Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » I Kill Giants | La recensione del film di Anders Walter

6/10 su 771 voti. Titolo originale: I Kill Giants, uscita: 21-01-2018. Budget: $15,100,000. Regista: Anders Walter.

I Kill Giants | La recensione del film di Anders Walter

11/04/2018 recensione film di Sabrina Crivelli

La giovane Madison Wolfe è l'ottima protagonista di un viaggio sospeso tra realtà e fantasia che cela un percorso emotivo struggente e rende giustizia al graphic novel originario di Joe Kelly

Incursione nelle profonde tenebre che anche un animo innocente come quello che una comune ragazzina delle superiori può celare, I Kill Giants dell’esordiente Anders Walter riesce a cristallizzare sul grande schermo una successione di spettri, che altro non sono che le più terribili paure della piccola Barbara, perfettamente incarnata da Madison Wolfe.

Per nulla semplice è rendere su pellicola un’opera complessa e sfaccetta come I Kill Giants, miniserie a fumetti del 2008 scritta da Joe Kelly (che ne stende qui la sceneggiatura) e disegnata da J. M. Ken Niimura (in Italia è uscita per la BAO), ma l’omonimo film di Walter riesce a catturare alla perfezione la dolorosa sospensione tra fantastico e reale dell’originale disegnato, pur comprimendolo e lasciandone fuori necessariamente alcuni elementi. Coming-of-age commovente, l’adattamento si concentra per l’appunto su Barbara Thorson (Wolfe), adolescente solitaria ed emarginata, vessata a scuola da un gruppetto di bulle che ne deridono la diversità di aspetto e di comportamenti, e cresciuta dalla sorella maggiore Karen (Imogen Poots), dato che la madre è gravemente malata.

Dotata di un’acutissima fantasia, la piccola cerca una passeggera fuga dalla dura realtà che non vuole accettare in un mondo sospeso tra verità e invenzione, popolato di famelici e crudeli giganti, che non solo divorerebbero le persone, ma mirerebbero anche a distruggerne ogni possibile felicità. Barbara intraprende così un viaggio visionario all’interno e all’esterno di sé, affiancata da una nuova amica, la britannica Sophia (Sydney Wade), e sostenuta dalla paziente e comprensiva psicologa della scuola, la signora Mollé (Zoe Saldana), durante il quale la strenua battaglia contro le misteriose creature si rivelerà un potente mezzo di elaborazione della sofferenza con cui è incapace di raffrontarsi.

Raro è in un film che ha per protagonista una ragazzina, soprattutto se si tratta di un’opera ad alto contenuto drammatico, che non cada facilmente nell’eccesso patetico o nella puerile edulcorazione di ogni aspetto particolarmente problematico a lei legato. Ebbene, I Kill Giants non soltanto non mette in scena una storiella edificante epurata di ogni ombra, ma addirittura – coerentemente con il fumetto – punta su una giovane eroina al limite della sociopatia, la cui rabbia è in alcuni casi tanto incontrollabile da portarla ad aggredire violentemente gli altri intorno e la cui tendenza a dissociarsi dal mondo circostante la porta ad azioni estremamente pericolose, come il dare fuoco ad alcuni vagoni ferroviari per respingere uno dei temibili giganti che lei sola apparentemente vede.

Il rancore è dunque rappresentato con grande vividezza, sia nel modo in cui il personaggio di Barbara è delineato dal copione, dalle sue battute e dal suo profondo travaglio interiore, sia in come il non semplice ruolo è interpretato dalla quindicenne Madison Wolfe (già apprezzata nella prima stagione di True Detective), che ne fornisce un ritratto al limite dell’irritante – come peraltro deve essere – e mai civettuolo o stucchevole, ma sempre in qualche maniera frustrante e scomodo e, comunque sia, in costante attrito con tutto e tutti. E forse proprio per questo non possiamo che finire con l’empatizzare con lei quando capiamo che agisce così per una ragione ben precisa.

La componente fantasy in I Kill Giants è, d’altro canto, sin da principio palesemente un mero strumento per concretizzare l’emisfero della mente, tuttavia lo psicanalitico e il fiabesco riescono ugualmente a coesistere anche senza l’illusione di essere davvero davanti a un universo alternativo e prettamente fantasy. Attraverso un vocabolario visivo desunto da una sorta di dark tale è quindi espressa l’annichilente esperienza della malattia e della morte, che vissuta in tenera età lascia del tutto straniti, terrorizzati, e prende i contorni dei peggiori incubi infantili, quelli di atri mostri antropofagi che si aggirano per i boschi e i dintorni della cittadina costiera.

Similmente, lo sfidare e il vincere tali minacce attraverso la magia, i simboli di protezione runici e le armi incantate, aiuta in realtà a prevalere su una tragedia che altresì risulterebbe assolutamente intollerabile. Così, ancor più che in altri casi, il fantastico è  nel film di Anders Walter solamente un surreale riflesso della cruda realtà, ricordando in questo molto da vicino il recente Sette minuti dopo la mezzanotte (A Monster Calls) di Juan Antonio Bayona (la nostra recensione) oppure Nel paese delle creature selvagge (Where the Wild Things Are) di Spike Jonze, ambedue tratti ugualmente da un originale cartaceo e con al centro giovani protagonisti che attraverso mondi e creature frutto della loro immaginazione riescono ad affrontare le loro peggiori paure. Non troppo diversamente, d’altronde, faceva un’altra e più datata trasposizione poi divenuta un classico, La storia infinita (Die unendliche Geschichte, 1984) di Wolfgang Petersen.

Se vero è che non un racconto di fantasia, ma un dramma con radici fin troppo concrete, sia alla base di I Kill Giants, ciò non vuol dire che la resa dei giganti – che appaiono spesso in scena – sia poco curata o posticcia. I loro minacciosi contorni, lasciati volutamente indeterminati, fumosi, li fanno apparire più come enormi fantasmi o demoni che le creature al centro di numerose fiabe classiche.

Al contrario, questi torvi titani dall’estrema imponenza fisica fondono un buon livello di inventiva nel character design (mutuato dai disegni originali dello spagnolo Niimura), per la cui caratterizzazione vengono utilizzati peculiari tratti distintivi innestati su una base comune, a un notevole lavoro in termini di CGI, pur senza contare su quei budget spropositati da blockbuster hollywoodiano medio.

Quasi un’opera afferente al realismo magico, I Kill Giants è in definitiva un film coraggioso, che con una figurazione tra sogno, incubo e tangibile, mostra allo spettatore il vissuto di una pre-adolescente fragile e pervasa da una rabbia devastante, nata da quel profondo male di vivere con cui anche un adulto si saprebbe relazionare con difficoltà.

Di seguito trovate il trailer ufficiale del film, al momento ancora senza una data di uscita italiana:

labyrinth 1986 film
Sci-Fi & Fantasy

Labyrinth: Scott Derrickson alla regia del sequel; i dettagli sui nomi coinvolti

di Redazione Il Cineocchio

Dopo l'abbandono di Fede Alvarez, la TriStar Pictures non ha perso tempo a trovare un rimpiazzo per il film

Leggi
the wanting mare film 2020
Sci-Fi & Fantasy

Teaser per The Wanting Mare, fantasy girato in un magazzino (produce Shane Carruth)

di Redazione Il Cineocchio

L'esperto di effetti speciali Nicholas Ashe Bateman esordisce alla regia con un film che ha richiesto 5 anni di post-produzione per essere ultimato

Leggi
dark stagione 3 serie netflix 2020
the room la stanza del desiderio film
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per The Room: Olga Kurylenko trova la stanza del desiderio (e degli incubi)

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 13 anni di pausa, il regista Christian Volckman torna dietro alla mdp per un fanta-horror che ci ricorda di far sempre attenzione a ciò che si desidera

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Ridley Scott su Blade Runner nel 1982: “Rick Deckard ha un significato preciso” | Tra le pieghe del tempo

di Redazione Il Cineocchio

Nel presentarlo, il regista parlava del personaggio interpretato da Harrison Ford e della possibile lettura del suo film

Leggi