07-2019

Skate Kitchen

Skate Kitchen

18-07-2019

Serenity - L'Isola dell'Inganno

Serenity - L'Isola dell'Inganno

18-07-2019

RECENSIONE

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

18-07-2019

Raccolto amaro

Raccolto amaro

18-07-2019